sabato, Ottobre 16, 2021
Home Benessere Diete I modi sorprendenti in cui l'esercizio fisico può aiutarti ad abbracciare il...

I modi sorprendenti in cui l'esercizio fisico può aiutarti ad abbracciare il tuo corpo

Foto: Stagno5

Da adolescente, Beth Ann Curran ha lottato con l'anoressia così grave che il suo peso una volta è sceso a 76 libbre sul suo telaio di 5'6 ". Ma ripetuti ricoveri e anni di terapia hanno aiutato solo fino a un certo punto. Ciò che ha permesso a Curran di fare pace con il suo corpo: sollevare pesi. I suoi allenamenti preferiti includono sollevare i kettlebell in posizioni impegnative, come mulini a vento o tute turche, per far lavorare quasi tutti i muscoli.

"Quando ho avuto il mio disturbo alimentare, mi sono sentito completamente disconnesso dal mio corpo", spiega Curran, ora 29enne, personal trainer a Philadelphia e coach di DailyBurn. “Ma quando sollevo pesi, sto sperimentando una connessione mente-muscolo. Tutto il tuo corpo si sta muovendo e tu sei proprio in quel momento. Non c'è nessun altro posto in cui puoi essere." Ora pesa 140 libbre, forte ma magra.

Il rapporto tra fitness e immagine corporea è stato a lungo complicato. L'esercizio ti fa sentire meglio con il tuo corpo o ti spinge a inseguire obiettivi irrealistici di perfezione? Siamo più soddisfatti se perdiamo peso o diventiamo più tonici?

RELAZIONATO: Le foto del mio matrimonio sono state la mia sveglia per perdere peso

Una nuova ricerca suggerisce che il motivo per cui ci alleniamo e il tipo di attività che scegliamo possono avere influenze diverse sul modo in cui vediamo noi stessi. Uno studio sulla rivista Body Image ha scoperto che le donne che si sono esercitate principalmente per migliorare il loro aspetto hanno sperimentato un miglioramento dell'immagine corporea inferiore rispetto a quelle che si sono allenate per altri motivi, come un aumento delle endorfine o una riduzione dello stress.

"Se una donna si esercita principalmente per perdere peso, i benefici psicologici tendono a scomparire", spiega l'autore Kristin Homan, professore associato di psicologia al Grove City College in Pennsylvania. "Stai pensando a quante calorie hai bruciato, invece di goderti la sensazione tonificante di un duro allenamento."

Trovare il punto debole

È un delicato atto di bilanciamento per i terapisti che consigliano i pazienti alle prese con disturbi alimentari: come aiutarli a godere dei benefici del fitness senza innescare comportamenti ossessivi. “I pazienti con disturbi alimentari tendono ad essere troppo fissati sulla perdita di peso. Quindi, quando prescriviamo l'esercizio, dobbiamo stare attenti a non incoraggiare il sovrallenamento, che è più di un'ora al giorno. A quel punto, può peggiorare il tuo umore stimolando l'appetito e interrompendo il sonno", spiega Julie Friedman, PhD, psicologa che dirige un programma di gestione del peso presso Insight Behavioral Health Centers, una catena di centri di trattamento della salute mentale ambulatoriali con sede a Chicago. . "L'esercizio dovrebbe riguardare il piacere."

RELAZIONATO: Ortoressia: quando mangiare sano diventa un'ossessione

Quindi quale approccio al fitness è il migliore quando si tratta di aiutare le donne a sentirsi meglio con il proprio corpo? Sebbene Curran abbia sperimentato la redenzione attraverso i kettlebell, uno studio su 46 giovani donne che avevano una storia di problemi di peso e di immagine corporea ha scoperto che l'esercizio cardiovascolare ha prevalso sul lavoro di forza. La ricerca, che è stata recentemente pubblicata sulla rivista Body Image, ha scoperto che sebbene entrambe le attività migliorassero l'umore generale e l'immagine corporea dei soggetti, le donne assegnate a un programma di otto settimane di esercizi aerobici su un tapis roulant o su una macchina ellittica avevano meno ansia per la loro fisico e pensavano di avere un aspetto migliore di quelli che si concentravano sull'allenamento di resistenza. Gli utenti della macchina hanno perso solo una piccola quantità di peso, ma hanno riferito di "sentirsi più magri". Il gruppo di forza, invece, ha visto un leggero aumento.

Foto: Stagno5

Autoriflessione inutile

"Sei tentato di preoccuparti di come appare il tuo corpo, invece di quello che può fare."

I risultati sono in conflitto con una serie di altri studi che suggeriscono che gli esercizi di resistenza sperimentano più di una spinta psicologica dopo aver sviluppato il tono muscolare e sentirsi più forti. Il motivo potrebbe avere a che fare con l'ambiente moderno della palestra.

I ricercatori dello studio su Body Image hanno teorizzato che il gruppo cardio ha beneficiato dell'allenamento in un'area in cui non erano circondati da specchi, a differenza degli allenatori di forza che si trovavano spesso di fronte ai propri riflessi. "Nella sala pesi, c'erano più possibilità di vedersi e sentirsi come se fossero valutati dai maschi", spiega il coautore dello studio Shawn Arent, PhD, direttore dello Human Performance Laboratory presso la Rutgers University nel New Brunswick, nel New Jersey. .

RELAZIONATO: 10 modi in cui potresti sabotare il tuo allenamento

Altri studi mostrano che gli specchi, sebbene utili per osservare e correggere la propria forma, spingono le donne con disturbi alimentari a concentrarsi selettivamente sulle parti del loro corpo che non gli piacciono, piuttosto che sul quadro generale. "Dico ai miei pazienti 'Non c'è motivo di guardarsi allo specchio'", dice Friedman. "Sei tentato di preoccuparti di come appare il tuo corpo, invece di quello che può fare."

Dice che incoraggia i suoi pazienti a provare varie forme di esercizio – che si tratti di CrossFit o yoga riparatore – e di non abbracciare il rigido pensiero "bianco e nero" su quale sia il migliore. "Voglio solo che si sentano a loro agio nel muovere i loro corpi, anche solo per 20 minuti", dice Friedman.

Connessione con il tuo corpo

Allora, dove si inserisce una pratica come lo yoga nella conversazione? Le prove aneddotiche dimostrano che tutti quei corvi volanti e cani in alto ti fanno apprezzare il tuo corpo come mai prima d'ora. Potrebbe anche essere utile che molti istruttori tirino una tenda sugli specchi e ti abbaino per "tenere gli occhi sul tappetino". Un piccolo numero di studi ha scoperto che la pratica è stata utile nel trattamento dei disturbi alimentari, ma una recensione ha concluso che sono necessarie ulteriori ricerche per sostenere tali affermazioni.

Eppure Irene King afferma che una pratica regolare del Bikram yoga la aiuta a gestire la sua bulimia, con cui ha lottato a intermittenza sin dalla tarda adolescenza. Dopo aver mangiato cibi "proibiti", come la torta, a una festa, tornava a casa e si concedeva il permesso di abbuffarsi di maccheroni in scatola e formaggio o biscotti, dal momento che pensava di vomitare più tardi.

Ma il ciclo distruttivo si è concluso circa un decennio fa, quando ha visto un annuncio per provare lo yoga per $ 30 per 30 giorni. Dopo aver completato il mese, si è sentita ispirata a prendersi più cura di se stessa e da allora ha mantenuto un peso sano. “La mentalità bulimica è che l'eliminazione è sbarazzarsi delle cose cattive nel tuo corpo, ma l'esercizio lo fa per te. Senti uscire il sudore. Ti senti purificato", dice King, 44 anni, un artista di Jersey City, New Jersey. E i vantaggi si estendono oltre lo studio, dice. “Tratti meglio il tuo corpo perché rispetti ciò che è stato fatto per te.”

RELAZIONATO: Memorie da leggere: il viaggio di una donna per perdere peso da 135 libbre

Per quanto riguarda Curran, sapeva di essere sulla strada del recupero quando poteva tollerare l'aumento di massa muscolare, in netto contrasto con il suo stato di malattia di qualche anno prima mentre seguiva una dieta estremamente povera di grassi durante l'allenamento per la maratona di Filadelfia.

“Con l'esercizio cardiovascolare, non puoi misurare quanto sei forte. Ma con i pesi, posso vedere quanto posso fare di più ogni anno. Divento mentalmente forte", dice Curran. È un miglioramento rispetto al modo in cui si sentiva emotivamente chiusa quando aveva smesso di mangiare durante il peggio della sua anoressia.

"Non volevo più essere invisibile", dice. “Ho riconosciuto che il mio corpo occupava spazio. Ero una presenza nella stanza e contavo".

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI