venerdì, Ottobre 15, 2021
Home Benessere Salute In che modo la carenza di infermieri ti colpisce

In che modo la carenza di infermieri ti colpisce

Suggerimenti su come aiutare te stesso e le nostre infermiere laboriose

Messaggio ospite di Deborah O’Leary

Infermiera e bambino

Mentre il dibattito sulla riforma sanitaria va avanti e indietro, e poi si abbassa ancora, potresti non pensare molto alla carenza di infermieri e a come potrebbe influire su di te.

In effetti, nell’attuale clima economico, quando la disoccupazione sembra alta e molti ospedali sembrano effettivamente tagliare, potresti non esserti reso conto che c’era una carenza di infermieri.

Dovresti sapere che, con alcune possibili eccezioni locali, l’attuale carenza di infermieri negli Stati Uniti è pari a 260.000 posti vacanti per RN.

Si prevede che questo numero aumenterà fino a raggiungere 1,2 milioni entro il 2014, anche senza un piano di riforma sanitaria che offra un’assistenza sanitaria estesa.

Siamo tutti potenziali consumatori di assistenza sanitaria, che a un certo punto rischiano di finire in ospedale, per un motivo o per l’altro.

Dati i numeri di cui sopra, quando ciò accadrà, un’infermiera registrata sarà lì per noi nella misura in cui ne abbiamo bisogno? O quell’infermiera, sebbene ben intenzionata e laboriosa, sarà oberata di lavoro e forse sopraffatta, a causa della carenza di infermieri e del conseguente rapporto infermiere/paziente? In quanto infermiera, queste domande mi riguardano.

La nostra popolazione sta invecchiando e richiederà cure mediche aggiuntive e più complesse. Anche i nostri infermieri stanno invecchiando – e vanno in pensione – e non ci sono abbastanza educatori per formare nuovi infermieri.

In effetti, ogni anno decine di migliaia di potenziali studenti di infermieristica vengono allontanati dai programmi delle scuole infermieristiche statunitensi, per questo motivo. Quante potenziali complicazioni mediche, o anche “solo” giorni extra di costose cure ospedaliere, potrebbero essere evitate se gli ospedali aumentassero il loro personale di infermieri qualificati ed esperti?

Gli infermieri devono essere parte di qualsiasi conversazione continua sulla riforma sanitaria. Intanto; tuttavia, i seguenti sono alcuni suggerimenti che tutti possiamo tenere a mente per potenziare noi stessi – e i nostri infermieri – nelle future situazioni di assistenza sanitaria.

Come posso ottenere informazioni specifiche sui posti di lavoro infermieristici nel mio stato? La maggior parte degli stati registra i dettagli dei tassi di posti vacanti infermieristici a livello statale, ma la maggior parte riguarda gli anni precedenti, non quelli attuali, ed è certamente difficile per i pazienti trovarli. I motori di ricerca online sono un buon inizio.

Sto per entrare in un ospedale per una procedura elettiva pianificata, o sono semplicemente interessato a ottenere informazioni sulla reputazione del mio ospedale locale, in caso di emergenza. Dove guardo e cosa chiedo? Un punto di partenza è il sito Web dell’ospedale. Puoi e dovresti anche chiedere al medico di base i tempi della lista d’attesa, i tassi di infezione (che dovrebbero essere pubblicati dal Dipartimento della salute del tuo stato) e i rapporti annuali, che sono generalmente disponibili sul sito web dell’ospedale. Infine, un ospedale di solito pubblicizza le sue credenziali, come l’accreditamento JCAHO, lo stato del magnete e qualsiasi particolare classifica in specialità come ortopedia, cardiaca e oncologia.

Dove posso trovare informazioni sui rapporti infermiere-paziente in determinati ospedali? Il modo migliore è chiedere direttamente all’ospedale. Ci sono anche graduatorie ospedaliere disponibili online che vengono pubblicate ogni anno. Un esempio sono le notizie statunitensi e i rapporti sui consumatori.

Ci sono domande che i pazienti oi familiari possono porre quando sono sul posto in un ospedale, per valutare la situazione del personale lì? Decisamente. “Avrò la stessa infermiera che si prenderà cura di me ogni giorno?” “C’è un’infermiera assegnata o avrò personale diverso per ogni giorno/turno?” “A chi mi rivolgo se ho problemi con le cure che il mio familiare sta ricevendo?” “C’è molto personale temporaneo o sarò assistito da personale permanente?” E “C’è un’infermiera responsabile con cui posso parlare in caso di problemi relativi al mio livello di assistenza?”

Come posso contribuire ad alleviare la carenza di infermieri nel mio ospedale? C’è una persona che posso contattare per richiedere che l’ospedale assuma più infermieri? Sì, puoi scrivere al Chief Nurse Executive/Chief Nursing Officer, poiché questo andrà direttamente al loro ufficio e diventerà un elemento di azione.

Inoltre, ogni ospedale avrà un comitato non esecutivo e il suo ruolo sarà quello di garantire che le esigenze della popolazione di pazienti siano soddisfatte. Si incontrano regolarmente e sono spesso aperti al pubblico. Una lettera ai non dirigenti è sempre buona in quanto garantisce che l’argomento debba essere discusso apertamente.

Infine, gli ospedali di solito hanno un dipartimento per le relazioni con i pazienti/le relazioni con gli ospiti che si occupa dei problemi/reclami dei pazienti, che è un buon punto di partenza anche per te.

Mi sento così impotente. C’è qualcosa che posso fare per aiutare a cambiare la situazione generale? Sì, puoi contattare i tuoi rappresentanti al Congresso e menzionare il visto W, il Nurse Relief Act e proposte legislative simili, che consentirebbero ulteriori visti annuali specifici per infermieri al fine di affrontare la carenza.

Deborah O’Leary, Direttore delle operazioni per il Nord America, HCL International Inc.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI