giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Amore e Passione Abbasso i preliminari

Abbasso i preliminari

Non dire preliminari. Smettila di chiamarlo così. Pensa a questa parola, PRELIMINARI: gioca prima. Prima di cosa esattamente? Se rispondi “prima del sesso”, pensaci per un minuto. Molte persone eterosessuali usano la parola “sesso” per indicare un rapporto sessuale. Il sessanta percento degli studenti universitari afferma di non aver fatto sesso se non includeva il singolo atto di rapporto, anche se potrebbero essersi spogliati, strofinato i corpi insieme, messo genitali in bocca, avuto orgasmi – ogni sorta di sesso attività che, tra l’altro, costituisce l’intero comportamento sessuale delle persone LGBTQ, ma continuano a dire di non aver fatto sesso.

Il sito web medico WebMD nella sua pagina sui preliminari dice in realtà “Puoi pensarlo come il riscaldamento per l’evento principale”. Quindi, WebMD dice che il rapporto sessuale è l’evento principale! Ma il rapporto non è il modo in cui la maggior parte delle donne raggiunge l’orgasmo in modo più affidabile. Potrebbe essere l’evento principale per chi ha il pene, ma chi ha la vagina dovrebbe stare attento a fare sesso con persone che pensano che tutte le cose che danno loro il massimo piacere siano secondarie al loro piacere “evento principale”. Sei solo la banda di backup: stimolazione clitoride

Definire “preliminari” l’attività sessuale senza rapporti è come chiamare “cibo” un pasto di 5 portate deliziosamente preparato.

Nella mia installazione interattiva, il Graphic Sex Project, chiedo alle persone di creare “grafici” di una buona esperienza sessuale. È un po’ come il loro copione sessuale, solo più nerd. Eccone uno:

Dopo un periodo di “preliminari” indefiniti, hanno un rapporto sessuale che culmina nell’orgasmo, anche se non dice per chi. Nella nostra analisi dei grafici del Graphic Sex Project, abbiamo dovuto fare un’intera categoria solo per la parola preliminari: 41 usi in 207 grafici realizzati da eterosessuali. Perchè importa? Perché le parole contano. È come l’idea che gli Inuit abbiano 50 parole per la neve… le persone tendono ad avere molte parole per le cose che sono importanti per loro. La varietà delle parole ti permette di pensare più profondamente a quella cosa, di parlarne con più sottigliezza, di percepire le differenze. Parlando alle donne qui: se usi solo la parola “preliminari” per indicare tutte le cose che ti danno più piacere, allora stai limitando la tua capacità di parlare e pensare a ciò che vuoi. Per parlare davvero del sesso orale, ad esempio, vuoi essere in grado di parlarne come qualcosa con lo stesso valore del rapporto sessuale, non solo come un riscaldamento. Tutta l’attività sessuale ha uguale valore, tutto è capace di dare piacere.

Forse a volte potresti voler fare solo sesso orale senza rapporti sessuali, ma la parola “preliminari” porta con sé l’assunto non solo che l’episodio sessuale includerà rapporti sessuali, ma che accadrà in un ordine particolare. È così limitante. Chiamarlo “preliminari” lo fa sembrare qualcosa di superfluo, meno importante. Implica che la cosa che è prima accadrà innegabilmente. Se stai pensando che la cosa A sia “prima” della cosa B, allora la cosa B ovviamente accadrà, o perché dovresti chiamare la cosa A “prima?”

Chiamare tutte le altre cose “preliminari” è come dire a un bambino “devi cenare prima di prendere il dessert”. Non puoi dire che dopo che ha cenato, oh ehi, in realtà quello era l’evento principale. Nessun dolce. Si chiama esca e interruttore. Quindi, se dici a un partner, “Vorrei dei preliminari”, sei piuttosto vago, e in un certo senso prometti che il rapporto avrà luogo. Considerando che se dici: “Vorrei che mi stringessi il seno e mi succhi i capezzoli, oltre a strofinarmi l’orecchio e baciarmi profondamente mentre spingi il tuo corpo contro il mio, allora vorrei una stimolazione orale e manuale del mio clitoride”, non solo hai espresso più chiaramente i tuoi desideri, ma il rapporto sessuale può o non può avvenire, dipende interamente dai desideri comuni di te e del tuo partner.

Sia chiaro: è assolutamente importante che se si hanno rapporti vaginali, la maggior parte delle persone con la vagina ha bisogno, desidera e desidera che avvengano altre attività eccitanti prima dell’inserimento di un pene nella suddetta vagina. Questo è indiscutibile e speriamo che stiamo tutti lavorando da quella base di conoscenza di base. MA! E se a volte non volessi quel particolare atto sessuale? Usare la parola preliminari mette le persone nella stessa posizione di quel ragazzo a cena. Abbiamo fatto tutti quei preliminari, ora la cosa che tutte quelle cose dovrebbero essere prima che “deve” accadere.

Il rapporto è bello, a molte persone piace. Ma non è una parte necessaria del sesso. Non è per le persone gay e lesbiche, le persone queer, le persone a cui non piacciono i rapporti sessuali, le persone le cui vagine sono temporaneamente o permanentemente fuori uso, o le persone che sono perfettamente soddisfatte di tutte le cose che sono appena successe e ora si sentono come una ciotola di gelato.

Quanto al rapporto, perché relegarlo solo a prima? Che ne dici di cambiare il copione e, a volte, avere rapporti sessuali e poi stimolazione orale e manuale? Per favore, non chiamarlo “post-play!”

Foto di copertina di Pexels

Ti è piaciuto questo articolo? Condividere

Copia link

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI