mercoledì, Ottobre 5, 2022
HomeBenessereSaluteGuida in 10 passi per pianificare un parto in casa

Guida in 10 passi per pianificare un parto in casa

Stai pianificando una gravidanza? Hai pensato al parto in casa come opzione? Dopo aver fornito supporto a centinaia di donne per oltre 15 anni, Natalie Meddings condivide i suoi dieci migliori consigli per avere e prepararsi per una fantastica esperienza di parto in casa

Suggerimento n. 1: chiarisci i tuoi fatti

Nella nostra cultura si presume che la nascita sia rischiosa e imprevedibile per impostazione predefinita. Il che significa che il concetto di avere un bambino a casa può scatenare un sussulto. ‘Sei coraggioso!’ la gente dice alle donne che ne progettano uno. Ma per una madre sana con una gravidanza semplice, il parto è sicuro ovunque abbia il suo bambino.

Lo studio NPEU sul luogo di nascita ha confermato che, indipendentemente dal fatto che il parto avvenga in un centro per il parto, in ospedale o a casa, le possibilità che si svolga in sicurezza sono estremamente elevate. Siamo un’età informata, ma poche persone scoprono i fatti accurati sul parto: i rischi assoluti rispetto ai rischi percepiti.

Quindi, come primo passo, chiarisci. Ignora i programmi TV spaventosi o le opinioni di altre persone e considera come la sicurezza alla nascita sia a tre livelli:

  • il travaglio è un normale processo fisico che il corpo femminile è progettato per intraprendere
  • l’assistenza prenatale ci fornisce un quadro affidabile della salute di una madre e del bambino e quindi una comprensione anticipata di come entrambi affronteranno il parto
  • un’ostetrica qualificata è a disposizione in travaglio per effettuare i controlli e vigilare che tutto vada bene|

Lo studio NPEU sul luogo di nascita ha confermato che, indipendentemente dal fatto che il parto avvenga in un centro per il parto, in ospedale o a casa, le possibilità che si svolga in sicurezza sono estremamente elevate

Con quanto sopra in atto, un’emergenza grave è incredibilmente rara. Anche un’ostetrica che si prende cura di te a casa fornisce un’assistenza mirata e individuale. Le ostetriche del reparto maternità sono molto impegnate. Insieme ai cambi di turno, questo significa che l’assistenza continua è più difficile da fornire che a casa, dove un’ostetrica può avere un’idea del tuo travaglio nel suo insieme e rispondere prontamente se qualcosa si discosta dalla normalità. Fai un po’ di lettura, esamina i pro ei contro di ogni impostazione e fai i tuoi piani su dove far nascere il tuo bambino usando buone informazioni.

Suggerimento n. 2: prenotazione in

Inizia contattando il tuo team di parto domiciliare locale. Contatta il tuo medico di famiglia o l’attuale ostetrica per un numero di telefono o cerca sul sito Web dell’ospedale fiduciario. Ognuno ha il diritto di partorire dove vuole, quindi se non c’è un team dedicato, il tuo ospedale ha comunque la responsabilità di fornirti un’ostetrica a casa.

Un’ostetrica ti visiterà e questa è un’opportunità per scoprire come funziona l’assistenza e cosa puoi aspettarti durante il travaglio. Di giorno, viene fornita la stessa attrezzatura di un’unità guidata dall’ostetrica: gas e aria, farmaci per prevenire l’emorragia e attrezzatura per la respirazione nell’improbabile eventualità che il bambino abbia bisogno di stimolazione. Se la tua gravidanza è semplice, prenotare l’assistenza dovrebbe essere semplice e da quel momento in poi probabilmente avrai tutti gli appuntamenti prenatali a casa. Se hai problemi più complessi, organizza una chiacchierata con un’ostetrica consulente, poiché spesso le esigenze possono essere soddisfatte con una pianificazione preliminare.

Per informazioni sui diritti e le scelte, vai su goal.org.uk e birthrights.org. Il parto domiciliare locale e i gruppi di nascita positivi sono una buona fonte di supporto e informazioni, così come tellmeagoodbirthstory.com, che può metterti in contatto con donne che condivideranno la loro esperienza di parto a casa.

Suggerimento n. 3: comprendi la nascita

La chiave per la nascita è la sicurezza e il modo per ottenerla è capire come funziona effettivamente il tuo corpo alla nascita, di cosa avrai bisogno se vuole che funzioni senza intoppi.

Il bacino femminile è flessibile e adatto allo scopo, si espande e si apre durante il travaglio per far passare un bambino. Le contrazioni sono prodotte dall’ormone ossitocina. Più scorre, più forti sono le tue contrazioni, più forti sono le tue contrazioni, più efficientemente il tuo bambino si muove verso il basso, consentendogli di nascere.

Il rilascio di ossitocina attiva anche le endorfine. Questi sono potenti antidolorifici naturali e quando vengono rilasciati al massimo, rendono il travaglio gestibile e la madre lenita e naturalmente sedata.

Tuttavia, devi anche sapere cosa disturba tutto questo. Sdraiato su un letto d’ospedale, per esempio. Senza gravità o mobilità, il bambino non premerà così bene sulla cervice, il che può influire sui progressi. Anche il bacino stesso è limitato, dando al bambino meno spazio per avanzare.

E poi ci sono gli ormoni. L’ossitocina non può fluire facilmente (né le endorfine si accumulano) quando hai bisogno di pensare, impegnarti o mantenere il controllo di te stesso, cosa che probabilmente farai in un ambiente istituzionale non familiare. Pensa ad altri processi fisici intimi in cui hai bisogno di lasciarti andare, come dormire, fare sesso o andare in bagno: quanto sarebbero facili in un posto in cui ti sentiresti disturbato e visibile?

La chiave per la nascita è la fiducia: per ottenerla devi capire come funziona effettivamente il tuo corpo alla nascita, di cosa avrai bisogno se vuoi che funzioni senza intoppi

La casa d’altra parte fornisce l’ambiente ideale per supportare il flusso ormonale. È privato, tranquillo, sicuro, buio – IL TUO. C’è libertà di movimento, tanti comfort e i partner possono rilassarsi. Il tuo spazio funziona come un grande semaforo verde per il lavoro, dando al processo involontario del lavoro la possibilità di funzionare in modo ottimale.

La casa non si sentirà sicura per tutti, ma dato che soddisfa le esigenze biologiche, è un ambiente ottimale per la maggior parte delle persone. Sosteniamo la nostra salute mangiando bene ed esercitandoci e questo è lo stesso. La casa dà al tuo corpo ciò di cui ha bisogno.

Suggerimento n. 4: elimina il titolo

La parola nascita in casa è un termine carico. La menzione tende a innescare commenti inutili, di solito da parte di persone che non conoscono i fatti. Invece di sentire di dover difendere la tua decisione o peggio, sentirti traballato dal giudizio delle persone, risparmia lo stress e considera di abbandonare del tutto il termine.

Ai tempi, quando il parto in ospedale era riservato solo alle emergenze estreme, nessuno parlava di “parto in casa”. Hai appena fatto venire la tua ostetrica da te quando è iniziato il travaglio e da lì è partita. La maggior parte è rimasta a casa, una piccola minoranza è stata trasferita per cure mediche. Il punto era che l’assistenza alla maternità era orientata al risultato più probabile – un parto semplice – non meno importante.

Quindi dai al tuo piano la stessa riformulazione. Quando le persone ti chiedono dove stai per partorire, dì la tua prenotazione in un ospedale o che hai un’ostetrica che viene da te e vedrai come ti senti. L’assistenza domiciliare dell’ostetrica è un’organizzazione flessibile e di buon senso molto adatta a una donna sana che gode di una gravidanza sana. Quindi evita di alimentare pregiudizi e descrivi esattamente ciò che hai in atto: le opzioni.

Suggerimento n. 5: preparare mente e corpo

Partecipa a una lezione settimanale di yoga in gravidanza. Lo stretching migliorerà la flessibilità, l’energia e il benessere durante la gravidanza, ma è anche un’ottima preparazione al parto, aiutandoti a connetterti con il tuo corpo e il respiro e a familiarizzare con le pose aperte e protese in avanti che adotterai istintivamente durante il travaglio .

Una passeggiata regolare a partire dalla 36a settimana è un’altra buona abitudine, che aiuta il bambino ad assumere una buona posizione per il parto e anche a dedicare del tempo al relax. Fai un bagno, accendi delle candele o semplicemente chiudi gli occhi e riproduci un download di ipnosi. Rallenta e approfondisci la respirazione, ammorbidisci e lascia andare i muscoli, proprio come ti servirà alla nascita.

Suggerimento n. 6: ottieni un buon supporto per il parto

Il travaglio è intenso, senza dubbio la cosa fisicamente più impegnativa che il tuo corpo potrà mai fare. Quindi assicurati di aver sperimentato il supporto a bordo – qualcuno che conosci – poiché può essere un punto di svolta. Le ostetriche hanno un sacco di cose da fare. È probabile che i partner non abbiano mai visto nascere prima, quindi procurati uno “sherpa”, una doula o un amico esperto che conosca la strada, ciò che è normale e sia in grado di seguirti e tenerti rassicurato, fiducioso e a tuo agio.

Suggerimento n. 7: preparare la tua casa

L’idea che il parto sia orribilmente disordinato è un mito. Rendere la tua casa a prova di lavoro non significa altro che avere una grande pila di asciugamani, un paio di vecchie lenzuola o una tenda da doccia, un secchio in caso di malattia e un modo per riscaldare la tua casa su richiesta.

A casa tua, le opzioni per il comfort sono quasi illimitate.

Se desideri una piscina per nascite, queste possono essere acquistate o prestate dal tuo gruppo di nascita a casa locale e facilmente gonfiate e riempite il giorno stesso. Le candele o le lucine sono utili per creare un’atmosfera rilassante e, una volta che le cose iniziano, avere molti cuscini, coperte e, soprattutto, un cuscino per lo yoga, per creare un grande spazio morbido sul pavimento su cui scendere.

Avere tè e biscotti per le ostetriche, frutta congelata, ghiaccio e qualche brocca di acqua fredda per rinfrescarvi e una bella torta di COMPLEANNO per festeggiare l’arrivo del bambino. Prepara una borsa ospedaliera in anticipo e riponila in un armadio in modo che sia pronta nel caso in cui dovessi trasferirla.

Suggerimento n. 8: comfort e capacità di risposta

A casa tua, le opzioni per il comfort sono quasi illimitate. Sei libero di muoverti, ondeggiare, appendere, appoggiarti e, naturalmente, sonnecchiare nel tuo comodo letto. Puoi fare la doccia, fare un bagno caldo, riempire ripetutamente una borsa dell’acqua calda, gemere, sospirare, cantare, spogliarti a tuo piacimento. Poi c’è lavanda da respirare su un fazzoletto, olio di incenso quando le cose si fanno più profonde, ghiaccio a richiesta quando fa caldo, camomilla e tè al miele per lenire.

Prendi due lunghe sciarpe, fai un nodo all’estremità di ciascuna, gettale sul retro di una porta, chiudila saldamente e stringi bene le sciarpe. Ora hai qualcosa a cui appendere: essere in grado di lasciare che il peso si allontani dal bacino, dalla schiena e dal sedere porterà un sollievo immenso. Potrei andare avanti….e ancora…e ancora.

Suggerimento n. 9: stimola te stesso

…è fondamentale. Quando hai un bambino a casa, sei tentato di mettere subito la marcia alla prima contrazione e iniziare a rimbalzare su una palla per il parto. Errore. Le contrazioni possono andare e venire per molte ore, anche un giorno e una notte prima che inizi il travaglio attivo, il punto in cui il tuo corpo inizia ad aprirsi e rilasciare il bambino.

Siamo un’età informata, ma poche persone scoprono i fatti accurati sul parto: i rischi assoluti rispetto ai rischi percepiti

Quindi misura la tua energia. Distraiti. Fai la vita normalmente il più a lungo possibile, incluso mangiare se è ora di mangiare, sonnecchiare e spegnere le luci se è notte. Non è necessario cronometrare le contrazioni. Tutto quello che stai aspettando è un grande cambio di marcia enorme e non puoi perderlo. Il tuo corpo prenderà il sopravvento completamente e ora tutto ciò che vorrai fare è concentrarti. Sentirai una naturale attrazione verso un luogo calmo, tranquillo e privato – quasi come un impulso – e questo sarebbe il momento di chiamare la tua ostetrica.

Suggerimento n. 10: mantieni una mente aperta

La nascita non è sempre semplice. Tutto ciò che possiamo fare è dare al nostro corpo ciò di cui ha bisogno e vedere. Un bivio non significa sempre andare in ospedale, ma se si verifica una complicazione che richiede una gestione medica, o il travaglio è troppo lungo e hai bisogno di un’epidurale, resisti a vederlo come se il piano fosse andato storto.

Il bello del parto a casa è che sai di aver provveduto al tuo corpo in modo ottimale, quindi se le cose non si svolgono in modo semplice, puoi accettare e sapere che l’assistenza medica era necessaria e non il risultato di disturbi o interventi non necessari.

Doula di New York, Mary Esther Molloy ha trovato la mentalità ideale in una madre che un tempo sosteneva: “La madre ha creato uno spazio aperto da cui iniziare la nascita. Era appassionata di ciò che voleva, ma la nascita stessa era a suo agio’.

Why Home Birth Matters, £ 7,99 è pubblicato da e disponibile per l’acquisto su Pinter & Martin e su Amazon.

Come avere un bambino, £ 16,99 è anche disponibile per l’acquisto.

Natalie Meddings ha aiutato centinaia di donne a partorire nei suoi 15 anni da doula, oltre ad aiutare centinaia di altre a prepararsi con i suoi corsi di nascita attivi e il suo sito che accende la fiducia tellmeagoodbirthstory.com

Madre in missione, l’obiettivo di Natalie è aiutare il maggior numero possibile di donne a vivere un’esperienza fantastica con un bambino – e il posto migliore per iniziare, dice, è a casa.

Segui Natalie su Instagram.

Altri contenuti di Healthista:

8 oggetti di uso quotidiano che potrebbero influire sulla fertilità

6 segni che lo stress sta influenzando la tua fertilità

12 modi per aumentare la tua fertilità: la guida dell’esperto

Lo zucchero sta rovinando la tua fertilità?

5 errori di fertilità che probabilmente il tuo uomo sta facendo

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments