venerdì, Settembre 30, 2022
HomeAmbienteIn arrivo questa estate: bollette elettriche in aumento e blackout

In arrivo questa estate: bollette elettriche in aumento e blackout

I prezzi dell’elettricità stanno aumentando in gran parte del paese mentre il cambiamento climatico sta contribuendo al caldo estremo e ad un’alta probabilità di blackout quest’estate.

Per i consumatori, il risultato è un aumento della pressione finanziaria per pagare un prodotto che spesso è meno affidabile di prima.

Il prezzo medio nazionale dell’elettricità per le famiglie è sulla buona strada per aumentare del 4% quest’anno rispetto al 2021, che sarebbe il più grande aumento percentuale dal 2008, ha affermato martedì l’Energy Information Administration. Uno dei motivi principali dell’impennata dei prezzi è l’aumento del costo del gas naturale, il principale combustibile per le centrali elettriche. La regione del New England è pronta ad avere la peggio, con un aumento previsto del 15%.

Ciò segue i recenti avvertimenti degli operatori di rete che servono la California e il Midwest che potrebbero non avere abbastanza centrali elettriche disponibili quest’estate per soddisfare le esigenze dei clienti nei periodi di forte domanda.

I problemi dei prezzi elevati e dei potenziali blackout sono intrecciati in quanto entrambi hanno radici nell’incapacità del governo, delle utility e degli operatori di rete di gestire i rischi legati ai cambiamenti climatici e alla transizione verso l’energia pulita, affermano gli analisti.

“C’è una vera preoccupazione per il fatto che non solo l’accessibilità di base è minacciata, ma la pianificazione del sistema nel suo insieme è interrotta”, ha affermato John Howat, analista energetico senior per il National Consumer Law Center.

Greg Cunningham, vicepresidente della Conservation Law Foundation, un gruppo di difesa ambientale con sede a Boston, si è detto frustrato dal fatto che molti osservatori vedranno i problemi con prezzi elevati e scarsa affidabilità e affermano che la transizione verso l’energia pulita si sta muovendo troppo rapidamente.

“Ascolteremo invariabilmente, almeno in questa regione, appelli per un aumento dell’approvvigionamento di gas nella regione, che sono del tutto controintuitivi e non riescono a riconoscere la causa principale del problema in cui ci troviamo: la combinazione di cambiamento climatico e eccessiva dipendenza da combustibili volatili e costosi”, ha affermato.

Aumento dei prezzi del gas e aumento della domanda

I prezzi dell’elettricità stanno aumentando a causa di una confluenza di fattori, tra cui l’aumento dei prezzi del gas naturale nell’ultimo anno dopo oltre un decennio in cui i prezzi erano bassi e presentavano poca volatilità.

Un altro fattore è l’aumento della domanda di elettricità dovuto al clima caldo e alla crescita dell’attività economica mentre il paese si riprende dalla pandemia di coronavirus.

L’Energy Information Administration ha affermato che “i costi significativamente più elevati del carburante del gas naturale saranno uno dei principali fattori trainanti dei prezzi all’ingrosso dell’energia elettrica nei prossimi mesi”. Il commento faceva parte del Summer 2022 Electricity Industry Outlook dell’ufficio federale.

I prezzi del gas naturale sono aumentati dalla metà del 2020, per poi aumentare ulteriormente dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio. L’invasione ha contribuito al caos nel mercato poiché la Russia è un importante fornitore di gas e alcuni paesi europei si stanno arrampicando per trovare alternative al gas russo.

“Quando si interrompe la fornitura da un grande produttore, ciò avrà un effetto a catena in tutto il mondo”, ha affermato Arvind Ravikumar, professore di ingegneria petrolifera presso l’Università del Texas ad Austin.

Un altro fattore è che i produttori di petrolio e gas statunitensi non hanno aumentato sostanzialmente la loro produzione in risposta ai prezzi elevati, ha affermato. Le aziende stanno cercando di essere più attente con le loro spese dopo oltre un decennio in cui hanno fatto affidamento sul debito per espandere le operazioni.

“Non ci sono così tanti investimenti in nuove perforazioni e nuove produzioni, e quindi la fornitura di petrolio e gas non sta crescendo così velocemente come la domanda”, ha detto.

I consumatori stanno soffrendo per gli alti prezzi del gas naturale, per il riscaldamento a gas e perché il gas è una componente importante del costo dell’elettricità. I servizi pubblici spesso trasferiscono i costi del carburante ai clienti, sebbene vi siano variazioni tra gli stati nella rapidità con cui i prezzi elevati del gas si traducono in picchi nelle bollette dell’elettricità.

In Minnesota, le due maggiori società elettriche, Xcel Energy e Minnesota Power, hanno proposto importanti aumenti delle tariffe.

“I prezzi stanno aumentando ovunque, non solo per l’energia ma su tutta la linea”, ha affermato Annie Levenson-Falk, direttore esecutivo del Minnesota Citizens Utility Board, un gruppo di difesa dei consumatori. “I budget si stanno allungando in questo momento.”

Cunningham della Conservation Law Foundation ha affermato che gli aumenti insolitamente elevati dei tassi nel New England sono in parte dovuti al fatto che la regione ha fatto troppo affidamento sul gas naturale e perché l’operatore di rete regionale, ISO New England, non è stato sufficientemente proattivo nel pianificare una transizione verso elettricità senza emissioni di carbonio.

Matthew Kakely, un portavoce di ISO New England, ha affermato che non è corretto incolpare la sua organizzazione per l’aumento delle tariffe, poiché le tariffe sono approvate dalle autorità di regolamentazione statali e dalla Federal Energy Regulatory Commission.

“Le decisioni regionali collettive di non espandere le infrastrutture del carburante hanno lasciato il New England vulnerabile alla volatilità dei prezzi in attesa dello sviluppo di risorse rinnovabili su larga scala”, ha affermato in una e-mail. “Il New England come regione ha avuto difficoltà a sviluppare progetti rinnovabili su larga scala per ragioni, in particolare permessi e sfide legali, che non hanno nulla a che fare con ISO New England”.

Solo due regioni mostrano una diminuzione dei prezzi dell’elettricità per l’anno nel rapporto EIA: West North Central e West South Central, che includono stati che vanno dal North Dakota e dal Minnesota fino al Texas. Un portavoce dell’EIA ha affermato che la diminuzione nella regione settentrionale, del 3%, è in gran parte dovuta al fatto che l’area ha già registrato un forte aumento del tasso nel 2021 e sta leggermente scendendo da tale aumento. Non è chiaro cosa stia guidando il calo nella regione meridionale, che, con l’1 per cento, si registra a malapena come un cambiamento.

Una transizione irregolare

Con l’aumento dei prezzi, alcuni gestori di rete avvertono che potrebbero non avere abbastanza elettricità disponibile per soddisfare la domanda dei consumatori quest’estate, il che aumenta i rischi di blackout e brownout.

“Con l’aumento del caldo, è davvero difficile prevedere la quantità di interruzioni in cui potremmo trovarci”, ha affermato Siva Gunda, membro della California Energy Commission, parlando venerdì in un briefing sulla preparazione dello stato per l’estate.

L’operatore di rete della California, California ISO, ha affermato che esiste un’alta probabilità che la fornitura di elettricità superi la domanda. La scorsa estate, la California ha subito un blackout continuo a causa della carenza di elettricità disponibile.

Una delle sfide per la pianificazione della rete è che l’aumento delle temperature significa che i modelli esistenti per la domanda di elettricità non sono più accurati, ha affermato Alice Reynolds, presidente della California Public Utilities Commission.

“Gli impatti dei cambiamenti climatici stanno davvero superando tutte le previsioni che abbiamo fatto”, ha affermato nel briefing.

In tutto il paese, le vecchie centrali elettriche a combustibili fossili stanno chiudendo e vengono sostituite da energie rinnovabili, accumulatori di batterie e centrali elettriche a gas naturale. Ma la transizione è tutt’altro che agevole, con ritardi nella costruzione di nuovi impianti e preoccupazioni su come far funzionare al meglio un sistema che fa sempre più affidamento su risorse intermittenti come l’eolico e il solare.

Il mese scorso, l’operatore di rete per gran parte del Midwest, Midcontinent Independent System Operator, ha emesso un outlook stagionale che mostra un picco di domanda che supera la fornitura di elettricità dalle centrali elettriche.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L’ICN fornisce gratuitamente una copertura climatica pluripremiata e pubblicità. Facciamo affidamento sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Per questo motivo, parti della regione della rete sono “a maggior rischio di interruzioni temporanee e controllate” durante i periodi di forte domanda, ha affermato JT Smith, direttore esecutivo delle operazioni di mercato, in una dichiarazione.

Il Texas ha anche il potenziale per un’estate difficile e questa settimana ha sopportato temperature primaverili insolitamente elevate, che hanno portato a una domanda di elettricità insolitamente elevata. Il sistema, gestito dall’Electric Reliability Council del Texas, è riuscito a evitare blackout.

L’elevata domanda di questa settimana è preoccupante perché è l’inizio di maggio, che in genere non è un periodo di caldo estremo in Texas.

Howat del National Consumer Law Center ha affermato che le preoccupazioni sull’affidabilità e l’aumento dei prezzi dell’elettricità fanno parte di un problema più ampio dell’incapacità di cogliere i rischi finanziari e ambientali derivanti dal fare affidamento sui combustibili fossili. Questi sono rischi che i funzionari avrebbero dovuto prevedere e ora i consumatori ne affronteranno le conseguenze.

“Non siamo affatto vicini al raggiungimento di questo duplice obiettivo di equità energetica, accessibilità economica e riduzione dei gas serra”, ha affermato.

Dan Gearino

Reporter sull’energia pulita, Midwest, National Environment Reporting Network

Dan Gearino copre gli Stati Uniti centro-occidentali, parte del National Environment Reporting Network dell’ICN. La sua copertura si occupa del lato commerciale della transizione verso l’energia pulita e scrive la newsletter Inside Clean Energy di ICN. È arrivato all’ICN nel 2018 dopo un incarico di nove anni presso The Columbus Dispatch, dove si è occupato del business dell’energia. Prima di allora, si è occupato di politica e affari in Iowa e nel New Hampshire. È cresciuto nella contea di Warren, Iowa, appena a sud di Des Moines, e vive a Columbus, Ohio.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments