lunedì, Dicembre 6, 2021
HomeAmbienteUn passo avanti verso l'abbandono della nostra abitudine ai combustibili fossili

Un passo avanti verso l'abbandono della nostra abitudine ai combustibili fossili

L'approvazione federale del primo progetto eolico offshore su scala industriale nelle acque degli Stati Uniti, Vineyard Wind I, è un'importante pietra miliare nel viaggio eolico offshore americano. Il Record of Decision (ROD) del mese scorso per l'impianto da 800 MW a sud di Cape Cod ci avvicina di un passo all'eliminazione della nostra abitudine ai combustibili fossili e ad abbracciare il futuro dell'energia pulita di cui abbiamo bisogno.

Ed è solo l'inizio. NRDC raramente prende posizione su specifici progetti di energia rinnovabile, e non lo stiamo facendo qui. Con Vineyard Wind I c'è molto da festeggiare e anche molto lavoro da fare. Abbiamo bisogno di questo progetto e di molti altri simili, e abbiamo bisogno delle misure corrette in atto per proteggere la vita marina. Dobbiamo continuare a migliorare il modo in cui posizioniamo, costruiamo e gestiamo l'eolico offshore in modo da massimizzare i benefici e ridurre al minimo gli impatti sia per questo progetto storico che per i numerosi progetti in arrivo.

Celebriamo l'annuncio dell'approvazione di Vineyard Wind I come un grande passo per una nuova importante industria che promette aria più sana priva di mercurio e altri inquinanti, oltre a migliaia di posti di lavoro ben retribuiti nel settore dell'energia pulita. L'amministrazione Biden si è impegnata a supportare 30 GW di energia eolica offshore entro il 2030 con l'obiettivo di creare decine di migliaia di posti di lavoro lungo il percorso e sbloccare un percorso verso 110 GW entro il 2050. Vineyard Wind I sposta questa visione verso la realtà.

Vineyard Wind fornirà una serie di benefici per la giustizia climatica, tra cui elettricità sufficiente per alimentare circa 400.000 case senza produrre alcun inquinamento atmosferico. Sono 1,68 milioni di tonnellate di anidride carbonica che non si aggiungeranno alla crisi climatica ogni anno, l'equivalente di togliere 325.000 auto dalla strada. Il progetto creerà circa 3.600 anni di occupazione a tempo pieno. Molti di questi lavori saranno sindacali e locali, con particolare attenzione alla diversità e all'inclusione. Vineyard Wind sta inoltre investendo 27 milioni di dollari nello sviluppo della catena di approvvigionamento locale e dei porti, nella formazione professionale e in progetti energetici a basso reddito e resilienti.

Il progetto creerà circa 3.600 anni di occupazione a tempo pieno. Molti di questi lavori saranno sindacali e locali, con particolare attenzione alla diversità e all'inclusione.

Sebbene questi vantaggi del progetto siano innegabili ed entusiasmanti, è anche fondamentale assicurarsi che l'energia eolica offshore avanzi in modo compatibile con gli ecosistemi oceanici sani. Apprezziamo la costante volontà di Vineyard Wind di lavorare con le parti interessate e di aiutare a sviluppare soluzioni alle preoccupazioni ambientali. Il ROD Vineyard Wind richiede un lungo elenco di misure di mitigazione ambientale volte a evitare, minimizzare e attenuare gli impatti e monitorare la costruzione e le operazioni, tra cui:

  • Utilizzo dell'illuminazione a rilevamento automatico, che accende le luci sulla parte superiore delle turbine solo quando gli aerei sono nelle vicinanze. Un primo per l'eolico offshore, questo sistema riduce l'uso delle luci dell'aviazione di oltre il 99,9 percento, impedendo alle luci di attirare uccelli o pipistrelli.
  • Per aiutare a proteggere il piviere, il verbale di decisione limita anche i periodi dell'anno in cui la costruzione può avvenire in cui i cavi del progetto arrivano a terra. Per aiutare a proteggere i pipistrelli, c'è una restrizione simile sulla costruzione dell'altopiano.
  • Evitare il transito attraverso aree di aggregazioni visibili di meduse o vegetazione galleggiante in estate e in autunno per garantire che le tartarughe marine che potrebbero nutrirsi in queste aree rimangano illese.
  • Ampio monitoraggio pre e post costruzione per una serie di specie.

Proteggere la balena franca nordatlantica

L'NRDC si è particolarmente concentrato sull'assicurare la massima protezione possibile per la balena franca nordatlantica, una specie sentinella in pericolo di estinzione, che funge da banderuola per l'ecosistema nel suo insieme. Crediamo che solo circa 356 di questi maestosi animali siano rimasti in vita, una correzione precipitosa rispetto a una popolazione stimata di 409 balene poco più di un anno fa. Ci sono reali preoccupazioni che nessuna femmina possa essere lasciata nei prossimi 10 o 20 anni.

Per salvare questa specie iconica, dobbiamo agire ora. Viaggiare a una velocità di 10 nodi o meno riduce la probabilità che una balena venga gravemente ferita o uccisa se viene colpita da un'imbarcazione e concede più tempo al capitano dell'imbarcazione per reagire a un avvistamento di balena. Dobbiamo anche ridurre il rumore proveniente da attività come la battitura dei pali. Le balene franche devono poter nutrirsi indisturbate se la specie deve sopravvivere, e il rumore forte dell'installazione delle fondamenta delle turbine potrebbe farle mangiare di meno o fuggire da questa importante area di alimentazione.

NRDC ha lavorato con Vineyard Wind, National Wildlife Foundation e Conservation Law Foundation per aiutare a garantire misure di mitigazione significative nel ROD che aiuteranno a proteggere le balene franche, tra cui:

  • Vietare la guida su pali da dicembre ad aprile, il periodo di tempo in cui è probabile che le balene siano presenti in maggior numero.
  • Osservare attivamente le balene franche attraverso l'uso combinato di osservatori visivi e monitoraggio acustico per rilevare se le balene franche si trovano vicino all'area di costruzione, iniziando la guida su pali solo quando c'è una chiara visibilità e interrompendo il lavoro se vengono rilevate balene franche.

Queste sono misure importanti e dobbiamo fare di più. Con la migliore scienza disponibile che indica un minor numero di balene e che le acque in tutto il Rhode Island/Massachusetts e le aree di energia eolica del Massachusetts sono un habitat fondamentale per il foraggiamento delle balene franche del Nord Atlantico tutto l'anno, abbiamo riesaminato il livello di protezione necessario. Dati recenti mostrano una presenza quasi costante di balene franche nell'area del progetto e nelle acque circostanti. Ciò rende le restrizioni temporali solo una parte della soluzione e indica la necessità di restrizioni più rigorose sulla velocità delle navi e sul rumore. Lavoreremo per assicurarci di costruire dal ROD a:

  • Assicurati che le balene non siano nelle vicinanze prima che inizi il rumore aumentando l'area di ingombro visivo fino al punto in cui è meno probabile che il rumore del battipalo disturbi le balene franche dal foraggiamento. Con un'attenuazione acustica pianificata di 12 dB, questa area di distanza visiva dovrebbe essere ad almeno 3,1 miglia fuori dal sito di battitura. Questo può essere difficile con il tempo e dobbiamo essere innovativi per trovare modi per raggiungere questo livello di protezione. Un modo è ridurre ulteriormente il rumore della battitura. Man mano che si ottiene una maggiore attenuazione del rumore, le zone richieste nel ROD diventano più protettive.
  • Fino a quando non saremo in grado di rilevare le balene e ridurre il rischio di collisione delle navi in ​​tempo reale, dobbiamo mantenere la velocità delle navi per tutte le barche in acqua a 10 nodi o meno. L'ROD richiede velocità della nave di 10 nodi o meno durante determinati periodi dell'anno. Il piano di costruzione e operazioni della società propone di utilizzare elicotteri durante l'operazione a lungo termine del progetto, il che ridurrebbe significativamente il numero di viaggi delle navi da e verso il porto al sito del progetto. Sfortunatamente, le balene franche non possono resistere nemmeno a un singolo attacco di una nave all'anno da qualsiasi imbarcazione che operi in qualsiasi parte dell'acqua se la specie deve sopravvivere. Ci sono altre interessanti opzioni per l'industria per ridurre il numero e la velocità dei viaggi delle navi e esamineremo l'imminente autorizzazione alle molestie accidentali del governo sul progetto per maggiori dettagli su come viene affrontata la velocità delle navi e l'evitare le balene.

Questa nuova industria deve essere avviata con solide garanzie che creeranno supporto e una base di fiducia.

Vineyard Wind sta investendo nello sviluppo tecnologico, collaborando con Greentown Labs e il Massachusetts Clean Energy Center per far progredire una tecnologia di monitoraggio quasi in tempo reale per i mammiferi marini per allertare gli operatori nell'area della presenza di balene franche del Nord Atlantico e altre specie protette e consentire il tempo per incorporare più misure protettive, se necessario. NRDC osserverà questo da vicino per vedere i suoi potenziali benefici. Stiamo anche lavorando con tutte le parti – agenzie, industria, stati – per garantire basse velocità e le forti misure necessarie per proteggere la balena franca nordatlantica in pericolo di estinzione, alla luce del crescente tasso di declino della specie e delle mutevoli condizioni oceaniche. Vogliamo che questa nuova industria si avvii con ferma fiducia nelle misure adottate. Avere solide garanzie creerà supporto e una base di fiducia per questo settore.

Questo è l'inizio di una nuova entusiasmante industria e, per mantenere la sua piena promessa, dobbiamo continuare a lavorare insieme per garantire che avanzi in armonia con un ambiente marino prezioso e vulnerabile.

Questo post è apparso originariamente sull'Expert Blog di NRDC.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI