domenica, Novembre 28, 2021
Home Benessere Diete Le abitudini alimentari della mamma possono avere un ruolo nel rischio di...

Le abitudini alimentari della mamma possono avere un ruolo nel rischio di obesità di un bambino

Quando si tratta dello spaventoso aumento del numero di bambini in sovrappeso e obesi, la maggior parte delle volte la colpa è di una dieta malsana, di uno stile di vita sedentario e della genetica. Tuttavia, secondo uno studio recente, le abitudini alimentari e il comportamento di una madre possono anche influenzare il rischio di diventare obeso del suo bambino in età prescolare.

I ricercatori della Washington State University hanno intervistato 222 bambini in età prescolare e badanti afroamericani e latinoamericani a basso reddito in uno studio del Centro di ricerca sull’alimentazione dei bambini del Dipartimento dell’agricoltura/servizi di ricerca agricola degli Stati Uniti. Dopo aver analizzato i risultati, hanno scoperto che le madri che mangiano anche quando non hanno più fame e mostrano molto controllo quando allattano i loro figli tendono a produrre mangiatori schizzinosi. Inoltre, le madri che mangiano emotivamente o non hanno autocontrollo quando si tratta di cibo producono bambini che hanno un forte desiderio di mangiare.

“Tale madre, tale bambino”, ha detto Morrison. “Questo è particolarmente vero quando i bambini sono così piccoli che il loro ambiente si basa principalmente su ciò che stanno facendo i loro genitori”.

Questo studio è stato particolarmente interessante per la sua attenzione agli afroamericani e ai latinos, che attualmente rappresentano i più alti tassi di obesità tra i bambini in età prescolare (21 percento degli afroamericani e 22 percento dei latinos). Mostra che le madri hanno un grande impatto sui comportamenti alimentari e possono effettivamente ridurre il rischio di obesità dei loro figli se forniscono esperienze positive durante i pasti, come servire porzioni più piccole e controllare le proprie tentazioni per il cibo davanti ai loro figli.

“I genitori dovrebbero praticare quella che viene spesso definita una ‘divisione delle responsabilità’: i genitori scelgono quali cibi vengono offerti e quando, e i bambini possono decidere cosa mangiare del cibo che viene offerto e quanto”, afferma ACE Senior Health La stratega Dott.ssa Natalie Digate Muth. “Questo dà ai genitori il massimo controllo sui tipi di alimenti che i bambini mangiano, ma lascia che i bambini decidano quanto mangiare e cosa provare. Questa è “genitorialità autorevole” in azione. Questo è in contrasto con “genitorialità autoritaria”, in quale il genitore esercita tutto il controllo.Come mostra questo studio, questo approccio si ritorce contro, portando i bambini a mangiare in modo meno salutare e hanno meno probabilità di gustare cibi sani come frutta e verdura.

“Un gran numero di ricerche ha dimostrato che noi adulti siamo molto incapaci di “stimare” quanto dovrebbero mangiare i bambini. Spesso diamo loro porzioni troppo grandi e poi li facciamo “pulire i loro piatti”. Questo insegna loro a mangiare per motivi diversi dalla fame e dalla pienezza.In effetti, gli studi dimostrano che i bambini di tre anni hanno perso la capacità di usare i propri sentimenti di fame e pienezza e invece mangiano per una serie di altri motivi come la noia , tristezza e solo perché il cibo è lì (proprio come le loro controparti adulte).”

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI