domenica, Novembre 28, 2021
Home Benessere Diete C'è una differenza nutrizionale tra cibi freschi e in scatola?

C’è una differenza nutrizionale tra cibi freschi e in scatola?

Frutta e verdura sono alimenti salutari ricchi di nutrienti e ipocalorici che aiutano a ottimizzare la salute e il benessere, compreso il controllo del peso e la prevenzione delle malattie. Nonostante i loro numerosi benefici consolidati, l’americano medio mangia troppa poca frutta e verdura ogni giorno, e la maggior parte delle persone non si avvicina minimamente alle porzioni giornaliere raccomandate da cinque a nove.

Chiaramente, c’è una disconnessione tra ciò che le persone sanno essere meglio per i loro corpi e ciò che mangiano effettivamente. Nel tentativo di incoraggiare le persone a mangiare più frutta e verdura, il governo federale, attraverso le sue linee guida dietetiche, incoraggia gli americani a mangiare semplicemente più frutta e verdura, indipendentemente dal fatto che siano fresche, congelate o in scatola.

Per molte persone, i cibi in scatola hanno un fascino speciale. Sono economici, resistenti e facilmente disponibili tutto l’anno. Una famiglia con un budget limitato, quella che si trova in un’area geografica dove il cibo fresco non è prodotto localmente, o una che ha semplicemente fame di frutta, verdura o legumi “fuori stagione” può contare su cibi in scatola per riempire il vuoto. Ma spesso sorge la domanda: i cibi in scatola sono buoni per te quanto le loro controparti fresche?

I prodotti destinati all’inscatolamento vengono raccolti al loro picco di maturazione, conferendogli il massimo sapore e valore nutritivo. Questo è in contrasto con molti frutti e verdure fresche che vengono raccolte solo quando iniziano a maturare in modo che non si rovinino durante il loro viaggio di diversi giorni attraverso il paese, o talvolta anche attraverso diversi continenti.

Per prevenire il deterioramento e le malattie di origine alimentare, gli alimenti in scatola vengono sbollentati a temperature molto elevate per uccidere tutti i batteri, le spore e altri germi presenti negli alimenti. Gli alimenti altamente acidi come i pomodori e molti frutti ospitano pochi microrganismi e richiedono solo la temperatura dell’acqua bollente per uccidere gli organismi. Verdure e carni con bassi livelli di acidità richiedono temperature di inscatolamento più elevate. Dopo la scottatura, il cibo viene sigillato in un contenitore ermetico per evitare la ricontaminazione. Molte vitamine idrosolubili, comprese le vitamine B e C, vengono per lo più o parzialmente distrutte durante il processo di sbiancamento. Ciò potrebbe ridurre il valore nutrizionale di un alimento in scatola rispetto a un alimento fresco prodotto localmente (i prodotti freschi che hanno percorso lunghe distanze perderanno una quantità di nutrienti simile a quella degli alimenti in scatola). I livelli di vitamine liposolubili (A, D, E e K), minerali, fibre, carboidrati, proteine ​​e grassi non sono influenzati dall’inscatolamento.

Spesso, sciroppo o succo zuccherino vengono aggiunti alla frutta in scatola mentre il sale viene aggiunto a molte verdure per aiutare a mantenere il sapore ed evitare il deterioramento. Queste aggiunte possono prendere un frutto o una verdura molto salutare e renderlo molto meno desiderabile della sua controparte fresca o congelata. Per aggirare questa potenziale perdita di valore nutritivo, cerca della frutta in scatola che sia “nel suo stesso succo”. Per le verdure, controlla il contenuto di sodio sull’etichetta nutrizionale e punta a verdure “senza sale aggiunto” e senza burro o salse aggiunte. Queste sono le scelte più salutari, anche se potresti anche sciacquare il succo zuccherato o il sale dalla frutta e verdura in scatola standard e ridurre il contenuto di zucchero e sodio di circa il 30 percento.

In definitiva, nel momento in cui vengono consumati, la maggior parte della frutta e della verdura fresca e in scatola sembra essere nutrizionalmente simile. Sebbene vi sia una perdita variabile di vitamine idrosolubili e liposolubili a seconda del metodo di lavorazione post-raccolta, si scopre che il prodotto più sano è quello che effettivamente mangerai!

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI