I benefici di mangiare cibi crudi

0
150

Spegni il forno. Spegni la stufa. Non c'è bisogno di cucinare nella dieta Raw Food. Invece di cucinare, trascorrerai il tuo tempo a spremere, far germogliare e disidratare frutta, verdura, cereali, noci e semi. Anche se sembra una buona idea seguire una dieta più a base vegetale, se non eseguita correttamente, una dieta di cibi crudi può farti sentire peggio, non meglio.

I crudisti credono che gli enzimi siano la forza vitale di un alimento, aiutandoci a digerire il cibo e ad assorbire i nutrienti. Ritengono che la cottura del cibo sopra i 118 gradi distrugga i suoi nutrienti e gli enzimi naturali, che possono avere un impatto sui nostri processi digestivi e sulla capacità di combattere le malattie.

Non ci sono regole rigide su quale percentuale della dieta debba essere cruda, ma di solito almeno il 75% della dieta è costituita da cibi crudi. La maggior parte dei crudisti sono vegani e non consumano affatto prodotti animali. Tuttavia, alcuni consumano uova crude, latticini crudi e non pastorizzati, pesce crudo (sashimi, ceviche) e persino carne e pollame crudi.

Benefici per la salute di una dieta a base di cibi crudi

Poiché si tratta di una dieta prevalentemente vegetale, contiene più fibre e antiossidanti e meno grassi saturi, sodio e zucchero rispetto alla tipica dieta americana. Ci sono raramente cibi lavorati o ingredienti artificiali. La maggior parte degli alimenti sono biologici. Tale dieta può ridurre il rischio di malattie cardiache e ictus riducendo la pressione sanguigna, i livelli di lipidi (colesterolo, LDL, trigliceridi) e il peso corporeo. Molte persone perdono peso con una dieta cruda, poiché il loro apporto calorico complessivo può essere ridotto quasi della metà rispetto a quello che stavano mangiando in precedenza.

Poiché alcuni nutrienti vengono diminuiti o distrutti dalla cottura, mantenerli allo stato crudo o quasi crudo (sotto i 118 gradi) preserva il loro stato nutritivo. Ad esempio, il livello di sulforafano, un potente fitochimico antitumorale presente nei broccoli, negli alimenti è significativamente ridotto dopo la cottura. Inoltre, le vitamine B e C possono anche essere distrutte dal calore, in particolare perché la maggior parte delle persone cuoce troppo o fa bollire i nutrienti durante la preparazione delle verdure.

Tuttavia, la cottura rende effettivamente alcuni nutrienti più biodisponibili. Il licopene, un pigmento carotenoide rosso presente nei pomodori, e il beta-carotene, presente nelle carote, nella zucca e nelle patate dolci, vengono effettivamente assorbiti meglio dopo la cottura, e ancora di più se consumati in presenza di un po' di grasso sano, come l'oliva. olio o avocado.

Cosa mangi in una dieta di cibi crudi

Seguire una dieta crudista significa mangiare molta frutta e verdura, oltre a noci, semi, cereali e fagioli. Inoltre, sono ammessi latte di cocco giovane, alghe e frutta essiccata al sole o disidratata. Si consumano cereali e fagioli germogliati, al contrario del grano intero cotto o del fagiolo. Noci e semi sono spesso ammollati e mangiati così come sono o mescolati per produrre latte di noci o un prodotto simile al formaggio. I disidratatori possono essere utilizzati su frutta e verdura, nonché per preparare cracker con paste a base di noci e semi imbevuti. Gli disidratatori sono consentiti in quanto soffiano aria calda (mai superiore a 116 gradi) intorno al cibo. Spremiagrumi e frullatori sono anche strumenti importanti nella cucina dei cibi crudi.

Qual è lo svantaggio di seguire una dieta di cibi crudi?

Le diete che limitano o evitano i latticini e le proteine ​​animali sono generalmente più povere di proteine ​​e mancano di vitamine B12 e D, nonché di minerali calcio e ferro. Si raccomandano supplementi di questi nutrienti. Inoltre, gli alimenti crudi e non pastorizzati possono contenere batteri, parassiti e virus, molti dei quali verrebbero distrutti durante il processo di cottura. Fai molta attenzione con cibi rischiosi come germogli, lamponi, succhi e latte non pastorizzati, pesce e carne crudi.

A causa del rischio di intossicazione alimentare, una dieta a base di cibi crudi non è raccomandata per donne in gravidanza, bambini piccoli, anziani, persone con un sistema immunitario debole e persone con condizioni mediche croniche come le malattie renali.

Anche le diete a base di cibi crudi possono essere molto costose, soprattutto se si devono acquistare attrezzature come disidratatori, succhi e frullatori. Inoltre, il tempo di preparazione può richiedere molto tempo. La germinazione e la disidratazione sono entrambi processi lunghi; tuttavia, frullare un frullato o preparare un'insalata richiede molto meno tempo. L'acquisto di articoli come cereali e semi potrebbe richiedere un viaggio in un mercato specializzato e i prodotti biologici di solito costano più dei prodotti coltivati ​​​​convenzionalmente. Mangiare fuori è molto difficile, a meno che tu non abbia un ristorante di cibi crudi nella tua zona.

La linea di fondo

Aumentare il consumo di frutta, verdura, noci, semi e cereali fornirà al tuo corpo importanti vitamine, minerali, antiossidanti e fibre che possono ridurre l'infiammazione e ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete, cancro e obesità. Una combinazione di cibi crudi e cotti può fornire un'alimentazione equilibrata e ridurre il rischio di malattie di origine alimentare.

RICETTA CRUDI

Frullato ai frutti di bosco

Per 1 porzione – Pronto in 5 minuti

Ingredienti:

  • 1 tazza di succo di amarena tart
  • 1 tazza di frutti di bosco misti biologici (fragole, lamponi, more)
  • 1 cucchiaio. seme di Chia
  • 1 misurino di proteine ​​grezze in polvere
  • Ghiaccio

Indicazioni:

Mettere tutti gli ingredienti in un frullatore e frullare fino a che liscio. Aggiungere abbastanza ghiaccio per raggiungere la consistenza desiderata.

Nutrienti per porzione: 301 calorie, 4,5 g di grassi, 43,5 g di carboidrati, 9,3 g di fibre, 24,3 g di proteine