La vitamina D può aiutare a combattere il Covid-19? Ecco cosa devi sapere

0
185

La vitamina D può davvero aiutare a combattere il Covid-19? La consulente esperta e nutrizionista Angela Dowden rivela la verità dietro i titoli, oltre a come puoi ottenere la tua dose giornaliera

La vitamina D è emersa come una delle vitamine più comunemente parlate del 2020, con studi recenti che ne evidenziano il ruolo chiave nel sostenere la salute immunitaria e studi che dimostrano che può aiutare a prevenire la probabilità di contrarre il Covid-19.

Potresti aver visto i titoli sulla vitamina D e COVID-19 a seguito di prove crescenti che hanno scoperto che una carenza può significare che una persona ha maggiori probabilità di contrarre il coronavirus di conseguenza o di manifestare sintomi più a lungo.

Uno studio che ha fatto notizia di recente è stato il Boston University Study, che ha scoperto che le persone con carenza di vitamina D hanno un tasso di positività COVID-19 del 54% più alto.

I pazienti di età superiore ai 40 anni che avevano livelli sufficienti di vitamina D avevano più del 51% in meno di probabilità di morire a causa del virus.

le persone con carenza di vitamina D hanno un tasso di positività COVID-19 superiore del 54%

Sebbene siano necessari ulteriori studi prima di poter raggiungere prove conclusive, ciò che sappiamo è che la vitamina D fa bene alla salute immunitaria in generale, e questo è particolarmente importante da tenere a mente durante il blocco.

Per la maggior parte delle persone, la vitamina D è associata al sole, quindi viene definita "vitamina del sole", il che è ottimo se vivi in ​​climi soleggiati. Ma in Gran Bretagna siamo meno fortunati, soprattutto nei mesi invernali.

A causa della natura del blocco, e cade in inverno, stiamo trascorrendo molto più tempo al chiuso del normale, quindi prova a fare una passeggiata all'ora di pranzo alla luce del giorno quando possibile e fai degli integratori ogni giorno.

La consulente esperta e nutrizionista di HealthyDoesIt Angela Dowden guarda oltre le notizie, per darci la scienza dietro questa vitamina e perché gli integratori sono raccomandati.

Cos'è la vitamina D?

La vitamina D è nota per il suo ruolo vitale nelle articolazioni e nella salute dei muscoli. Tuttavia, questo potrebbe essere solo l'inizio dei suoi benefici per la salute. È anche essenziale per mantenere il sistema immunitario delle persone in buono stato di funzionamento.

La fonte principale (90%) del nostro apporto di vitamina D è attraverso la luce solare sulla pelle, il che spiega perché in Gran Bretagna ci affidiamo a buoni livelli per accumularsi durante i mesi estivi dove viene immagazzinata nel fegato e quindi utilizzata durante il stagioni più fredde.

Tuttavia, i nostri livelli possono diminuire se i livelli di luce solare (vitamina D3) e le assunzioni dietetiche (vitamina D2) diventano bassi.

Perché la vitamina D è così importante?

Una mancanza di vitamina D può portare a una perdita di densità ossea che può contribuire all'osteoporosi e alle fratture.

In casi gravi, ma rari, una carenza può portare a deformità ossee come rachitismo e dolore osseo o rammollimento causato da una condizione chiamata osteomalacia.

La vitamina D ha molti vantaggi:

  • Mantenere ossa e denti sani
  • Supporta la normale funzione del sistema immunitario
  • Gli studi dimostrano che la vitamina D potrebbe essere utile nella gestione del peso
  • Per aiutare a mantenere l'umore sano

Potresti essere carente di vitamina D?

Gli inglesi americani hanno uno dei più alti livelli di carenza di vitamina D in Europa, con una carenza stimata in uno su quattro, che sale a uno su tre in inverno.

Altri fattori di rischio comuni per una carenza includono "gruppi a rischio" come gli anziani, le donne incinte, le persone con diabete e obesità.

Gli studi hanno identificato che la popolazione BAME (nera, asiatica e minoritaria etnica) ha maggiori probabilità di avere livelli più bassi poiché la pelle più scura produce molta meno vitamina D rispetto ai toni della pelle più chiari).

Anche se potresti non sapere di avere una carenza, i sintomi che indicano una potenziale mancanza di vitamina D includono …

  • Sensazione di stanchezza: livelli vitaminici molto bassi possono causare affaticamento e poca energia.
  • Dolore alle ossa e alla schiena: poiché la vitamina D aiuta con l'assorbimento del calcio, una carenza può influire su questo, lasciandoti dolori alla schiena e ad altre ossa.
  • Depressione: alcuni studi hanno trovato una relazione tra bassi livelli di vitamina D e umore basso. Allo stesso modo, alcuni studi hanno dimostrato che somministrare vitamina D a persone carenti può migliorare i sintomi, inclusa la depressione stagionale nei mesi più freddi.
  • Perdita ossea: che normalmente colpisce le persone anziane e talvolta può essere scambiata per mancanza di calcio; tuttavia è il ruolo della vitamina D che consente l'assorbimento del calcio.
  • Malattia o infezioni frequenti: uno dei ruoli più importanti della vitamina D è mantenere forte il sistema immunitario in modo da poter combattere virus e infezioni

Come aumentare l'assunzione di vitamina D.

Ci sono molti modi per aumentare l'assunzione di vitamina D.

  • Consuma pesce e frutti di mare grassi
  • Mangia i funghi
  • Includi i tuorli d'uovo nella tua dieta
  • Mangia cibi fortificati (cibi che hanno nutrienti extra / vitamina D aggiunti, ad es. Latte, succo d'arancia e cereali)
  • carne rossa
  • Prendi un integratore – fino a 75 µg al giorno.
  • Trascorri del tempo all'aperto. Il sole è una delle migliori fonti di questo nutriente.

Come abbiamo già accennato, la luce solare è la chiave per la produzione di vitamina D, tuttavia è importante indossare sempre una protezione solare per evitare la sovraesposizione e finire con le scottature.

Studi clinici non hanno mai scoperto che l'uso quotidiano della protezione solare porti a un'insufficienza di vitamina D. In effetti, gli studi prevalenti dimostrano che le persone che usano quotidianamente la protezione solare possono mantenere i loro livelli di vitamina D.

Una delle spiegazioni potrebbe essere che, indipendentemente dalla quantità di crema solare che usi o da quanto è alto l'SPF, alcuni dei raggi UV del sole raggiungono la tua pelle.

Una protezione solare SPF 15 filtra il 93 percento dei raggi UVB, SPF 30 tiene fuori il 97 percento e SPF 50 filtra il 98 percento. Questo lascia dal due al sette percento dei raggi UVB solari raggiungendo la tua pelle, anche con filtri solari ad alto SPF.

Integrazione di vitamina D.

Oltre alla dieta e all'esposizione alla luce solare, negli ultimi mesi l'integrazione è stata oggetto di discussione.

Nel marzo di quest'anno (2020), la Public Health England ha ampliato la sua raccomandazione del 2016 secondo cui alcuni gruppi a rischio dovrebbero integrare con dieci microgrammi al giorno, a "tutti" per tenere conto del fatto che più persone trascorrono più tempo in ambienti chiusi a causa del blocco.

Tuttavia, in mesi più recenti, i ricercatori hanno chiesto maggiori assunzioni supplementari al di sopra di questo livello di 10 microgrammi, per aiutare ulteriormente a sostenere la funzione immunitaria, soprattutto alla luce del blocco.

Il limite giornaliero per l'integrazione è di 75 microgrammi (µg).

Ti sei mai chiesto perché gli integratori di vitamina D a volte elencano il loro dosaggio in "iu invece che in microgrammi (µg).

Queste "unità internazionali" riconoscono il fatto che diverse forme di vitamina D hanno diversi livelli di attività nel corpo. Ad esempio: 400iu – 10µg, 3000iu – 75µg, 4000iu – 100µg.

Un altro modo per migliorare la tua salute e i tuoi livelli di vitamine è visitare il tuo negozio di alimenti naturali. C'è una ricchezza di esperienza e conoscenza sulle nostre strade principali che molte persone non conoscono.

Il fatto che sia stato loro assegnato lo stato di priorità durante il blocco dimostra il loro significato per la salute e il benessere. Gli esperti in negozio potranno offrire consigli e informazioni su misura per le singole esigenze.

Per saperne di più sulla salute naturale o per trovare il negozio di alimenti naturali più vicino, visitare www.healthydoesit.org

Angela Dowden ha lavorato nel settore alimentare per otto anni come nutrizionista da quando si è laureato in Scienze degli alimenti presso l'Università di Nottingham.

Negli ultimi 15 anni ha anche lavorato come giornalista, scrivendo per tutti, dal World Cancer Research Fund alla rivista Closer, coprendo tutto, dalla densità energetica e il contenuto di grassi della carne macinata all'ultima dieta delle celebrità.

Nel 2012 è stata insignita del premio Nutrition and Health Writer / Broadcaster of the Year. La sua filosofia nutrizionale è pragmatica e priva di mode.

Contenuto pertinente di Healthista:

5 segni di carenza di vitamina D che influiscono sul tuo benessere

Hai gli occhi gonfi? La perdita di capelli? Questi 7 segni di carenza di vitamine potrebbero rovinare il tuo aspetto

Contenuti di Healthista che potrebbero piacerti anche:

Sintomi del coronavirus questo medico dice che non dovresti ignorarli, oltre a 6 modi per ottimizzare il tuo sistema immunitario

5 modi naturali per rafforzare il tuo sistema immunitario

In che modo la salute intestinale può aiutare l'immunità

8 modi in cui camminare può aiutare la depressione e l'ansia: la guida dello psicoterapeuta