giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Benessere Salute 5 effetti dello stress che incidono seriamente sulla tua salute

5 effetti dello stress che incidono seriamente sulla tua salute

Gli effetti dello stress non riguardano solo le farfalle e i palmi sudati. Se non viene gestito per lunghi periodi, ha conseguenze devastanti per la salute, afferma Anna Magee

Come nazione, abbiamo il diritto di provare un po’ di ansia collettiva. Con i negoziati sulla Brexit che stanno andando in qualsiasi direzione e la nostra pressione stagionale di gennaio è a buon punto.

Ma quei palmi sudati, il battito del cuore e le sensazioni di nausea che provi in ​​una crisi sono una reazione primitiva e naturale nota come risposta allo stress e, a piccole dosi, una cosa sana. Ci dà la carica per affrontare una sfida imminente: dopotutto, ci siamo evoluti per combattere o fuggire da fattori di stress come i predatori in natura.

I brevi fattori di stress in realtà fanno bene, ma quando sono implacabili possono portare a problemi di salute

Ma quando lo stress è in corso e non si attenua mai, come molti dei nostri moderni fattori di stress (lavoro opprimente o pressioni finanziarie … vivendo in un paese senza un governo praticabile) può anche portare a un vasto catalogo di problemi di salute dall’obesità all’acne al cuore malattia.

In effetti, la ricerca australiana ha scoperto che alti livelli di stress potrebbero portare a una diffusione delle cellule tumorali sei volte più veloce.

Ora, un fiorente campo di studi medici noto come psiconeuroendoimmunologia sta esaminando i collegamenti tra ciò che accade nel nostro sistema nervoso e lo sviluppo della malattia. Ecco una carrellata di come lo stress influisce sul nostro corpo.

PER SAPERNE DI PIÙ: Come alleviare lo stress senza farmaci – la guida dell’esperto

Il tuo corpo sotto stress

Potresti non essere in grado di controllare quanto lavoro ti viene assegnato, ma puoi controllare come reagisci ad esso

Quando il tuo corpo avverte il pericolo, innesca una risposta allo stress che inizia nella ghiandola dell’ipotalamo del cervello che invia segnali alle ghiandole surrenali (due ghiandole a forma di rene che si trovano sopra i reni) per rilasciare ormoni dello stress come cortisolo, adrenalina e noradrenalina.

Questi aumentano la pressione sanguigna e danno al tuo corpo un colpo di glucosio in modo da poter correre più veloce o lottare contro il pericolo immediato.

“Il cortisolo e altri ormoni dello stress sono importanti perché preparano il nostro corpo a reagire alle minacce”, afferma la dott.ssa Valeria Mondelli, docente di medicina psicologica al King’s College di Londra.

“Ma quando il nostro cortisolo è troppo alto per troppo tempo, può portare a problemi di salute fisica e mentale in molte aree del nostro corpo”.

Effetto stress n. 1 La connessione con il cancro

Non è utile dire alle persone che il loro stress ha causato il loro cancro – o qualsiasi altra condizione – perché questo crea senso di colpa e auto-colpa, dice Angela Clow, professore di psicofisiologia all’Università di Westminster.

Inoltre, lo studio in Australia è stato condotto su topi sottoposti a forme estreme di stress fisico, quindi non può essere considerato conclusivo. “Detto questo, sappiamo che sebbene lo stress non causi il cancro, può rallentare il recupero e aumentare la sua progressione”.

Ci sono due rami principali del tuo sistema immunitario, l’immunità diurna che prende di mira potenziali infezioni come i germi incontrati sul tubo e l’immunità notturna che rilascia cellule killer naturali che combattono gli invasori più nascosti come le cellule tumorali.

“Lo stress cronico e prolungato può portare a una carenza dell’immunità notturna, che è fondamentale per la protezione dal cancro”, afferma il prof. Clow.

“Gli studi sulla sopravvivenza nel corso della vita nel cancro al seno hanno dimostrato che dopo il trattamento, quelli con alti livelli di cortisolo muoiono statisticamente prima e sopravvivono meno di quelli con livelli più bassi”, spiega.

Una recensione del 2016 pubblicata sulla rivista Integrated Cancer Therapy ha rilevato che il cortisolo elevato era il biomarcatore più comune riscontrato nei pazienti con cancro al seno e ha concluso che le tecniche di consapevolezza, respirazione e stretching potrebbero offrire un potenziale miglioramento dell’attività immunitaria nei sopravvissuti.

Stress Effect #2 Grasso, voglie e quella ruota di scorta

Se desideri cibi grassi o dolci sotto stress, non sei solo: studi ripetuti mostrano che i ratti stressati sceglieranno di mangiare cibi dolci e grassi quando sono sotto stress.

“L’alto livello di cortisolo può influenzare la trasmissione della dopamina nel cervello, un neurotrasmettitore collegato al nostro sistema di ricompensa”, afferma il dott. Mondelli. “Questo ci rende più suscettibili a cercare ricompense mangiando di più e porta ad un aumento delle voglie”.

Il cortisolo inibisce anche la scomposizione del grasso poiché conservarlo per combattere una minaccia futura sarebbe stato essenziale da una prospettiva evolutiva. Ma può anche influenzare dove va il nostro grasso.

“Il modo in cui le persone distribuiscono il grasso sembra essere correlato al modo in cui rispondono allo stress”, afferma il dott. Leigh Gibson, docente di psicologia e fisiologia all’Università di Roehampton.

“Si è sostenuto che le persone che si adattano meglio allo stress hanno meno probabilità di ingrassare viscerale [fat around the middle] rispetto alle persone che sono più brave a far fronte allo stress.’ Il grasso viscerale è associato ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Se lo stress ti fa venire voglia di zucchero, prova un integratore come Sucroguard di Biocare (£ 8,86 da Biocare) che contiene cromo, un minerale che ha dimostrato di aiutare a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e a tenere a bada le voglie.

Stress Effect #3 Memoria, Alzheimer e demenza

Lo stress cronico potrebbe essere un fattore di rischio per la demenza, afferma la dott.ssa Laura Phipps, di Alzeimher’s Research UK. “È stato dimostrato che le persone con malattia di Alzheimer hanno livelli più elevati di cortisolo nel sangue e, nel tempo, ciò può causare danni all’ippocampo, un’area del cervello coinvolta nella memoria e una delle prime aree colpite dalla malattia”.

Inoltre, Phipps spiega che alcuni studi hanno dimostrato che un maggiore stress psicologico nella vita di una persona è legato a un rischio maggiore di sviluppare demenza, anche se non è chiaro esattamente come ciò avvenga.

Una spiegazione potrebbe essere l’infiammazione, afferma il dottor Mondelli. Quando i nostri corpi sono sotto stress producono citochine pro-infiammatorie, fattori immunitari che combattono le infezioni.

Quando queste citochine sono elevate per un periodo di tempo, l’infiammazione può provocare e influenzare non solo la capacità del nostro corpo di combattere le infezioni, il suo rischio di malattie cardiache e cancro, ma può anche influenzare il nostro cervello. “L’infiammazione può ridurre il numero di cellule neuronali nella nostra crusca e influenzare il modo in cui si collegano tra loro e il modo in cui memorizziamo le cose”.

Effetto stress #4 Malattia cardiaca

Durante la risposta allo stress, la respirazione aumenta e il cuore batte più velocemente nel tentativo di pompare più ossigeno e sangue ai muscoli, preparandoli alla lotta o alla fuga. Gli ormoni dello stress causano anche la costrizione dei vasi sanguigni e l’aumento della pressione sanguigna.

In effetti, i ricercatori tedeschi hanno scoperto che coloro che erano costantemente esposti al rumore del traffico erano a maggior rischio di infarto a causa dell’aumento dell’inquinamento acustico da stress messo sui loro corpi.

Ma c’è dell’altro oltre alle conseguenze di un aumento del battito cardiaco, afferma il dottor Mondelli. “L’aumento degli ormoni dello stress nel tempo porta a un’infiammazione che danneggia il rivestimento interno dei vasi sanguigni che può facilitare la produzione di placche arterosclerotiche che ostruiscono le arterie, aumentando il rischio di infarto”, spiega.

Effetto Stress #5 Lo stress e la pelle

Quei brufoli o la desquamazione della pelle che si infiammano quando sei stressato non sono la tua immaginazione, afferma il dottor Anthony Bewley, consulente dermatologo presso il Bart’s Hospital Trust, a Londra. In effetti, ha visto un aumento dell’insorgenza dell’acne in età adulta nelle donne stressate e di mezza età.

“Lo stress non solo ritarda la guarigione delle ferite, ma gli ormoni dello stress portano anche alla produzione di più olio nella pelle e al blocco dei follicoli piliferi che portano all’acne,” spiega il dott. Bewley.

Anche condizioni come l’eczema e la psoriasi sono strettamente legate allo stress. “Il cervello è collegato alla pelle attraverso i nervi della pelle, quindi quando sei stressato, rilasci sostanze chimiche nel cervello che possono essere pro-infiammatorie e portare a riacutizzazioni”, spiega.

Un’area di trattamento in crescita sul NHS è la psicodermatologia in cui le condizioni della pelle vengono trattate in modo olistico con la consapevolezza o la terapia cognitivo comportamentale (CBT) insieme a interventi medici.

“Abbiamo scoperto che se si dà a un gruppo di pazienti affetti da psoriasi il trattamento solare standard con nastri di consapevolezza per rilassarli, guariscono in metà del tempo rispetto a quelli che hanno il solo trattamento solare”, afferma il dott. Bewley. Parla con il tuo medico di famiglia per ottenere un rinvio a una clinica di psicodermatologia se questo suona come te.

Cosa funziona davvero per lo stress

Charlotte Watts, autrice di De-Stress Effect ha dimostrato modi per calmare la mente

Prendi il magnesio Assumere circa 400 milligrammi al giorno può aiutare a rilassare il corpo e ha anche dimostrato di aiutare i sintomi della depressione. Le fonti alimentari includono fagioli, avena e banane. Prova il magnesio effervescente di Healthspan £ 9,95 (188 mg per compressa, quindi prendine due al giorno). Oppure puoi usare il magnesio per via transdermica: si assorbe bene attraverso la pelle. Prova lo spray all’olio di magnesio di BetterYou (£ 12,20 da Healthista Shop) sui polpacci e sulla pancia prima di andare a letto, è immediatamente rilassante e ha dimostrato di aiutare a favorire il sonno.

Spegnere Solo dieci minuti al giorno di meditazione consapevole – o semplicemente sdraiarsi e fare respiri profondi e lenti – possono migliorare i livelli di stress a lungo termine. Ci piace l’app Mindfulness Meditation del dottor Mark Williams (da iTunes).

Spostare L’esercizio riduce gli effetti immediati dello stress, aiutando a dissipare gli ormoni dello stress e riduce anche gli straordinari livelli di ormoni dello stress. Obiettivo per 20-30 minuti del tipo che ti rende gonfio e sudato come camminare, nuotare, andare in bicicletta, ballare o fare jogging cinque volte a settimana.

Allungare È stato dimostrato che le persone che praticano yoga hanno livelli cerebrali più elevati di GABA, una sostanza chimica cerebrale essenziale per calmare, ma qualsiasi tipo di esercizio di stretching che calma e approfondisce il respiro può aiutare.

Più contenuti Healthista:

Dovresti DAVVERO nutrire un raffreddore? La guida del GP a 9 freddi miti

9 passaggi per trovare un terapeuta

La dieta Mood Food – 7 giorni di ricette per renderti più felice

60 consigli per perdere peso in 60 giorni

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI