giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Ambiente Inside Clean Energy: Warren Buffett spiega la necessità di un massiccio rinnovamento...

Inside Clean Energy: Warren Buffett spiega la necessità di un massiccio rinnovamento energetico

Le lettere annuali di Warren Buffett agli azionisti sono una lettura divertente, come se il tuo prozio fosse un esperto di investimenti.

Nell'edizione di quest'anno, pubblicata il 27 febbraio, Buffett ha qualcosa da dire sulla transizione verso l'energia pulita e sulla necessità di effettuare ingenti investimenti nelle linee elettriche interstatali.

Il messaggio, sulle sfide e le opportunità di costruire una rete più pulita, è stato comunicato prima da molti altri, ma non nello stesso modo, e non da qualcuno in grado di fare qualcosa al riguardo sulla scala che Buffett può fare.

Ma non sarebbe corretto affermare che la sua azienda è in prima linea nell'affrontare il cambiamento climatico. Le sue partecipazioni sono così grandi e in così tanti settori che sta finanziando contemporaneamente la transizione verso l'energia pulita pur continuando ad avere profondi collegamenti con le industrie dei combustibili fossili.

La società di Buffett con sede a Omaha, Berkshire Hathaway, è un conglomerato che include assicuratori come GEICO, l'operatore ferroviario BNSF e partecipazioni in società come Apple e Coca-Cola. Comprende anche Berkshire Hathaway Energy, una raccolta di società che comprende servizi di pubblica utilità locali nel Midwest e nell'ovest e attività di gasdotti, tra molte altre risorse.

Buffett ha detto nella sua lettera che Berkshire Hathaway Energy è nel bel mezzo di un progetto da 18 miliardi di dollari, iniziato nel 2006 e in corso fino al 2030, per rielaborare ed espandere la rete elettrica in Occidente. Ciò include il piano Energy Gateway di PacifiCorp che è in procinto di costruire 2.000 miglia di linee elettriche interstatali in tutto l'Occidente, e il piano Greenlink di NV Energy, con quasi 600 miglia di linee in Nevada.

I progetti sono indicativi di come "i servizi elettrici del nostro paese necessitino di un massiccio restyling in cui i costi finali saranno sbalorditivi", ha detto Buffett.

"Storicamente, la generazione di elettricità a base di carbone che prevaleva a lungo si trovava vicino a enormi centri abitati", ha continuato. "I migliori siti per il nuovo mondo della generazione eolica e solare, tuttavia, si trovano spesso in aree remote".

Berkshire Hathaway Energy, o BHE, sta costruendo linee di trasmissione per trasportare l'elettricità dalle aree remote ai centri abitati. Ma, come ha appreso l'azienda, tali progetti sono difficili.

"Miliardi di dollari dovevano essere investiti prima che arrivassero entrate significative", ha detto. “Le linee di trasmissione dovevano attraversare i confini degli stati e di altre giurisdizioni, ciascuna con le proprie regole e circoscrizioni. BHE avrebbe anche bisogno di trattare con centinaia di proprietari terrieri ed eseguire contratti complicati sia con i fornitori che hanno generato energia rinnovabile sia con le utility lontane che distribuiscono l'elettricità ai loro clienti. Gli interessi in competizione e i difensori del vecchio ordine, insieme a visionari irrealistici che desideravano un mondo istantaneamente nuovo, dovevano essere coinvolti ".

In quelle poche frasi, ha riassunto il motivo per cui le proposte di linee di trasmissione possono impantanarsi in anni di ritardi e dibattiti.

È anche riuscito a lanciare uno scavo contro "visionari irrealistici", che sembra riferirsi ad alcuni dei più assertivi sostenitori dell'ambiente. Basti dire che molte persone che lavorano nelle tecnologie delle energie rinnovabili serviranno le linee elettriche di BHE vedrebbero il suo confronto tra il "vecchio ordine" dei combustibili fossili e i "visionari irrealistici" come una falsa equivalenza.

La descrizione di Buffett delle sfide costituisce il nucleo della sua idea, che è che le linee elettriche interstatali sono un investimento che porterà a decenni di rendimenti costanti. In altre parole, il passaggio all'energia pulita può essere positivo per le imprese, ma richiede pazienza.

Nonostante abbiano una chiara comprensione della transizione energetica, Buffett e la sua azienda non sono stati leader nel parlare di cambiamento climatico o nel fissare obiettivi per la riduzione delle emissioni.

Della dozzina di più grandi produttori di elettricità nel paese che possiedono anche servizi di pubblica utilità locali, Berkshire Hathaway Energy è uno dei pochi che non ha annunciato piani per arrivare a emissioni nette zero, o almeno vicino a quel benchmark, entro la metà secolo.

Una ragione per la mancanza di un piano climatico a lungo termine potrebbe essere che Berkshire Hathaway Energy e la sua società madre continuano ad avere una grande partecipazione nelle industrie del gas naturale e del carbone, ha affermato Joe Smyth dell'Energy & Policy Institute, un gruppo di watchdog sull'energia. .

Berkshire Hathaway Energy include BHE Pipeline Group, che gestisce gasdotti e recentemente è cresciuto con l'acquisizione, lo scorso anno, delle attività di stoccaggio e gasdotti di Dominion Energy. Inoltre, la compagnia sorella, BNSF railroad, ottiene una quota sostanziale delle sue vendite dal trasporto del carbone.

"Gli investimenti nell'energia pulita sono ottimi ed è positivo che aziende di questa portata investano nella trasmissione e nell'energia pulita", ha affermato Smyth. "Ma dobbiamo anche esaminare le loro altre partecipazioni su cui Warren Buffett probabilmente non vuole attirare l'attenzione".

Le società elettriche di Berkshire Hathaway Energy hanno adottato approcci diversi ai combustibili fossili, a seconda della regione. In Iowa, i sostenitori hanno chiesto a MidAmerican Energy di annunciare una data di chiusura per diverse vecchie centrali a carbone, senza alcun risultato, anche se MidAmerican è stato uno dei principali sviluppatori di energia eolica. Allo stesso tempo, PacifiCorp in Occidente, ha annunciato un programma per la chiusura di quasi tutte le sue centrali a carbone.

Ho chiesto a Pavel Molchanov, analista di Raymond James, perché la Berkshire Hathaway Energy non è desiderosa come molti dei suoi colleghi di impostare un percorso verso lo zero netto.

Ha detto che l'approccio dell'azienda alle questioni climatiche potrebbe essere legato alle sue dimensioni e che è molto più di un business energetico.

"Le aziende che sono un business energetico autonomo e sono quotate in borsa, hanno più di un desiderio di evidenziare o promuovere le loro credenziali verdi", ha detto. "Berkshire Hathaway, a causa della sua struttura unica e della sua storia, e del personaggio di Warren Buffett, significa che non sono così preoccupati di ciò che pensano gli investitori."

Ma alcune di queste stesse qualità – le grandi dimensioni e le vaste risorse finanziarie dell'azienda – sono il motivo per cui può permettersi di tollerare lunghe attese prima che i progetti di linee di trasmissione si realizzino.

Per allontanarsi dai combustibili fossili, il paese avrà bisogno di molte più trasmissioni. Inoltre, le interruzioni di corrente diffuse il mese scorso in Texas servono a sottolineare la necessità di una rete elettrica che sia flessibile e in grado di inviare elettricità dove è necessaria.

In questo problema, Berkshire Hathaway Energy vede un'opportunità.

"Anche se passeranno molti anni prima che il nostro progetto di trasmissione occidentale sia completato, oggi stiamo cercando altri progetti di dimensioni simili da intraprendere", ha detto Buffett.

Le energie rinnovabili hanno superato il carbone nel 2020: Nuovi dati dell'Energy Information Administration confermano che lo scorso anno gli Stati Uniti hanno ottenuto più elettricità da fonti rinnovabili che dal carbone, la prima volta che è successo, come ho scritto venerdì scorso. Il gas naturale, tuttavia, è rimasto di gran lunga il principale combustibile per l'elettricità del paese.

"È molto significativo che le energie rinnovabili abbiano superato il carbone", ha affermato Robbie Orvis, direttore della progettazione delle politiche energetiche presso il think tank Energy Innovation. "Non è una sorpresa. Stava andando così per anni. Ma è una pietra miliare in termini di monitoraggio dei progressi. "

Le cooperative rurali lottano per realizzare una transizione pulita: Il mio collega James Bruggers ha una storia questa settimana sui servizi di cooperative elettriche rurali e un movimento crescente per rendere queste organizzazioni più trasparenti e più aperte alle energie rinnovabili. Questa è una parte importante e nascosta della transizione verso l'energia pulita. Le cooperative elettriche rurali coprono più della metà della massa continentale della nazione e dovrebbero essere controllate dai loro clienti, ma la realtà in molti luoghi è che un gruppo radicato di dirigenti e membri del consiglio è lento a cambiare e ha adottato misure per mettere a tacere i clienti.

I fallimenti seguono la crisi del Texas: Gli alti prezzi del gas naturale e dell'elettricità durante la recente crisi energetica del Texas stanno causando sofferenze finanziarie per i servizi pubblici, i clienti e altri che ora stanno ricevendo le bollette. Jeff St. John di Greentech Media riferisce che la Brazos Electric Power Cooperative sta dichiarando fallimento per evitare di dover pagare 2,1 miliardi di dollari per l'elettricità durante la crisi di una settimana. Quella bolletta è più del doppio di quanto la cooperativa ha pagato per l'elettricità in tutto il 2020. Altre società, comprese le utility, stanno affrontando le proprie difficoltà finanziarie, il che potrebbe costringere alcune di loro a ritardare i progetti di energia pulita.

Scoraggiare il vento per cercare di salvare il carbone: Un piano nel Nord Dakota per chiudere una centrale elettrica a carbone e costruire un parco eolico ha avuto un grosso intoppo, come riporta Dan Charles per NPR. I funzionari locali che sono arrabbiati per la chiusura della centrale a carbone hanno approvato regole che impediranno al parco eolico pianificato di collegarsi a una linea elettrica interstatale. Di conseguenza, lo sviluppatore del parco eolico ha demolito il piano e ora sta sviluppando un progetto in Minnesota, dove è possibile accedere a una linea di trasmissione. Le persone che volevano fermare il parco eolico sperano di trovare un acquirente per la centrale a carbone per impedirne la chiusura. Ma sarà difficile, considerando che l'attuale proprietario, Great River Energy, afferma che l'impianto sta perdendo denaro. Nel frattempo, l'ostilità verso l'energia eolica è costata alla regione uno sviluppo che avrebbe aiutato la base imponibile e fornito reddito da royalty ai proprietari terrieri.

Volvo diventerà tutta elettrica entro il 2030: Volvo afferma che smetterà di vendere veicoli a benzina entro il 2030, l'ultimo di una serie di annunci da parte di case automobilistiche che si stanno concentrando sui veicoli elettrici, secondo un articolo di Nick Carey e Helena Soderpalm di Reuters. Volvo sta cambiando molto di più delle sue trasmissioni. Il marchio, di proprietà del gruppo cinese Zhejiang Geely Holding, sta anche cambiando il suo modello di business per concentrarsi sulle vendite online. Volvo è uno dei tanti marchi che vedono una domanda crescente di veicoli elettrici e vogliono posizionarsi per il mercato a venire. "Sono totalmente convinto che non ci saranno () clienti che vogliono davvero restare con un motore a benzina", ha detto il CEO di Volvo Håkan Samuelsson, alla domanda sulla futura domanda di veicoli elettrici.

Inside Clean Energy è il bollettino settimanale di notizie e analisi di ICN sulla transizione energetica. Invia suggerimenti e domande sulle notizie a dan.gearino@insideclimatenews.org.

Dan Gearino

Reporter sull'energia pulita, Midwest, National Environment Reporting Network

Dan Gearino copre gli Stati Uniti del Midwest, parte del National Environment Reporting Network di ICN. La sua copertura si occupa del lato commerciale della transizione all'energia pulita e scrive la newsletter Inside Clean Energy di ICN. È arrivato in ICN nel 2018 dopo un mandato di nove anni presso The Columbus Dispatch, dove ha ricoperto il business dell'energia. Prima di allora, ha coperto la politica e gli affari in Iowa e nel New Hampshire. È cresciuto nella contea di Warren, Iowa, appena a sud di Des Moines, e vive a Columbus, nell'Ohio.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI