venerdì, Settembre 24, 2021
Home Amore e Passione Conversazioni con Tushar Tyagi: relazione, amore e cinema

Conversazioni con Tushar Tyagi: relazione, amore e cinema

Le rappresentazioni giocano un ruolo fondamentale nel rompere gli stereotipi presenti intorno a noi. Aiutano a curare e costruire conversazioni. Il cinema è uno di questi mezzi che può aiutarci a creare una visione chiara della vita. Tuttavia, solo pochissime persone considerano il cinema sotto questa luce e Tushar Tyagi è uno di questi.

Di recente, abbiamo avuto una conversazione con Tushar Tyagi, un regista, produttore e imprenditore pluripremiato. Attraverso la nostra discussione, Tushar ci ha guidato attraverso le sfumature del cinema e come hanno una profonda connessione nella costruzione di relazioni. Tushar ha condiviso con noi le sue prospettive su sesso, sessualità e relazione. Ecco un estratto dell'intervista che abbiamo avuto con lui.

Cosa ne pensi della rappresentazione del sesso e della sessualità nel cinema indiano?

I registi indipendenti stanno facendo molti sforzi consapevoli. Mostrano competenza nel dare la narrazione corretta al sesso e alla sessualità.

Prima dell'avvento degli OTT, i registi e gli artisti non avevano la libertà di mostrare scene intime nel modo in cui volevano mostrare. Le piattaforme OTT danno molta più libertà ai registi di esplorare le scene intime nel modo in cui vogliono raccontarle o vederle nella loro visione.

La sessualità, tuttavia, viene spesso stereotipata. Ci sono così tanti personaggi e film queer in India e nel mondo. Ma ci sono casi di persone etero che scrivono storie LGBTQI+, senza avere esperienza di appartenere alla comunità. Anche in India succede, e porta a stereotipi della sessualità.

Nei tuoi lavori come Dietro l'occhio della donna, ti sei concentrato su come una donna si sforza di trovare il vero significato dell'amore nella sua vita. Come pensi che le persone possano riaccendere l'amore e mantenere vivo il fuoco nelle loro relazioni?

L'amore richiede molto rispetto. L'amore è qualcosa che deve essere una strada a doppio senso. Entrambi i partner devono capirlo quando devono essere il palcoscenico per l'esibizione di un altro partner. E devono sapere quando l'altro partner deve essere il palcoscenico o la piattaforma per l'esibizione di un altro.

Richiede molto amore, rispetto e comprensione. Ognuno viene con il suo bagaglio, e dobbiamo capirlo e dare rispetto e spazio. Quando si tratta di mantenere vivo il fuoco in India, molte persone continuano a vergognarsene. C'è una mentalità in cui le persone dopo i 45 anni devono svanire o spegnere il fuoco.

Attraverso il tuo cortometraggio "Saving Chintu" ti sei concentrato sulle complessità emotive affrontate da una coppia gay durante l'adozione di un bambino. Quindi, come pensi che possiamo supportare la comunità LGBTQIA+ in India?

Semplicemente creando un ecosistema sicuro. Viviamo in un paese e potrei finire nei guai se affermo che, come paese, non abbiamo creato un ecosistema sicuro in cui le persone possano essere se stesse. Non abbiamo creato quello spazio. Le persone non capiscono che questo cosmo è così grande che se creiamo spazio affinché le persone LGBTQIA+ si sentano a proprio agio, non si prende lo spazio della vita di altre persone.

Per creare spazio, dobbiamo parlare molto. Non ne parliamo perché molte persone se ne vergognano. Ma più parliamo di qualcosa, più creiamo consapevolezza. Entra solo nella psiche che è normale.

Qual è la tua speranza per un futuro sessualmente positivo nel paese?

Veniamo dalla terra di Kamasutra. Abbiamo così tante belle statue che predicono il Kamasutra. Nei nostri Veda parliamo del Kama.

Penso di voler vivere in un futuro, dove è una cosa normale all'interno di una stanza. Voglio solo vivere in uno spazio in cui parlare di sesso è normalizzato nella società e il senso di colpa e la vergogna non sono collegati ad esso.

Come pensi, dal punto di vista di un regista, che possiamo superare la mancanza di rappresentazione del benessere sessuale nei film?

Come regista, mi piace attingere ad argomenti che non sono mai stati fatti prima o fatti in un modo molto stereotipato. Abbiamo bisogno di fare film che affrontino questo tipo di questioni con sensibilità. Questo è un altro motivo per cui faccio parte di questo workshop. In modo che io sia consapevole di ciò che sta accadendo intorno a me e di ciò con cui le persone hanno a che fare. Penso che parlarne con sensibilità cambierà molte cose.

Ora le linee stanno diventando molto sfocate. Anche il cinema mainstream viene distribuito su piattaforme OTT. Molti nuovi arrivati, persone con una nuova prospettiva, visioni fresche e audaci stanno ottenendo opportunità. In un paio d'anni, vedrai molte cose cambiare perché i millennial con una visione audace di ciò che rappresentano stanno arrivando senza scuse. Stanno ottenendo opportunità e le stanno sfruttando. Sono la voce del mondo di oggi nel modo più autentico.

In che modo i creator possono sviluppare un luogo migliore per costruire conversazioni e sviluppare relazioni?

Penso che quello che state facendo sia un'iniziativa in tal senso. La conversazione è l'ancora di salvezza di tutto. È solo che non lo riconosciamo. Non ci piace pensare o sederci sopra.

Penso che la cosa migliore sarà creare gruppi come questi.

Ora puoi semplicemente sederti a casa tua e parlare della tua esperienza e delle tue vulnerabilità. Puoi ascoltare anche gli altri. È solo ora che tutto è davanti al nostro tavolo, dobbiamo solo allungare la mano.

Perché vorresti far parte del workshop "Light My Fire?"

È molto diverso. Non ho mai visto un concetto come questo provenire dall'India. Essendo un regista, cerco sempre storie, giusto? Le cose che non ho vissuto o di cui non ho fatto parte mi attraggono sempre. Potrebbero esserci così tante storie di ciò che capisco, e ci sarebbero molte persone che sarebbero impegnate in conversazioni, raccontando le loro storie. Quindi, non sai da dove potrebbe venire l'ispirazione.

Come regista, il mio unico scopo per essere su questo pianeta è trovare ispirazione, raccontare storie e tutto ciò che può innescare l'ispirazione. Quindi, è una grande opportunità per me.

Qui, potresti ascoltare così tante storie di vita di persone che si sono semplicemente dirette verso un argomento particolare. Potrebbe esserci molta ispirazione. Quindi, sì, sono molto entusiasta di farne parte.

Qual è il tuo messaggio al nostro pubblico su Light My Fire?

Se voi ragazzi avete spento il fuoco, consciamente o inconsciamente, dobbiamo mantenere vivo il fuoco finché non vivremo. E se non sai come farlo, partecipa alla sessione e scoprilo. Alcune persone potrebbero aver spento il fuoco per anni. Mettiamoci dentro un po' di olio di cherosene e facciamo esplodere!

Registrati ora e preparati a riaccendere il fuoco nella tua relazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividere

Copia link

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI