Andy Baldwin Il medico della marina trova rispetto in Kenya

0
27

Messaggio dell'ospite di Andy Baldwin, MD

Lo spirito e la gioia di correre e vivere sono vivi in ​​Kenya

Una parola può riassumere il modo di vivere qui in Kenya, RISPETTO.

Prima di andare a dormire nella mia capanna di erba e fango quella prima notte in Kenya, ho chiesto se c'era qualcuno che volesse alzarsi e andare a correre alle 5:30, e un ragazzo di 19 anni, Isaac, ha detto che lo avrebbe fatto. Come molti di voi sanno, mi sto allenando per maratone consecutive a Nairobi e New York per aumentare la consapevolezza e il denaro per aiutare i bambini a vivere una vita sana in tutto il mondo, quindi nonostante un serio jet lag, era necessario mettersi in viaggio. Non mi aspettavo davvero che si presentasse, ma quando uscii dalla mia capanna quella mattina di buon'ora, era lì che mi stava aspettando.

Otto estenuanti miglia dopo, Isaac e io avevamo percorso i sentieri collinari della fattoria, pieni di roccia e terra irregolari e mi sono reso conto che l'allenamento in quota sarebbe stato molto più difficile di quanto mi aspettassi. Ecco la cosa però, ho sempre avuto compagnia nelle mie corse.

A un certo punto quella prima mattina, sono caduto su terra smossa e questo ragazzino si è sentito malissimo e ha cercato di prendermi. Stavo ridendo di me stesso: ecco un bambino in Africa senza scarpe preoccupato per il grande Muzungu bianco. Lungo la strada siamo aumentati di numero man mano che un bambino dopo l'altro si univa alla corsa. Molti di loro stavano andando a scuola, e la maggior parte indossava un'uniforme, ma ancora senza scarpe. Era un sito da vedere.

Dopo la corsa di quella mattina mi facevano male le gambe e i polmoni e mentre sedevo cercando qualcosa come il respiro, è arrivato il direttore delle capanne, Edward. Magro, premuroso, intorno ai 40 anni, Edward è cresciuto come un povero contadino che lavorava per raccogliere fondi per la sua istruzione. Ha trascorso anni in Qatar come autista di autobus, mandando i soldi a casa a sua moglie e ai suoi quattro figli. Edward, uno specialista in sostenibilità, si è assicurato che io facessi colazione quella mattina: uova e tè Chai. Mi ha preso sotto la sua ala protettrice e mi ha trattato come la sua famiglia ogni giorno da quella prima colazione deliziosa.

Quindi eccomi qui, a correre e ad allenarmi in Kenya per una maratona. È una specie di sogno vero? Correre con i keniani? Non ho indossato il mio orologio GPS per la prima settimana e Issac ha mantenuto le nostre distanze un po' ambigue. O stavo correndo DAVVERO LENTO o stavamo andando molto più in là di quanto avesse ammesso, ma era uno dei modi migliori per vedere davvero questo meraviglioso paese.

Negli Stati Uniti spesso pensiamo al lavoro come a qualcosa che DEVI fare, ma i ragazzi qui letteralmente si uniscono e corrono per divertirsi. È incredibile – e corrono per molto tempo.
Allora da dove vengono tutti questi ragazzi, i miei allenatori di corsa kenioti?
Empowering Lives International ha fondato la scuola per bambini proprio vicino alla clinica Chebaiywa nel 2006 con 96 orfani dai gradi dalla K all'8. Con i finanziamenti della chiesa e la terra vicino a Eldoret, hanno costruito residenze e la scuola, e poi hanno deciso di trovare orfani legittimi nella comunità che aveva bisogno di aiuto.

Le comunità dovevano presentare certificati di morte per i genitori del bambino e i loro certificati di nascita, oltre a fare interviste nella comunità per verificare. I 96 bambini scelti sono stati divisi in 4 “famiglie” di 24 e vivono insieme, vanno a scuola insieme, adorano insieme, e ogni famiglia ha una madre e un padre che si prendono cura di loro. Interagendo con questi bambini dall'età di 1-14 anni, sono rimasto sbalordito dai loro modi, dalla loro intelligenza e dalla loro volontà di avere successo.

Il loro inglese è impeccabile. Ho passato quasi un'ora a parlare con un ragazzo di 13 anni della fisiologia umana e anche della storia della seconda guerra mondiale. Stupefacente. Questi orfani non avrebbero avuto opportunità, salute, istruzione o devozione e grazie a Children's Home stanno emergendo come giovani uomini e donne brillanti e di successo.

Negli Stati Uniti con l'epidemia di obesità infantile, proviamo tutto l'immaginabile per convincere i bambini a muoversi ed essere attivi. Quello che ho visto alla scuola elementare, mi ha fatto sorridere. Ho anche avuto un video di esso. BAMBINI che corrono e sorridono – tutti loro – e non per incitamento, corruzione o minaccia di disciplina.

Quando i bambini hanno avuto la pausa della classe a metà mattina e hanno avuto il tempo di prendere il loro porridge e chai, e poi di tornare, sono corsi in entrambe le direzioni, nelle loro uniformi e con i sandali/piedi nudi.

Sorprendente – di nuovo – sorprendente. C'è assolutamente qualcosa che possiamo imparare da loro!

Ho detto al preside che questo accadeva raramente in America, e lui mi ha guardato confuso e stralunato e ha detto "davvero?".

Quella sera fui invitato a partecipare alle “Devozioni” alla Scuola dei Bambini e a cenare con loro. Mi hanno accolto con le mani e il cuore tesi e mi sono alzato e ho detto alcune parole in swahili. Le devozioni sono canti collettivi e poi ascolto di una lezione dalla Bibbia. È stata la cosa più bella sentire tutti questi bambini grandi e piccini cantare insieme.

Quindi ecco qualcosa che ho imparato allenandomi per una maratona in Kenya con bambini piccoli: non importa quanto tu abbia, l'amore per l'attività e il rispetto per gli altri possono essere insegnati se ti prendi il tempo per concentrarti su di esso.

Questi bambini, che hanno tutti perso così tanto, affrontano ancora la vita con amore, rispetto, gentilezza e gioia. Strette di mano, saluti, far sentire le persone benvenute, condividere i pasti, pregare per gli altri. Penso che questo debba essere un modo in cui sono sopravvissuti nel tempo, nelle loro tribù, e ulteriormente rafforzati dai valori insegnati nella Bibbia. È forse questo rispetto per gli altri che ha permesso a questa comunità di sopportare alcuni dei giorni più bui.

È meraviglioso.

(E ora una foto di alcuni dei miei compagni di corsa leggermente più cresciuti. Il nostro gruppo è cresciuto da quel primo giorno e finalmente sto prendendo il mio passo.)

Il tuo turno

Ci piacerebbe che tu condividessi i tuoi pensieri perspicaci nella sezione commenti qui sotto.

Come sempre, grazie per il tuo tempo prezioso.

Lo apprezziamo molto.

Segui Barbara su Twitter
Visita Barbara su Facebook
Mi piace Healthin30
Connettiti con Barbara su Linkedin

Segui Andy su Twitter

Circa l'autore

Andrew Baldwin, medico

Il tenente comandante della Marina degli Stati Uniti Andrew Baldwin, MD è un medico, umanitario, subacqueo della Marina degli Stati Uniti e personalità dei media attualmente in servizio come medico di famiglia residente presso l'ospedale navale di Camp Pendleton nel sud della California.

Il Dr. Baldwin ha assistito il Surgeon General degli Stati Uniti con un programma chiamato Healthy Youth for a Healthy Future e attualmente serve come sostenitore della campagna Let's Move, guidata dalla First Lady Michelle Obama. Entrambi questi programmi mirano al sovrappeso e all'obesità infantile.

Il Dr. Baldwin è attivo in iniziative di beneficenza e umanitarie. È il fondatore della rete Got Your Back, una fondazione 501 (c) (3) che offre ai figli dei soldati caduti una strada per imparare e lasciarsi ispirare dai leader di maggior successo della nostra generazione.