sabato, Novembre 27, 2021
Home Ambiente Tracker accordo sull'energia pulita: terzo trimestre 2021

Tracker accordo sull’energia pulita: terzo trimestre 2021

I principali accordi aziendali di energia rinnovabile annunciati nel terzo trimestre del 2021 hanno raggiunto 2,4 gigawatt di capacità, registrando valori superiori al terzo trimestre del 2020 (a 1,8 GW) e ben al di sotto del terzo trimestre del 2019 (che ha registrato 4,1 GW).

Una nota sulla metodologia Deal Tracker: faccio del mio meglio per tenere traccia di comunicati stampa, avvisi di notizie e storie ogni trimestre per trovare i più grandi contratti di approvvigionamento annunciati dalle società. Dall’inizio del tracker, sono rincuorato nel vedere più piccole offerte di tutti i tipi di aziende riportate in tutti i modi che non sono conformi al grafico che mettiamo insieme ogni trimestre. Man mano che le offerte diventano più comuni e uniche per le aziende, meno completi diventano questi tracker. E questa è una buona cosa: mostra come il mercato è maturato nel corso degli anni e che le più grandi aziende non hanno il monopolio sugli acquisti di energia rinnovabile.

Tuttavia, le principali operazioni del trimestre sono un buon segnale per la direzione del mercato e per l’evoluzione delle strategie di approvvigionamento delle principali aziende. Ecco le tre tendenze degne di nota dell’ultimo trimestre.

Le aziende stanno portando energia pulita alle comunità

Due accordi in questo trimestre da veterani del contratto di energia rinnovabile – Walmart e Microsoft – sono progettati per portare energia pulita alle comunità rurali e delle minoranze.

Microsoft ha firmato un accordo per 250 megawatt di energia solare con Volt Energy, che secondo il gigante della tecnologia è il suo primo approvvigionamento su scala di servizi pubblici con un’azienda di proprietà di una minoranza. Le aziende affermano che investiranno una parte dei ricavi del progetto in iniziative di finanziamento a impatto comunitario, con l’obiettivo di portare più energia pulita alle minoranze svantaggiate e alle comunità rurali colpite dal razzismo ambientale.

L’accordo arriva un anno dopo che Microsoft ha pubblicato un rapporto sui progressi nel suo percorso per diventare carbon negative che ha identificato l’equità climatica e la giustizia ambientale come obiettivo del suo viaggio nell’approvvigionamento energetico. All’epoca, il gigante della tecnologia ha annunciato un nuovo accordo da 500 MW con Sol Systems che includeva investimenti nelle comunità colpite in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici.

Gli ultimi accordi riflettono gli sforzi in corso di Microsoft e Walmart per tenere conto di maggiori vantaggi sociali e della comunità nelle loro strategie energetiche, si spera aprendo la strada ad altre società per fare lo stesso.

Il 3 agosto, Walmart ha annunciato che sarebbe stato l’inquilino principale a supportare 129 MW di progetti solari comunitari con Nexamp, che definisce il più grande affare del suo genere. Il gigante della vendita al dettaglio prevede di sottoscrivere 50 MW per supportare i suoi negozi e centri di distribuzione nello stato di New York. Il saldo dell’energia andrà ai residenti del territorio, con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo delle energie rinnovabili locali.

L’accordo con Nexamp non è la prima incursione di Walmart nel solare comunitario. Nel 2019, il gigante del commercio al dettaglio ha sostenuto la legislazione in Georgia per estendere la durata massima dei contratti di energia rinnovabile per i servizi rurali, aprendo la porta a più contratti solari comunitari. Walmart ha anche annunciato un accordo per la sottoscrizione di 36 giardini solari comunitari in Minnesota nel 2019 come parte della sua strategia di energia rinnovabile.

Gli ultimi accordi riflettono gli sforzi in corso di Microsoft e Walmart per tenere conto di maggiori vantaggi sociali e della comunità nelle loro strategie energetiche, si spera aprendo la strada ad altre società per fare lo stesso.

Un progetto eolico per produrre idrogeno verde

Questo trimestre, Plug Power ha firmato un contratto di acquisto di energia (PPA) per 345 MW di vento in Texas, che prevede di utilizzare per creare fino a 30 tonnellate di idrogeno liquido al giorno. Lo sviluppatore Apex ritiene che questo sia il primo e il più grande impianto di idrogeno a energia eolica negli Stati Uniti

C’è stato molto ronzio sull’idrogeno verde, il processo di scissione dell’acqua in idrogeno e ossigeno attraverso l’elettrolisi alimentata da energia rinnovabile. L’idrogeno verde è un combustibile veramente pulito che ha il potenziale per sbloccare alcune delle sfide più difficili della decarbonizzazione, tra cui la decarbonizzazione dei processi industriali e la fornitura di stoccaggio di energia stagionale.

Questo accordo Plug Power segna il primo contratto di approvvigionamento registrato nel Clean Energy Deal Tracker che utilizza un PPA specifico per la produzione di idrogeno verde. La società afferma che fornirà quindi celle a combustibile e infrastrutture di rifornimento a società come Walmart e Amazon, che utilizzano carrelli elevatori alimentati a idrogeno nei loro centri di distribuzione.

In caso di successo, questo accordo potrebbe contribuire a stimolare il nascente mercato dell’idrogeno verde. Se grandi clienti come Plug Power possono finanziare progetti di energia pulita per la produzione di idrogeno e trovare acquirenti per la sua produzione, più compagnie energetiche potrebbero seguire l’esempio.

McDonald’s, eBay portano le energie rinnovabili in Louisiana

Questo trimestre, McDonald’s ed eBay hanno siglato un accordo per acquisire 345 MW di solare in Louisiana da quello che dovrebbe essere il più grande progetto solare dello stato.

L’accordo è notevole in quanto sta portando il solare in uno stato che ha relativamente poco sviluppo storico delle energie rinnovabili. La Solar Energy Industries Association (SEIA) prevede che lo stato installerà solo 934 MW di solare nei prossimi cinque anni, collocandolo nel terzo inferiore degli stati per capacità solare. Una volta completato, il progetto rappresenterebbe un aumento di quasi il 200 percento della capacità totale installata dello stato.

I benefici economici associati al progetto possono aiutare a far ripartire il settore anemico delle energie rinnovabili in Louisiana. Il nuovo progetto solare, il cui completamento è previsto per il 2023, dovrebbe essere un vantaggio per l’economia locale, creando circa 400 posti di lavoro e generando un aumento di 30 milioni di dollari per Pointe Coupee Parish, dove sarà situato il progetto, secondo le società.

Gli appalti aziendali sono stati a lungo citati come un catalizzatore per portare più energia rinnovabile in più luoghi, e questo è certamente vero in Louisiana. Diversi grandi rivenditori sono passati al solare nello stato, tra cui Abita Brewing, Whole Foods e Walmart, secondo SEIA.

[Want to learn more about the clean energy transition? Check out VERGE Energy, part of the VERGE 21 online event, Oct. 25-28.]

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI