sabato, Novembre 27, 2021
Home Benessere Salute 5 rimedi naturali per la stitichezza

5 rimedi naturali per la stitichezza

I rimedi naturali per la stitichezza non sono sempre supportati da prove. Ecco perché, in questo periodo post-natalizio, te ne presentiamo cinque che funzionano davvero

Qualcuno soffre ancora di gonfiore natalizio? La stagione delle feste è finita, ma il girovita in espansione potrebbe solo raggiungerti. C’è qualcosa nelle festività natalizie che fa sì che anche la persona meno avida mangi e beva più del solito. L’assalto di cibo festivo ricco e indulgente può portare a indigestione, gonfiore e persino stitichezza – oh il fascino del Natale.

“La stitichezza può portare a un minimo di tre o meno movimenti intestinali a settimana”, afferma il direttore nutrizionale Rick Hay.

In alcuni casi di stitichezza sono prevalenti anche sintomi come affaticamento, letargia, dolore addominale, malattie della pelle e mal di testa.

Se ti ritrovi stitico dopo i giorni in cui hai mangiato più mince pie o maiali nelle coperte, è probabile che avrai difficoltà a far passare le feci e potresti anche avere gonfiore e flatulenza.

Questo può essere davvero scomodo, specialmente in questo periodo dell’anno in cui è buio, freddo e umido ed è più probabile che tu sia seduto davanti alla TV circondato da involucri di cioccolato (o sono solo io?)

Buone notizie gente, il nutrizionista Rick Hay è qui per aiutarci a prevenire questa condizione costrittiva. Ecco 5 rimedi naturali per la stitichezza con buone prove dietro di loro se sei preoccupato per i tuoi movimenti intestinali.

Rimedio contro la stitichezza #1 Inizia la giornata con grassi sani

Se ti ritrovi un po’ più “rinforzato” del solito, prova a iniziare la giornata con una colazione che contenga grassi sani. Mira a cibi come avocado, noci, semi, sardine o uova biologiche.

Infatti, uno studio sugli effetti dell’olio d’oliva e dell’olio di semi di lino (entrambi grassi sani) per il trattamento della stitichezza ha scoperto che un’assunzione giornaliera di entrambi questi oli era efficace nel trattamento e nella riduzione dei sintomi della stitichezza.

“I grassi sani consumati a colazione stimoleranno il riflesso gastrocolico”, afferma Hay. Ciò significa che il semplice atto di mangiare stimola il movimento nel tratto gastrointestinale (tratto digerente).

Il classico avocado su pane tostato con un uovo in camicia o un uovo fritto in olio d’oliva, sarebbe un’ottima opzione qui. Oppure, se non hai il lusso del tempo, prendi del burro di arachidi senza zucchero con una banana o una manciata di noci miste con alcune bacche.

Regola n.2 Mangia più cibi vegetariani e vegani

A chi altro è stato detto che le prugne sono un ottimo rimedio per la stitichezza? Bene, questa non è una favola da vecchie mogli, se hai delle prugne in giro, allora geniale, ingoiatele al più presto se stai lottando nel reparto toilette.

Nel Regno Unito la maggior parte delle persone non mangia abbastanza fibre. L’assunzione giornaliera raccomandata di fibra per l’adulto medio è di 30 grammi. Tuttavia, l’assunzione media per le donne è di 17,2 grammi di fibre, mentre gli uomini ne consumano solo leggermente di più a 20,1 grammi.

Una tazza di prugne snocciolate e crude contiene 12 grammi di fibre, il che significa che le prugne sono un ottimo modo per aumentare l’assunzione di fibre. Altri alimenti che sono una grande fonte di fibre sono frutta come bacche, melone, pere e arance. Anche le verdure sono ricche di fibre, come broccoli, carote e mais.

Fagioli, legumi, patate con la buccia e quinoa sono anche ottime opzioni se hai bisogno di aumentare l’apporto giornaliero di fibre.

Uno studio sul World Journal of Gastroenterology, che cercava di studiare l’effetto dell’assunzione di fibre alimentari sulla stitichezza, ha condotto una meta-analisi su 1.322 articoli potenzialmente rilevanti.

Lo studio ha rilevato che la fibra alimentare ha mostrato un vantaggio significativo rispetto al placebo nella frequenza delle feci. Ciò significa che la fibra alimentare aumenterà la frequenza delle feci (la quantità di volte in cui vai in bagno) nei pazienti con stitichezza, ma non migliorerà necessariamente la consistenza delle feci (feci molli o solide).

Se sai di essere una di quelle persone che non assumono abbastanza fibre e di conseguenza l’eliminazione quando si va in bagno è lenta, allora prova ad aumentare l’assunzione di cibo vegano e vegetariano poiché ciò aumenterà anche l’assunzione di fibre.

Cerca di riempire almeno la metà del piatto con verdure o altre forme di fibra alimentare. Questo dovrebbe aiutare con il movimento nel tratto gastrointestinale.

Regola #3 Resta idratato

Una regola noiosa che conosco ma comunque importante. Per quanto riguarda la salute dell’intestino, è importante rimanere idratati.

Al giorno d’oggi, è più probabile che le persone inizino la giornata con un caffè o una bevanda energetica. Queste bevande contenenti caffeina, in particolare il caffè, sono diuretici che ti faranno andare in bagno più spesso.

Minzione frequente con l’ulteriore mancanza di assunzione di acqua porterà alla disidratazione. Questo è il motivo per cui la stitichezza è spesso vista come il risultato della tipica dieta e stile di vita moderni.

Uno studio su 1.040 articoli che esaminano il ruolo dell’acqua e dell’assunzione di liquidi nella prevenzione e nel trattamento della stitichezza nei bambini e negli adolescenti ha trovato prove che indicano che esiste un’associazione tra una minore assunzione di liquidi e stitichezza intestinale.

la stitichezza è spesso vista come il risultato della tipica dieta e stile di vita moderni.

Stabilisci la regola di bere un intero bicchiere d’acqua prima al mattino e poi prima di ogni pasto. Non solo questo attiverà il tuo sistema digestivo, ma ti reidraterà anche dopo non aver bevuto mentre dormivi per circa otto ore.

Hay consiglia di provare anche a bere un bicchiere di acqua tiepida e limone come prima cosa al mattino, tenendo presente anche che nel resto della giornata consumiamo circa otto bicchieri d’acqua.

Regola #4 Vai a fare jogging o mettiti in una posa “yoga”

L’esercizio (in particolare il jogging) è ottimo per i problemi di stitichezza. Correre e fare jogging “scuotono” l’intestino attorno al quale stimola la peristalsi (la costrizione e il rilassamento involontario dell’intestino che aiuta a spostare i rifiuti attraverso di esso).

Al giorno d’oggi, la maggior parte delle persone conduce uno stile di vita sedentario, a causa del lavoro d’ufficio. Aggiungi questo a una dieta povera di fibre e ricca di caffeina e capirai quanto può essere facile finire con un sistema digestivo pigro. È probabile che la ridotta mobilità sia una causa significativa di stitichezza negli anziani o in quelli con una condizione fisicamente invalidante.

Per coloro che non amano particolarmente l’esercizio o non possono per motivi medici, possono essere d’aiuto anche la consapevolezza, lo yoga, lo stretching o il massaggio addominale.

Il massaggio addominale può migliorare la stitichezza incoraggiando il movimento dei rifiuti attraverso il colon e riducendo le sensazioni soggettive di stress.

Uno studio sugli effetti del massaggio aromatico e del massaggio meridiano su costipazione e stress nelle studentesse universitarie ha visto 38 donne ricevere un massaggio aromatico o un massaggio meridiano, cinque giorni alla settimana per quattro settimane.

Il massaggio aromatico è stato effettuato utilizzando olio aromatico, una miscela di limone, lavanda, rosmarino e cipro. Il massaggio meridiano è stato effettuato in nove punti che influenzano le funzioni intestinali.

Il massaggio addominale può migliorare la stitichezza incoraggiando il movimento dei rifiuti attraverso il colon

Prima e dopo ogni settimana dell’esperimento sono stati misurati un punteggio di gravità della stitichezza, una frequenza settimanale di defecazione e un punteggio di risposta allo stress.

Lo studio ha rilevato che entrambi i massaggi addominali alleviano la stitichezza e lo stress. Il ricorso a entrambi i tipi di massaggio contribuirà alla riduzione dell’uso di emollienti delle feci o clisteri.

Regola n.5 Fai scoppiare un probiotico

I probiotici aiutano a bilanciare i batteri nel nostro intestino. “I probiotici sono microrganismi vivi che contengono “batteri buoni”, afferma Hay. “Possono essere consumati attraverso cibi fermentati o integratori”.

“I probiotici aiutano il tuo sistema digestivo ripristinando l’equilibrio naturale dei batteri nell’intestino. Uno squilibrio è solitamente causato quando ci sono troppi batteri cattivi, rispetto alla quantità di batteri buoni.

“I sintomi tipici dell’eccesso di batteri cattivi nell’intestino includono gonfiore eccessivo, flatulenza, disagio generale e bruciore di cuore”.

La buccia di psillio è conosciuta come la ginestra intestinale, contribuisce a un sano transito intestinale

Simile agli enzimi digestivi, i probiotici aiutano nell’assorbimento del cibo. Aumentando il numero di batteri buoni, i probiotici consentono di assorbire i nutrienti in modo più efficiente. I probiotici aiutano anche con la regolarità e possono anche essere usati per prevenire la diarrea.

I probiotici possono essere trovati negli alimenti fermentati, come yogurt, kimchi e crauti, ma un modo più semplice per bilanciare i batteri intestinali è attraverso l’integrazione.

Uno studio su 660 registrazioni che cercava di indagare sull’effetto dei probiotici sul tempo di transito intestinale, sulla produzione di feci e sui sintomi di stitichezza negli adulti ha rilevato che nel complesso, i probiotici hanno ridotto significativamente il tempo di transito intestinale di 12,4 ore, aumentato la frequenza delle feci di 1,3 movimenti intestinali a settimana e migliore consistenza delle feci.

Hay consiglia di assumere Biocare Bioacidophilus forte con il complesso probiotico LAB 4 clinicamente ricercato. Combina questo con Psyllium Intensive che contiene buccia di psillio, inulina, bardana, pectina e probiotici e dovresti provare un po’ di sollievo.

La buccia di psillio è conosciuta come la ginestra intestinale, contribuisce a un sano transito intestinale e mantiene un intestino sano.

Uno studio che cercava di indagare sull’effetto di LAB4 (un probiotico multiceppo) nell’alleviare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS), ha visto 52 partecipanti con IBS (che include sintomi simili alla stitichezza come dolore allo stomaco e gas eccessivo) che sono stati randomizzati a ricevere un probiotico o un placebo per otto settimane. I partecipanti hanno riferito i loro sintomi di IBS utilizzando un questionario quindicinale.

Lo studio ha rilevato un miglioramento significativo nel punteggio di gravità dei sintomi dell’IBS durante lo studio di otto settimane. Lo studio ha anche mostrato un miglioramento dei punteggi per la qualità della vita, i giorni con dolore e la soddisfazione per l’abitudine intestinale dei partecipanti che assumono il probiotico.

Cosa dici di te?

Altro da Chiedi al nutrizionista:

5 correzioni IBS dimostrate dalla scienza

5 rimedi al gonfiore che puoi fare stasera

L’integratore energetico che potrebbe cambiare il modo in cui ti alleni

Come ottenere livelli di colesterolo sani

Di quali 2 nutrienti essenziali hanno bisogno tutti?

Rick Hay è un nutrizionista con un particolare interesse per l’anti-età e molti anni di esperienza clinica in nutrizione, naturopatia e medicina botanica. È specializzato nel trattamento dell’obesità e nella gestione del peso. Scrive regolarmente un blog di salute naturale e fitness per Healthista. Scopri di più su rickhay.co.uk. Segui Rick su Twitter @rickhayuk

Il libro di Rick Hay The Anti Aging Food and Fitness Plan è disponibile per l’acquisto su Amazon.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI