venerdì, Settembre 24, 2021
Home Benessere Diete Michelle Tam di Nom Nom Paleo su cibo, famiglia e fitness

Michelle Tam di Nom Nom Paleo su cibo, famiglia e fitness

Non devi essere un uomo delle caverne per goderti il ​​pluripremiato blog di cucina Nom Nom Paleo. Dal "riso" fritto di cavolfiore ai "mcmuffins" di uova con salsiccia, ci sono molte ricette deliziose e fantasiose per accontentare tutti, indipendentemente dalla dieta a cui ascrivi. Michelle Tam, il muscolo dietro il sito web e autrice dell'omonimo libro di cucina più venduto del New York Times, non è sempre stata una star culinaria, ma si è sempre considerata un'appassionata di cibo, classificandosi al primo posto tra i ristoranti la sua lista di hobby.

IMPARENTATO: Cos'è Paleo? Abbattere la lista degli alimenti della dieta paleo

Ha scoperto la dieta paleo nel 2010 e, sebbene contraddica quasi tutto ciò che ha imparato dalla sua laurea in nutrizione e scienze dell'alimentazione, non è mai tornata indietro. Mangiare carne nutrita con erba, frutta e verdura fresca – ed evitare cereali, zuccheri e latticini – non solo si è sbarazzata del suo muffin-top per sempre, l'ha alimentata con energia sufficiente per litigare con due ragazzini, tenere un tempo pieno turno del cimitero, cucinare per la sua famiglia e intrufolarsi in muscoli nella sua scatola di CrossFit, il tutto mantenendo un blog quotidiano.

Mentre Tam era a New York per accettare un premio Webby per la sua app per iPad, l'abbiamo incontrata per parlare di tutto ciò che riguarda il paleo, incluso lo sfortunato nome della dieta, e di come bilancia la sua vita piena di azione.

Qual è in poche parole la tua filosofia alimentare?

Il cibo deve essere incredibilmente delizioso e farmi sentire bene dopo. Prima di diventare paleo, avevo molti problemi gastrointestinali ed ero sempre gonfio e stanco. Dopo un paio di mesi di paleo, tutto è andato via.

"Non compro mai vestiti nuovi e guidiamo Honda economiche, ma pagherò per cibo migliore."

Cosa ti ha spinto a provare il paleo?

Mio marito Henry ha iniziato per primo e ho pensato che fosse pazzo. Cercavo sempre di sabotarlo, ma poi un giorno eravamo in crociera e stavo aspettando in fila al buffet dietro questo ragazzo seduto su uno scooter con una bombola di ossigeno attaccata. Stava ammucchiando tutti i tipi di pasticcini a basso contenuto di zucchero e 100 calorie sul suo piatto e una lampadina si è accesa nella mia testa. Non volevo finire così. Ho deciso in quel momento di provare la dieta paleo e sono diventato un evangelista. Quest'anno compio 40 anni e mi sento meglio di quando avevo 30 anni.

Quali sono state le sfide più grandi quando hai iniziato?

Tagliare pane e cereali. Amavo quelle cose. Andavo al ristorante e prendevo menu degustazione di pasta!

Hai ancora voglia di quelle cose?

No, ma ho un debole per i dolci, quindi ho bisogno del mio cioccolato fondente. Inoltre, ho una grave intolleranza al glutine, quindi mi sono sentito molto meglio eliminando del tutto i cereali.

Foto: "Riso" fritto di cavolfiore asiatico / Nom Nom Paleo

Pensi che la paleodieta avvantaggia alcune persone, come quelle celiache, meglio di altre?

Sì, e anche le persone con malattie autoimmuni farebbero molto bene con questo. Ma è un miglioramento per chiunque segua una dieta americana standard perché, semmai, il paleo riguarda il mangiare cibo vero e cucinare i propri pasti con ingredienti reali. Non importa se sei paleo, vegano o onnivoro, cucinare il tuo cibo e sapere da dove viene è semplicemente meglio per tutti.

Hai personalizzato la dieta per te e la tua famiglia?

Quando ho iniziato ero davvero a basso contenuto di carboidrati, ma poi ho capito che potevo permettermi un po' di più. Mangio anche ortaggi a radice e un po' di riso bianco e patate bianche, che per alcune persone è un assoluto no. Mi piace come hanno un sapore e non hanno alcun effetto negativo su di me. Sono asiatico, quindi probabilmente è geneticamente codificato in me che posso mangiare riso bianco. Ovviamente sono più consapevole delle mie porzioni ora.

"Sto bloggando e realizzando action figure, quindi chiaramente non sto cercando di fare come hanno fatto gli uomini delle caverne".

Quando, se mai, faresti un'eccezione e andresti fuori dal paleo per un pasto?

Se ne vale la pena, ce la faremo, come una cena al The French Laundry. Inoltre non credo nel far star male tua nonna per averti fatto qualcosa come una bella torta, perché so anche che ho mangiato così per 35 anni e sono sopravvissuto. Mangiare un solo boccone non mi ucciderà e non vale la pena soffrirne.

Devi ancora difenderti dagli oppositori?

Ricevo alcuni commenti su Facebook, ma la cosa bella di Facebook è che altre persone si uniranno e combatteranno per me. Sono così grato per loro perché odio il confronto. Ma sì, le scelte alimentari sono molto polarizzanti, proprio come la politica o la religione. È molto personale e le persone possono sentirsi minacciate. Credo che le persone dovrebbero fare ciò che le fa sentire bene. Fornisco informazioni a chiunque sia interessato, ma non cercherò di convertire nessuno.

Una delle principali critiche al paleo è che è costoso. Quanto costa il conto della spesa?

Spendi molto, e sì, un argomento contro il paleo è che è elitario e non tutti possono permetterselo. Ma allo stesso tempo c'è molta carne e verdure biologiche in posti come Walmart e Costco ora, e puoi risparmiare acquistando determinati tagli di carne, come coda di bue, stinco, petto e cosce di pollo. Puoi anche dare la priorità a ciò per cui spendi soldi. Cosa c'è di più importante di quello che ti metti in bocca? Non compro mai vestiti nuovi e guidiamo Honda economiche, ma pagherò per cibo migliore.

Foto: Nom Nom Paleo

Paleo è iniziato come un tipo di stile di vita da cavernicolo più intenso, dando ai critici così tanti bersagli facili. È molto più pratico ora, ma ha ancora un po' di stigmatizzazione. Fosse per te, avresti scelto un nome diverso?

Non penso affatto al paleo come a una rievocazione storica. Sto bloggando e realizzando action figure, quindi chiaramente non sto cercando di fare come hanno fatto gli uomini delle caverne. Mi è stato presentato come "tornare alle origini", ma ora lo considero più come il modo in cui mangiava la mia bisnonna. Non mangio insetti e pezzi di carne marcia. Per quanto riguarda il nome, sì, ovviamente avrei scelto qualcosa di diverso. Voglio dire, adoro il nome Nom Nom Paleo, ma ora "nom nom" è una frase totalmente odiata nella comunità dei buongustai e anche "paleo" è super polarizzante. Metterli insieme non è stata una scelta intelligente, ma ora devo accettarla.

"Non avrei mai immaginato di poter sollevare il peso del mio corpo, ma mi fa pensare di essere una mamma migliore".

Qualche mito paleo che vuoi sfatare?

Che mangiamo solo pancetta e carne. Non è vero. Il mio piatto è composto da metà verdure, un terzo di carne (circa sei-otto once) e il resto sono grassi e carboidrati sani. Ma non mangio mai solo una gigantesca bistecca da cowboy o mucchi di pancetta.

CrossFit e paleo sembrano spesso andare di pari passo. Fai CrossFit?

Sono un CrossFitter intermittente e abbiamo tutti i tipi di attrezzatura nel nostro garage, ma non lo faccio spesso in questi giorni. All'inizio ero totalmente spaventato all'idea di provarlo, ma alla fine mi sono sentito molto più forte di quanto pensassi di poter mai essere. Non avrei mai immaginato di poter sollevare il peso del mio corpo, ma mi fa pensare di essere una mamma migliore, come se potessi proteggerli meglio.

Raccontami un po' del tuo lavoro diurno, o immagino, del tuo lavoro notturno.

Faccio i turni di notte in un ospedale universitario come farmacista. Lavoro sette turni di 10 ore di fila e poi ho le prossime sette notti libere, ovvero quando sono una mamma a tempo pieno. Funziona perché ho la famiglia vicino e mio marito è super solidale. Anche il blog è uno sforzo congiunto tra me e Henry.

Con il successo del tuo blog e ora il tuo libro di cucina e la recente vittoria di Webby, che responsabilità senti nei confronti dei tuoi lettori a questo punto?

Voglio solo continuare a far ridere le persone e fornire ottime ricette e mostrare loro che è fattibile. Non è necessario che sia così severo, e nel mio libro parlo di come affrontare alcune delle sfide.

Una di queste sfide era se dare ai tuoi figli una dieta paleo, giusto?

Sì, per molto tempo non erano paleo al cento per cento ed ero restio a parlarne sul mio blog perché non si trattava di loro; riguardava me. Ma poi abbiamo iniziato a trasferirli lentamente e ho iniziato a scrivere del processo perché i miei lettori erano molto interessati.

Come ti avvicini a questo argomento con i bambini?

Hanno sei e nove anni, quindi parliamo solo di come cerchiamo di fare scelte salutari ma tu sei la tua persona e puoi prendere le tue decisioni. Il mio più giovane ha dei problemi con il glutine come me, e gli spiegherò come si sentirà dopo aver mangiato quel cupcake. Ci penserà su e deciderà da solo se ne vale la pena. Era molto restio a mangiare gli stessi pasti che abbiamo mangiato io e Henry, ma io non sono un cuoco a corto raggio e alla fine mi sono rifiutato di fargli le sue uova strapazzate e i broccoli arrostiti. Abbiamo tutti dovuto imparare e scendere a compromessi. Di conseguenza, il 90 percento delle ricette nel mio libro di cucina sono piatti che piacciono a tutta la mia famiglia.

Quali sono i piatti preferiti dai bambini?

Owen, il mio figlio maggiore, ha una ricetta nel libro di cucina chiamata "Big-O Burgers", che sono fatti con funghi saltati e pancetta. Quando li grigliate, la pancetta nelle polpette diventa croccante. Ollie adora il Cracklin' Chicken, che è cosce di pollo disossate e con la pelle fritte e davvero croccanti.

Prova i Big-O Bacon Burgers e ottieni Nom Nom Paleo: Food for Humans per ricette paleo più gustose.

Foto: Nom Nom Paleo

Big-O Bacon Burger Ricetta

Serve 4
Tempo totale: 30 minuti

ingredienti

2 cucchiai di strutto o grasso a scelta, divisi
1/2 libbra di funghi cremini, tritati
4 once di pancetta, congelata e tagliata a pezzi piccoli
1 libbra di carne macinata
1 ½ cucchiaino di sale kosher
Pepe nero appena macinato
1 pomodoro cimelio maturo, affettato
4 foglie di lattuga al burro

Preparazione

  • Scaldare 1 cucchiaio di strutto in una padella di ghisa a fuoco medio. Rosolare i funghi cremini fino a quando il liquido che rilasciano non si sarà asciugato; accantonare.
  • Passare i pezzi di pancetta congelata in un robot da cucina fino alla consistenza della carne macinata.
  • In una ciotola capiente unire la carne macinata, la pancetta ei funghi cremini; Condire con sale e pepe. Usando le mani, unire delicatamente gli ingredienti, facendo attenzione a non lavorare troppo la carne. Dividere il composto in 4 porzioni e appiattire ciascuna in polpette spesse ¾ di pollice.
  • Sciogliere lo strutto rimasto in una padella di ghisa a fuoco medio e friggere le polpette, circa 3 minuti per lato. Gli interni dovrebbero essere rosa fino in fondo e tempestati di pezzi croccanti di pancetta affumicata e funghi.
  • Trasferire le polpette su una gratella per drenare il grasso di cottura in eccesso. Avvolgere ogni polpetta in robuste foglie di lattuga e servire con fette di pomodoro. Oppure, se stai cercando un'alternativa ai panini per hamburger, metti invece il tuo tortino tra due funghi Portobello arrostiti (nella foto sopra).
  • ARTICOLI CORRELATI

    I PIÙ POPOLARI