Durante la gelata di febbraio in Texas, raffinerie e impianti petrolchimici hanno rilasciato quasi 4 milioni di libbre di sostanze inquinanti extra

0
77

Per Vicki Cruz, un'assistente sociale che vive nella sezione del Magnolia Park di Houston, la sua situazione di salute non avrebbe potuto peggiorare di molto da quando ha avuto il Covid-19 a Natale.

E poi lo ha fatto, quando un forte congelamento e una tempesta di neve hanno colpito il Texas il mese scorso e le raffinerie di petrolio e gli impianti petrolchimici dello stato hanno rilasciato quasi 4 milioni di libbre di inquinamento extra nell'aria, con quasi un quinto del carico che sporca la regione di Houston, secondo stime delle organizzazioni non profit Air Alliance Houston, Environment Texas e Environmental Defense Fund.

Gli inquinanti includevano agenti cancerogeni per l'uomo come il benzene e altre sostanze chimiche tossiche note per causare tutti i tipi e problemi di salute come l'asma.

Cruz, 47 anni, ha già fatto fatica a respirare.

"Mi sveglio ogni giorno stanco con frequenti mal di testa e nausea", ha detto Cruz, che vive a un isolato e mezzo da un impianto di frantumazione di metalli ea tre miglia dal più vicino impianto petrolchimico lungo lo Houston Ship Channel. "È una situazione così ingiusta vedere alcune persone approfittare del sistema."

Si riferiva a un sistema in cui le raffinerie e gli impianti chimici superano regolarmente i limiti dei loro permessi ed emettono un eccesso di inquinamento durante condizioni meteorologiche estreme e non sono quasi mai sanzionati dalla Commissione del Texas sulla qualità ambientale, hanno detto avvocati e attivisti ambientali.

Il TCEQ consente alle aziende che emettono sostanze inquinanti in eccesso di montare una "difesa affermativa" e sostenere che le emissioni erano al di fuori del loro controllo a causa di eventi come il congelamento del mese scorso o l'uragano Harvey nel 2017. TCEQ afferma di "considerare attentamente i fatti" nel decidere se le emissioni in eccesso erano inevitabili.

Secondo il rapporto Environment Texas 2020 sull'inquinamento atmosferico illegale in Texas, TCEQ ha penalizzato le aziende per meno del 3% degli eventi relativi alle emissioni illegali dal 2011. Anche quando sono penalizzate, pagano circa un centesimo per libbra di inquinamento atmosferico illegale.

"Questo è un problema ricorrente", ha affermato Elena Craft, direttore senior per il clima e la salute presso l'Environmental Defense Fund. "Durante i più grandi eventi di emissioni che coinvolgono condizioni meteorologiche estreme, vediamo il minimo monitoraggio … Questo inquinamento atmosferico aggiuntivo è un'ulteriore minaccia per la salute e la sicurezza delle persone in un momento in cui sono più vulnerabili".

Ci sono prove scientifiche crescenti – almeno 17 studi peer-reviewed finora – che mostrano che le aree con alti livelli di inquinamento atmosferico hanno tassi di morte da coronavirus più elevati o focolai più gravi. Alcuni studi sono stati in grado di tracciare la mortalità più elevata specificamente per l'inquinamento da combustibili fossili.

I tassi di morte per Covid-19 sono due volte più alti per i neri e gli ispanici rispetto ai bianchi negli Stati Uniti e i tassi di ospedalizzazione sono tre volte più alti, secondo i Centers for Disease Control.

"Le aziende si impegnano ripetutamente in comportamenti che mettono in pericolo le comunità più vulnerabili e lo stato raramente le ritiene responsabili, scegliendo di proteggere i profitti rispetto alle persone", ha detto Bakeyah Nelson, direttore esecutivo di Air Alliance Houston. "Questo è insostenibile, soprattutto per le comunità di colore e i quartieri della classe operaia".

Il governatore Abbott ha sospeso le regole ambientali prima del congelamento

Secondo le regole TCEQ, gli impianti petroliferi e del gas sono tenuti a presentare un rapporto iniziale di tali eventi di emissione durante la manutenzione e l'arresto entro 24 ore e un rapporto finale entro 14 giorni. Le stime iniziali possono subire modifiche man mano che le strutture inviano dati aggiornati sulle emissioni verso la fine del periodo di 14 giorni.

Nelle loro comunicazioni iniziali al TCEQ, le aziende hanno citato interruzioni di corrente, guasti del sistema e arresti, tra le altre ragioni, per il rilascio di sostanze inquinanti extra durante la tempesta di neve. Durante le interruzioni di corrente, le procedure di sicurezza spesso richiedono lo sfiato o la combustione di gas in serbatoi o tubi, attraverso un processo chiamato flaring, per ridurre la pressione e prevenire esplosioni e incendi.

Il governatore del Texas Greg Abbott ha sospeso diverse norme ambientali prima del gelo di febbraio che ha causato massicce interruzioni di corrente attraverso le apparecchiature elettriche statali e le condutture congelate. La mossa è avvenuta su richiesta di TCEQ perché tali regole, ha affermato l'agenzia, "possono impedire, ostacolare o ritardare le azioni necessarie per rispondere al grave evento meteorologico invernale".

Le norme sospese prevedono meccanismi di conformità in materia di qualità generale dell'aria, inquinamento atmosferico da emissioni visibili e particolato e inquinamento atmosferico da composti azotati, tra le altre forme di inquinamento industriale da impianti petrolchimici.

TCEQ ha anche riferito che 39 dei suoi siti di monitoraggio della qualità dell'aria hanno subito interruzioni di corrente o problemi di comunicazione, di cui 14 nell'area di Houston, durante il gelo invernale. Una settimana dopo l'inizio delle interruzioni di corrente, TCEQ ha condotto un monitoraggio mobile nelle aree di Corpus Christi, Houston e Beaumont-Port Arthur.

Secondo gli ultimi dati analizzati da Air Alliance Houston, le emissioni extra per le contee di Harris, Galveston, Brazoria e Chambers ammontavano a 383.000 sterline ed erano circa il 52% maggiori di quanto inizialmente stimato. Ciò mette le emissioni totali a oltre un milione di sterline solo per le contee di Harris, Galveston e Brazoria.

Circa 18 rapporti sugli eventi relativi alle emissioni devono ancora essere finalizzati. Corey Williams, direttore delle politiche e della ricerca di Air Alliance Houston, afferma che è molto probabile che le emissioni in tutto lo stato sarebbero superiori alle stime iniziali una volta che tutti i rapporti saranno stati pubblicati.

Alcuni singoli impianti sono in grado di emettere in eccesso considerevoli. Un impianto petrolchimico gestito da Performance Materials NA Inc. vicino a Beaumont, ad esempio, ha riferito di aver rilasciato nell'aria ben 262.522 libbre di metano in meno di due ore il 16 febbraio, citando le condizioni meteorologiche. L'azienda non ha risposto alle domande sulle emissioni extra dalle proprie strutture e sugli impatti sulla salute ad esse correlati.

Più o meno nello stesso periodo, l'impianto ExxonMobil Olefins a Baytown, Houston, ha rilasciato emissioni in eccesso per un totale di 131.719 libbre che un analista di Air Alliance Houston ha affermato includevano monossido di carbonio, ossidi di azoto e una miscela di idrocarburi. Le emissioni erano quasi 3,5 volte maggiori rispetto ai rilasci dell'unità durante l'uragano Harvey.

Alla richiesta di un commento sulle emissioni in eccesso, Jeremy Elkenberry, un consulente per le relazioni con i media di Exxon, ha dichiarato in una dichiarazione: "A causa delle condizioni meteorologiche gelide, insieme alla riduzione delle forniture di gas naturale in tutto lo Stato del Texas, abbiamo interrotto la produzione in modo sicuro e chiudere o inattivo praticamente tutte le nostre unità nell'area di Baytown … Ci impegniamo a operare in modo responsabile dal punto di vista ambientale che protegga la sicurezza e la salute del nostro personale, dei clienti e del pubblico ".

'Mi sveglio stanco ogni giorno'

Quando il mese scorso le raffinerie e gli impianti petrolchimici di Houston hanno iniziato a emettere nell'aria gelida centinaia di migliaia di libbre di inquinanti in eccesso, Cruz non era ancora risultato negativo al Covid-19. Si era sentita febbricitante da Natale.

Non sarebbe risultata negativa fino al 2 marzo, il che significa che era a maggior rischio di ricovero in ospedale durante il gelo di febbraio mentre arrancava verso la madre, o la sua palestra, per fare la doccia durante i giorni in cui la sua elettricità e l'acqua erano fuori.

Cruz, l'assistente sociale nella sezione del Magnolia Park nell'East End fortemente latino di Houston, aiuta le famiglie e i bambini con bisogni urgenti. I suoi nonni sono nati in Messico ei suoi genitori in Texas. Suo padre era un macchinista che lavorava per il distretto scolastico di Houston e sua madre lavorava nella produzione.

Ha prestato servizio nelle riserve della Marina dal 1999 al 2004 come Sottufficiale di Terza Classe.

Ora divorziato da tre figli adulti, Cruz è presidente della sezione locale della League of United Latin American Citizens, che vive stretto tra l'impianto di frantumazione dei metalli e lo Houston Ship Channel fiancheggiato da impianti petrolchimici.

"Sono sei anni che mi lamento del rumore e dell'inquinamento dell'unità di frantumazione dei metalli. Mi sveglio ogni giorno stanco con frequenti mal di testa, nausea ", ha detto Cruz, aggiungendo che sta ancora lottando con i danni alle sue condutture dell'acqua dalla tempesta di neve. "Ho dovuto cercare le parti da solo perché i servizi idraulici sono troppo alti e la riduzione dei prezzi è molto diffusa in questo momento."

Ha pensato di trasferirsi, ma gli affitti in altri quartieri di Houston "sono quasi raddoppiati negli ultimi cinque anni a causa delle persone che si trasferiscono dalla California e da altri luoghi".

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

ICN fornisce una copertura climatica localizzata e pluripremiata gratuitamente e pubblicità. Contiamo sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Verrai reindirizzato al partner per la donazione di ICN.

E la sua salute rimane fragile. Soffre di una condizione medica correlata a un batterio noto come H. pylori, che causa infiammazione allo stomaco, ulcere e una vasta gamma di altre malattie, inclusi alcuni tipi di cancro.

“Devo mangiare bene e stare attento alle mie condizioni. Ma l'inquinamento atmosferico e ora Covid mi rendono molto più difficile gestirmi da sola ", ha detto. “E nessuno fa niente al riguardo. Possiamo solo lamentarci, ma non viene fatto nulla ".

Quasi 200 aziende hanno rilasciato ulteriore inquinamento durante il congelamento

L'analisi delle emissioni in eccesso durante il congelamento da parte di Air Alliance Houston, Environment Texas e Environmental Defense Fund (EDF) mostra che quasi 200 strutture in 54 contee del Texas hanno riportato rilasci extra di sostanze chimiche tossiche tra l'11 e il 22 febbraio che includevano benzene, monossido di carbonio e anidride solforosa.

L'inquinamento extra nella regione di Houston, hanno indicato gli analisti, proveniva dalle stesse strutture responsabili delle emissioni eccessive a seguito dell'uragano Harvey, la più grande pioggia evidente nella storia americana, che ha scaricato più di 50 pollici di precipitazioni sulla città in due giorni.

"Non abbiamo visto TCEQ intraprendere alcuna azione di contrasto per l'inquinamento extra rilasciato durante eventi meteorologici estremi, incluso l'uragano Harvey", ha detto Craft, di EDF. “Ogni giorno in Texas viene rilasciato illegalmente un pericoloso inquinamento atmosferico. Ciò accade perché farsi sorprendere a inquinare può costare meno alle aziende che continuare a inquinare ".

Ilan Levin, un avvocato del Progetto per l'integrità ambientale, ha affermato che è altamente improbabile che il TCEQ penalizzi le aziende per aver rilasciato ulteriore inquinamento durante eventi come la tempesta di neve.

"I loro rilasci avvengono quotidianamente in Texas quando non ci sono tempeste", ha detto. “Ma i regolatori statali raramente impongono sanzioni alle aziende anche quando non ci sono eventi estremi. È uno stato conservatore e le sue politiche sono orientate a favore dell'industria ".

Levin ha affermato che l'Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA) ha trasferito molte delle sue responsabilità normative allo stato sotto l'amministrazione Trump.

"L'argomento della" difesa affermativa "in Texas e in altri stati consente alle aziende di sostenere che le emissioni erano al di fuori del loro controllo, come durante il congelamento", ha detto Levin, "E poi è a discrezione dello stato accettare quella scusa. E nella maggior parte dei casi le autorità di regolamentazione non contestano queste affermazioni ".

Greg Rasp, uno specialista dei media TCEQ, ha spiegato il processo: “TCEQ esamina questi eventi sulla base dei criteri individuati nel Codice amministrativo del Texas (TAC) per determinare se l'evento era evitabile e valuta se gli operatori hanno adottato misure per ridurre al minimo le emissioni. Sulla base dei risultati di un'indagine su un incidente da segnalare, il TCEQ può intraprendere azioni di contrasto, se del caso, contro entità regolamentate che possono includere la valutazione di una sanzione. "

Ogni volta che una società cita la "difesa affermativa", ha affermato Rasp, il suo argomento "viene valutato caso per caso esaminando ogni incidente segnalato. Una volta ricevuta una segnalazione, gli investigatori determinano prima se l'evento è stato eccessivo o meno. Questa determinazione dipende da sei criteri, per determinare se l'evento era evitabile e valuta se gli operatori hanno adottato misure per ridurre al minimo le emissioni ".

Rasp ha affermato che le emissioni in eccesso che si verificano per motivi diversi da un'escursione inevitabile non sono ammissibili per la difesa affermativa e sono considerate per un'azione di contrasto. "TCEQ considera attentamente i fatti degli incidenti di emissioni in eccesso quando risponde alle richieste dei cittadini e ai reclami e nella valutazione degli eventi segnalati", ha detto.

Craft è rimasto molto scettico, dicendo che l'agenzia deve fare molto di più "perché questi eventi possono rilasciare sei mesi di inquinamento atmosferico in più in pochi giorni, come dopo l'uragano Harvey".

Nelson, di Air Alliance Houston, ha detto che quartieri come Magnolia Park, dove vive Cruz, hanno sofferto gravemente.

"Queste comunità non sono in grado di riprendersi completamente prima del prossimo disastro causato dall'uomo a causa di una lunga storia di razzismo ambientale che le ha messe a maggior rischio di subire gli impatti negativi dei disastri e con meno risorse per ricostruire le loro vite", ha detto. "Per troppo tempo, i decisori texani li hanno trattati come sacrificabili dando alle società di combustibili fossili tutto ciò che desiderano".

Una volta che il Flaring inizia, le persone a Pasadena parlano di malessere

Dalla sua casa a Pasadena, a circa 13 miglia dai grattacieli della compagnia petrolifera nel centro di Houston, Pat Gonzalez ricorda di aver visto brillanti fiamme torreggianti e pennacchi di gas bruciati rilasciati dalle vicine raffinerie durante il congelamento del mese scorso.

"Ci sono state molte esplosioni quando queste strutture sono state chiuse durante la tempesta e poi sono tornate in linea", ha detto Gonzalez, 54 anni. "Brucia molto carburante ei venti hanno trasportato i fumi tossici a Pasadena. Una volta che il flaring inizia, le persone si lamentano di non stare bene, hanno difficoltà a respirare e spesso avvertono mal di testa e nausea. "

Vive a Pasadena, prevalentemente latinoamericana, a nord, che è più vicina al centro petrolchimico della regione e sopporta il peso delle sue emissioni in eccesso. “South Pasadena è la città ricca e arrogante dove accendono l'albero di Natale e mettono addobbi. Non otteniamo nulla del genere da questa parte ", ha detto Gonzalez.

Un importante caso per i diritti di voto promosso dal Dipartimento di Giustizia contro il Consiglio comunale di Pasadena, prevalentemente bianco, si è concluso nel 2017. Un giudice federale di Houston ha stabilito che un cambiamento nel sistema elettorale della città ha violato il Voting Rights Act discriminando intenzionalmente la popolazione a maggioranza latina di Pasadena. Alla fine il consiglio comunale ha risolto il caso e Pasadena rimane sotto la supervisione del dipartimento di giustizia fino al 2023.

In questi giorni, Gonzalez, capo di un gruppo di difesa ambientale chiamato Caring for Pasadena Communities, ha preoccupazioni ancora più immediate. Come respirare.

Soffre di asma, mal di testa e nausea. Usa sempre di più il suo inalatore. E da quando tutto quell'inquinamento in più è stato rilasciato durante il congelamento, le è difficile respirare fuori.