lunedì, Novembre 29, 2021
Home Ambiente Le comunità pulite e resilienti devono essere il nostro punto di partenza,...

Le comunità pulite e resilienti devono essere il nostro punto di partenza, non la fine

Questo articolo è sponsorizzato da Bloom Energy.

La necessità di garantire che le comunità locali siano resilienti e pronte ad affrontare le sfide ambientali del futuro non è mai stata così grande. Ci vorrà uno sforzo collaborativo tra tutti i livelli di governo, servizi pubblici e settore privato per produrre soluzioni a lungo termine che rendano più forte la nostra rete e il settore energetico.

Ecco perché Bloom Energy ha recentemente convocato i leader del settore aziendale, i governi nazionali e locali per un'altra puntata della serie ASPIRE Summit di Bloom Energy all'inizio di giugno. Bloom ha avviato la serie ASPIRE Summit sei anni fa per riunire stimati professionisti per conversazioni dinamiche esplorando il panorama energetico globale nell'economia digitale in rapida crescita di oggi. ASPIRE genera anche discussioni su come le organizzazioni stanno affrontando le sfide sociali e ambientali che il mondo deve affrontare oggi.

La serie ASPIRE di giugno, moderata da Fareed Zakaria della CNN, ha stabilito una leadership di pensiero critico sul tema della costruzione di comunità resilienti. È stato un onore partecipare a questa conversazione critica insieme a un gruppo eterogeneo di leader eccezionali che includevano:

  • Jennifer Granholm, Segretario dell'Energia degli Stati Uniti
  • Chris Coons (D-Delaware), Senato degli Stati Uniti
  • Jimmy Panetta (D-California), Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti
  • Lynn Good, Presidente, Presidente e CEO, Duke Energy
  • Luke Bronin, sindaco, Hartford, Connecticut
  • Cindy Chavez, Supervisore, Contea di Santa Clara, California
  • Adrian Garcia, Commissario, Contea di Harris (Houston), Texas

Man mano che il programma procedeva attraverso un discorso programmatico, due panel e una chat con il caminetto, ho appreso molte informazioni preziose. In primo luogo, i progressi, compreso l'approvazione della legislazione essenziale, saranno realizzati solo attraverso sforzi cooperativi con un obiettivo condiviso. I funzionari eletti negli Stati Uniti dovrebbero considerare un interesse acquisito nell'esplorazione di soluzioni che promuovono l'efficienza del carbonio, compresi i percorsi per migliorare l'utilizzo e lo stoccaggio della cattura del carbonio e la continua implementazione delle microreti come fonti di energia sostenibile. Le iniziative concordate nei negoziati per il disegno di legge federale sulle infrastrutture avranno un impatto trasformativo sul panorama energetico degli Stati Uniti.

Direzione federale

Granholm ha evidenziato la necessità di esercitare i muscoli dell'energia solare ed eolica, installando tecnologie pulite che ridurranno le emissioni di carbonio e affrontando la necessità di ripulire la produzione di gas naturale negli Stati Uniti.

Ha anche parlato della necessità della resilienza della rete per prevenire futuri blackout sulla scala della crisi del Texas e per proteggere la rete dagli attacchi informatici. Il Dipartimento dell'Energia sta facendo passi da gigante per proteggere le comunità e le famiglie americane da future carenze energetiche e promuove iniziative che creano un futuro pulito e sostenibile.

Il punto di vista del Congresso

Guardando alla resilienza attraverso una lente più ampia, Coons ha riconosciuto le esigenze energetiche e infrastrutturali dell'America come vitali per la nostra sicurezza nazionale e la competitività globale, motivo per cui crede che l'amministrazione sia stata così ottimista sugli investimenti strategici. L'intersezione tra modernizzazione e stabilizzazione della rete giocherà un ruolo chiave nel portare il Paese a zero netto entro il 2050.

Panetta definisce questo momento un punto di svolta: ora è il momento in cui dobbiamo fare tutto il possibile per investire nella tecnologia e nelle risorse che influenzeranno la vita delle persone. Ha discusso la sua visione delle microreti, così come la sua proposta per un credito d'imposta del 30% per le microreti. Il membro del Congresso li vede come una soluzione non solo per le città e le comunità, ma come una risorsa che proteggerà gli ospedali e le singole case durante le interruzioni di corrente estreme. Crede davvero che possiamo trovare un modo per essere sia sufficienti che resilienti.

L'impegno del settore Industry

C'è una crescente domanda globale di energia pulita e l'industria sta reagendo. Good ha delineato gli audaci obiettivi di emissioni di carbonio di Duke Energy e l'importanza di fonti energetiche affidabili, promuovendo la posizione dell'azienda come leader modello nella transizione verso l'energia pulita.

Duke Energy ha già ridotto le emissioni del 40% e punta ad azzerarsi entro il 2050. Ciò coincide con un investimento di 60 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni per raddoppiare la sua capacità di energia rinnovabile e supervisionare il più grande ritiro di carbone nel settore. Questo risultato sarà possibile attraverso l'innovazione, la ricerca e lo sviluppo intenzionali e specifici del progetto.

Good ha condiviso che mentre Duke si avvicina al 70-80% di riduzione del carbonio, guarderà a nuove tecnologie come l'idrogeno, la cattura del carbonio, il nucleare avanzato, lo stoccaggio a lungo termine e la geotermia. Inoltre, sono indispensabili fonti di energia affidabili, inclusa l'alimentazione di riserva. La praticità di ospedali, scuole, strutture comunitarie, negozi e aree residenziali per continuare a funzionare ininterrottamente dipenderà fortemente dall'affidabilità delle fonti di energia.

Gestione della comunità

In tutta la nazione, i leader delle comunità stanno esaminando i modi in cui possono utilizzare i loro uffici per promuovere la resilienza locale e aumentare la salute dei loro cittadini. Mi ha colpito un commento di Chavez. Ha ricordato al pubblico che i governi locali hanno un grande potere d'acquisto e possono usare il potere della borsa per rivolgersi a alternative energetiche pulite. Non sostituisce il lavoro con il governo statale e federale, ma è un altro meccanismo a disposizione dei leader locali.

Bronin ha evidenziato la necessità di agire in piccoli modi per ottenere risultati importanti. Hartford ha installato una microrete per servire direttamente una biblioteca, un centro per anziani, una scuola di quartiere e un centro comunitario. Quella microrete, tuttavia, ha anche la capacità di supportare una vicina stazione di servizio e un negozio di alimentari nel caso in cui la rete si interrompa. La microgrid fornisce miglioramento ambientale, maggiore affidabilità e, in un momento di crisi, fornisce una notevole quantità di resilienza alla comunità più ampia.

Andando avanti

"Se ci concentriamo sull'economia, penso che possiamo creare un bipartitismo per concentrarci sulle cose necessarie per proteggerci e mantenerci resilienti", ha osservato Garcia.

Il dialogo creato durante l'evento ha amplificato la crescente necessità di affrontare la crisi climatica e i suoi effetti sulle comunità locali e globali. Bloom Energy è onorata e onorata di essere in grado di riunire partecipanti così stimati per guidare l'attenzione nazionale negli Stati Uniti su una delle questioni più urgenti di questa generazione e generare una visione per garantire che le comunità locali siano resilienti e pronte ad affrontare qualsiasi sfida futura .

Ma parlare non basta. Dobbiamo trasformare la discussione in azione e non c'è un minuto da perdere.

Nel 2020, una stima di 8.200 incendi, pari a oltre 4 milioni di acri di terra, sono stati bruciati in tutta la California, raddoppiando il record precedente. Non è un segreto che il nostro pianeta stia vivendo cambiamenti drammatici e rapidi nei modelli meteorologici. Nell'ultimo decennio sono stati registrati caldo record, uragani, tornado, incendi e attacchi informatici sull'infrastruttura della rete globale, sia in termini di scala che di frequenza.

Le comunità di tutto il mondo hanno subito le conseguenze di queste crisi, inclusa la perdita di energia e acqua pulita. Il clima sta cambiando e il suo impatto sul nostro modo di vivere è una delle questioni più complesse e importanti del nostro tempo.

Le nostre azioni ora influiranno sulle generazioni future.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI