venerdì, Settembre 24, 2021
Home Benessere Salute Bruce Dan, MD Cancer Blog - 4 consigli per aiutare a rimettere...

Bruce Dan, MD Cancer Blog – 4 consigli per aiutare a rimettere in forma medici e infermieri

Di Barbara Ficarra, RN, BSN, MPA

Seconda parte

Bruce Dan, MD

Nella parte I del mio blog, “Bruce Dan, MD Blogs About His Cancer Treatment”, ho evidenziato le aree in cui il Dr. Dan mostra umorismo, forza e determinazione.

Seconda parte affronta i problemi che il Dr. Dan osserva in prima persona che interessano la cura del paziente.

Il Dr. Dan offre le sue osservazioni e io offro alcuni semplici suggerimenti per aiutare a migliorare la cura del paziente.

Il Dr. Dan ora è l'”e-Patient” – un paziente potenziato e impegnato e la chemio che scorre nelle sue vene e qualsiasi quantità di tremori non gli impedirà di difendere se stesso, gli altri pazienti e insegnare ai professionisti medici.

4 suggerimenti per aiutare a rimettere in forma medici e infermieri

1. Empatizzare con i pazienti. La scienza dietro la medicina e il trattamento che deve essere somministrato ai pazienti sono vitali, ma è altrettanto critico il modo in cui facciamo sentire i pazienti e le loro famiglie.

Il dottor Dan osserva:

“Mentre i medici possono stare comodamente al capezzale pensando al prossimo paziente, o al prossimo compito, o dove andranno a cena, il paziente giace ansioso, impaurito o forse dolorante. I medici che possono entrare in empatia con quei sentimenti e preoccupazioni possono aiutare il paziente a stare meglio più velocemente”.

Consiglio da asporto per medici e infermieri

  • Chiedi con il cuore come si sente un paziente. Se il coniuge o un familiare è con loro, chiedi loro come stanno.

2. Presentati. Prendersi cura degli affari non significa dimenticare di presentarsi.

Il dottor Dan osserva:

“La mia squadra ieri è entrata come proscritta (almeno con tutti fisicamente nella stanza) ma senza presentazioni, senza alcuna offerta di grazie sociali o convenevoli. Quanto sarebbe stato diverso se avessero detto: “Siamo la tua squadra medica e ci prenderemo cura di te durante il tuo soggiorno qui. Lascia che tutti si presentino e ti dicano cosa fanno perché saranno parte integrante delle tue cure”.

Non volevano essere scortesi. Stavano solo facendo il giro in modo rapido ed efficiente. Loro, come migliaia e migliaia di altri professionisti sanitari, erano occupati a prendersi cura degli affari e dimenticavano come doveva essere essere il paziente. In tutta onestà, è difficile mettersi nei panni di un’altra persona…”

Consiglio da asporto per medici e infermieri

  • Il paziente non è un soggetto, ma un essere umano. Quando entri nella stanza, presentati.

3. La comunicazione è fondamentale. Comunicare in modo chiaro potrebbe evitare di mettere gli altri a rischio con una potenziale fuoriuscita di sostanze tossiche nella mensa.

“Quando l’infermiera entra nella stanza portando la chemioterapia, indossa una maschera e una visiera, un camice e guanti spessi. La sacca per flebo di liquido chemioterapico è avvolta in diversi assorbenti, che posa con cura sul pavimento lontano da qualsiasi cosa nella stanza. La borsa stessa ha le parole “pericolo” scritte in modo ben visibile in grassetto sia in inglese che in spagnolo. C’è un teschio nero e ossa incrociate su di esso. E poi inserisce il fluido nel tuo flusso sanguigno.”

Il dottor Dan osserva:

“Incoraggiano l’esercizio per aumentare la forza (camminare, non ci sono macchine Nautilus sul pavimento), ma sono stato bloccato mentre cercavo di uscire dal reparto oggi. In precedenza avevo fatto lunghi tour a piedi dell’ospedale come suggeriscono, ma questa volta avevo la chemioterapia appesa al mio palo IV. Certo, ha senso evitare che un sacchetto con il teschio e le ossa incrociate si rovesciasse sul pavimento della mensa, ma nessuno ce ne aveva parlato. Se non avessi superato la mia infermiera nel corridoio, avrei potuto mettere a rischio gli altri. Ho suggerito di apporre dei cartelli all’interno delle porte di tutte le stanze dei pazienti e sulla porta all’uscita del reparto. Dissero: “È un’ottima idea, non ci avevamo pensato!” Metterò ancora in forma questi ragazzi”.

Consiglio da asporto per medici e infermieri

  • Medici e infermieri devono comunicare chiaramente gli ordini di deambulazione e tutti gli ordini. Fare esercizio e camminare per tutto l’ospedale prima della chemioterapia è diverso dal camminare nelle unità con la chemioterapia che infonde nelle vene. Il Dr. Dan offre ottimi consigli per apporre un cartello all’interno delle porte di tutte le stanze dei pazienti e sulla porta all’uscita del reparto.

4. Medicina Partecipativa – Collaboriamo insieme

La Medicina Partecipativa incoraggia la collaborazione tra i pazienti ei loro fornitori.

“La Medicina Partecipativa è un movimento in cui i pazienti in rete passano da semplici passeggeri a responsabili responsabili della loro salute e in cui i fornitori li incoraggiano e li apprezzano come partner a pieno titolo”.

Il dottor Dan osserva:

” Per quanto abbia fiducia nei miei medici, sono un po’ angosciato dal fatto che non sembrino condividere tutte le informazioni che voglio sul mio stato, sui valori di laboratorio, ecc. Mi rendo conto che probabilmente stanno agendo nella solita rubrica usano con i loro pazienti laici, ma parlerò con loro e riferirò che avranno un risultato migliore se includono il vero insider nella squadra.

Ho iniziato all’inizio della giornata con un po’ di nausea e ho fatto sapere all’infermiera che potevo usare alcuni farmaci anti-nausea al bisogno. Ho scoperto che non ho ricevuto il mio farmaco antinausea anti-nausea mattutino mattutino standard. I dottori l’hanno fermato perché non ho più la chemioterapia, ma una parte è ancora presente nel mio sistema. Sto molto attento a sapere quali farmaci sto assumendo, facendo in modo che le infermiere mi mostrino le singole confezioni nominate delle compresse o delle capsule, annotando i colori e le forme. Quello che non avevo considerato è controllare per vedere quali medicine avevano interrotto; l’ennesima ruga nel rimanere al sicuro in ospedale”.

Consiglio da asporto per medici e infermieri

  • I pazienti vogliono collaborare con i loro medici, infermieri e operatori sanitari. Abbracciare quei pazienti che sono interessati alla loro assistenza sanitaria e collaborare e collaborare con loro può portare a risultati migliori per i pazienti.

Il Journal of Participatory Medicine esplora la misura in cui il processo decisionale condiviso nell’assistenza sanitaria e il profondo coinvolgimento del paziente influiscono sui risultati.

I pazienti vogliono prendere parte alle loro cure ed è importante che medici e infermieri li coinvolgano e li facciano sentire valorizzati e rispettati.

Attraverso gli occhi di un paziente, il dottor Bruce Dan, spero che questi suggerimenti possano aiutare medici e infermieri.

Inoltre, qual è stata la tua esperienza in ospedale? Sei ben informato? Collaborate con i vostri medici e infermieri? Ci piacerebbe avere tue notizie.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI