Kink vs Fetish: i miei pensieri

0
56

4 Thoughts ci ha chiesto di pensare a Kink vs Fetish questa settimana e volevo essere coinvolto.

L'argomento kink vs fetish è uno che mi viene in mente ogni volta che accedo a FetLife e vedo che qualcuno ha aggiunto un nuovo feticcio. Mi frustra che uno dei più grandi social network BDSM abbia preso una parola e l'abbia distorta per creare un'intestazione attraente. Ok, come scrittore potrei essere accusato anch'io di questo a volte, ma c'è la licenza artistica e poi c'è la banalizzazione dei bisogni di qualcun altro.

Prima di finire in un post sconclusionato sui miei pensieri su kink e fetish, voglio assicurarmi di avere le mie definizioni corrette.

Dictionary.com descrive kink come

Gergo.

preferenze o comportamenti sessuali bizzarri o non convenzionali.

e il Merriam-Webster definisce il feticcio come:

un oggetto o una parte del corpo la cui presenza reale o immaginaria è psicologicamente necessaria per la gratificazione sessuale e che è oggetto di fissazione nella misura in cui può interferire con la completa espressione sessuale

Questo sembra combaciare con i miei pensieri che un nodo è una scelta, il feticcio è un bisogno.

La mia comprensione è ed è sempre stata, che mentre un nodo può essere un'aggiunta meravigliosa a una scena, non è tutto e tutto. Quando è incluso nel gioco, è un'ottima aggiunta, ma se non è incluso, non mancherà. Beh, non a scapito della scena del gioco. Tuttavia, credo che un feticcio sia necessario affinché il feticista raggiunga la realizzazione. Se non è incluso, la soddisfazione non è garantita.

Cosa significa kink per me?

Come sapranno i lettori abituali del mio blog, amo la corda. Mi piace giocare e costituisce una parte importante del mio stile di vita perverso. Essere legato con le corde dal Signore era impresso nella mia mente. Non potevo lasciarlo da solo, quindi ho imparato a legarmi. Questo mi ha dato la fiducia necessaria per legare gli altri e successivamente mi ha portato a costruire delle belle amicizie. Ho anche avuto l'opportunità di condividere ciò che ho imparato e supportare gli amici nell'acquisizione delle loro competenze.

È presente anche nel mio mondo vaniglia, proprio l'altro giorno stavo aiutando SWL a creare un appendiabiti per piante, usando trame e intoppi che ho usato solo nel gioco della corda. E se faccio una lunga passeggiata, da solo o con Loki, arriva anche la corda. Dicendo che sono abbastanza felice di andare in giro senza includere quelle matasse di bellezza. In effetti, quando non sto legando non bramo la sensazione. Sì, lo adoro e mi godo molto lo spazio per le corde quando arrivo lì, ma… Ci possono essere momenti in cui sono deluso di non essere legato (quando il signore lo usa per il controllo) ma è comunque un'aggiunta gradita piuttosto che necessaria inclusione.

Allora, che dire del feticcio? Ne ho uno?

Non ho mai creduto di avere un vero feticcio. Qualcosa di cui ho bisogno in gioco, che mi rattristi quando non è coinvolto e che è intrinsecamente legato alla mia eccitazione sessuale. Ho amici che sono feticisti del lattice e vedo la spinta che hanno nel soddisfare i loro bisogni sessuali. Ma poi ho capito che ho qualcosa che si adatta a questo. Ho condiviso in precedenza che sono un masochista. Il dolore alimenta i miei fuochi. Non deve essere molto, ma trovo che gli orgasmi siano molto più soddisfacenti se è coinvolto il dolore. Sì, posso raggiungere l'orgasmo senza, ma può farlo anche il mio principale amico feticista del lattice. Lui e sua moglie si godono il loro matrimonio al massimo, ma a lei non piace la gomma.

Fin dal mio primo paingasm mi sono divertito ad esplorare i limiti del mio dolore.

Ho scoperto che il mio masochismo può essere separato dalla mia sottomissione (deve essere necessario!). Inoltre, senza un intenso input sensoriale (gioco del dolore) di solito posso arrivare a circa sei settimane prima che i brontolii e le voglie si manifestino. Il signore fa un lavoro straordinario di incaricandomi di grattarmi quel prurito, ma quando è via devo cavarmela da solo. Prima che lo capissi (5 anni fa) si sono presi dei rischi per soddisfare queste esigenze che non capivo. Tuttavia, poiché ho fatto amicizia con la mia comunità kink locale, ho sbocchi platonici per questo.

Corro anche io, tanto. Mi ci è voluto molto tempo per rendermi conto che la corsa mi aiutava a soddisfare alcuni dei miei bisogni di dolore. Quella realizzazione è avvenuta a metà di una mezza maratona collinare 15 mesi dopo che il signore mi ha incaricato di tornare là fuori. Un dolore totalmente inaspettato mentre superavo una grande collina e scendevo lungo un sentiero collinare. Uno sbocco totalmente vanigliato per un feticcio oscuro.

E ho le capacità per creare il mio disagio… una corda sadica per esempio. Godendo il mio nodo per soddisfare il mio feticcio.

Tornando al tema della corda, del dolore e del nodo contro il feticcio… Se lego qualcuno mi diverto, ma se lego qualcuno e mi è permesso tormentarlo in qualche modo usando il dolore… questo porta a una sessione di gioco molto più divertente per me. Forse sono un sadomasochista? Probabilmente è pensato per un altro giorno però…

E cosa è successo quando stavo sistemando i miei preferiti di X-Hamster…

Ho fatto una scoperta interessante che supporta i miei pensieri su kink vs fetish.

Ho una vasta e variegata collezione di video, ma ce ne sono solo due in cui la corda è l'obiettivo principale. Funzionano solo perché sono situazioni dolorose. Sapete cosa costituisce la totalità della mia cartella "Guaranteed Climax"? Bella sofferenza. Per lo più FF, penso che potrebbe essere perché mi piace dare dolore quasi quanto ricevere, quindi posso mettermi in entrambi i punti. I livelli di dolore variano e il modo in cui viene erogato, ma è una caratteristica. E uno che si fa strada attraverso probabilmente l'80% della mia visione scelta.

Sono stato fortunato a poter mettere alla prova questa teoria lo scorso fine settimana. Un viaggio per vedere SWL ha portato a un gioco di corde e cera.

La corda è stata piacevole ma la colata di cera calda… che ha reso la mia serata.

Postato originariamente su Un atto di fede.

Foto di copertina di Pexels

Ti è piaciuto questo articolo? Condividere

Copia link