giovedì, Maggio 19, 2022
HomeBenessereSaluteGli aspetti psicologici della chirurgia di bypass cardiaco

Gli aspetti psicologici della chirurgia di bypass cardiaco

Walter E. Jacobson, medico

Di Walter E. Jacobson, MD

CUORI E MENTE

Un mio amico ha un parente stretto che ha recentemente avuto un attacco di cuore e poi è stato sottoposto a un intervento di bypass dell’arteria cardiaca. La mia amica ha indicato che il suo parente ha ricevuto eccellenti cure mediche e chirurgiche.

Tuttavia, sebbene le procedure e i farmaci fossero sufficientemente spiegati, gli aspetti psicologici della vita dopo l’intervento di bypass non lo erano, tanto che il suo parente e tutti i membri della famiglia non erano preparati per quello che è successo.

Non è raro che ci sia un periodo di uno o due giorni subito dopo l’intervento di bypass in cui il paziente si sente ottimista, incoraggiato e ottimista. Questo è seguito, tuttavia, da una grave fase di delusione emotiva che può durare da diversi giorni a diverse settimane, forse anche sei settimane o più.

Durante questa fase di delusione, il paziente è depresso, scoraggiato, demoralizzato. Ci possono essere forti sbalzi d’umore, irritabilità e ansia. Può esserci anche un declino cognitivo, con difficoltà di attenzione e concentrazione e deficit di memoria.

Si ritiene che la fase di delusione sia dovuta all’intenso stress di essere stati in un ambiente sconosciuto, traumatico e in qualche modo da incubo (meglio noto come unità di terapia intensiva Open Heart Recovery), oltre a essere stato dosato con così tanti potenti farmaci. Ma credo che ci sia di più.

Il primo o due giorni dopo l’intervento di bypass è il “periodo della luna di miele”. Il paziente è sopravvissuto. È un’esperienza esaltante avere una nuova prospettiva di vita. C’è gioia, c’è speranza.

Ma dopo il primo o due giorni, mentre la scarica di adrenalina dell’essere vivi e dell’avere una seconda possibilità si calma, la realtà prende il sopravvento e ora la paura del futuro, la paura dell’ignoto è al centro della scena. La mente del paziente ora viene martellata dalla consapevolezza che tutto lo stress che lui e la sua famiglia hanno subito fino ad ora è solo l’inizio. Ora ci sono tutta una nuova serie di preoccupazioni catastrofiche.

“Sto davvero tutto meglio? Sarò davvero in grado di fare tutto ciò che facevo prima? E se ho dolori al petto? E se non riesco a concentrarmi e non riesco a ricordare le cose? Dovrò ancora tornare al lavoro tra sei settimane? E se torno al lavoro e non riesco a tagliarlo? E se mi obbligassero al pensionamento anticipato? Come faremo? Come influenzerà la mia famiglia? Mia moglie dovrà lavorare? I miei figli mi ammireranno ancora? Mia moglie mi guarderà ancora? E se ho troppa paura di avere un attacco di cuore per fare sesso? Cosa farà al matrimonio? Mia moglie avrà una relazione? E se mi lascia?”

Prima dell’intervento di bypass, le preoccupazioni erano tutte sulla sopravvivenza, la vita contro la morte. Dopo l’intervento chirurgico, dopo che è stata raggiunta la sopravvivenza, almeno per il momento, il paziente è inondato da un “E adesso?!” Il “E adesso?!” può essere molto spaventoso, opprimente e demoralizzante, soprattutto perché il paziente immagina gli scenari e gli esiti peggiori possibili, e poi si terrorizza su di essi. “E adesso?!” si trasforma in “Non ce la faccio! È troppo!”

È un pensiero catastrofico di questa natura che deve essere scoraggiato. Il paziente ha bisogno di essere rassicurato che ciò che sente è normale, è naturale e passerà. Ha bisogno di essere rassicurato che, quando si riprenderà, sarà ben consigliato e tutte le sue preoccupazioni saranno affrontate e risolte.

Il paziente ha bisogno di essere incoraggiato a mantenere un atteggiamento positivo ea guardare verso il ritorno alla normale funzione, a non presumere che accadrà il peggio, a prendere un giorno alla volta.

Il paziente è incoraggiato a impegnarsi in consulenza immediatamente dopo l’intervento chirurgico. La consulenza familiare e la consulenza matrimoniale sono opzioni. Un gruppo di supporto post-chirurgia potrebbe essere estremamente utile.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI