domenica, Novembre 28, 2021
Home Ambiente L'ordine del giudice impone al dipartimento degli interni di rilanciare le vendite...

L’ordine del giudice impone al dipartimento degli interni di rilanciare le vendite di contratti di trivellazione su terreni e acque federali

Il divieto dell’amministrazione Biden sulle trivellazioni di petrolio e gas nelle terre e nelle acque federali doveva essere temporaneo, durando solo il tempo necessario per elaborare riforme volte a ridurre le emissioni di gas serra della nazione.

Ma, anche se i falchi del clima e l’industria dei combustibili fossili stanno ancora aspettando quel rapporto, un tribunale federale della Louisiana ha costretto il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti a porre fine alla moratoria e ad iniziare a preparare le prime vendite di leasing dell’amministrazione Biden.

All’inizio di questo mese, l’amministrazione Biden ha fatto appello alla sentenza di giugno del giudice Terry A. Doughty del distretto occidentale della Louisiana, che ha ordinato al Dipartimento degli Interni di revocare il divieto temporaneo sui nuovi leasing federali di petrolio e gas che Biden ha imposto il 27 gennaio nel suo ordine esecutivo sulla lotta alla crisi climatica in patria e all’estero. La scorsa settimana, il tribunale ha minacciato il Dipartimento dell’Interno di essere trattenuto in oltraggio alla corte per non aver tenuto le vendite.

Nonostante la loro vittoria in tribunale, l’industria petrolifera e del gas, insieme a più di una dozzina di stati a guida repubblicana, si è lamentata del fatto che l’amministrazione Biden sta ancora trascinando i piedi sulle vendite dei contratti di locazione che secondo la legge federale sono richieste trimestralmente.

I sostenitori dell’azione per il clima, d’altra parte, temono che l’amministrazione Biden possa fare marcia indietro sulla sua promessa di fermare le nuove trivellazioni di combustibili fossili su terra e acqua controllate dal governo per aiutare a combattere il cambiamento climatico.

“Questo è il loro momento per reagire”, ha affermato Jeremy Nichols, direttore del programma per il clima e l’energia di WildEarth Guardians, aggiungendo che il Dipartimento degli Interni di Biden si comporta come se avesse l’obbligo legale di continuare un sistema nazionale rotto per il leasing di petrolio e gas. “Piuttosto che difendere il [oil and gas leasing] pausa, si stanno arrendendo all’industria”.

La linea di fondo è che entrambe le parti sono deluse per lo stesso motivo: nessuno ha visto la strategia a lungo termine dell’amministrazione per frenare l’estrazione di combustibili fossili sui 700 milioni di acri di proprietà mineraria federale che il Dipartimento degli Interni sovrintende, che rappresenta circa il 24% delle emissioni di gas serra della nazione.

I piani per la vendita di nuovi contratti di locazione descritti nei documenti del tribunale depositati martedì arrivano in un momento difficile per l’amministrazione Biden, che ha lottato per tutta l’estate per ottenere l’approvazione del Congresso della sua agenda interna, compresa l’azione per il clima, incorporata in un pacchetto infrastrutturale da $ 1 trilione e un $ 3,5 accordo di bilancio da trilioni. Ed è ora sotto attacco per come ha gestito il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan. I difensori dell’amministrazione dicono che è il momento sbagliato per innescare un nuovo conflitto sulla sua agenda sul clima scottante.

Mentre l’appello è pendente e continua la revisione più ampia del leasing federale di combustibili fossili, le vendite riprenderanno la prossima settimana per un progetto offshore nel Golfo del Messico e continueranno più tardi in autunno con una vendita offshore a Cook Inlet in Alaska. Anche il Bureau of Land Management degli Stati Uniti inizierà a prendere provvedimenti per preparare le vendite di leasing onshore, anche se non si prevede che saranno definitive fino all’inizio del prossimo anno, ha affermato l’amministrazione nel deposito della scorsa settimana.

La Western Energy Alliance, un gruppo commerciale, ha criticato l’amministrazione per aver oltrepassato la sua autorità e aver effettivamente attuato “una politica climatica della Casa Bianca guidata dall’ideologia” non facendo praticamente alcuno sforzo per rendere disponibili terreni pubblici per la trivellazione come richiesto dalla legge. Ha sostenuto che il Dipartimento dell’Interno dovrebbe procedere immediatamente con le vendite che erano pronte nella prima metà dell’anno, perché quelle proposte di locazione avevano già superato le revisioni ambientali. L’amministrazione, tuttavia, dice che rivedrà le analisi ambientali prima di prendere qualsiasi offerta.

“Stanno rallentando l’ordine del giudice”, ha detto Kathleen Sgamma, presidente del gruppo commerciale, aggiungendo che “l’ideologia dell’amministrazione Biden [is] sbattendo contro la realtà e la legge”.

Mantieni vivo il giornalismo ambientale

L’ICN offre una copertura climatica pluripremiata e gratuita. Contiamo sulle donazioni di lettori come te per andare avanti.

Donate adesso

Verrai reindirizzato al partner di donazione di ICN.

Nel frattempo, i prezzi del gas stanno aumentando per i consumatori e l’industria petrolifera e del gas sta cercando di far fronte all’incertezza delle riforme della politica di trivellazione che la Casa Bianca ha preso in considerazione da quando ha annunciato il divieto temporaneo di trivellazione delle terre pubbliche, ha affermato Sgamma. Ha citato un’analisi dell’Università del Wyoming secondo cui la pausa è costata 32.700 posti di lavoro e 9 miliardi di dollari di impatti economici. Uno studio del Conservation Economics Institute pubblicato all’inizio di questo mese, tuttavia, ha rilevato che ha avuto scarso impatto sulla produzione di petrolio e gas dai terreni federali o sull’occupazione.

All’inizio di quest’anno, il segretario dell’Interno Deb Haaland ha affermato che il rapporto completo sulle riforme sarebbe stato fatto all’inizio dell’estate, ma il deposito del tribunale di martedì ha indicato che il Dipartimento dell’Interno “continua a rivedere le carenze note dei programmi”.

Landon Newell, avvocato del personale della Southern Utah Wilderness Alliance, ha affermato che la sentenza del tribunale della Louisiana mette l’amministrazione Biden in una posizione difficile costringendola a continuare a utilizzare il “sistema rotto” della nazione per la gestione dei combustibili fossili prima che possa proporre un approccio globale per affrontare i suoi problemi.

Il General Accountability Office ha pubblicato più di 20 rapporti che descrivono in dettaglio le carenze nella gestione federale delle risorse petrolifere e di gas, incluso uno che si concentra sulle entrate che il pubblico sta perdendo a causa del leasing non competitivo, qualcosa che le previste riforme Biden dovrebbero correggere. E i tribunali hanno stabilito in tutta l’amministrazione Trump che le revisioni ambientali BLM erano piene di scorciatoie e revisioni ambientali scadenti, ha detto Newell.

“Hanno perso numerose volte [in court] su centinaia e centinaia di contratti di locazione a causa della mancanza di analisi sui cambiamenti climatici e sui gas serra”, ha affermato. L’amministrazione Biden è ora rimasta a cercare di “ripulire il casino che hanno ereditato dall’amministrazione Trump”.

La scorsa settimana, il presidente della Commissione per le risorse della Camera, Raul Grijalva (D-Ariz.) si è detto deluso dall’ordine del tribunale e dalla risposta dell’amministrazione.

“Se si verificheranno nuove vendite di leasing, il paese dovrebbe essere in grado di beneficiare delle riforme che l’amministrazione ha studiato da quando ha giustamente annunciato la sua sospensione del leasing all’inizio di quest’anno”, ha affermato in una nota. “I miei colleghi ed io stiamo lavorando per raccogliere miliardi di dollari per il popolo americano e proteggere i contribuenti, le comunità locali e il nostro clima dagli eccessi dell’industria dei combustibili fossili, e non vedo l’ora di ottenere qualche vittoria in [the budget] riconciliazione lungo queste linee”.

Aaron Weiss, vicedirettore del Center for Western Priorities, ha affermato che è ancora troppo presto per dire come il Dipartimento degli Interni intenda incorporare il piano climatico di Biden nelle riforme di perforazione.

“Tutto quello che puoi dire dal deposito di questa settimana è che Interior non giocherà una partita legale con il 5th Circuit mentre fa appello alla sentenza sull’ordine esecutivo”, ha detto.

Ha detto che l’amministrazione Biden vuole avere il controllo su come affitta le terre e le acque pubbliche piuttosto che correre il rischio che i tribunali intervengano e ordinino la vendita di un certo numero di acri entro una certa data. Ha aggiunto che il Dipartimento dell’Interno ha un’ampia discrezionalità sull’affitto e sulla determinazione di quali terreni, se del caso, sono adatti allo sviluppo di combustibili fossili alla luce della crisi climatica.

Judy Fahys

Reporter, Mountain West, National Environmental Reporting Network

Judy Fahys ha riferito sull’Occidente per decenni da Washington, DC e Salt Lake City. Dopo aver trattato l’ambiente, la politica e gli affari al Salt Lake Tribune, si è innamorata della narrazione audio come reporter dell’ambiente e dei terreni pubblici per NPR Utah/KUER. In precedenza, ha trascorso un anno accademico come borsista Knight Science Journalism presso il Massachusetts Institute of Technology. Il suo lavoro è apparso sul New York Times, sul Washington Post, su High Country News e sulla rivista Outside ed è andato in onda su NPR. Fa parte del consiglio di amministrazione della Society of Environmental Journalists.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI