giovedì, Luglio 7, 2022
HomeAmbienteDentro l'energia pulita: nella California arida, un progetto mira a risparmiare acqua...

Dentro l’energia pulita: nella California arida, un progetto mira a risparmiare acqua e produrre energia rinnovabile

Un progetto vicino a Modesto, in California, avrebbe il doppio vantaggio di risparmiare acqua e generare energia rinnovabile.

Il distretto di irrigazione di Turlock ha annunciato questo mese che sta costruendo tettoie per la generazione di elettricità solare su porzioni del sistema di canali del distretto, lavorando in collaborazione con una start-up della Bay Area, Solar AquaGrid.

Una serie di tettoie coprirebbe più di un miglio di canali, entrando in funzione entro il 2024 con pannelli solari che avrebbero una capacità di circa 5 megawatt. Ombreggiando il sole, le strutture ridurrebbero l’evaporazione, lasciando più acqua per i clienti del distretto. E il costo, stimato in 20 milioni di dollari, è a carico del governo statale.

Questo è il primo progetto dimostrativo di Solar AquaGrid, una società che vede il potenziale per installare tettoie simili su migliaia di chilometri di canali in California e altrove.

Jordan Harris, l’amministratore delegato dell’azienda, mi ha detto che l’idea per Solar AquaGrid è venuta da lui notando come i canali della California fossero spesso alla luce diretta del sole, mentre i canali in Francia sono spesso ombreggiati da chiome di alberi.

Prima di andare avanti, qualcosa in più su Harris: non è molto conosciuto nell’industria energetica, ma ha lasciato il segno per decenni nell’industria discografica. È stato uno dei massimi dirigenti di diverse case discografiche e ha co-fondato la Virgin Records America nel 1986. Gli artisti dell’etichetta includevano Paula Abdul, Janet Jackson e Lenny Kravitz. Ha anche co-fondato Rock the Vote nel 1990, una campagna per convincere i giovani a partecipare al processo politico.

È stato un sostenitore dell’ambiente durante il suo periodo nell’industria discografica e ora concentra la maggior parte del suo tempo su iniziative legate all’ambiente e all’energia pulita. Nel 2005 ha co-fondato OZOcar, un servizio di auto con autista che utilizza veicoli ecologici. Ha co-fondato Solar AquaGrid nel 2015.

“Date le condizioni che stiamo vivendo su questo pianeta, sembra che abbiamo bisogno di alcune mosse audaci”, ha detto Harris.

Ho già scritto della spinta a costruire pannelli solari galleggianti in grado di produrre elettricità riducendo l’evaporazione dai serbatoi. Le tettoie solari sono diverse, con pannelli sospesi sopra l’acqua invece di galleggiare, il che consente all’acqua di fluire al di sotto. E le tettoie solari sono molto meno comuni dei pannelli solari galleggianti.

Alcuni degli unici esempi di tettoie solari si trovano in India, dove gli sviluppatori hanno completato progetti in Gujarat e Punjab.

Solar AquaGrid ha esaminato da vicino il progetto del Gujarat e ha parlato con le persone che lo hanno costruito, ha detto Harris. Lui ei suoi colleghi hanno visto come il design della travatura in acciaio del progetto fosse pesante e un accesso limitato ai canali. Sulla base di ciò, il progetto Turlock utilizza un design con cavi di sospensione, che sono più leggeri delle capriate e consentono un facile accesso ai canali.

Per aiutare a mostrare il potenziale delle tettoie solari, Solar AquaGrid ha sponsorizzato la ricerca dell’Università della California, Merced. Ciò ha portato a un documento sottoposto a revisione paritaria pubblicato lo scorso anno sulla rivista Nature Sustainability che mostrava che i risparmi finanziari derivanti dalla riduzione dell’evaporazione dai canali sarebbero sufficienti a coprire i costi delle tettoie e che ci sono ulteriori vantaggi dalla generazione di energia rinnovabile.

Il risparmio idrico sarebbe, in termini percentuali, nelle singole cifre basse dell’acqua totale che scorre nei sistemi di irrigazione della California, ma sarebbe sufficiente per essere significativo in uno stato in cui la domanda di acqua supera di gran lunga l’offerta, ha affermato Roger Bales, un professore di ingegneria alla UC Merced e co-autore dell’articolo.

“Il luogo in cui costruiamo l’energia solare e come lo facciamo, è importante”, ha affermato. “Proprio come metto l’energia solare sul mio tetto invece che nel mio cortile, preferisco metterlo sopra altre infrastrutture come parcheggi e canali, invece di togliere i terreni agricoli dalla produzione o utilizzare terreni naturali che hanno biodiversità e valore per l’ecosistema. “

Turlock Irrigation District è un’organizzazione no-profit di proprietà della comunità che fornisce elettricità e acqua a una regione prevalentemente rurale che comprende la città di Turlock e parti di Modesto. Gli agricoltori del distretto dipendono dai servizi di irrigazione per poter coltivare i loro raccolti.

Una volta realizzato questo progetto di tettoia solare, Solar AquaGrid e i ricercatori accademici avranno un’idea migliore dei costi e dei benefici e scopriranno come comunicarli al meglio.

“Iniziamo a sviluppare una nuova matematica e un nuovo modello per il modo in cui apprezziamo questi sistemi”, ha affermato Robin Raj, l’altro co-fondatore di Solar AquaGrid e fondatore di The Citizen Group, un’azienda di marketing e branding.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L’ICN fornisce gratuitamente una copertura climatica pluripremiata e pubblicità. Facciamo affidamento sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

È stato attratto dall’idea delle tettoie solari a causa dei doppi vantaggi del risparmio idrico e della produzione di energia rinnovabile, ha affermato.

Il progetto approfondisce l’idea più ampia del nesso acqua-energia, che si riferisce ai molti modi in cui i sistemi idrico ed energetico sono reciprocamente dipendenti. Le centrali termiche, tra cui carbone, gas naturale e nucleare, necessitano di grandi quantità di acqua per funzionare, mentre i sistemi che elaborano e forniscono acqua necessitano di grandi quantità di elettricità per funzionare.

Seguirò questo progetto e cercherò altri là fuori che uniscano la conservazione dell’acqua con la conservazione dell’energia.

Altre storie sulla transizione energetica da prendere in considerazione questa settimana:

Appaltatori ed esperti valutano gli ostacoli all’elettrificazione di una casa: Con una spinta crescente a smettere di usare il gas naturale e rendere le case completamente elettriche, appaltatori e clienti hanno alcune preoccupazioni pratiche sui costi, su come affrontare un aumento della domanda di energia e sull’ottenimento di elettrodomestici che potrebbero non essere facilmente disponibili. Uno dei problemi principali è che i quadri elettrici di molte case non sono configurati per gestire l’amperaggio più elevato che è spesso necessario per funzionare esclusivamente con l’elettricità, richiedendo una spesa aggiuntiva da parte dei proprietari di quelle case per aggiornare i loro sistemi elettrici. Nel frattempo, gli appaltatori che si offrono di sostituire i forni a gas possono spesso farlo più rapidamente e con un costo iniziale inferiore, come riportato da Jeff St. John per Canara Media. Ma le seccature di passare all’elettrico spesso ne valgono la pena; nel tempo, una casa completamente elettrica avrà costi inferiori e una migliore qualità dell’aria.

L’eolico offshore è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di 30 Gigawatt di Biden entro il 2030: Due rapporti pubblicati questo mese mostrano che l’industria eolica offshore degli Stati Uniti è pronta per una rapida crescita. S&P Global Market Intelligence riporta che gli sviluppatori hanno annunciato 30,7 gigawatt di progetti eolici offshore. Il Business Network di Offshore Wind, gruppo commerciale, riferisce che 17,5 gigawatt di progetti hanno già ottenuto finanziamenti, mentre New York, New Jersey e Massachusetts hanno leggi che porterebbero a uno sviluppo di oltre 45 gigawatt entro il 2040. I progressi mostrati nel i rapporti mostrano che l’obiettivo dell’amministrazione Biden di costruire 30 gigawatt entro il 2030 è a portata di mano, come riporta Emma Penrod per Utility Dive.

Il produttore di veicoli elettrici Polestar vuole produrre un’auto davvero neutra dal punto di vista climatico: Polestar, il produttore di veicoli elettrici con sede in Svezia, ha annunciato accordi con fornitori di componenti che fanno parte di un tentativo di utilizzare solo componenti realizzati in processi con emissioni zero di carbonio o emissioni che possono essere compensate in qualche modo. L’azienda afferma che il suo obiettivo è quello di realizzare un veicolo che sia veramente neutro dal punto di vista climatico, come riporta Rafaela Lindeberg per Bloomberg Green. “Stiamo sfruttando l’innovazione e la collaborazione per affrontare la crisi climatica”, ha affermato Thomas Ingenlath, CEO di Polestar, in una dichiarazione.

Una svolta high-tech su un vecchio processo potrebbe ripulire la produzione di acciaio e cemento: Una start-up sta sviluppando una “batteria termica” che le imprese industriali potrebbero essere in grado di utilizzare per fornire il calore elevato utilizzato per produrre acciaio e cemento. Rondo Energy, con sede in California, sta sviluppando un sistema che utilizza l’energia rinnovabile per riscaldare mattoni simili a quelli utilizzati negli altiforni. “Perché è semplice e noioso, [the technology] può raggiungere una scala molto ampia con l’economia alla guida e affrontare un grosso problema”, ha affermato John O’Donnell, CEO dell’azienda, in un’intervista a Justine Calma di The Verge. Se la tecnologia funziona, fornirebbe alle aziende la possibilità di sostituire i processi che ora vengono eseguiti bruciando carbone e altri combustibili fossili.

La giornalista dell’ICN Julie Margolin ha contribuito a questa storia.

Inside Clean Energy è il bollettino settimanale di notizie e analisi dell’ICN sulla transizione energetica. Invia suggerimenti e domande sulle notizie a dan.gearino@insideclimatenews.org.

Dan Gearino

Reporter sull’energia pulita, Midwest, National Environment Reporting Network

Dan Gearino copre gli Stati Uniti centro-occidentali, parte del National Environment Reporting Network dell’ICN. La sua copertura si occupa del lato commerciale della transizione verso l’energia pulita e scrive la newsletter Inside Clean Energy di ICN. È arrivato all’ICN nel 2018 dopo un incarico di nove anni presso The Columbus Dispatch, dove si è occupato del business dell’energia. Prima di allora, si è occupato di politica e affari in Iowa e nel New Hampshire. È cresciuto nella contea di Warren, Iowa, appena a sud di Des Moines, e vive a Columbus, Ohio.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI