sabato, Dicembre 3, 2022
HomeBenessereFitnessCome superare la paura della palestra, per sempre

Come superare la paura della palestra, per sempre

Foto: Stagno5

Ci sono voluti un licenziamento e una rottura lo stesso giorno della scorsa estate per motivare la 28enne Meghan Ragni a prendere il controllo della sua salute. Nei mesi cupi che seguirono il suo ragazzo di due anni ad annunciare: “Dobbiamo parlare”, Ragni ha intrapreso l’antica tradizione di superare il rifiuto attraverso l’auto-miglioramento. Dopo aver perso 30 chili e aver abbassato la pressione sanguigna, sapeva che era finalmente giunto il momento di superare un ultimo ostacolo: “Ho pensato, ‘Devo andare più lontano. Ho bisogno di fare qualcosa che mi spaventi davvero’”, dice. Ciò significava andare in palestra.

Ragni aveva evitato di allenarsi dai tempi del college, quando occasionalmente visitava la palestra del suo campus e se ne andava rapidamente a causa dell’imbarazzo. «Lo odiavo», spiega Ragni, oggi insegnante di scuola elementare. “Mi sentivo come se tutti mi stessero guardando e giudicando quanto stavo facendo bene. Oppure stavano guardando il mio corpo e quello che indossavo”. Era frustrata dal fatto di non sapere come azionare le macchine per i pesi e si vergognava troppo per chiedere aiuto.

IMPARENTATO: Le 20 persone peggiori in palestra, secondo gli istruttori

Alla fine, lo scorso autunno, ha trovato un modo per superare la sua timidezza in palestra. Un nuovo fidanzato l’ha aiutata a progettare un allenamento che includeva pesi liberi e manubri, e Ragni, che vive a Harrisburg, in Pennsylvania, ha trascorso un paio d’ore su YouTube guardando video didattici. Armata di un cheat sheet che aveva realizzato con figure stilizzate che dimostravano la corretta tecnica di sollevamento, si iscrisse a un abbonamento al Planet Fitness locale.

“Quando sono arrivata lì, mi sono quasi congelata”, dice Ragni, che ha scritto del suo viaggio per il blog di salute e fitness Charmed Wellness. “Ho dovuto dire a me stesso, ‘Anche se hai paura, devi andare avanti’”. Ragni ora mette un’ora di pesi e mezz’ora sulla macchina ellittica quasi tutti i giorni feriali. “In realtà ho iniziato a godermi i miei allenamenti e li supero senza piangere o dover correre fuori dalla palestra”, dice.

Costruire muscoli, abbattere le paure

Abbiamo tutti le nostre scuse per evitare gli allenamenti, ma le “intimidazioni in palestra” possono essere una delle più potenti nell’impedire alle persone di fare esercizio. “Così tante persone sono preoccupate di essere giudicate e dicono: ‘Ho bisogno di rimettermi in forma prima di andare in palestra’”, spiega Michelle Lewis, una consulente con sede a Salt Lake City specializzata nell’aiutare i pazienti a superare i loro ostacoli al peso perdita. “Rispondo ‘Come pensi che quelle persone siano diventate così in forma?'”

“Siamo tutti preoccupati per quello che pensano gli altri. Ma nessuno sta prestando attenzione. Sono concentrati su se stessi”.

Dice che i pazienti spesso esprimono pensieri controproducenti, come “fallirò” o “non sono abbastanza bravo”, prima ancora di arrivare in palestra. “Oppure, guarderanno la persona accanto a loro sul tapis roulant che sta correndo per otto minuti e penseranno: ‘Perché dovrei anche preoccuparmi di camminare?'”, dice.

IMPARENTATO: Le 25 scuse di allenamento più folli che gli allenatori abbiano mai sentito

La paura di allenarsi con gli altri può essere così estrema da far sì che le persone si esercitino meno in generale. “Le persone che soffrono di ansia sociale potrebbero essere preoccupate [about] apparire goffo o ricevere sguardi divertenti dagli altri, che sia in palestra o anche correre per strada”, spiega la psicologa Cheri Levinson della Washington University di St. Louis, che ha studiato il legame tra ansia ed esercizio sociale.

Per trattare tali disturbi d’ansia, i consulenti spesso prescrivono una combinazione di esposizione e terapie cognitivo comportamentali che sfidano il proprio pensiero. Ad esempio, invece di presumere: “Queste persone mi stanno fissando”, a un paziente potrebbe essere chiesto di chiedere: “Quali prove ho che queste persone mi stanno fissando?” La componente dell’esposizione potrebbe includere l’adozione di piccoli passi per arrivare a una vera visita in palestra. “Inizierai con lo scenario meno temuto, come indossare abiti da palestra per una sessione di terapia, poi andare in palestra ma senza fare esercizio, e poi magari andare ma provare un esercizio facile”, dice Levinson.

Foto: Stagno5

Trovare la zona di comfort dell’allenamento

I terapeuti dicono che molte persone trovano il loro passo dopo aver visitato la palestra alcune volte e si rendono conto che le loro paure sono esagerate. “Siamo tutti preoccupati per quello che pensano gli altri”, dice Lewis “Ma nessuno ci sta prestando attenzione. Sono concentrati su se stessi”. Hai bisogno di una piccola spinta per entrare nella porta? Ecco alcuni suggerimenti per rendere l’esperienza in palestra meno spaventosa.

1. Partecipa a una lezione di gruppo.
“C’è sicurezza nei numeri e ti rendi subito conto che tutti hanno età e corporatura diverse e stanno lottando insieme”, spiega Justin Rubin, fitness manager di gruppo presso il centro fitness Equinox di Los Angeles e allenatore per il programma True Beginner di Daily Burn. Probabilmente scoprirai anche che non sei il peggiore lì. “È incoraggiante perché c’è sempre qualcuno dietro di te e qualcuno migliore di te.”

IMPARENTATO: Daily Burn 365: Nuovi allenamenti, 7 giorni a settimana

2. Vestiti comodamente.
Non aspettare di dimagrire o di avere braccia scolpite prima di comprarti dei bei vestiti da allenamento. “Ci sono molte opzioni a prezzi ragionevoli, quindi trova qualcosa che si adatti a te ora e che sia lusinghiero”, consiglia Lewis. Evita i vestiti troppo grandi e ti fanno sentire come se stessi nuotando nel tessuto. Lo stesso vale per gli indumenti restrittivi che potrebbero farti sentire a disagio.

3. Possedere l’ultima fila.
Va benissimo appoggiare il tappetino Pilates vicino alla porta, richiedere una spin bike nell’ultima fila dello studio o un tapis roulant nell’angolo più buio della palestra. “Vai presto e ritagliati il ​​tuo piccolo spazio, se questo ti rende più a tuo agio”, dice Rubin. “Metti l’asciugamano sulla bici, ascolta in anticipo la tua musica e raggiungi la tua zona.”

IMPARENTATO: 5 macchine per esercizi che non valgono il tuo tempo

4. Vai in palestra durante le ore di riposo.
Ragni gestisce la sua ansia andando nella minacciosa sala pesi dominata dagli uomini nel pomeriggio, quando è meno affollata. “Una stanza piena di ragazzi che sembrano sapere cosa stanno facendo mi avrebbe impedito di andare nel passato”, dice. Ora, trova conforto nel vedere la stessa manciata di persone ogni pomeriggio. I suoi progressi la fanno tornare. “Il primo giorno riuscivo a malapena a sollevare un peso di sei libbre, e ora posso sollevare un peso di 10 libbre. Questo mi fa sentire benissimo perché sono stata in grado di superare la mia paura e me la sono guadagnata”, dice. “Tutti dobbiamo cominciare da qualche parte.”

Paura degli odiatori della sala pesi? Se un recente post di Reddit sulla “giornata demoralizzante” di un diciannovenne in palestra è indicativo, quegli snob in palestra sono pochi e rari. È molto più probabile che incontrerai altri amici del fitness che ti faranno il tifo. Dopo aver condiviso la sua storia, quel Redditor giù e fuori di testa ha ricevuto più di 1.000 messaggi di supporto, incluso uno (presumibilmente) inviato dal campione di bodybuilding e “governatore” Arnold Schwarzenegger.

Inserito originariamente a marzo 2015. Aggiornato a gennaio 2016.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments