giovedì, Gennaio 27, 2022
HomeBenessereDieteChe succede con il divieto proposto sulle grandi bibite a New York?

Che succede con il divieto proposto sulle grandi bibite a New York?

L’ultimo sforzo del sindaco di New York Michael Bloomberg per combattere l’obesità è una proposta di divieto di grandi porzioni di soda e altre bevande zuccherate in ristoranti, gastronomie, palazzetti dello sport e cinema.

Il divieto, che secondo i critici dovrebbe ottenere l’approvazione del Board of Health nominato da Bloomberg ed entrare in vigore già a marzo, limiterebbe le bibite a 16 once, circa una piccola porzione nei fast food.

Il divieto non si applicherebbe alle bibite dietetiche, alle bevande con meno di 25 calorie per 8 once, a quelle contenenti almeno il 50% di latte o sostituti del latte e alle bevande con il 70% di succo. Anche le bevande nei supermercati e nei minimarket, tra cui Big Gulps e Slurpees di 7-Eleven, sarebbero esenti.

Come previsto, la proposta ha suscitato forti critiche da Coca-Cola e dal gigante dei fast food McDonald’s, nonché da politici e celebrità che affermano che viola la libertà di scelta.

Indipendentemente dalla tua posizione sul divieto, ci sono un sacco di studi di ricerca che collegano lo zucchero a problemi di salute tra cui malattie cardiache, diabete di tipo 2, alcuni tipi di cancro e sì, l’obesità. Chissà se limitare la quantità di bevande gassate che i consumatori possono consumare con un pasto alla fine allevierà quegli oneri. Ma una cosa è certa: ha fatto parlare la gente.

La prossima volta che hai bisogno di venirmi a prendere, anche se non sei a New York, le tue possibilità di rimanere in salute sono probabilmente migliori se segui l’esempio di ACE.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI