lunedì, Novembre 29, 2021
Home Ambiente 6 crediti d'imposta per aiutare a decarbonizzare gli edifici

6 crediti d'imposta per aiutare a decarbonizzare gli edifici

Si parla molto dell'urgenza del cambiamento climatico e di come la politica federale viene elaborata per affrontarlo. Tuttavia, rimane un bisogno critico di crediti d'imposta mirati per edifici e ristrutturazioni a zero emissioni di carbonio. Gli edifici sono il maggior contributore singolo delle emissioni globali di gas serra (GHG), producendo circa il 40% delle emissioni globali.

Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi climatici del presidente Joe Biden di ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 50% entro il 2030, dobbiamo costruire solo edifici a zero emissioni di carbonio e ristrutturare circa 4 milioni di edifici all'anno (il 5% degli edifici esistenti) per essere completamente elettrici, super efficienti e griglia-interattiva. Dobbiamo anche alimentare i nostri edifici con energia rinnovabile pulita e ridurre il carbonio incorporato nei materiali da costruzione.

Siamo incoraggiati dai leader del Congresso che hanno chiesto un piano infrastrutturale che includa azioni per evitare i peggiori impatti delle perturbazioni climatiche. Siamo anche incoraggiati dalla legislazione in esame, tra cui il Clean Energy for America Act e il GREEN Act, che supportano la transizione verso un'economia senza combustibili fossili attraverso crediti d'imposta per la produzione di energia pulita, veicoli puliti e altre tecnologie. Tuttavia, quando si tratta di decarbonizzare gli edifici, queste proposte non soddisfano ancora le necessità.

Stato della tecnologia

La decarbonizzazione degli edifici non è un sogno lontano. Abbiamo la tecnologia e la scienza delle costruzioni necessarie per costruire nuovi edifici a zero emissioni di carbonio e per ridurre profondamente le emissioni di carbonio negli edifici esistenti. Raggiungere edifici a zero emissioni di carbonio (edifici completamente elettrici e così efficienti che il 100% del loro carico energetico può essere fornito da fonti rinnovabili pulite in loco o fuori sede) è a portata di mano per le nuove costruzioni e alcuni importanti lavori di ristrutturazione.

Negli edifici esistenti, le ristrutturazioni energetiche profonde possono dimezzare o più il consumo energetico di un edificio grazie al super isolamento e alla tenuta dell'aria, migliorando la ventilazione con il recupero di calore e sostituendo la combustione di combustibili fossili esistente o il riscaldamento a resistenza elettrica con apparecchiature elettriche ad alta efficienza (pompe di calore). I retrofit energetici profondi hanno un impatto sorprendente rispetto ai tipici sforzi di protezione dagli agenti atmosferici che riducono il consumo energetico di un edificio solo dal 15 al 20 percento o meno. Tuttavia, analogamente all'energia solare di due decenni fa, la decarbonizzazione degli edifici necessita di incentivi mirati per superare le barriere dei costi e essere prontamente adottata sul mercato.

Crediti d'imposta per stimolare un mercato

L'utilizzo di crediti d'imposta per avviare la decarbonizzazione della nostra economia ha una comprovata esperienza. Abbiamo un solido credito d'imposta sugli investimenti in energie rinnovabili (ITC) che ha alimentato l'industria solare, aiutandola a crescere del 50 percento annuo nell'ultimo decennio. Il Congresso ha proposto di estendere e migliorare l'ITC per garantire che le comunità svantaggiate possano beneficiarne.

Abbiamo anche un credito d'imposta per veicoli elettrici (EV) di $ 7.500 che ha contribuito a creare un settore completamente nuovo, una delle aziende più preziose al mondo, e impegni di veicoli elettrici da parte di tutti e tre i principali produttori di veicoli americani. Il Congresso ha proposto di estendere, espandere e aumentare il valore del credito d'imposta sui veicoli elettrici fino a $ 12.500.

Tuttavia, quando si tratta di edifici, le attuali disposizioni del codice fiscale e le modifiche discusse dal Congresso semplicemente non sono in linea con le ambizioni di Biden e l'intento condiviso di molti membri del Congresso di affrontare la crisi climatica.

Questi crediti e detrazioni fiscali non incentivano un profondo risparmio di carbonio negli edifici. Sono anche spesso troppo bassi, troppo ingombranti e troppo complicati per motivare i proprietari di case e l'industria edile ad agire per ottenere i profondi risparmi di carbonio ed energia necessari per soddisfare le ambizioni climatiche di Biden. Inoltre, gli attuali crediti e detrazioni fiscali per l'efficienza energetica spesso non possono essere utilizzati negli alloggi a basso reddito sostenuti dal governo federale o dalle famiglie a basso reddito, tralasciando quelle più bisognose.

Ma non deve essere così. Ora è il momento di progettare una serie di crediti d'imposta per stimolare la trasformazione del mercato per costruire la decarbonizzazione migliorando la salute, la sicurezza e il comfort di tutti gli americani. Tali crediti d'imposta mirati sosterranno un futuro in cui gli edifici sono riscaldati, raffreddati e alimentati utilizzando elettricità rinnovabile. Consentiranno inoltre di includere nei benefit le comunità storicamente diseredate e di prendere parte alla forza lavoro necessaria per arrivarci.

Per realizzare questa visione di costruzione, proponiamo una serie di sei crediti d'imposta che, quando distribuiti strategicamente, abbinano le nostre azioni alle nostre ambizioni climatiche. Riteniamo che questa serie di crediti d'imposta dovrebbe essere rimborsabile, in modo che i proprietari dei progetti possano ricevere l'intero valore del credito d'imposta, indipendentemente dal fatto che abbiano l'obbligo fiscale per compensarlo. I crediti d'imposta rimborsabili aprirebbero la decarbonizzazione a un intero nuovo gruppo di proprietari. Questi vanno dagli americani a basso reddito che potrebbero non dover abbastanza tasse per beneficiare dei crediti d'imposta ai Real Estate Investment Trusts che non sono strutturati per utilizzare i crediti d'imposta.

In primo luogo, raccomandiamo di migliorare l'attuale Energy Efficient Home Credit (45L) per l'efficienza energetica in nuove abitazioni e ristrutturazioni importanti e la detrazione fiscale sull'efficienza energetica degli edifici commerciali (179D) per l'efficienza energetica negli edifici commerciali e multifamiliari esistenti. I livelli di incentivi in ​​entrambi i programmi devono essere aumentati per gli edifici che raggiungono standard di prestazione a zero emissioni di carbonio. Raccomandiamo che le case che raggiungono uno standard di prestazione a zero emissioni di carbonio ricevano un credito d'imposta di $ 12.500. Allo stesso modo, raccomandiamo che la detrazione massima di $ 5 per piede quadrato proposta per 179D sia aumentata a un credito d'imposta di $ 15– $ 20 per piede quadrato per incoraggiare i proprietari di edifici commerciali a ridurre il consumo di energia del 50% o più.

Oltre ad aumentare gli incentivi 45L e 179D e modificare le regole in modo che possano essere utilizzati per gli alloggi a basso reddito supportati dal governo federale, dobbiamo anche fare un ulteriore passo avanti in modo che gli alloggi a basso reddito non vengano lasciati indietro. Pertanto, consigliamo di abilitare un credito d'imposta sugli alloggi a basso reddito Deep Energy Basis Adjustment (LIHTC-DEBA) che fornisce un adeguamento di base del 30% all'interno del programma di credito d'imposta sugli alloggi a basso reddito del 4% per retrofit energetici profondi negli edifici esistenti. Questo semplice aggiustamento ricompenserebbe gli investitori e le proprietà che completano i retrofit energetici profondi e porterebbe i benefici per la salute, la sicurezza e il comfort alle famiglie americane che ne hanno più bisogno.

Infine, per stimolare ulteriormente la trasformazione del mercato e garantire che la vernice al piombo non rinvii i progetti, incoraggiamo l'adozione di tre crediti d'imposta aggiuntivi. Un nuovo credito d'imposta sulla sicurezza del piombo domestico (36B) aiuterà a mitigare il piombo nei 22 milioni di famiglie americane stimate con un rischio di vernice al piombo, poiché le case vengono decarbonizzate. Un nuovo credito d'imposta per il riscaldamento e il raffreddamento puliti (45X) ridurrà i costi delle tecnologie di riscaldamento e raffreddamento pulite che sostituiscono la tecnologia esistente di combustione di combustibili fossili o la tecnologia di riscaldamento a resistenza elettrica negli edifici commerciali e multifamiliari esistenti.

E per aiutare i produttori ad aumentare la capacità di produzione, supportiamo l'aggiornamento dell'ex Energy Efficient Appliance Credit (45 milioni). Si tratta di un credito d'imposta del produttore che aumenterà la capacità della catena di approvvigionamento manifatturiera nazionale, creerà posti di lavoro ben retribuiti e accelererà ulteriormente l'adozione sul mercato delle tecnologie a pompa di calore sia nelle nuove costruzioni che nelle ristrutturazioni domestiche.

I dettagli

  • Energy Efficient Home Credit (45L) per nuove abitazioni e importanti ristrutturazioni — Migliorare il credito d'imposta esistente di 45 litri aggiungendo un nuovo livello di incentivi con un credito d'imposta di $ 12.500 per prestazioni esemplari a zero emissioni di carbonio per unità residenziali che raggiungono un indice HERS inferiore o uguale a 40 prima dell'inclusione delle energie rinnovabili in loco (o equivalente, come stabilito dal Segretario dell'Energia). Garantire che 45L possa essere utilizzato su alloggi a basso reddito supportati dal governo federale e progetti di credito d'imposta storico federale eliminando la riduzione della base associata ai vantaggi energetici. Garantire che 45L possa essere utilizzato per edifici da unifamiliari a grattacieli multifamiliari, comprese sia le nuove costruzioni che le ristrutturazioni importanti.
  • Detrazione fiscale per l'efficienza energetica degli edifici commerciali (179D) per edifici commerciali e plurifamiliari esistenti — Creare un credito di $ 15 per piede quadrato per gli edifici che ottengono una riduzione del 50% dell'intensità del consumo energetico (EUI [kBTU/ft2]) in relazione al consumo energetico di tale edificio per i 12 mesi precedenti. Il credito applicabile aumenterebbe di 50 centesimi per piede quadrato fino a un credito massimo di $ 20 per piede quadrato per ogni punto percentuale di riduzione al di sopra della riduzione dell'IUE del 50 percento. Garantire che 179D possa essere utilizzato su alloggi a basso reddito supportati dal governo federale e progetti di credito d'imposta storico federale eliminando la riduzione della base associata a questo vantaggio energetico.
  • Credito d'imposta sugli alloggi a basso reddito Adeguamento della base energetica profonda (LIHTC-DEBA) per gli edifici esistenti — Aggiungere un aggiustamento di base del 30% al programma di credito d'imposta per alloggi a basso reddito del 4% per retrofit energetici profondi negli edifici esistenti che ottengono una riduzione minima del 50% dell'IUE del sito rispetto all'energia di tale edificio.
  • Credito d'imposta per la sicurezza del piombo domestico (36B) — Creare un nuovo credito d'imposta per la sicurezza del piombo domestico per garantire che, man mano che gli edifici vengono decarbonizzati, vengano affrontati anche i problemi di salute e sicurezza associati ai rischi delle vernici al piombo.
  • Credito per riscaldamento e raffrescamento puliti (45X) per edifici esistenti — Creare un credito di 45X per il riscaldamento e il raffreddamento puliti, un credito d'imposta sugli investimenti del 30% per le tecnologie di riscaldamento e raffreddamento pulite che sostituiscono la combustione di combustibili fossili esistente o la tecnologia di riscaldamento a resistenza elettrica negli edifici commerciali e multifamiliari esistenti. Garantire che 45X possa essere utilizzato su alloggi a basso reddito supportati dal governo federale e su progetti di credito d'imposta storico federale eliminando la riduzione della base associata a questo vantaggio energetico.
  • Credito per apparecchi a risparmio energetico (45 milioni) — Fornire un credito d'imposta al produttore per accelerare l'adozione sul mercato della tecnologia di riscaldamento pulita, comprese le pompe di calore e gli scaldacqua a pompa di calore, aggiornando la sezione 45M del codice fiscale. I produttori avrebbero diritto al credito d'imposta in base al numero di unità aggiuntive che producono.

La serie di crediti d'imposta sopra evidenziata non solo avvierà la decarbonizzazione degli edifici della nostra nazione, ma aiuterà anche a garantire una transizione energetica equa e giusta per tutti gli americani.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI