martedì, Maggio 24, 2022
HomeAmbienteDentro l'energia pulita: i costi del vento e del solare sono aumentati....

Dentro l’energia pulita: i costi del vento e del solare sono aumentati. Quanto tempo dobbiamo aspettarci che duri questa tendenza?

Per più di un decennio, le aziende che volevano acquistare energia eolica e solare hanno potuto godere del fatto che i prezzi delle energie rinnovabili sono diventati più bassi quasi ogni anno.

Quindi, i prezzi hanno iniziato a salire in alcuni luoghi, con la tendenza che è diventata chiara entro la fine del 2020. È stato facile liquidare questo come un semplice punto debole a causa dell’interruzione economica causata dalla pandemia.

Ma i prezzi hanno continuato ad aumentare nel 2021 e mi chiedo quanto durerà.

“Siamo in tempi particolarmente strani”, ha affermato Ben Serrurier, un manager della pratica elettrica senza emissioni di carbonio presso RMI, il gruppo di ricerca e advocacy.

Ha affermato che gli aumenti dei prezzi non sono sorprendenti, considerando l’elevata domanda di energia rinnovabile e le numerose sfide che gli sviluppatori devono affrontare nel tentativo di costruire progetti per generarla.

I prezzi riflettono l’aumento dei costi e gli elevati livelli di incertezza per gli sviluppatori eolici e solari che offrono i contratti, ha affermato Rob Collier, vicepresidente delle soluzioni per sviluppatori di LevelTen Energy, una società di Seattle che gestisce un mercato online per acquirenti e venditori di energia rinnovabile.

“Quello che stiamo vedendo nel mercato è un enorme aumento della domanda” di eolico e solare da parte degli acquirenti, ha affermato. “Allo stesso tempo stiamo assistendo a una carenza di progetti fattibili per soddisfare tale domanda”.

I prezzi offerti dagli sviluppatori che vendono contratti eolici e solari negli Stati Uniti sono aumentati del 15,7% nel 2021 rispetto all’anno precedente, raggiungendo $ 36,30 per megawattora, secondo l’indice P25 prodotto da LevelTen, pubblicato questo mese come parte del rapporto trimestrale dell’azienda sul mercato nazionale e l’andamento regionale dei prezzi.

Secondo il rapporto, i progetti eolici e solari stanno subendo ritardi a causa della carenza di materie prime, dei colli di bottiglia nelle spedizioni internazionali e di un arretrato di richieste di connessioni alla rete con gli operatori di rete regionali.

Gli sviluppatori devono anche affrontare più sfide per ottenere permessi edilizi statali e locali, a volte sotto forma di contee che approvano ordinanze che limitano i nuovi progetti. L’Indiana è uno dei luoghi in cui ciò sta accadendo, con ordinanze di contea che limitano l’adozione di progetti in vaste aree dello stato, come ho riportato l’anno scorso.

La politica federale è un altro fattore. Nel 2018, l’amministrazione Trump ha imposto tariffe su celle e pannelli solari importati e la Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti raccomanda all’amministrazione Biden di estendere le tariffe per altri quattro anni.

Alcune delle cause degli aumenti di prezzo potrebbero andare avanti per un po’. Un buon esempio è l’arretrato degli operatori di rete, che potrebbe richiedere anni per risolversi in alcune parti del paese.

Ma Collier vede anche una storia di speranza, ovvero che la domanda di eolico e solare rimane forte, anche con prezzi più alti. Ad esempio, la Clean Energy Buyers Association, un gruppo di colossi aziendali come Amazon e Google, ha stipulato accordi per l’acquisto di 7,88 gigawatt di capacità di energia rinnovabile nei primi tre trimestri del 2021, che era in linea con il record di 10,63 gigawatt del 2020 .

Gli acquirenti di contratti eolici e solari includono società, governi o qualsiasi altra entità che desidera i vantaggi reputazionali e finanziari dell’energia rinnovabile. I vantaggi finanziari derivano dal modo in cui i contratti a lungo termine per le energie rinnovabili possono fungere da copertura finanziaria contro la volatilità dei prezzi del mercato dell’elettricità.

Un’altra fonte importante di dati sui prezzi per l’eolico e il solare è il Lawrence Berkeley National Laboratory, che ha mostrato nei suoi rapporti più recenti che i prezzi dei contratti eolici e solari si erano stabilizzati dopo anni di calo e in alcuni luoghi stavano aumentando.

I recenti aumenti dei prezzi sono sconcertanti considerando che, dal 2009 al 2021, il prezzo medio dei contratti di energia solare negli Stati Uniti è diminuito di circa il 15% all’anno, secondo i dati del laboratorio. Anche i prezzi dei contratti per l’energia eolica sono diminuiti costantemente tra il 2009 e il 2018, con l’eccezione di un aumento nel 2015.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L’ICN fornisce gratuitamente una copertura climatica pluripremiata e pubblicità. Facciamo affidamento sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Verrai reindirizzato al partner per le donazioni di ICN.

I prezzi sono diminuiti durante gli anni 2010 in gran parte perché i produttori hanno trovato il modo di ridurre i costi attraverso economie di scala, che hanno portato a componenti eolici e solari meno costosi. Allo stesso tempo, gli sviluppatori hanno guadagnato le proprie economie di scala costruendo progetti più grandi, tra gli altri fattori. Il risultato sono stati prezzi più bassi.

Quegli anni coprono quasi tutto il mio tempo nel settore dell’energia, un periodo in cui il calo dei prezzi dell’eolico e del solare ha alimentato l’idea che una transizione verso l’energia pulita potesse essere fatta in modo economico.

Ho anche imparato a non reagire in modo eccessivo alle variazioni di prezzo a breve termine, il che è utile in tempi come questi.

Quanto durerà? Ho chiesto agli esperti.

“Penso che, almeno per i prossimi due trimestri, saremo nello stesso stato del mondo in cui ci troviamo ora, e non vedremo grandi cali (di prezzo)”, ha detto Collier.

Serrurier era riluttante a prevedere cosa ci aspetta per i prezzi, ma era fiducioso che il mercato rimanga forte.

“È ancora un mercato in crescita e i mercati in crescita possono avere dislocazioni nel portare forniture online, anche in tempi normali”, ha affermato.

Altre storie sulla transizione energetica da prendere in considerazione questa settimana:

La vendita della più grande centrale a carbone del North Dakota include ora i piani per un parco eolico: Great River Energy del Minnesota chiede alle cooperative elettriche rurali di approvare un contratto rivisto per la vendita di Coal Creek Station, la più grande centrale elettrica a carbone del Nord Dakota. Come ho riportato la scorsa settimana, il nuovo contratto include piani per un parco eolico da 400 megawatt. L’acquirente della centrale a carbone consentirà a Great River di utilizzare una linea elettrica interstatale che fa anche parte dell’accordo per fornire energia eolica dal parco eolico pianificato, un’aggiunta significativa all’accordo di vendita che Great River sta elogiando. Great River ha fornito dettagli sul parco eolico questa settimana, con l’annuncio che Apex Clean Energy è lo sviluppatore di un progetto che sarà situato nella contea di McClean, la stessa contea della centrale a carbone. Il parco eolico sarebbe il più grande dello stato, come riporta Amy Sisk per The Bismarck Tribune. I funzionari della contea avevano approvato le regole per limitare lo sviluppo dei parchi eolici, ma ora i funzionari affermano di essere disposti a rivedere le regole per consentire il parco eolico perché lo sviluppo fa parte di un accordo più ampio che manterrebbe in funzione la centrale a carbone.

La guerra tra i titani dell’energia potrebbe plasmare il clima del New England: NextEra Energy e Avangrid Inc., due delle più grandi compagnie energetiche del mondo, sono state bloccate in una battaglia sulla quale le risorse elettriche prenderanno il sopravvento nella rete elettrica del New England. NextEra ha cercato di ottenere un contratto per consolidare le finanze della sua centrale nucleare di Seabrook nel New Hampshire, mentre Avangrid ha cercato di costruire una connessione alla rete tra il New England e il Quebec che aumenterebbe il flusso di energia idroelettrica a basso costo dal Canada. Le società hanno adottato misure per ostacolarsi a vicenda, anche se gli analisti affermano che il New England ha bisogno di tutta l’elettricità senza emissioni di carbonio che può ottenere, come riporta Ben Storrow per E&E News.

A Schwarzenegger non piace la proposta di misurazione della rete della California: L’ex governatore della California Arnold Schwarzenegger è l’ultimo di un ampio cast di personaggi che si fa avanti per criticare la proposta della California Public Utilities Commission di aumentare i costi per i proprietari di impianti solari sui tetti. “Ora la California sta per fare un grande passo indietro creando enormi barriere affinché i consumatori adottino l’energia solare”, ha scritto in un articolo di opinione sul New York Times. “L’installazione di pannelli sui tetti è uno dei modi più veloci per produrre energia rinnovabile. Possono essere installati senza complicati permessi o lotte di terra e producono una riduzione immediata delle emissioni sporche e pericolose”.

Il progetto eolico offshore del lago Erie ha più tempo per organizzare il finanziamento: Gli sviluppatori del parco eolico offshore Icebreaker vicino a Cleveland hanno ricevuto un’estensione di una sovvenzione federale per aiutare a pagare la costruzione, scongiurando una battuta d’arresto potenzialmente devastante. L’estensione dà al progetto più tempo per organizzare il finanziamento e per cercare di risolvere una sfida legale davanti alla Corte Suprema dell’Ohio, come riporta Peter Krouse per Cleveland.com. Il progetto, in lavorazione da anni, sarebbe il primo progetto eolico offshore d’acqua dolce negli Stati Uniti.

Inside Clean Energy è il bollettino settimanale di notizie e analisi dell’ICN sulla transizione energetica. Invia suggerimenti e domande sulle notizie a dan.gearino@insideclimatenews.org.

Dan Gearino

Reporter sull’energia pulita, Midwest, National Environment Reporting Network

Dan Gearino copre gli Stati Uniti centro-occidentali, parte del National Environment Reporting Network dell’ICN. La sua copertura riguarda il lato commerciale della transizione verso l’energia pulita e scrive la newsletter Inside Clean Energy di ICN. È arrivato all’ICN nel 2018 dopo un incarico di nove anni presso The Columbus Dispatch, dove si è occupato del business dell’energia. Prima di allora, si è occupato di politica e affari in Iowa e nel New Hampshire. È cresciuto nella contea di Warren, Iowa, appena a sud di Des Moines, e vive a Columbus, Ohio.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI