venerdì, Ottobre 15, 2021
Home Benessere Salute Infermiere forti durante l'uragano Sandy e ogni giorno

Infermiere forti durante l'uragano Sandy e ogni giorno

Di Barbara Ficarra, Marina militare, BSN, MPA

Il post è dedicato a tutti gli straordinari infermieri, medici e altri membri del team sanitario. La tua forza e dedizione sono straordinarie, e non solo sulla scia dell'uragano Sandy, ma ogni giorno.

Il post originale, "Hurricane Sandy: No Match for Nurses 'Resolve", è stato pubblicato su The Huffington Post.

Grazie a tutti gli infermieri, i medici e gli altri membri del team sanitario.

Mentre la furia dell'uragano Sandy ha devastato il nord-est e ha causato enormi distruzioni, una cosa è certa: l'ira di Sandy non può competere con la forza delle infermiere.

Il ruolo degli infermieri nei media è spesso trascurato perché spesso si concentra sulle attività eroiche dei medici. L'assistenza sanitaria non è una competizione tra infermieri e medici. Medici e infermieri sono colleghi. L'assistenza sanitaria è un approccio di squadra interdisciplinare in cui tutti i membri del team lavorano insieme per il bene dei nostri pazienti.

Infermieri, medici e altri membri del team sanitario si sono riuniti per fornire un'assistenza di qualità ai pazienti in un periodo in cui le cose che ci circondavano si stavano sgretolando e la distruzione era evidente.

Gli ospedali i cui generatori non sono riusciti si sono affrettati a evacuare i pazienti. Il Bellevue Hospital Center di New York ha evacuato circa 500 pazienti e la NYU Langone ha spostato circa 200 pazienti. Un ospedale del New Jersey, il Palisades Medical Center, ha evacuato 83 pazienti.

Gli ospedali continuano a confrontarsi con la logistica perché i generatori di backup hanno fallito; tuttavia, gli infermieri hanno altre cose da affrontare. La lotta per mantenere i pazienti al sicuro durante una crisi è l'obiettivo principale di un infermiere.

La sicurezza dei pazienti è la priorità numero uno e nell'oscurità con un po 'di luce dai generatori, gli infermieri fanno ciò che sanno fare meglio: prendersi cura e trattare i pazienti.

Non sapevo cosa aspettarmi quando sono andato a lavorare subito dopo che Sandy ha fatto a modo suo con il Nordest. Quello che ho osservato lungo la strada è stato solo minore rispetto alle immagini orribili sull'Huffington Post e che circolavano su Internet e sui notiziari, ma è stato significativo. Ho visto l'esterno sgretolarsi. Aree coperte di detriti, enormi alberi sollevati dalla terra caduti sulle case, linee elettriche interrotte e interruzioni di corrente dilaganti erano solo un frammento della distruzione di massa nelle aree circostanti. Le persone hanno perso le loro case. Sono senza riparo, cibo e vestiti. Altri hanno perso la vita.

Quello che ho osservato all'interno dell'ospedale era molto diverso dalle scene distruttive. Era un caos calmo e gestibile. La corrente era fuori uso, ma i generatori funzionavano. Ha lasciato alcune aree nell'oscurità; gli ascensori di servizio sono diventati l'ascensore per il trasporto dei pazienti in tutto l'ospedale. Mentre un piccolo cartello accanto agli ascensori dice di pensare in modo sano e prendere le scale, non c'era scelta. I pazienti sono la priorità e gli ascensori erano riservati a loro. Ascensori limitati, niente cibo caldo, pronto soccorso a un volume critico e letti in corridoio utilizzati non sono lo standard normale. Ma in questo momento di crisi è stata evidente la professionalità e la formazione del personale ospedaliero.

Gli ospedali sono un ambiente altamente stressato in una "buona giornata". Gli infermieri sono esperti multitasking e sono in grado di fornire assistenza sotto pressione. Non è raro che gli infermieri saltino una pausa e a volte non hanno nemmeno la possibilità di mangiare un pasto.

Mentre giravo sulle unità sembrava quasi solo un altro giorno. In mezzo allo stress, gli infermieri si sono concentrati sul fornire assistenza ai loro pazienti. Armate di torcia e stetoscopio, le infermiere sono rimaste calme. Dopotutto, gli infermieri sono abituati a lavorare in un ambiente altamente stressante e fanno ciò che deve essere fatto per fornire la migliore assistenza possibile. Potrebbe non essere facile, ma gli infermieri sono la spina dorsale dell'assistenza sanitaria. Infermieri: forti e dedicati.

Durante questa crisi, la collaborazione è stata la chiave. Ci siamo trovati a dover creare unità "improvvisate" per accogliere i pazienti trasferiti da un vicino ospedale e per ospitare il trabocco dal pronto soccorso. Un personale adeguato è diventato una priorità immediata. Fortunatamente, il personale non è diventato un problema importante, poiché molti membri del personale sono rimasti in ospedale e hanno dormito sulle culle.

E così, anche se l '"esperienza del paziente" potrebbe non essere prevalente durante questo periodo critico, la cura centrata sul paziente ha decisamente prevalso.

Professionisti forti, determinati e dedicati, sia uomini che donne, mettono al primo posto i bisogni del paziente e hanno fatto ciò che è necessario per tenerli al sicuro. Non è facile – l'allattamento può essere emotivamente e fisicamente drenante – ma non hanno lasciato che Sandy si intromettesse.

Per aiutare chi ha bisogno, puoi aiutare attraverso il Croce Rossa americana.

Il tuo turno

Ci piacerebbe avere tue notizie. Per favore condividi le tue esperienze nella sezione commenti qui sotto. Come sempre grazie per il tuo tempo prezioso.

Connettiti con me | Rimani in contatto

[Original post, “Hurricane Sandy: No Match for Nurses’ Resolve,” is published on The Huffington Post.]

[Image courtesy of “photostock” Image ID: 10040979 / FreeDigitalPhotos.net]

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI