venerdì, Settembre 30, 2022
HomeAmbienteI materiali rinnovabili offrono l'opportunità di raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite

I materiali rinnovabili offrono l’opportunità di raggiungere gli obiettivi delle Nazioni Unite

Questo articolo è sponsorizzato da Tetra Pak.

L’approvvigionamento di materiali rinnovabili è un modo importante, e spesso trascurato, per ridurre l’impronta di carbonio e l’impatto sul clima dei tuoi prodotti. Se puoi prendere un substrato a base fossile e sostituirlo con qualcosa di rinnovabile, qualcosa che ricresce e viene acquistato in modo responsabile, spesso sei in grado di ridurre l’impronta di carbonio e l’impatto ambientale complessivo del tuo prodotto. Spesso senza avere alcun impatto evidente sulla qualità del prodotto stesso.

Le aziende tendono a concentrarsi molto sulla sostenibilità a fine vita dei loro prodotti, ed è giusto che sia così. Ma l’inizio della vita e l’approvvigionamento dei materiali, compreso il modo in cui vengono coltivati, raccolti o estratti, e se quel materiale è rinnovabile e proveniente da fonti responsabili, può avere un impatto significativo sulla sostenibilità generale dei tuoi prodotti e sull’impronta di carbonio.

Secondo Stora Enso, fornitore globale di soluzioni rinnovabili per imballaggi, biomateriali, costruzioni in legno e carta, le sue analisi del ciclo di vita dei prodotti mostrano come i materiali rinnovabili riducano l’impronta di carbonio. Nel 2019, i loro prodotti hanno risparmiato circa 20 milioni di tonnellate di anidride carbonica sostituendo materiali di origine fossile.

Materiali rinnovabili e SDG

Da quando gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite sono stati adottati nel 2015, le aziende responsabili e socialmente consapevoli in tutto il mondo hanno identificato come allinearsi ad essi.

Io e i miei colleghi di Tetra Pak abbiamo identificato 11 SDG su cui stiamo lavorando attivamente. In qualità di fornitore di soluzioni per la lavorazione e il confezionamento di alimenti e bevande, ci impegniamo a rendere gli alimenti sicuri e disponibili, ovunque, combattendo la fame (SDG 2). In termini di azione per il clima (SDG 13) e produzione responsabile (SDG 12), miriamo a lanciare un pacchetto stabile a scaffale completamente rinnovabile entro il 2023.

Oltre a un futuro più sostenibile, l’allineamento con gli SDG offre vantaggi commerciali. Secondo un sondaggio di Morning Consult, “Le aziende che si impegnano pubblicamente per gli SDG sono viste come attente ai clienti e alla comunità, ma l’intento deve essere genuino, poiché c’è scetticismo”. Fortunatamente, ci sono modi in cui le aziende possono garantire che il loro approvvigionamento di materiali rinnovabili sia credibile e verificabile.

Il passaggio a materiali da fonti rinnovabili che siano gestiti in modo sostenibile e responsabile può svolgere un ruolo specifico nel raggiungimento degli SDG 12 e 15.

Obiettivo 12: Consumo e produzione responsabili

Questo obiettivo riconosce che i modelli insostenibili di consumo e produzione sono la causa principale del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e dell’inquinamento. L’approvvigionamento di materiali rinnovabili gestiti in modo responsabile può sostenere la biodiversità e ridurre le emissioni di carbonio, riducendo così l’impatto sul clima.

Un obiettivo misurabile (12.2) è “raggiungere la gestione sostenibile e l’uso efficiente delle risorse naturali” entro il 2030. Le risorse rinnovabili svolgono un ruolo importante in questo obiettivo relativo all’impronta dei materiali. E le aziende possono fare la loro parte.

Tieni presente che il consumo significa cose diverse per prodotti diversi e si verifica in molte fasi della catena del valore. Ci sono materie prime che vengono consumate dai produttori per produrre altri materiali. Questi materiali vengono trasformati in vestiti, cibo o altri prodotti. E poi c’è il consumo finale da parte del consumatore.

Obiettivo 15: La vita sulla terraferma

Questo obiettivo è focalizzato sulla protezione, il ripristino e la promozione di un uso sostenibile della nostra terra. Venticinque milioni di acri di foresta vengono distrutti ogni anno, con quasi il 90 per cento della deforestazione globale dovuta all’espansione agricola. Le risorse rinnovabili come le foreste gestite in modo sostenibile possono sostenere la biodiversità e fornire importanti habitat per gli animali.

Considerazioni commerciali per i materiali rinnovabili

Per le aziende che desiderano soddisfare gli SDG 12 e 15 e sono interessate a reperire più materiali rinnovabili, tieni a mente due importanti considerazioni.

1. La certificazione e la tracciabilità sono fondamentali

Le risorse rinnovabili sono rinnovabili solo se gestite in modo sostenibile e responsabile. A seconda del materiale, esistono diverse certificazioni di terze parti che verificano l’autenticità e la sostenibilità delle risorse e le tracciano lungo tutta la catena del valore. Ad esempio, Tetra Pak utilizza cartone proveniente da foreste certificate dal Forest Stewardship Council (FSC) e altre fonti controllate per garantire sostenibilità e tracciabilità.

Esistono molte altre certificazioni di terze parti, a seconda del materiale. Dalla canna da zucchero per i polimeri di origine vegetale alla lana per l’abbigliamento, queste certificazioni offrono tracciabilità e autenticazione per garantire che la raccolta del materiale non danneggi l’ambiente e sia effettivamente sostenibile.

2. Qualità, sicurezza e convenienza non sono negoziabili

È quasi ovvio, ma nel passaggio a materiali rinnovabili non dovresti mai scendere a compromessi sulla qualità.

Nel mio mondo, ci concentriamo su imballaggi che proteggano la qualità del cibo o delle bevande all’interno. Abbiamo introdotto il primo pacchetto completamente rinnovabile al mondo nel 2015 e quest’anno stiamo testando la prima barriera a base di fibre del settore per sostituire la barriera di alluminio non rinnovabile in cartoni stabili a scaffale.

Mentre continuiamo a innovare in più modi per assicurarci di creare il pacchetto più sostenibile possibile, non dobbiamo mai scendere a compromessi sulla sicurezza alimentare o sull’esperienza del consumatore con il nostro pacchetto.

L’innovazione deve ancora soddisfare le esigenze dei consumatori allo stesso modo o meglio di quanto si aspettano. Perché se un prodotto non soddisfa le esigenze dei consumatori, o non è così conveniente, o semplicemente non gli piace molto, sceglieranno un altro prodotto.

Le aziende che cercano di ridurre il proprio impatto sul clima e di allinearsi agli SDG hanno la responsabilità di guardare non solo alla fine del ciclo di vita dei loro prodotti, ma anche all’intero ciclo di vita, compresi i materiali che compongono i loro prodotti fin dall’inizio e per tutto. I materiali rinnovabili offrono l’opportunità di creare prodotti che soddisfino le esigenze dei consumatori in modo a basse emissioni di carbonio ea basso impatto.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments