martedì, Dicembre 7, 2021
HomeAmbienteL'energia eolica è un grande business in Indiana, che porta ad alleanze...

L'energia eolica è un grande business in Indiana, che porta ad alleanze scomode

Un dibattito sulle energie rinnovabili in Indiana sta rimescolando alcune delle solite politiche dell'energia e dell'ambiente.

L'industria eolica sta lavorando con i leader del governo statale guidato dai repubblicani per approvare regole in tutto lo stato per la costruzione di sistemi eolici e solari, il che consentirebbe un maggiore sviluppo sostituendo le regole spesso restrittive ora stabilite a livello di contea.

Comprensibilmente, ai leader della contea non piace.

I gruppi ambientalisti e dei consumatori sono combattuti su questa proposta di legge. Vogliono favorire le energie rinnovabili ma anche sostenere il controllo locale delle decisioni energetiche. E vogliono nuove regole per consentire la protezione ambientale dei siti eolici e solari più di quanto non faccia il disegno di legge.

"Questo è difficile", ha affermato Kerwin Olson, direttore esecutivo della Citizens Action Coalition, un gruppo di difesa dei consumatori con sede a Indianapolis. Ha detto che non c'è un lato destro chiaro, "quindi ce ne stiamo seduti fuori".

La capacità dell'industria eolica di schierare le forze in Indiana mostra come l'energia rinnovabile sia diventata un grande business che può esercitare un'influenza in tutto lo spettro politico. Mentre l'industria ha guadagnato peso, l'espansione dell'energia eolica ha anche incoraggiato i critici in Indiana e in altri stati, che affermano che le turbine stanno ingombrando i paesaggi rurali.

L'opposizione a parchi eolici e pannelli solari ha contribuito a ispirare la legislazione in Kansas e Ohio che limiterebbe gravemente la capacità di sviluppare nuovi progetti rinnovabili, ma non è chiaro se entrambi i progetti di legge abbiano la possibilità di diventare legge. Queste due proposte, insieme a quella dell'Indiana, mostrano che c'è un dibattito in corso negli stati del Midwest e delle Grandi Pianure su come rispondere alla crescita delle energie rinnovabili.

Il Senato dell'Indiana sta prendendo in considerazione l'House Bill 1381, che imporrebbe regole a livello statale che stabiliscono le distanze minime che i progetti eolici e solari devono essere dagli edifici vicini e dalle linee di proprietà, in un modo meno restrittivo delle normative in molte contee. Il disegno di legge è passato alla Camera dell'Indiana a febbraio con un voto di 58-38, con un mix di repubblicani e democratici da entrambe le parti, in una camera in cui i repubblicani hanno una maggioranza di 71-29.

Non è chiaro se il disegno di legge abbia abbastanza sostegno per passare al Senato dello stato prima che la legislatura si aggiorni alla fine di aprile.

Le regole in tutto lo stato sostituirebbero quelle locali, comprese le oltre 30 delle 92 contee dell'Indiana che hanno adottato ordinanze che vietano o limitano severamente i parchi eolici. I sostenitori del disegno di legge affermano che l'Indiana è insolita nell'avere una quota così ampia di contee con restrizioni locali.

I governi della contea stanno guidando l'opposizione al disegno di legge. I leader della contea, molti dei quali sono repubblicani, si scontrano con un fronte unificato dei massimi funzionari repubblicani dello stato, insieme a gruppi imprenditoriali come la Camera di commercio dell'Indiana.

Gli sviluppatori di energia eolica e la loro associazione di categoria hanno il vantaggio di lavorare con un lobbista ben collegato, Tony Samuel, che è stato vicepresidente della campagna 2016 di Donald Trump in Indiana.

In questo dibattito, la fedeltà all'idea del controllo locale si scontra con il desiderio dello stato di attrarre grandi investimenti, ha affermato Russell Hillberry, economista agrario della Purdue University. Le questioni ambientali sono in fondo alla lista delle preoccupazioni.

"Questa è una decisione aziendale", ha detto. “L'energia eolica è praticabile come fonte di elettricità e ci sono grandi finanziatori dell'energia eolica che non sono necessariamente interessati al fatto che aiuti a salvare il pianeta. Possono fare soldi facendo questo.”

È nell'interesse pubblico?

Più della metà della produzione di energia eolica dell'Indiana si trova in due contee rurali vicine con forti venti.

Le contee di Benton e White sono state trasformate dall'energia eolica, con un'abbondanza di entrate fiscali. I parchi eolici sono diventati un punto di riferimento per i conducenti lungo la I-65 tra Indianapolis e Chicago, con turbine eoliche che si estendono all'orizzonte in quasi tutte le direzioni.

Solo altre quattro contee dell'Indiana nello stato hanno parchi eolici, il che significa che la maggior parte dell'opposizione al settore proviene da luoghi che non hanno avuto sviluppo.

Alcuni oppositori del disegno di legge parlano di "Big Wind", allo stesso modo in cui le persone parlano di "Big Oil", sottolineando l'emergere dell'industria eolica come uno dei principali attori in Indiana e altrove.

L'American Clean Power Association, un gruppo commerciale precedentemente noto come American Wind Energy Association, ha svolto gran parte del lavoro per organizzare il supporto.

Il disegno di legge è un "modo ponderato e produttivo per aprire il backup dell'Indiana per gli affari e farlo in collaborazione con lo stato e le comunità locali, piuttosto che essere una decisione interamente locale", ha affermato Jeff Danielson, direttore degli stati centrali dell'associazione. Ha notato che i governi locali manterrebbero una certa autorità potendo rifiutare progetti che non soddisfano gli standard stabiliti nel disegno di legge.

Per gli attivisti ambientali, spesso è una cosa negativa quando lo stato annulla le azioni locali. Le compagnie di combustibili fossili hanno mostrato come usare il potere politico a livello statale per assicurarsi che le ordinanze locali e le misure elettorali non ostacolino il fracking o l'uso del gas naturale negli edifici.

Ma Danielson, un ex legislatore dello stato dell'Iowa, ha affermato che le differenze nei regolamenti per le diverse fonti energetiche sono così complicate che è difficile fare un confronto significativo. Ha detto che la questione in Indiana è una questione più semplice se l'espansione delle energie rinnovabili sia nell'interesse pubblico.

"L'Indiana perderà questi investimenti aziendali nell'energia pulita in futuro?" chiese.

L'industria sta combattendo duramente in Indiana perché lo stato ha forti risorse eoliche e solari e una posizione invidiabile che rende facile fornire elettricità a gran parte degli Stati Uniti orientali. Secondo l'Energy Information Administration, l'Indiana è al 12° posto nel paese per capacità di energia eolica installata, con 2.940 megawatt, e 20° per energia solare su scala industriale, con 279 megawatt.

Un posto scomodo per gli ambientalisti

Il dibattito è degno di nota per il basso profilo dei gruppi ambientalisti, anche se il disegno di legge faciliterebbe la crescita delle energie rinnovabili, che è una questione prioritaria per i gruppi.

Il Consiglio ambientale di Hoosier è un'eccezione. Jesse Kharbanda, direttore esecutivo del gruppo, è stato ampiamente citato dalle agenzie di stampa dicendo che sostiene l'energia rinnovabile ma non può sostenere questo disegno di legge nella sua forma attuale. Il suo gruppo si oppone a una disposizione del disegno di legge che dà ai proprietari terrieri un veto sul fatto che un progetto sulla loro terra debba rispettare le regole sulla copertura del suolo sotto i parchi solari.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L'ICN fornisce una copertura climatica localizzata e pluripremiata gratuitamente e senza pubblicità. Contiamo sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Verrai reindirizzato al partner di donazione di ICN.

Alcune contee dell'Indiana hanno adottato regole progettate per mantenere o migliorare la qualità del suolo attorno a progetti di energia rinnovabile, con pratiche che incoraggiano gli uccelli e le api, essenziali per l'impollinazione delle piante. La legislazione statale ha una disposizione che cerca di aiutare gli impollinatori, ma il "veto dei proprietari terrieri" lo mina, ha detto Kharbanda.

Oltre a questa disposizione, il disegno di legge nel suo insieme mette a disagio alcuni ambientalisti, perché sostengono il controllo locale.

Olsen, il leader della Citizens Action Coalition, ha affermato che il suo gruppo vuole sostenere l'espansione delle energie rinnovabili, ma è anche diffidente nei confronti di un'erosione del controllo locale. Inoltre, ha visto poco spazio per fare la differenza in un dibattito già affollato, quindi il suo gruppo non si è schierato.

"Questo è guidato da molte persone con molto più potere di noi", ha detto.

Obiezioni locali

Se l'industria eolica dovesse rimanere solo in poche contee rurali, non ci sarebbero molti contraccolpi altrove. Ma gli sviluppatori stanno cercando di espandere la loro impronta, in parte perché le nuove turbine eoliche possono essere produttive anche in luoghi con venti moderati. In Indiana, questo significa guardare oltre le principali proprietà immobiliari delle contee di Benton e White a molte altre parti dello stato.

"Ora stai correndo in aree più popolate", ha detto Hillberry di Purdue. "Ci sono più persone locali da obiettare".

Il respingimento ufficiale contro l'energia eolica è avvenuto quasi esclusivamente in luoghi senza parchi eolici, portando a ordinanze ostili in più di 30 contee.

Le ordinanze locali sono riuscite a far deragliare i piani degli sviluppatori, come hanno fatto l'anno scorso quando RWE Renewables ha dichiarato che stava annullando i piani per un progetto nella contea di Gibson nell'Indiana sudoccidentale perché i piani della società non erano più realizzabili con nuove restrizioni. Da allora il governo della contea ha abrogato le restrizioni.

Secondo una recente ricerca del National Renewable Energy Laboratory, questi tipi di limiti locali, se applicati in luoghi sufficienti, potrebbero alterare il corso della transizione del paese verso l'energia pulita e aumentare il costo dell'elettricità per tutti. Uno dei motivi dell'aumento dei costi è che gli sviluppatori dovrebbero spendere più soldi per le linee elettriche per trasportare l'elettricità se non possono costruire progetti vicino ai centri abitati.

Parte della spinta contro i parchi eolici proviene da attivisti che promuovono affermazioni non provate secondo cui le turbine eoliche causano problemi di salute e sicurezza per i residenti vicini, il tipo di discorso che ha contribuito a ispirare l'ex presidente Donald Trump a ripetere la falsa affermazione secondo cui il rumore delle turbine eoliche provoca il cancro .

Ma il respingimento contro la legislazione dell'Indiana non si è concentrato sulla salute o sulla sicurezza. Invece, i leader della contea di tutto lo spettro politico stanno dicendo che il disegno di legge è negativo perché rimuove il controllo locale, che secondo loro è un principio fondamentale del governo dell'Indiana. Circa 60 contee hanno approvato risoluzioni contrarie al disegno di legge.

"Proprio come l'Indiana può prendere decisioni migliori per se stessa rispetto a Washington, la contea di Henry può prendere decisioni migliori per se stessa rispetto a Indianapolis", ha affermato Betsy Mills, leader della contea nell'Indiana centro-orientale, in un messaggio online agli elettori.

Mark Heirbrandt, un leader della contea nei sobborghi di Indianapolis, ha affermato che gli sviluppatori di energia rinnovabile dovrebbero concentrarsi sulla costruzione di un sostegno a livello locale e sulla dimostrazione dei vantaggi dei loro progetti, piuttosto che mettere fine alle normative vigenti.

"Siamo molto favorevoli alle energie rinnovabili, ma non siamo favorevoli a togliere il controllo a livello locale", ha affermato.

"Questo non è il New Deal verde"

Le principali organizzazioni imprenditoriali dell'Indiana stanno lavorando a fianco dei migliori repubblicani per approvare il disegno di legge.

Lo sponsor principale è il rappresentante di stato Ed Soliday, un repubblicano, che è stato un sostenitore delle regole statali che rallenterebbe la chiusura delle centrali elettriche a carbone. È anche il presidente di una task force statale che esamina il futuro della generazione di energia nello stato e afferma che le regole statali per l'eolico e il solare sono in linea con le raccomandazioni della task force, che vuole incoraggiare la produzione di energia all'interno dei confini dell'Indiana.

Considerando che in Indiana non vengono proposte nuove centrali a carbone o nucleari, le fonti più probabili di nuova generazione di energia elettrica su larga scala sono il gas naturale, l'eolico e il solare.

Durante il dibattito del mese scorso, Soliday ha accennato ad alcune delle critiche che ha ricevuto sul disegno di legge da fonti che includono siti Web che si oppongono all'energia eolica e affermano che le turbine eoliche sono brutte e pericolose.

"Questo non è il Green New Deal, e non lo vedrai venire da me, non importa quello che vedi su Internet", ha detto Soliday.

I suoi commenti aiutano a dimostrare che l'abbinamento tra l'industria eolica e i leader legislativi è ancora imbarazzante a volte, mentre i gruppi ambientalisti guardano con disagio.

Dan Gearino

Reporter sull'energia pulita, Midwest, National Environment Reporting Network

Dan Gearino copre gli Stati Uniti del Midwest, parte del National Environment Reporting Network di ICN. La sua copertura si occupa del lato commerciale della transizione verso l'energia pulita e scrive la newsletter Inside Clean Energy di ICN. È arrivato in ICN nel 2018 dopo un incarico di nove anni presso The Columbus Dispatch, dove si è occupato del business dell'energia. Prima di allora, si è occupato di politica e affari in Iowa e nel New Hampshire. È cresciuto nella contea di Warren, Iowa, appena a sud di Des Moines, e vive a Columbus, Ohio.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI