Il governatore Roy Cooper ha guidato la Carolina del Nord ad agire sui cambiamenti climatici. Questo lo aiuterà a vincere un secondo mandato?

0
91

Il vento e le acque dell'uragano Mathew, poi di Firenze, hanno devastato vaste aree della Carolina del Nord a soli due anni di distanza, e il governatore Roy Cooper ha visto che qualcosa non andava.

"Quando si hanno due alluvioni di 500 anni entro due anni l'una dall'altra, è abbastanza certo che non si tratti di inondazioni di 500 anni", ha detto Cooper ai giornalisti nel settembre 2018.

Cooper ha risposto tracciando un nuovo corso sul cambiamento climatico per la Carolina del Nord.

Con nuove politiche che si distinguono nel Sud politicamente conservatore, Cooper ha avviato lo stato sulla strada per ridurre drasticamente le sue emissioni di gas che intrappolano il calore e per proteggersi meglio dalle condizioni meteorologiche estreme legate dagli scienziati al riscaldamento globale. Gli oltre 7 milioni di elettori dello stato questo autunno stanno decidendo se premiare Cooper – un democratico che abbraccia la scienza del clima tradizionale – con un secondo mandato, o eleggere uno sfidante repubblicano, il tenente governatore Dan Forest, che non lo fa.

Entrambi hanno chiarito le loro posizioni.

"Sappiamo tutti che il clima cambia", ha detto Forest in un'intervista a Spectrum News del 2019. "La domanda è: cosa causa il cambiamento del clima e l'uomo può fare qualcosa al riguardo?"

Nella stessa intervista, Forest si è lamentato del fatto che chiunque si opponga alla scienza del clima diventa “un negazionista del clima e una sorta di odiatore del mondo e tu vuoi distruggere l'umanità. Questo non è il caso."

Per quanto riguarda Cooper, un mese dopo le sue osservazioni sulle inondazioni, e dopo che i resti di un altro grande uragano, Michael, avevano scaricato ancora più acque di inondazione nella Carolina del Nord, ha detto che con "tempeste storiche che sferzano il nostro stato, dobbiamo combattere il cambiamento climatico, fare il nostro stato è più resiliente e riduce l'impatto dei futuri disastri naturali ".

Un anno dopo Cooper ha testimoniato a Washington, DC, che: “Non possiamo permetterci di non intraprendere azioni urgenti per combattere il cambiamento climatico. Non è troppo tardi, ma potrebbe esserlo presto. "

La Carolina del Nord è uno degli 11 stati con gare di governatore quest'anno. Sia il Cook Political Report che FiveThirtyEight affermano che la razza è democratica.

Battaglie elettorali in tutta la Carolina del Nord

Con milioni di dollari per la campagna elettorale che affluiscono nello stato per una varietà di razze e un elettorato composto all'incirca da un terzo democratico, un terzo repubblicano e un terzo non affiliato, la Carolina del Nord nel 2020 è come il Super Bowl della politica.

Per la prima volta in un decennio, il legislatore statale è un feroce campo di battaglia, dopo che un collegio di tre giudici del tribunale statale ha costretto i repubblicani che hanno controllato entrambe le camere legislative dal 2010 a ridisegnare le mappe dei distretti votanti giudicate ingiuste. Prendere il controllo della Camera o del Senato potrebbe dare a Cooper un respiro politico che non ha avuto negli ultimi quattro anni.

La Carolina del Nord è uno stato che potrebbe far oscillare le elezioni presidenziali e presenta anche una gara di alto profilo tra il senatore degli Stati Uniti Thom Tillis, che non nega più la scienza del clima ed è in calo nei sondaggi, e il democratico Cal Cunningham. Il controllo del Senato è in bilico.

La corsa è stata gettata nel caos negli ultimi tempi con il test di Tillis positivo al Covid19 dopo aver partecipato a un evento alla Casa Bianca e Cunningham che ha ammesso di condividere messaggi di testo a sfondo sessuale con una donna che non è sua moglie, secondo quanto riportato dall'Associated Press domenica.

Tutto questo si sta verificando in mezzo a una pandemia globale che non solo ha infettato il presidente Trump, ma ha ucciso più di 3.400 abitanti della Carolina del Nord. Sotto la guida di Cooper, che ha incluso requisiti di maschera insieme a restrizioni aziendali e scolastiche, le prestazioni della Carolina del Nord, misurate dai decessi per Covid-19 ogni 100.000 persone, si sono classificate tra le migliori risposte al virus nel paese.

Ci sono state alcune opposizioni e disaccordi sulla gestione della pandemia da parte di Cooper, anche da parte di Forest. Ma le "azioni di Cooper sono state ampiamente e ampiamente sostenute", ha detto il professore di scienze politiche della North Carolina State University Steven Greene.

Nel complesso, Greene ha descritto Cooper come un politico esperto e intelligente che sa come navigare in uno stato strettamente diviso. Cooper in precedenza ha prestato servizio per 16 anni come procuratore generale dello stato.

"Non è là fuori a raccogliere battaglie", ha detto Greene. "La sua enfasi è sul consenso sulle posizioni democratiche, come espandere l'assistenza sanitaria, un ambiente pulito e investire di più nell'istruzione".

Nella Carolina del Nord, governatori e luogotenenti governatori cercano i loro uffici separatamente e Forest, un cristiano conservatore, ha vinto la carica di luogotenente governatore quattro anni fa.

Il tenente governatore della Carolina del Nord Dan Forest. Credito: Andrew Dunn

Forest è un ex socio senior di uno studio di architettura la cui madre, Sue Myrick, un tempo era sindaco di Charlotte e membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Sta conducendo una campagna mirata alla base politica del Partito Repubblicano, compresi i cristiani bianchi evangelici per i quali il cambiamento climatico rimane in gran parte una questione in sospeso, dandogli un appello più ristretto. Il presidente Trump ha appoggiato Forest, che ha presentato Trump in visita in North Carolina, dove Forest ha acceso folle in gran parte senza maschera con carne politica rossa.

Dice alla folla che "non permetterà mai alla mafia di distruggere le nostre città", che vuole "difendere" non "disinnescare" la polizia e che "non chiamerà mai i tuoi affari non essenziali", un colpo a Cooper per aver imposto restrizioni per correggere il coronavirus.

"È un conservatore sociale irriducibile", ha detto Greene di Forest. “Questa è la sua enfasi. Questo è il suo fascino sociale ".

Mentre gli annunci della campagna di Cooper chiedono di espandere l'assicurazione sanitaria a centinaia di migliaia di carolinesi del nord a basso reddito, Forest ha pubblicità che sollecitano il suo sostegno per i diritti delle armi e l'opposizione all'aborto e toccano altre questioni sociali importanti come i giocatori di football che protestano contro il razzismo durante l'inno nazionale . "Credo nello stare davanti alla bandiera e inginocchiarmi davanti a Dio", dice Forest in un annuncio.

Cooper ha avuto un considerevole vantaggio nella raccolta fondi, secondo i registri finanziari della campagna statale.

Entrambe le parti nella Carolina del Nord considerano il cambiamento climatico, ma in modi diversi

Il cambiamento climatico potrebbe non essere il problema di alto livello nelle elezioni della Carolina del Nord, ma è quello a cui gli elettori di entrambi i partiti pensano, anche se in modi diversi, ha detto Paul Shumaker, un importante consulente repubblicano nello stato che non lavora per la foresta campagna.

Il clima crea intensità all'interno della base del Partito Democratico, che è quello che ha detto di aver visto con Cooper.

Per i candidati repubblicani, definire una risposta al cambiamento climatico in termini economici e "prepararsi per il futuro senza elevarlo al livello che ci impone di rimescolare i nostri stili di vita e budget", ha detto Shumaker. Ciò amplierà la sua attrattiva al gruppo chiave dello stato di elettori swing non affiliati che tendono a pensare più come i democratici sul cambiamento climatico, ha aggiunto.

“Sarebbe vantaggioso per (Forest) costruire una coalizione di elettori nel mezzo? Assolutamente ", ha detto Shumaker.

La foresta non lo sta facendo, quindi l'elezione offre agli elettori una scelta chiara, ha detto Dan Crawford, direttore delle relazioni governative con la North Carolina League of Conservation Voters, la cui moglie, Sarah, è candidata al senato statale come democratica a Wake. Contea. Ha detto che la lega ha speso circa 2 milioni di dollari lavorando per eleggere legislatori statali rispettosi dell'ambiente, tra cui Cooper, in questo ciclo elettorale.

"Potrebbe non esserci mai stata una differenza più grande tra due persone in corsa per la carica di governatore in North Carolina", ha detto Crawford. “Uno corre in giro per riunioni in una pandemia globale, senza indossare maschere. Ma Cooper è stato un leader costante e ha seguito la scienza ", con il riscaldamento globale e con il Covid-19, ha detto Crawford.

Sulla politica energetica, Forest utilizza un noto slogan repubblicano nel sito web della sua campagna, descrivendo un approccio "tutto quanto sopra" che applica uguale enfasi ai combustibili fossili, alle fonti rinnovabili come eolica e solare e all'energia nucleare.

Anche se Forest non crede che gli esseri umani stiano causando il cambiamento climatico, non sarà ostile all'energia pulita, ha detto il senatore Bob Steinberg, un repubblicano del nord-est della Carolina del Nord con un record di sostegno alle energie rinnovabili.

"L'energia rinnovabile è qui per restare", ha detto Steinberg.

La Carolina del Nord nel 2007 è diventata il primo stato del sud-est a superare uno standard di portafoglio di energia rinnovabile e da allora è diventata il secondo stato leader della nazione per capacità di energia solare, creando 42.000 posti di lavoro nel settore solare. I recenti sondaggi forniti da Shumaker mostrano che la maggioranza dei repubblicani e un numero ancora maggiore di elettori non affiliati nello stato sono a favore delle energie rinnovabili.

"Se queste sono le questioni che preoccupano gli elettori, allora dobbiamo affrontarle in modo tempestivo e pratico", ha detto Steinberg. "Il modo in cui ci arriviamo e il modo in cui diventiamo buoni amministratori è una questione di divergenza di opinioni tra brave persone".

Le politiche climatiche di Cooper potrebbero avere influenza al di fuori della Carolina del Nord

Per Cooper e il cambiamento climatico, la sua mossa principale è stata l'Executive Order 80 nel 2018. Ha messo la Carolina del Nord sulla strada per ottenere una riduzione del 70% delle emissioni di gas serra delle aziende elettriche entro il 2030 e la neutralità del carbonio nel settore energetico entro il 2050. It mira inoltre a mettere almeno 80.000 veicoli elettrici in più sulle strade entro il 2025 e a dare la priorità agli sforzi per rendere lo stato più resiliente nei prossimi decenni.

Da allora, anche l'amministrazione Cooper ha pubblicato rapporti sull'energia pulita, la scienza, i rischi e la resilienza che identificano le vulnerabilità climatiche del North Carolina e offrono potenziali soluzioni.

"Questo è un governatore che è là fuori, e capita che stia dicendo le cose giuste da una prospettiva di energia pulita e rispettosa del clima da una parte difficile del paese per dire quelle cose, le conseguenze siano dannate", ha detto Jennifer Rennicks, una politica direttore della Southern Alliance for Clean Energy e residente in North Carolina.

Ci sono implicazioni oltre i confini della Carolina del Nord, ha detto Stephen Smith, il direttore esecutivo dell'alleanza, il cui braccio politico ha appoggiato Cooper. Il governatore, ha detto, sta contribuendo a consolidare un blocco di stati con politiche climatiche ed energetiche pulite progressiste che si estendono nel sud dal Maryland attraverso la Virginia e nella Carolina del Nord, con il potenziale per incoraggiare gli stati vicini.

Inoltre, la Carolina del Nord è il quartier generale di una delle più grandi società elettriche della nazione: Duke Energy, con sede a Charlotte. Mentre la Carolina del Nord esercita pressioni politiche su Duke affinché si muova più rapidamente verso l'energia pulita, Smith ha affermato che potrebbero esserci effetti di ricaduta benefici in altri stati serviti da Duke, tra cui Carolina del Sud, Florida, Ohio, Kentucky e Indiana.

Duke il 1 settembre ha pubblicato il suo ultimo piano energetico a lungo termine, mostrando le opzioni per raggiungere gli obiettivi di Cooper.

Tutti i percorsi di Duke eliminano gradualmente il carbone, ma la maggior parte richiede nuovi impianti di gas naturale, frustrando i falchi del clima che vogliono che Cooper respinga con forza i combustibili fossili con una moratoria sui nuovi impianti a gas.

"La crisi climatica richiede che smettiamo di costruire immediatamente nuove infrastrutture per i combustibili fossili", hanno scritto a Cooper e Duke Energy il 14 settembre Drew Shindell, scienziato del clima della Duke University, 40 ex funzionari dell'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti e leader del gruppo ambientale NC WARN.

"E 'stato un miscuglio", ha detto Jim Warren, direttore esecutivo di NC WARN, ha detto del governatore. Cooper non ha combattuto con forza contro le proposte del gasdotto naturale "ed è stato sottoposto a molte pressioni per consentire la distruzione di molte foreste per l'industria del pellet di legno", ha detto Warren.

Nel nome dell'energia pulita, la Carolina del Nord è al centro di un'industria in espansione dal legno al combustibile che alimenta mercati in crescita in Europa e in Asia, anche se molti scienziati sostengono che l'abbattimento degli alberi per la bioenergia aumenta il carbonio nell'atmosfera e il riscaldamento per decenni a secoli.

"Abbiamo migliaia di persone che contattano (Cooper), per chiamarlo per dichiarare un'emergenza climatica", ha detto Warren. "Non l'ha fatto."

Le vittorie legislative statali potrebbero aiutare l'agenda del governatore sul clima

Studi e piani sono solo l'inizio, riconoscono gli ambientalisti, soprattutto quando una legislatura statale ostile al governatore controlla il flusso di denaro. I piani climatici di Cooper richiederanno probabilmente di spendere ingenti somme di denaro per prepararsi a tutto ciò che il cambiamento climatico potrebbe gettare nella Carolina del Nord.

"Siamo nella fase di implementazione in questo momento", ha detto Crawford, con il gruppo degli elettori per la conservazione. "Questo è il motivo per cui è importante che il governatore Cooper ottenga un secondo mandato in modo da poter finire ciò che ha iniziato".

Nel frattempo, gli ambientalisti stanno tenendo d'occhio le gare legislative statali. I repubblicani hanno preso il controllo della legislatura nel 2010, quindi hanno ridisegnato le mappe distrettuali legislative, con conseguenti maggioranze nel 2014.

Questa elezione presenta nuove mappe ordinate dal tribunale che non sono perfettamente neutre ma più eque di quanto non fossero prima, ha detto Bob Phillips, direttore esecutivo di Common Cause North Carolina, che ha fatto causa per rovesciare i distretti repubblicani. "Non abbiamo mai avuto intenzione di ottenere una legislatura più democratica", ha detto. "Abbiamo bisogno di un processo migliore che tolga la politica".

Tuttavia, i progressisti stanno lavorando per capovolgere una o entrambe le camere legislative in parte per promuovere l'agenda del governatore sul clima.

Alla Camera dei Rappresentanti, i Democratici stanno cercando di guadagnare sei seggi per prendere la maggioranza, mentre al Senato ne servono cinque per andare avanti, ha detto Amy Cox, co-fondatrice di Flip NC, un gruppo di volontari che gestisce banche telefoniche e gli sforzi di propaganda elettorale si sono concentrati sulla legislatura.

"Possiamo superarlo con un'onda blu", ha detto.

James Bruggers

Reporter, Southeast, National Environment Reporting Network

James Bruggers copre il sud-est degli Stati Uniti, parte del National Environment Reporting Network di ICN. In precedenza si è occupato di energia e ambiente per il Courier Journal di Louisville, dove ha lavorato come corrispondente per USA Today ed è stato membro del team per l'ambiente di USA Today Network. Prima di trasferirsi in Kentucky nel 1999, Bruggers ha lavorato come giornalista in Montana, Alaska, Washington e California. Il lavoro di Bruggers ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui best beat report, Society of Environmental Journalists e Thomas Stokes Award della National Press Foundation per i report sull'energia. Ha servito nel consiglio di amministrazione della SEJ per 13 anni, di cui due come presidente. Vive a Louisville con sua moglie, Christine Bruggers.