martedì, Luglio 5, 2022
HomeAmbienteIl più grande impianto di "cattura diretta dell'aria" inizia a estrarre carbonio,...

Il più grande impianto di “cattura diretta dell’aria” inizia a estrarre carbonio, ma coinvolge una frazione del gas nell’atmosfera

La start-up dietro l’impianto di cattura diretta del carbonio più grande del mondo ha affermato che nei prossimi anni costruirà una struttura molto più grande che rimuoverà permanentemente milioni di tonnellate di anidride carbonica dall’atmosfera.

Mercoledì, quando Climeworks con sede a Zurigo ha aperto il suo progetto di “cattura diretta dell’aria” Orca in Islanda, il co-amministratore delegato Jan Wurzbacher ha dichiarato al Financial Times di aver iniziato i lavori di progettazione su una struttura 10 volte più grande che sarebbe stata completata nei prossimi anni.

Orca raccoglierà circa 4.000 tonnellate di CO2 all’anno e la immagazzinerà nel sottosuolo, una piccola frazione dei 33 miliardi di tonnellate di gas previste dall’Agenzia internazionale per l’energia che saranno emesse in tutto il mondo quest’anno, ma una dimostrazione della fattibilità della tecnologia.

“Questa è la prima volta che estraiamo commercialmente CO2 dall’aria e la combiniamo con lo stoccaggio sotterraneo”, ha affermato Wurzbacher.

Lo stabilimento di Orca vende la compensazione di carbonio più costosa al mondo, con un costo di quasi 1.400 dollari per tonnellata di CO2 rimossa e annoverando tra i suoi clienti il ​​fondatore di Microsoft Bill Gates.

Wurzbacher ha affermato che la domanda commerciale è stata così elevata che l’impianto è stato quasi esaurito dai crediti per l’intera durata di 12 anni, spingendo lo sviluppo accelerato dell’impianto molto più grande che utilizza la stessa tecnologia.

Gli altri clienti di Orca includono Swiss Re, che ha recentemente firmato un accordo di rimozione del carbonio da $ 10 milioni con l’impianto, così come Audi e Shopify.

Alcuni modelli energetici mostrano che il mondo dovrà rimuovere miliardi di tonnellate di anidride carbonica dall’atmosfera all’anno entro la metà del secolo per raggiungere gli obiettivi di emissioni nette di zero.

I critici della cattura diretta dell’aria affermano che la tecnologia è troppo costosa e consuma troppa energia per funzionare su una scala significativa.

Ma il suo profilo è in aumento, con il recente disegno di legge sulle infrastrutture del presidente Joe Biden che include $ 3,5 miliardi per quattro hub di cattura aerea diretta.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L’ICN offre una copertura climatica pluripremiata e gratuita. Contiamo sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Verrai reindirizzato al partner di donazione di ICN.

La rivale di Climeworks, Carbon Engineering, una start-up con sede vicino a Vancouver, sta sviluppando un impianto in Texas con Occidental Petroleum che mira a estrarre fino a 1 milione di tonnellate di CO2 all’anno.

Poiché l’atmosfera è costituita solo dallo 0,04 percento di anidride carbonica, l’estrazione può richiedere molto tempo e richiedere molta energia.

Wurzbacher ha affermato che l’impianto di Orca, che è alimentato da energia geotermica, era più efficiente e utilizzava meno materiali rispetto alla precedente tecnologia di Climeworks: “è davvero il prossimo passo avanti”.

Orca utilizza dozzine di grandi ventilatori per aspirare l’aria, che viene fatta passare attraverso un collettore dove la CO2 si lega ad altre molecole. La sostanza legante viene quindi riscaldata, che rilascia il gas di anidride carbonica.

In occasione dell’inaugurazione di mercoledì, un serbatoio pieno di anidride carbonica raccolta dall’aria è stata iniettata nel sottosuolo, dove si mescolerà con l’acqua e alla fine si trasformerà in roccia mentre reagisce con una formazione di basalto, bloccando il carbonio.

Copyright The Financial Times Limited 2021

Usato con permesso.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI