Alimentazione sana: sei un drogato di cibo?

0
35

Parte 1 di 3

La seguente serie in tre parti presenta i post degli ospiti di Janis Jibrin, M.S., R.D. e il dottor Barry Sears e sono presenti nella sezione Alimentazione sana.

Nel primo post, "Sei un drogato di cibo?" di Janis Jibrin, M.S. R.D., capo nutrizionista di BestLife, fornisce un questionario alimentare per scoprire se potresti avere una dipendenza da cibo e Janis condivide strategie utili per superarla. Nel suo prossimo post, "Alimenti che combattono il grasso", Janis spiega quali alimenti hanno un maggiore effetto termico che può aiutare con la perdita di peso.

Infine, il dottor Barry Sears, creatore di Zone Diet e autore di best-seller del New York Times, si rivolge a "Che cos'è l'anti-invecchiamento?"

Di Janis Jibrin, M.S., R.D.

Parte 1

Potresti essere dipendente dal cibo nello stesso modo in cui le persone diventano dipendenti da alcol o droghe? Se provi un forte desiderio di cibo, hai perso il controllo sul cibo e ti sei sentito agitato e / o ansioso quando eviti certi cibi, la risposta potrebbe essere sì.

Recentemente, abbiamo condiviso la storia di Carol, una donna che ha combattuto e superato una dipendenza da cibo. Questa settimana offriamo un elenco di domande per aiutarti a determinare se potresti avere una dipendenza da cibo, oltre a suggerimenti su come superarla.

Questionario sulla dipendenza da cibo

Questo quiz, sebbene non scientificamente convalidato, ti aiuta a capire se sei dipendente dal cibo. È vagamente adattato da un questionario più lungo (che è scientificamente convalidato, ma dovrebbe essere valutato da un medico), sviluppato da Ashley N. Gearhardt, MS, uno studente di dottorato in psicologia clinica presso la Yale University di New Haven, nel Connecticut.

Se rispondi "sì" a tutte queste domande, è molto probabile che tu abbia una dipendenza da cibo. Se rispondi "no" a ogni domanda, è molto improbabile che tu sia dipendente dal cibo. Qualunque cosa nel mezzo potrebbe significare che sei dipendente.

  • Quando inizio a mangiare determinati cibi, finisco per mangiare molto più del previsto.
  • Mangio fino al punto di malessere fisico.
  • Voglio ridurre o smettere di mangiare determinati tipi di alimenti.
  • Quando alcuni cibi non sono disponibili, farò di tutto per ottenerli.
  • A volte, consumo certi cibi così spesso o in quantità così grandi che mangio cibo invece di lavorare, passare del tempo con la mia famiglia o gli amici o dedicarmi ad altre attività che mi piacciono.
  • Il mio consumo di cibo ha causato problemi psicologici significativi, come depressione, ansia, disgusto di sé o senso di colpa e / o problemi fisici (o ha peggiorato un problema fisico).
  • Continuo a consumare gli stessi tipi di cibo o la stessa quantità di cibo nonostante i miei problemi emotivi e / o fisici.
  • Nel tempo, ho scoperto che ho bisogno di mangiare sempre di più per ottenere la sensazione che desidero, come la riduzione delle emozioni negative o l'aumento del piacere.
  • Ho avuto sintomi di astinenza, come agitazione o ansia, o altri sintomi fisici quando ho ridotto o smesso di mangiare determinati cibi. (Non includere i sintomi di astinenza causati dalla riduzione delle bevande contenenti caffeina, come bibite gassate, caffè e tè.)
  • Il mio comportamento rispetto al cibo e al mangiare provoca un notevole disagio.
  • Cosa puoi fare

    Sebbene possa sembrare di essere impotente rispetto alla dipendenza, puoi ottenere il controllo del tuo mangiare nello stesso modo in cui le persone si riprendono da una dipendenza da droghe o alcol. Può essere utile cercare un aiuto professionale o unirsi a Overeaters Anonymous (OA), Food Addicts Anonymous (FAA) o all'organizzazione che ha aiutato così tanto Carol, Food Addicts in Recovery Anonymous (FA).

    Nel frattempo, prova queste strategie:

    • Crea un piano alimentare così sai esattamente quanto e cosa mangerai ogni giorno, suggerisce Carol. FA accoppia le persone con gli sponsor che li aiutano a creare un piano alimentare.
    • Pesare e misurare il cibo prima di ogni pasto. "In quanto drogato di cibo, anche in via di guarigione, non so quando un pasto inizia e finisce. Ecco perché ho bisogno di porzionarlo in anticipo ", spiega.
    • Limita i segnali di cibo," come avere biscotti (o altri cibi desiderati) in casa, passare davanti a una panetteria o in un altro posto che vende il cibo e guardare gli annunci per i cibi in TV, suggerisce Gearhardt.
    • Basa la tua dieta su cibi integrali e meno elaborati, come frutta e verdura fresca, carni magre e cereali integrali invece di cibi con molto sodio e aromi artificiali. "Utilizzando aromi artificiali e molto sale, zucchero e grassi, l'industria alimentare ha portato i sapori a livelli così innaturalmente alti da creare dipendenza", afferma Gearhardt.
    • Considera l'idea di eliminare completamente i cibi che creano dipendenza, allo stesso modo gli alcolisti evitano l'alcol. Carol evita qualsiasi cosa fatta con farina e zucchero, inclusi pane, biscotti, caramelle e altri dolci, patatine e la maggior parte degli altri snack salati.
    • Distraiti dal desiderio di mangiare facendo qualcos'altro che ti piace, come chiamare un amico, ascoltare musica o fare una passeggiata. Il desiderio di solito passa. Questa può sembrare una soluzione semplice, ma "la distrazione può essere una tecnica molto efficace", afferma Gearhardt. "Supera la voglia di usare."
    • Concentrati sulle conseguenze positive del mantenimento dei tuoi obiettivi alimentari più sani quando sei tentato da un alimento specifico. "Le voglie ti costringono a concentrarti sulla ricompensa a breve termine di cedere e goderti il ​​cibo desiderato", spiega Gerhardt. Invece, cerca di concentrarti sui benefici a lungo termine del non cedere alla brama, come un senso di realizzazione e potenziamento, la sensazione di fare qualcosa di buono per te stesso o di perdere qualche chilo, per citarne solo alcuni . Non solo ti sentirai soddisfatto come se avessi ceduto al tuo desiderio, ma aiuterai a ricablare il tuo cervello in modo che sia più facile affrontare le tue voglie la prossima volta.
    • Concediti 30 minuti di tranquillità ogni giorno per ridurre lo stress e aiutarti a concentrarti sull'evitare l'eccesso di cibo, dice Carol.

    Sebbene alcune di queste raccomandazioni implichino la limitazione di determinati alimenti, Carol afferma che mangiare è ora più piacevole che mai. "Per prima cosa, ora mangio solo quando ho fame, il che rende il cibo molto migliore. Quando ho fame, non ho mai sentito la fame. In effetti, avevo paura della sensazione. È meraviglioso mangiare con il permesso e senza essere furtivi. "

    Informazioni su Janis Jibrin, M.S., R.D.

    Janis Jibrin, M.S., R.D.

    Janis Jibrin, MS, R.D., è Lead Nutritionist presso BestLife. Janis non può fare a meno di essere immersa nella nutrizione, e non solo perché è una dietista registrata o scrive sull'argomento ogni giorno per TheBestLife.com. È anche perché ama semplicemente il cibo e proverà praticamente qualsiasi piatto che le metti di fronte. Oltre al suo lavoro per The Best Life, Janis è una redattrice collaboratrice della rivista SELF. Ha anche scritto The Life You Want con Bob Greene e la psicologa Ann Kearney-Cooke e The Best Life Guide to Managing Diabetes and Pre-Diabetes (Simon & Schuster 2009), insieme a Bob e l'endocrinologo e consigliere medico capo di Best Life John J. Merendino Jr., MD Quando è in grado di allontanarsi dalla cucina e dal suo computer, va spesso per Washington, DC, una meravigliosa città ambulante con molti negozi di cibo etnico, mercati contadini e ottimi ristoranti. (Abbiamo già detto che ama il cibo?)


    [Post submitted to Healthin30.com by Janis Jibrin and reprinted with permission. Original post, “Are You a Food Addict?” by Janis Jibrin is published on TheBestLife.com March 6, 2012.]

    Connettiti con me | Rimani in contatto

    Avanti – Parte 2 di 3

    "Foods that Fight Fat", di Janis Jibrin, M.S., R.D.