giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Benessere Diete 5 alimenti che dovresti aggiungere alla tua dieta nel 2015

5 alimenti che dovresti aggiungere alla tua dieta nel 2015

Hai deciso di apportare modifiche alla tua dieta nel 2015? Anche se non siamo grandi fan dei buoni propositi per l'anno nuovo, crediamo nei cambiamenti, specialmente in ciò che mangiamo. Provare nuovi cibi è un ottimo modo per ottenere più vitamine, minerali e antiossidanti e prevenire la noia. Se mangi le stesse cose giorno dopo giorno, probabilmente sei in una routine alimentare e hai maggiori probabilità di saltare dalla nave che mangia le cose pulite e sull'autostrada del cibo spazzatura. Le nostre scelte per gli alimenti che dovresti aggiungere alla tua dieta quest'anno ti daranno energia, rafforzeranno le tue difese immunitarie e ti faranno tornare per averne di più.

Se ti piace il tè verde, adorerai il matcha. Il tè Matcha è un tè verde di alta qualità che viene coperto prima della raccolta per accentuare il colore, quindi macinato a pietra dopo essere stato raccolto e sigillato in piccole lattine. È ricco di aminoacido L-teanina, che ha dimostrato di favorire il rilassamento e il sonno. Oltre a fornire oligoelementi e vitamine (complesso A, B, C, E e K), il matcha è ricco di polifenoli di catechina, il più importante dei quali è l'epigallocatechina gallato (EGCG). Questi polifenoli offrono protezione contro molte forme di cancro, riducono il rischio cardiovascolare, stabilizzano i livelli di zucchero nel sangue e riducono la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo. Gli studi hanno dimostrato che l'EGCG può aiutare ad aumentare il consumo di calorie e aiutare il corpo a utilizzare il grasso corporeo immagazzinato come fonte di energia. Il matcha può essere usato come tè o aggiunto a frullati e prodotti da forno.

Il burro chiarificato è un olio di colore dorato che deriva dall'ebollizione o dalla bollitura del burro non salato e quindi dalla scrematura dei solidi e delle impurità fino a quando rimane un grasso chiaro. Conosciuto anche come burro chiarificato, il burro chiarificato è comunemente usato nella cucina tradizionale indiana ed è una parte vitale della medicina ayurvedica. Sebbene sia ricco di grassi saturi, il burro chiarificato contiene anche butirrato, un acido grasso a catena corta che può ridurre l'infiammazione e migliorare il funzionamento dell'apparato digerente. È anche ben tollerato da persone con allergia ai latticini o intolleranza al lattosio, poiché i solidi del latte vengono rimossi durante il processo di cottura. Il burro chiarificato può essere utilizzato anche su pelle e capelli asciutti o applicato sulla pelle bruciata. È ricco di vitamine A e D e di acido linolenico coniugato con acidi grassi essenziali (CLA), se preparato da mucche allevate ad erba. Il burro chiarificato è molto saporito, quindi prova a usarlo sulle verdure o al posto dell'olio quando tosti le noci o i popcorn.

Il brodo di ossa è stato usato per secoli come rimedio per un sistema digestivo malato. Molti esperti ritengono che un intestino malsano o "che perde" sia correlato a tutta una serie di disturbi, tra cui infiammazioni, allergie, condizioni autoimmuni e disturbi neurologici. Il collagene presente nel brodo osseo agisce per lenire il rivestimento dell'intestino, permettendogli di guarire. È anche un ottimo rimedio quando hai il raffreddore o l'influenza poiché il brodo può reidratarti fornendo anche antiossidanti dalle verdure e dalle erbe. Il brodo di ossa è semplice da preparare e si conserva in frigorifero per qualche giorno. Oppure puoi dividerlo in piccole quantità e conservarlo nel congelatore per un uso futuro. Vuoi usare ossa che producono più gelatina, come zampe di pollo o maiale e ossa articolari. Aggiungere le ossa a una pentola o a una pentola a cottura lenta con verdure (carote, cipolla, aglio, sedano), erbe aromatiche fresche (rosmarino, origano, timo hanno proprietà antivirali) e coprire con acqua. L'aggiunta di una piccola quantità di aceto aiuterà a lisciviare i minerali dalle ossa. Portare a bollore e poi ridurre a fuoco lento; lasciare cuocere il brodo per più ore possibili. Più lungo è il tempo di cottura, più nutrimento e collagene verranno rilasciati dalle ossa. Assicurati di scegliere ossa da animali allevati biologicamente.

Il miso è una pasta di soia fermentata che è cresciuta in popolarità sia nel mondo dei buongustai che in quello della salute naturale. Chef e buongustai lo adorano per le sue proprietà umami. Umami è il quinto gusto (oltre a dolce, salato, acido e amaro) e si traduce vagamente in "terroso". Ci piace dire che è ciò che ti fa dire "mmmm" dopo aver mangiato qualcosa. La pasta di miso è disponibile in diversi colori, dal giallo paglierino al rosso scuro/marrone, a seconda della durata della fermentazione. I fornitori di salute naturale amano il miso perché è un alimento fermentato, che fornisce probiotici al tratto digestivo e rafforza il sistema immunitario. Il miso può essere mescolato in acqua calda o brodo per fare una zuppa, spalmato su pane o cracker o trasformato in un condimento o una marinata.

Spostati sulla quinoa, ecco che arriva l'amaranto. Sebbene sia spesso considerato un cereale, l'amaranto è in realtà un seme, il che lo rende una proteina completa e ricca di fibre. Simile alla quinoa, anche l'amaranto ha una lunga storia e proprietà speciali. Un alimento base delle civiltà Inca, Maya e Azteca, questo parente di spinaci, barbabietole e bietole di 8.000 anni è stato mangiato dai reali aztechi perché credevano che avesse proprietà magiche e avrebbe dato loro una forza incredibile. Sia il seme che le foglie della pianta di amaranto sono ampiamente utilizzati. L'amaranto è anche ricco di proteine, più alte della quinoa, e dell'aminoacido lisina. È una buona fonte di folato, colina, ferro, magnesio, fosforo, manganese e ftiosterolo e vanta uno dei più alti contenuti di fibre di tutti i cereali. Come la quinoa, è priva di glutine e a basso indice glicemico e bilancia di carico. L'amaranto può essere usato a qualsiasi pasto: pensa all'amaranto cotto caldo invece della farina d'avena per colazione, o al posto del riso in un piatto di riso fritto o pilaf di riso per pranzo o cena. Può anche essere fatto scoppiare sul fornello come i popcorn (tranne che sono davvero piccoli); utilizzare l'amaranto raffreddato e spuntato come cereale freddo con un po' di latte di mandorle o anacardi.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI