La verità sulla motivazione

0
80

La motivazione è sfuggente e cerchiamo sempre nei posti sbagliati. Stiamo cercando qualcuno che ci dia il segreto per trovarlo: leggiamo libri su come ottenerne di più, andiamo in terapia perché abbiamo paura del motivo per cui non ne abbiamo, e allo stesso tempo il tempo che diamo alle persone a cui manca l’occhio laterale.

La motivazione sembra volubile perché in realtà è più fantasia che realtà.

La verità sulla motivazione è che non la trovi, la costruisci.

Quando inizi qualcosa di nuovo o cerchi di prendere un’abitudine che hai perso, se stai aspettando qualcosa di interno che ti motiva abbastanza da smettere di fare la cosa facile e invece di fare la cosa difficile, non ti muoverai mai. Invece di aspettare la “motivazione” per tirarti giù dal divano proverbiale (o letterale), ecco un piano di gioco per iniziare:

1. Rendilo la parte più importante della tua giornata (per ora).
Se vuoi iniziare a fare yoga più spesso, stabilisci un giorno e un’ora per farlo ogni settimana. Inseriscilo nel tuo calendario e rendilo non negoziabile per un minimo di 3 giorni. Non mi interessa se devi sacrificare altre cose per farlo accadere – fallo e basta. Concediti un discorso d’incoraggiamento in stile sergente istruttore. Spingi la cena più tardi. Svegliati prima. Lascia che il bambino si agiti per un minuto mentre concludi le ultime pose. Appena. Rendere. It. Accadere.

Non c’è niente di sexy o “ispirato” in questa parte ed è per questo che nessuno nel mondo del benessere vuole parlarne in questo modo. Ma un discorso vero: le persone che fanno cose possono fare quello che fanno perché non aspettano che la motivazione per colpire. Hanno preso un’abitudine e poi non se ne discostano perché il loro PERCHÉ per fare la cosa è sufficiente per renderla una priorità.

2. Trova il tuo PERCHÉ.
Se il tuo PERCHÉ è debole, l’abitudine non si attaccherà mai. Scava in profondità e chiediti perché vuoi fare quello che dici di voler fare. È colpa? Non durerà. È a causa dell’input di qualcun altro? Non è abbastanza forte. È perché qualcuno che ammiri su Instagram ha detto che dovresti perché è quello che fa? A meno che non sia Dio stesso, è probabile che quella persona non sia perfetta come sembra. Le tue ragioni possono essere semplici, ma devono essere REALI. Devono essere importanti per te non solo in questo momento, ma anche a lungo termine.

3. Integralo nella tua vita.
Una volta che ti sei impegnato a fare di qualcosa un’abitudine, ora puoi integrarlo nella tua vita in modo più flessibile. Ti rendevi conto che una volta avrebbe funzionato meglio di un’altra? Hai trovato un modo migliore? Puoi adattarti quando puoi dipendere dalla tua responsabilità.

4) Rendi conto di te stesso.
… e se non puoi farlo da solo, trova qualcuno che ti aiuti! Trova un amico che possa darti una spinta quando non hai l’energia. O una comunità. Oppure stabilisci dei premi per te stesso lungo il percorso in modo da sentire il risultato in modo tangibile.

Ricorda: la verità sulla motivazione è che non la trovi, la costruisci.

Quindi qualunque cosa tu debba fare per produrre quel ritmo nel tuo passo, fallo.