lunedì, Novembre 29, 2021
Home Benessere Salute 8 modi in cui camminare nei boschi può renderti più felice

8 modi in cui camminare nei boschi può renderti più felice

Solo 20 minuti di contatto con la natura ridurranno i livelli di ormone dello stress, secondo un nuovo studio. Sarah Ivens rivela come sfuggire alla vita opprimente della città e fare una passeggiata nei boschi può giovare alla nostra salute

Puoi dedicare solo 20 minuti al giorno per aiutare a ridurre i livelli di stress? Probabilmente puoi. Un nuovo studio di Frontiers in Psychology mostra che dedicare almeno 20 minuti della tua giornata a passeggiare o sederti in un luogo che ti fa sentire a contatto con la natura, abbasserà significativamente i livelli di stress e i livelli di ormoni dello stress nel tuo corpo.

Gli operatori sanitari, secondo lo studio, possono utilizzare questa ricerca per prescrivere "pillole naturali" che hanno un effetto misurabile effettivo. Fornisce le prime stime di come la natura abbia effettivamente un impatto positivo sui livelli di stress.

Il tempo nei boschi è in realtà misurabilmente benefico per la tua salute. Il movimento potente e attuale di shinrin-yoku, o "bagno nella foresta", come lo chiamiamo nel Regno Unito, è iniziato negli anni '80 in Giappone.

Il loro governo ha speso tempo e denaro nella ricerca sulla moltitudine di benefici derivanti dal trascorrere del tempo nella natura, e più specificamente nella foresta. Hanno creato un'iniziativa di salute pubblica per portare le persone fuori quando si sono rese conto di quanto fossero significativi i benefici.

È stato in Giappone, quando avevo 34 anni, che una guida esperta ha visto il mio io stanco e imbronciato e mi ha parlato dell'idea. Mi sono reso conto di ciò che sapevo da sempre: avevo bisogno di tornare ai grandi spazi aperti, muovere le dita dei piedi nell'erba e respirare di nuovo aria fresca in profondità. Non ho mai guardato indietro.

Ma si scopre che shinrin-yoku, bagni nella foresta o friluftsliv (come viene chiamata in Norvegia questa filosofia di vita all'aria aperta), non solo si sente bene a breve termine, ma ha anche effetti medici, mentali e fisici a lungo termine. benefici anche.

Quando ero bambino, cercando di capire il divorzio dei miei genitori o di dimenticare i bulli nel cortile della scuola, ho trovato conforto negli spazi verdi intorno alla mia casa londinese. Cercherei naturalmente pace e tranquillità e userei il tempo libero per esplorare e creare nella vicina foresta o vicino a uno stagno che ho frequentato con mia nonna.

Poi, da adulto, mi sono chiuso in uffici grigi, tunnel sotterranei e bar fumosi, fissando il mio telefono. Il mio spirito verde si è trasformato in un carbone opaco e ho lasciato che lo stress e la letargia avessero la meglio su di me.

Ecco otto modi in cui ho assistito alla meraviglia di una vita all'aperto vissuta bene…

#1 Affaticamento mentale ridotto

Sembriamo tutti ossessionati dal "sovraccarico mentale" della vita moderna, ma non sappiamo come ridurlo. Diciamo di sì troppo spesso, ci assumiamo troppo, poi pensiamo a tutto troppo profondamente. Stiamo sudando le piccole cose ed è estenuante.

La buona notizia è che la ricerca pubblicata nel Journal of Environmental Psychology mostra che l'esposizione ad ambienti riparatori come una foresta, un lago o una spiaggia, ripristina l'energia mentale e che la bellezza naturale ispira sentimenti di stupore, il che dà una spinta cerebrale secondaria. La memoria a breve termine migliora anche dopo una pausa all'aria aperta.

In uno studio istituito dall'Università del Michigan, ai partecipanti è stato somministrato un test di memoria, quindi divisi in due gruppi e inviati a fare una passeggiata. Al ritorno per sostenere nuovamente l'esame, il gruppo che è stato inviato a fare una passeggiata intorno a un arboreto ha ottenuto un miglioramento del 20% la seconda volta, mentre i partecipanti che hanno camminato per una strada cittadina non hanno mostrato miglioramenti. Natura per la vittoria!

#2 Aumento della creatività

Idee fresche e nuove prospettive mi vengono più velocemente all'aria aperta e ora ho qualche indizio sul perché. Gli psicologi ambientali dell'Università del Michigan hanno scoperto che guardare queste morbide meraviglie naturali ha permesso al cervello di riprendersi, riprendersi e riposare dopo aver affrontato gli assalti causati dall'uomo della vita moderna, quindi gli ha dato un nuovo approccio ai problemi.

Il cervello in natura è più aperto a riflettere, sognare ad occhi aperti e vagare, il che aumenta la creatività. Gli psicologi hanno notato che i benefici di trascorrere del tempo nella natura sono durati anche per un po' dopo essere tornati in casa. Quindi, una passeggiata in un parco prima di un importante incontro di brainstorming potrebbe essere qualcosa su cui riflettere.

Un altro studio pubblicato sulla rivista della Public Library of Science ha scoperto che le persone immerse nella natura per quattro giorni hanno aumentato del 50% i loro risultati in un test creativo per la risoluzione dei problemi. Ciò suggerisce una correlazione positiva tra i grandi spazi aperti e la creatività, ma hanno anche citato una diminuzione dell'esposizione alla tecnologia in quei quattro giorni come possibile beneficio nel risultato del test.

#3 Felicità potenziata

Ricordo il sollievo che ho provato quando ho spazzato via le ragnatele del mio cervello ossessionato da me stesso e sono entrato in qualcosa di più grande delle mie preoccupazioni e insicurezze da adolescente angosciato. Una chiacchierata con un amico durante una passeggiata nella foresta che è tornata alla mia casa d'infanzia o una passeggiata da solista lungo le dune di sabbia salmastre del Norfolk durante la nostra vacanza annuale in famiglia, mi ha permesso di elaborare i problemi, mandando la mia stasi su al cielo e fuori al Mare del Nord.

Sembriamo tutti ossessionati dal "sovraccarico mentale" della vita moderna

Questa è una pratica che dovremmo continuare per tutta la vita, mostra la ricerca. Uno studio su Scienze e tecnologie ambientali ha trovato un legame tra diminuzione dell'ansia e cattivo umore con le passeggiate nei boschi, mentre un altro ha riferito che fare una passeggiata all'aperto dovrebbe essere prescritto dai medici come supplemento ai trattamenti esistenti per i disturbi depressivi.

Il Journal of Affective Disorders ha pubblicato un'analisi che ha dichiarato come ogni ambiente verde e naturale (non solo le foreste) migliora l'umore e l'autostima, un elemento cruciale per la felicità personale. Inoltre, la presenza dell'acqua – un lago, un fiume, l'oceano – rendeva ancora più evidenti gli effetti positivi sulla felicità.

#4 Immunità potenziata

Un conglomerato internazionale di scienziati ha chiesto a 31.000 residenti di Toronto di compilare un questionario sulla loro salute e ha scoperto che coloro che vivevano in isolati alberati avevano un miglioramento della salute cardiaca e metabolica rispetto a coloro che vivevano in un blocco più spoglio e brutale.

Essere in un vortice di fitoncidi, con l'attività cellulare che promuove, può anche fornire una spinta generale al sistema immunitario, aiutando a combattere influenza, tosse e raffreddore, afferma un articolo sulla rivista di salute ambientale e medicina preventiva, anche se più è necessaria una ricerca sul rapporto tra gli alberi e noi.

Uno studio ha anche rivelato come i pazienti guariscano più velocemente dall'intervento chirurgico se gli viene data una vista verde e naturale dal loro letto d'ospedale. I ricercatori dell'Università di Pittsburgh hanno riferito che i pazienti sottoposti a chirurgia spinale esposti alla luce naturale sentivano meno stress, dolore e assumevano meno farmaci antidolorifici rispetto ai pazienti che non lo erano. Ciò alimenta uno studio precedente che ha mostrato tempi di recupero più rapidi per coloro che si trovano in una stanza d'ospedale con vista sugli alberi piuttosto che su un muro di mattoni.

#5 Esercizio esteso e salute del cuore

Gli studi dimostrano che, sebbene non sia necessario essere all'aperto per essere attivi, camminare su un tapis roulant per tre miglia brucerà lo stesso numero di calorie di camminare su un sentiero nel bosco per tre miglia, il tuo corpo e il tuo cervello segnalano una spinta extra dallo spostamento del tuo allenamento da una palestra artificiale a una naturale.

Ricercatori britannici hanno studiato 1.000 bambini britannici utilizzando acceleratori e dispositivi di posizionamento e hanno scoperto che i bambini erano due volte più attivi all'aperto che al chiuso, la natura mette una molla in più nel nostro passo. La cosa migliore dell'esercizio all'aperto è ovviamente che spesso non sembra esercizio, il che lo rende più sostenibile come stile di vita piuttosto che solo una moda passeggera nel tentativo di perdere peso.

Una passeggiata energizzante in un parco locale con un amico, osservando il cambio di stagione mentre marciate sotto i baldacchini degli alberi, l'aria fresca che gonfia la vostra pelle stanca, è più rinvigorente, sociale e interessante del tempo da soli, guardando ossessivamente l'orologio mentre l'aria condizionata ti soffia in faccia.

#6 Stress ridotto

E respira… la natura è un meraviglioso succhietto. Molti studi mostrano che sia l'esercizio nei boschi – o anche solo sedersi in uno – riduce la pressione sanguigna e diminuisce gli ormoni legati allo stress cortisolo e adrenalina, che ci aiutano a calmarci.

I cui occhi non si sono sentiti riposati quando sono stati tolti da uno schermo lampeggiante per alcuni minuti?

Uno studio dello Scandinavian Journal of Forest Research ha scoperto che gli studenti che sono stati mandati in una foresta per accamparsi per due giorni sono tornati con livelli significativamente inferiori di cortisolo nel loro sistema rispetto a quelli che erano rimasti in città. I ricercatori di Salute ambientale e Medicina preventiva hanno ottenuto risultati simili, osservando che sia i livelli di cortisolo che la frequenza cardiaca sono diminuiti per le persone che trascorrono del tempo lontano da un ambiente cittadino e in un luogo di terapia forestale.

#7 Visione più nitida

Le carote non sono l'unica cosa naturale per aiutare la tua vista, gli studi dimostrano. Il buon senso ci dice che è bello allontanarsi dal bagliore dello schermo di un computer, ma potrebbe esserci dell'altro.

Uno studio australiano ha esaminato 2.000 bambini in un periodo di due anni e ha scoperto che coloro che trascorrevano più tempo all'aperto avevano un rischio ridotto di sviluppare miopia (miopia). A Taiwan i ricercatori hanno esaminato due scuole vicine con livelli comparabili di miopia. Nell'arco di un anno, una scuola è stata incoraggiata a giocare di più all'aperto.

I risultati? Testando i bambini dopo 12 mesi, i dati hanno rivelato che i bambini all'aperto avevano un tasso di miopia dell'8,41%, rispetto al 17,65% dei bambini al chiuso. Entrambi questi studi sono stati pubblicati sulla rivista Ophthalmology e, sebbene si concentrino sui bambini, mostrano un legame tra l'effetto protettivo dell'attività all'aperto sulla vista. I cui occhi non si sono sentiti riposati quando sono stati tolti da uno schermo lampeggiante per alcuni minuti?

#8 Maggiore capacità di far fronte al dolore

Un rapporto del King's Fund, commissionato dal National Garden's Scheme, ha rivelato come stare all'aperto, e in particolare il giardinaggio, offra ai malati e ai malati una miriade di benefici fisici e psicologici, nonché un sollievo naturale dal dolore.

La terapia orticola è davvero una cosa. Le prove degli studi clinici mostrano come può aiutare le persone con artrite. Ad esempio, la rotazione e la torsione ritmiche del diserbo allevia il disagio e la rigidità.

Thrive, un ente di beneficenza britannico che incoraggia il giardinaggio per aiutare le persone che vivono con malattie o disabilità, offre programmi di terapia orticola a persone che affrontano una varietà di problemi di salute, comprese attività per persone con demenza progettate per aiutare con reminiscenza positiva, riconnettersi con gli altri e gentile esercizio.

Sarah Ivens esce oggi l'ultimo libro Forest Therapy, edito da Piatkus.

Sarah Ivens, Phd, è un life coach certificato e autore di bestseller. Da Londra, ora vive ad Austin, in Texas, con il marito Russell e i due figli William, 6 anni, e Matilda, 4.

Più contenuti Healthista:

7 segni sorprendenti che sei stressato

5 esercizi di respirazione per ogni tipo di stressato

Cosa mangiare per lo stress

11 lezioni di vita di cui vive questo allenatore di fitness famoso in tutto il mondo

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI