Dentro l'energia pulita: il boom del solare arriva in Ohio

0
26

In questo momento, l'Ohio ha appena 100 megawatt di energia solare su scala industriale.

Entro questo periodo il prossimo anno, è probabile che abbia più di 400 megawatt.

E se ogni progetto che ha depositato documenti presso le autorità di regolamentazione statale venisse costruito, il totale supererebbe i 5.000 megawatt entro la metà degli anni 2020.

Allora cosa sta succedendo qui?

Il mercato solare dell'Ohio è in forte espansione a causa della terra piatta ed economica e dell'elevata domanda di energia solare da parte delle aziende che stanno cercando di rispettare gli impegni di energia pulita. E sta accadendo nonostante anni di ostilità verso le energie rinnovabili da parte dei legislatori statali e del governatore.

La domanda è "semplicemente schiacciante", ha detto Dan Sawmiller, che segue da vicino i progetti solari dell'Ohio nel suo ruolo nello staff locale del Natural Resources Defense Council. "Vedi che gli acquirenti stipulano contratti con questi progetti prima ancora che siano autorizzati, perché la domanda sta superando l'offerta".

L'esempio più recente proviene da Amazon, che la scorsa settimana ha dichiarato che acquisterà elettricità da un impianto solare pianificato da 300 megawatt a Union County, all'estremità nord-occidentale dell'area metropolitana di Columbus, anche se il progetto rimane all'inizio del processo di approvazione con il Ohio Power Siting Board. Lo sviluppatore, la spagnola Acciona, è una delle tante aziende che stanno realizzando i primi progetti nello stato.

Adam Stratton, che gestisce lo sviluppo solare di Acciona negli Stati Uniti e in Canada, mi ha detto che l'Ohio ha un'invidiabile combinazione di terra disponibile e domanda da parte di società con attività locali che vogliono acquistare energia rinnovabile.

Ma per ora, il più grande impianto solare operativo nello stato è di soli 20 megawatt, situato a Bowling Green vicino a Toledo.

Presto sarà detronizzato da due progetti in costruzione e sulla buona strada per andare online nel 2021: il progetto Hillcrest da 200 megawatt nell'Ohio meridionale e il progetto Hardin da 150 megawatt nell'Ohio centro-occidentale.

Per mettere questo in una prospettiva nazionale, l'Ohio è ora al 28 ° posto nel paese per capacità solare installata, ma al 14 ° posto per nuova capacità prevista che arriverà online nei prossimi cinque anni, secondo la Solar Energy Industries Association e Wood Mackenzie.

Nel Midwest, l'Ohio segue solo l'Indiana e l'Illinois nelle previsioni quinquennali.

Devo notare che le proiezioni sono complicate perché è difficile sapere quali progetti verranno effettivamente realizzati. È probabile che alcune proposte incontrino difficoltà nell'ottenere permessi o ottenere finanziamenti, mentre continuano ad essere annunciate nuove proposte. Si può dire con certezza che molta energia solare verrà costruita in Ohio, ma nessuno sa quanto.

L'idea che l'Ohio diventi un focolaio solare è notevole considerando l'ultimo decennio di politiche statali per lo più ostili.

Nel 2014, il governatore John Kasich ha firmato il Senate Bill 310, che ha reso molto più facile per i servizi pubblici soddisfare gli standard statali per l'acquisto di energia rinnovabile, inclusa l'abrogazione dei requisiti che alcuni di questi progetti di energia rinnovabile si trovassero all'interno dello stato.

Nel 2019, il governatore Mike DeWine ha firmato House Bill 6, che ha eliminato del tutto i requisiti di energia rinnovabile come parte di un piano che ha sovvenzionato l'energia nucleare e il carbone. Mentre i sostenitori dell'energia pulita detestavano questo disegno di legge, a loro piaceva una disposizione che fornisse alcuni aiuti di Stato ai nuovi pannelli solari. La legislazione è ora meglio conosciuta per il suo ruolo in uno scandalo di corruzione in corso che ha intrappolato, tra gli altri, l'ex presidente della Camera Larry Householder.

Nel frattempo, l'energia solare ha continuato a diventare meno costosa, diventando competitiva in termini di costi con il carbone. Inoltre, è sempre più probabile che le aziende si impegnino a ottenere il 100% della loro elettricità da fonti rinnovabili, solitamente stipulando accordi per l'acquisto di elettricità da progetti solari ed eolici.

Con l'aumento della domanda di energia solare, l'Ohio è diventato un luogo attraente a causa delle grandi quantità di terreno disponibile e delle connessioni accessibili alla rete. Alcune delle connessioni alla rete sono lì per servire le centrali elettriche a carbone che sono ora chiuse, lasciando la capacità inutilizzata per le linee elettriche interstatali.

Ma il boom solare dell'Ohio sta portando ad alcuni dolori crescenti. Alcuni residenti in aree con progetti proposti stanno sollevando la preoccupazione che i progetti rovineranno le loro opinioni e potenzialmente danneggeranno il modo in cui l'acqua scorre nelle fattorie vicine danneggiando le reti di tegole di drenaggio.

"Siamo contrari al 100 per cento", ha detto Suzanne Schilling, uno dei tanti commenti pubblici presentati alle autorità di regolamentazione in opposizione al progetto Acciona. "Non vogliamo guardarli direttamente dalla nostra finestra."

Gli sviluppatori come Acciona sanno che devono soddisfare i requisiti che un progetto non danneggi il flusso dell'acqua e abbia effetti negativi minimi sulla comunità circostante, parte di un'estesa revisione da parte dei regolatori statali.

Ma per i residenti, questo tipo di sviluppo è nuovo e talvolta spaventoso.

L'opposizione è uno degli aspetti negativi del cambiamento improvviso, poiché l'Ohio passa dall'avere quasi nessun solare su scala industriale ad averne molto. E i vantaggi superano di gran lunga gli svantaggi, ha affermato Sawmiller.

"I benefici economici, sociali e sanitari che derivano dallo sviluppo del solare in Ohio sono significativi e sono lieto di vedere che andrà alle comunità rurali come quella in cui sono cresciuto", ha detto.

I prezzi delle batterie dei veicoli sono crollati nel 2020, avvicinandosi alla parità di costi con la benzina

Il calo del prezzo dei pannelli solari è solo una parte di un più ampio cambiamento economico che sta sovraccaricando la transizione verso l'energia pulita.

Un'altra parte importante è il calo del prezzo delle batterie. Bloomberg NEF ha dichiarato mercoledì che il prezzo medio globale per i pacchi batteria agli ioni di litio è stato di $ 137 per kilowattora quest'anno, in calo dai $ 157 per kilowattora nel 2019, secondo il nuovo sondaggio sui prezzi.

Anche se si tratta di una forte diminuzione, la società di ricerca aveva previsto che la media sarebbe arrivata a $ 132 quest'anno.

Gli analisti di BloombergNEF affermano che ora si aspettano che la media scenda a $ 101 entro il 2023, vicino al livello di $ 100 che, secondo i ricercatori, farà costare i veicoli elettrici all'incirca come i veicoli a benzina.

"Questa è una delle storie tecnologiche più straordinarie al mondo", ha affermato su Twitter Colin McKerracher, responsabile dell'analisi dei trasporti per BloombergNEF. "E non si ferma qui."

Gli analisti hanno trovato esempi di batterie che stanno già vendendo per meno di $ 100 per autobus elettrici in Cina.

Il calo dei prezzi delle batterie agli ioni di litio ha ampie implicazioni per la transizione verso l'energia pulita, riducendo i costi dei sistemi di accumulo delle batterie e dei veicoli elettrici.

Il prezzo medio del 2020 è sceso dell'89% rispetto alla media del 2010, che era di oltre $ 1.100 per chilowattora. I prezzi sono diminuiti perché le aziende stanno diventando più efficienti nei loro metodi di produzione e stanno guadagnando economie di scala con l'aumento della domanda di batterie.

Ci sono opportunità per i produttori di spingere i prezzi ben al di sotto di $ 100 mentre le aziende sviluppano nuove tecnologie con la promessa di tagliare i costi delle materie prime.

Una di queste tecnologie è alla base delle batterie "a stato solido", che utilizzano un materiale solido invece di un liquido per spostare gli ioni di litio tra gli elettrodi. QuantumScape, con sede in California, è una delle aziende che attira l'attenzione e gli investimenti per i suoi progressi nello sviluppo di questo tipo di batteria.

BloombergNEF prevede che la media globale scenderà a $ 58 entro il 2030, un numero che darebbe ai veicoli elettrici un grande vantaggio in termini di costi.

Come sempre con le previsioni, sono molti i fattori che potrebbero rendere i risultati effettivi diversi dalle previsioni. Ma la tendenza è inconfondibile.

Des Moines considera un piano per l'energia pulita 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Ho scritto alcuni mesi fa sull'adozione di una politica da parte di Google per passare all'energia rinnovabile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, uno sviluppo rivoluzionario che va ben oltre i tipici impegni aziendali che consentono l'utilizzo di alcuni combustibili fossili.

Ora il governo della città di Des Moines, Iowa, sta esaminando qualcosa di simile, che sarebbe il piano di energia pulita più ambizioso di qualsiasi città che abbia mai visto. I leader della città si sono incontrati la scorsa settimana per parlare della risoluzione proposta.

La capitale dello stato dell'Iowa riflette il tramonto del 6 novembre 2018 a Des Moines, Iowa. Credito: David Greedy / Getty Images

Josh Mandelbaum, un membro del consiglio comunale che è anche un avvocato per l'Environmental Law & Policy Center, è uno dei principali sostenitori della misura.

"Siamo la capitale, siamo la città più grande dello stato", ha detto. "Quando agiamo, abbiamo l'opportunità di guidare e portare gli altri con noi".

Sta affrontando i dubbi sollevati dalla utility MidAmerican Energy, che avrebbe bisogno di apportare importanti modifiche alle sue operazioni se il piano fosse adottato. Nell'incontro della scorsa settimana, un rappresentante dell'utilità ha affermato che la politica potrebbe portare a un aumento dei costi per i consumatori, a seconda di come viene implementata.

La risoluzione afferma che Des Moines avrebbe fissato l'obiettivo di raggiungere il 100% di energia rinnovabile su base 24 ore su 24, 7 giorni su 7 entro il 2030. La città avrebbe bisogno di una fornitura di energia rinnovabile e di accumulo di energia per soddisfare le sue esigenze 24 ore su 24.

Questo è diverso da un tipo più comune di impegno in cui una società o un ente governativo acquista abbastanza energia rinnovabile per coprire l'equivalente del 100 percento del suo consumo, ma su base giornaliera riceve più energia rinnovabile di quella di cui ha bisogno a volte, e ancora fare affidamento sull'energia da combustibili fossili dalla rete in altri momenti.

Sono cresciuto nella zona di Des Moines e provo un certo orgoglio locale nel vedere che alcune persone in città sono all'avanguardia nella politica energetica pulita.

Ma vedo anche come questa risoluzione possa essere difficile da approvare, soprattutto se l'utilità politicamente potente vuole opporsi. Mandelbaum spera che il consiglio comunale voterà la risoluzione il mese prossimo.

Il punto più importante è che dice qualcosa sul ritmo dei progressi nella politica energetica che questo piano viene persino discusso in modo serio.

Inside Clean Energy è il bollettino settimanale di notizie e analisi di ICN sulla transizione energetica. Invia suggerimenti e domande sulle notizie a dan.gearino@insideclimatenews.org.

Dan Gearino

Reporter sull'energia pulita, Midwest, National Environment Reporting Network

Dan Gearino copre gli Stati Uniti del Midwest, parte del National Environment Reporting Network di ICN. La sua copertura si occupa del lato commerciale della transizione all'energia pulita e scrive la newsletter Inside Clean Energy di ICN. È arrivato in ICN nel 2018 dopo un mandato di nove anni presso The Columbus Dispatch, dove ha ricoperto il business dell'energia. Prima di allora, si è occupato di politica e affari in Iowa e nel New Hampshire. È cresciuto nella contea di Warren, Iowa, appena a sud di Des Moines, e vive a Columbus, nell'Ohio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui