sabato, Ottobre 16, 2021
Home Ambiente Il piano di Biden può aumentare la diffusione del vento offshore a...

Il piano di Biden può aumentare la diffusione del vento offshore a ovest?

Nel gennaio 2016, Trident Winds, una piccola società eolica con sede a Seattle, ha presentato una domanda non richiesta al Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti, esponendo le sue aspirazioni a costruire un parco eolico da 1 gigawatt al largo della costa centrale della California.

La scala era ambiziosa, soprattutto per gli Stati Uniti. Ma l'amministratore delegato di Trident Winds, Alla Weinstein, ha intuito un'opportunità.

"Effettivamente, questo è ciò che ha dato il via all'intera discussione sull'eolico offshore in California", ha detto Weinstein della domanda.

Anni dopo, le acque della California non hanno ancora contratti di locazione definitivi per lo sviluppo di parchi eolici offshore. Invece, il mercato statale è stato impantanato dalla politica e dagli ostacoli tecnologici.

Ma martedì, l'amministrazione Biden e lo stato hanno annunciato l'obiettivo di organizzare un'asta a metà del 2022 per aggiudicare contratti di locazione per lo sviluppo eolico al largo della costa della California, un passo significativo per incoraggiare il mercato in stallo dello stato. Lo sforzo contribuirebbe all'obiettivo recentemente annunciato dall'amministrazione di raggiungere 30 gigawatt di eolico offshore a livello nazionale entro il 2030, un obiettivo che sembrava favorire il Nordest, che ha già coltivato le basi di un fiorente mercato eolico offshore. Gli Stati Uniti hanno attualmente in funzione solo circa 42 megawatt di capacità eolica offshore.

Data la leadership della California nell'energia pulita e nella lotta ai cambiamenti climatici, "è giusto che la California non sia assolutamente disposta a lasciare che l'espansione a cui stiamo assistendo sulla costa orientale lasci la California alle spalle", ha affermato Gina McCarthy, consigliere nazionale per il clima della Casa Bianca, in una chiamata di martedì. con i giornalisti che sottolineano l'annuncio dell'amministrazione Biden.

La California ha molte qualità che sembrerebbero renderla un luogo allettante per costruire eolico offshore: prezzi elevati dell'energia elettrica, città lungo la costa pronte all'uso dell'elettricità e una rete saturata dal sole, che rende il vento una risorsa complementare quando il sole non c'è splendente. Lo stato ha più di 200 gigawatt di potenziale eolico offshore tecnico, secondo il National Renewable Energy Laboratory, ma le attuali proiezioni per l'eolico offshore mettono in dubbio se possa completare qualsiasi progetto nel prossimo decennio.

Lo stato è ora alle prese con come inserire l'eolico offshore negli sforzi imposti dalla legge per raggiungere il 100% di energia pulita entro il 2045. Gli obiettivi climatici in numerosi stati orientali sono imperniati su un significativo dispiegamento dell'eolico offshore, con piani per aggiungere più di 30 gigawatt di energia eolica offshore entro il 2035.

Un disegno di legge della California recentemente introdotto aiuterebbe anche a rinvigorire il mercato eolico offshore dello stato, indirizzando i regolatori dell'energia a stabilire obiettivi per l'eolico offshore per il 2030 e il 2045. Un disegno di legge simile è allo studio in Oregon, che richiede fino a 3 gigawatt di eolico offshore entro il 2030. La legislazione, insieme agli sforzi dell'amministrazione federale per far avanzare il mercato della California, sottolinea l'opportunità nelle acque occidentali, se i politici possono coglierla.

La California è stata costantemente all'avanguardia nelle implementazioni di energia pulita. Il mese scorso, un'ampia fetta dello stato ha funzionato con il 95% di energie rinnovabili per quattro secondi, una pietra miliare che secondo quanto riferito ha inviato brividi di eccitazione lungo la spina dorsale dell'amministratore delegato dell'operatore di rete statale.

Il solare rappresenta la maggior parte delle risorse rinnovabili della California, lasciando un'apertura per un mercato eolico offshore in erba. Il vento e il solare funzionano bene insieme in un portafoglio energetico perché il vento generalmente continua a soffiare di notte, mentre il solare produce di più nelle ore più soleggiate del giorno. Un rapporto del 2021 della California Energy Commission ha suggerito che l'eolico offshore dovrebbe svolgere un ruolo significativo negli obiettivi di energia pulita dello stato, rappresentando fino a 10 gigawatt di aggiunta di capacità nei prossimi decenni.

Man mano che la California si avvicina all'elettricità senza emissioni di carbonio, vede sempre più la necessità di una gamma più ampia di tecnologie per bilanciare la produzione solare. "Ecco dove si inserisce l'eolico offshore", ha affermato Mohit Chhabra, uno scienziato senior del programma per il clima e l'energia pulita del Natural Resources Defense Council.

La California ha realizzato il potenziale dell'eolico offshore anni fa. Insieme all'US Bureau of Ocean Energy Management (BOEM), che gestisce il leasing offshore, lo stato ha lanciato una task force per le energie rinnovabili offshore nel 2016, diversi mesi dopo che Trident Winds ha presentato la sua domanda al Dipartimento degli Interni.

L'agenzia federale ha poi selezionato tre possibili zone di locazione, note come "aree di chiamata", al largo della costa della California, e nel 2018 ha chiesto alle aziende di presentare proposte per la costruzione in quelle aree. Lo hanno fatto più di una dozzina, inclusi alcuni colossi dell'industria eolica come Avangrid Renewables e la major norvegese del petrolio Equinore.

Ma da allora, BOEM non ha affittato nessuna delle acque della California. La redditizia industria della pesca dello stato temeva che le turbine avrebbero interrotto gli affari, mentre il Dipartimento della Difesa ha espresso preoccupazione per l'impatto sugli esercizi di addestramento al largo della costa, un'opposizione che ha frenato le vendite dei contratti di locazione.

Martedì, l'amministrazione Biden ha dichiarato di aver negoziato un compromesso su alcune di queste questioni. Il Dipartimento della Difesa ha affermato di essere impegnato a trovare "soluzioni creative" per far progredire l'eolico offshore in California. Nel complesso, secondo l'amministrazione, le aree di sviluppo iniziale potrebbero supportare fino a 4,6 gigawatt di vento offshore galleggiante.

"Noi del Dipartimento della Difesa siamo soddisfatti che non ci sia un compromesso tra gli obiettivi di energia pulita di questa impresa e la nostra prontezza militare", ha affermato il dottor Colin Kahl, sottosegretario alla Difesa per la politica, durante la telefonata di martedì con la stampa.

Tuttavia, mantenere le vendite di leasing è solo un passo nel processo esteso per iniziare a costruire parchi eolici offshore. Gli sviluppatori di progetti devono anche ottenere dozzine di permessi e sopravvivere alla revisione del governo per andare avanti.

Vineyard Wind, un progetto al largo della costa del Massachusetts, ha appena ottenuto l'approvazione federale finale a maggio. I suoi sviluppatori hanno presentato piani al governo nel 2017. Un progetto pianificato per il lago Erie è stato proposto più di dieci anni fa. Il primo progetto eolico offshore del paese, Block Island nel Rhode Island, è stato avviato nel 2016. Molti altri progetti sono ora in fase di revisione federale.

Questo ritmo rende sia l'obiettivo dell'amministrazione per il 2030 che le aspirazioni a costruire l'eolico offshore al largo della costa della California nel prossimo decennio "un tratto", ha affermato Oliver Metcalf, capo della ricerca eolica degli Stati Uniti presso Bloomberg New Energy Finance. La società di ricerca prevede che gli Stati Uniti aggiungeranno solo 23 gigawatt di vento offshore entro il 2030, senza progetti al largo della costa della California entro quell'anno.

"California aperta per gli affari"

Le sfide dell'Occidente vanno oltre la politica; le acque profonde della regione richiedono l'uso della tecnologia eolica offshore galleggiante, dove una piattaforma galleggiante è ormeggiata sul fondo del mare. Il vento galleggiante è attualmente più costoso e meno comune del vento offshore a fondo fisso, che è fissato al fondo dell'oceano e potrebbe essere utilizzato in gran parte delle acque meno profonde della costa orientale.

I progetti galleggianti installati in tutto il mondo rappresentavano meno di 100 megawatt combinati alla fine del 2019, secondo il National Renewable Energy Laboratory, e la maggior parte erano progetti pilota. Equinor, una delle società che ha presentato una proposta per costruire al largo della costa della California, ha un progetto commerciale galleggiante in funzione al largo della costa scozzese e un altro in cantiere nel Mare del Nord norvegese.

Bloomberg prevede la creazione di soli 6,3 gigawatt di eolico offshore galleggiante in tutto il mondo entro il 2030, rispetto a circa 200 gigawatt di progetti eolici offshore fissi.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L'ICN fornisce una copertura climatica localizzata e pluripremiata gratuitamente e senza pubblicità. Contiamo sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Verrai reindirizzato al partner di donazione di ICN.

Ma l'annuncio di martedì dell'amministrazione Biden è di buon auspicio per lo sviluppo futuro. L'analisi del NREL suggerisce che i progetti galleggianti commerciali potrebbero tecnicamente atterrare nelle acque della California già a metà del 2020, con una riduzione dei costi stimata del 44% tra il 2019 e il 2032. I progressi tecnologici e la crescita commerciale guidati da progetti pianificati in Europa e in Asia aiuteranno anche l'Occidente Mercato della costa.

Il governatore della California Gavin Newsom ha incluso 20 milioni di dollari per lo sviluppo dell'eolico offshore nella sua richiesta di budget 2021-2022.

E Castle Wind, una joint venture che Trident Winds ha stipulato nel 2018 con il fornitore di energia tedesco EnBW, ha negoziato un "accordo di mutuo beneficio" con la comunità di pescatori locale vicino a una delle aree di scalo della California, possibilmente riducendo il tipo di controversia che ha perseguitato altri progetti offshore.

Il membro dell'Assemblea David Chiu, che ha presentato il disegno di legge della California, spera di cogliere lo slancio. La legislazione, ha detto, "farà sapere al paese e al resto del mondo che la California è aperta agli affari in questo spazio".

Alcuni sviluppatori di servizi di pubblica utilità e rinnovabili sono ugualmente ottimisti. Castle Wind ha già siglato un accordo di fornitura provvisorio con il fornitore di energia Central Coast Community Energy. Weinstein, di Trident, sperava in una vendita di leasing nel 2021, ma ritiene che lo stato possa eseguire lo sviluppo entro il 2030.

"Non ho dubbi che si possa fare", ha detto Weinstein. "Se c'è una volontà, che penso ci sia, allora sì, possiamo trovare un modo per farlo".

Metcalf, di Bloomberg New Energy Finance, concorda sul fatto che l'eolico offshore in Occidente "sembra essere una questione di quando, piuttosto che di se". Ma non è chiaro se la tempistica si allineerà con l'obiettivo vistoso dell'amministrazione.

Questo obiettivo per il 2030 "è veramente un obiettivo nazionale", ha affermato Jocelyn Brown-Saracino, responsabile dell'eolico offshore presso l'ufficio per le tecnologie eoliche del Dipartimento dell'energia (DOE). Per spingere i progressi sulla costa occidentale, il dipartimento ha investito più di 100 milioni di dollari nella ricerca e nello sviluppo dell'eolico offshore galleggiante. Sta lavorando con BOEM per raccogliere dati nelle acque della California e finanziare dimostrazioni eoliche galleggianti offshore al largo della costa orientale, con l'aspettativa che ciò che apprende si traduca in Occidente. Nel 2019, il DOE ha lanciato un programma per progettare turbine eoliche galleggianti "radicalmente nuove".

Non appena ci saranno le aste, ha detto Weinstein di Trident, "allora possiamo muoverci".

"Penso che a questo punto, siamo sul punto di vedere un movimento significativo in California", ha detto. "Questo è l'inizio di un percorso molto più lungo verso l'espansione dell'eolico offshore".

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI