8 modi per evitare insidie ​​etiche nei social media – Parte prima

0
19

Di Barbara Ficarra, Marina militare, BSN, MPA

Le regole etiche della legge si applicano alla medicina?

Le questioni etiche nei social media sono una preoccupazione per gli avvocati e gli operatori sanitari possono imparare dagli avvocati su come evitare esplosioni etiche.

In un recente articolo nel New York State Bar Association State Bar News, si afferma che gli avvocati affrontano un campo minato di potenziali problemi etici quando si tratta di utilizzare i social media per promuovere gli affari o interagire con i clienti. L'articolo, "Utilizzando i social media, i telefoni cellulari possono portare casi di insidie ​​etiche difficili nel panorama della proprietà intellettuale", offre buoni consigli per gli avvocati che possono essere applicati all'arena dell'assistenza sanitaria.

Il miglior consiglio per evitare esplosioni etiche

  • Sii consapevole del fatto che tutto ciò che pubblichi online è un riflesso di te. Non criticare un giudice per un verdetto che non è andato a tuo favore e non fornire consulenza legale. "Queste cose hanno un modo per risponderti e morderti alle spalle", ha detto Jeremy Feinberg, consigliere speciale per l'etica presso l'Ufficio statale dell'amministrazione giudiziaria. "
  • "Nonostante le funzionalità di sicurezza, le impostazioni sulla privacy e altre protezioni, nessuno è veramente anonimo su Internet, almeno per molto tempo", ha affermato Feinberg. (Ha notato l'incidente con Manti Te'o, star del calcio dell'Università di Notre Dame e la bufala di Internet contro di lui. Successivamente, l'autore dello scherzo è stato identificato.)
  • Le impostazioni sulla privacy su una pagina Facebook dovrebbero essere considerate solo una piccola assicurazione, hanno avvertito Feinberg e David A. Lewis (Hinshaw & Culbertson LLP). "Feinberg ha affermato che, al fine di utilizzare al meglio le impostazioni sulla privacy, è importante che gli avvocati si tengano al passo con gli ultimi cambiamenti tecnologici relativi a particolari social media".
  • Feinberg e Lewis affermano che ci sono problemi nell'usare i telefoni cellulari per comunicare con i clienti tramite posta vocale o messaggi di testo. “Poiché i numeri di telefono possono essere trasferiti, è possibile che un avvocato o un cliente condivida informazioni privilegiate con uno sconosciuto, qualora l'uno o l'altro cambiasse il proprio numero di cellulare. I telefoni cellulari e altri strumenti di messaggistica elettronica, ha consigliato Feinberg, sono meglio riservati per la pianificazione e i messaggi banali ".
  • Gli avvocati devono stare attenti alle questioni etiche relative al blogging. Il blogging è un modo popolare per gli avvocati di discutere di questioni legali online. (Feinberg e Lewis)
  • “Gli avvocati che offrono opinioni in risposta a una domanda pubblicata inavvertitamente su un blog potrebbero stabilire una relazione avvocato-cliente. Il blogging potrebbe anche violare altre regole, come quelle che regolano la pubblicità degli avvocati ". (Lewis)
  • "Fare amicizia" con qualcuno su Facebook o connettersi con qualcuno su Linkedin può creare problemi agli avvocati. Gli avvocati che controllano il profilo di un giurato potrebbero essere considerati comportamenti inappropriati. (Feinberg e Lewis)
  • "Quando si hanno contatti online con parti non rappresentate, entra in gioco la regola 4.3 delle Regole di condotta professionale". Il consiglio di Lewis e Feinberg: "Non dispensare consulenza legale, oltre a consigliare alla persona di rivolgersi a un avvocato, e mantenere qualsiasi comunicazione il più libera possibile dal linguaggio legale.
  • Sebbene questi suggerimenti siano specifici per gli avvocati, gli operatori sanitari possono imparare da loro. Gli operatori sanitari possono evitare un campo minato di problemi etici se si impegnano con giudizio nei social media.

    I consigli da 1 a 3 si applicano a chiunque sia online. Non criticare nessuno, comprendi che nessuno è veramente anonimo e le impostazioni sulla privacy hanno poche assicurazioni, ma da 4 a 8 devono essere indirizzate agli operatori sanitari. I social media hanno trasformato il modo in cui gli operatori sanitari comunicano in ambito sanitario oggi. I medici inviano messaggi di testo e e-mail ai pazienti, scrivono sul blog e sono su Facebook e Linkedin e interagiscono con i pazienti. Le regole per fornire consulenza medica si applicano ai medici che interagiscono con i pazienti tramite la telemedicina? Le regole etiche della legge si applicano alla medicina?

    Nella mia prossima intervista con l'avvocato David A. Lewis, affronterò questi problemi e altro ancora, e te li presenterò nella Parte II. Rimanete sintonizzati.

    fonte

    Mahoney, Mark, (marzo / aprile 2013). Utilizzando i social media, i telefoni cellulari possono portare casi di insidie ​​etiche difficili nel panorama della proprietà intellettuale, vol. 55. N. 2, New York State Bar Association, State Bar News, p. 16.

    Il tuo turno

    La tua organizzazione ha linee guida etiche? Quali sono? Come si evitano le insidie ​​etiche? Per favore condividi le tue opinioni nella sezione commenti qui sotto.

    Come sempre, grazie per il tuo tempo molto prezioso.

    Ulteriori informazioni sugli aspetti legali dei social media per gli operatori sanitari sono disponibili qui.

    Maggiori informazioni sugli aspetti legali dei social media qui

    Connettiti con me | Rimani in contatto

    Immagine per gentile concessione di adamr / FreeDigitalPhotos.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui