Medici e social media: aspetti legali e risultato finale

0
35

Di Barbara Ficarra, Marina militare, BSN, MPA

La serie legale sui social media per l'assistenza sanitaria continua qui su Healthin30, e l'esperto legale David Harlow, Esq, avvocato e consulente sanitario presso The Harlow Group, LLC a Boston, risponde a una serie di domande incentrate sugli aspetti legali dei medici impegnati nel sociale media.

Social media per l'assistenza sanitaria – Aspetti legali

Barbara Ficarra, Marina militare, BSN, MPA

D: Barbara – Secondo l'American Medical Association, afferma: "Quando i medici vedono contenuti pubblicati da colleghi che sembrano non professionali, hanno la responsabilità di portare quel contenuto all'attenzione dell'individuo, in modo che lui o lei possa rimuoverlo e / o prendere altri azioni appropriate. Se il comportamento viola in modo significativo le norme professionali e l'individuo non intraprende azioni appropriate per risolvere la situazione, il medico deve segnalare la questione alle autorità competenti ".

Chi è l'autorità appropriata?

David Harlow, Esq.

UN: David Harlow, Esq. – Le leggi e i regolamenti sui rapporti tra pari del consiglio medico di ogni stato stabiliscono generalmente il dovere di un medico in merito al monitoraggio e alla segnalazione tra pari. È una condizione della licenza di ogni medico monitorare i colleghi e segnalare le infrazioni, siano esse relative a problemi clinici o questioni di franchezza, privacy e integrità, come descritto sopra.

D: Barbara – Un consumatore o un paziente può segnalare un comportamento inappropriato del medico? A chi lo riferirebbero?

A: David Harlow, Esq. – Il consiglio medico statale è l'autorità governativa che indagherà su tali accuse. Esistono anche società professionali, datori di lavoro, organizzazioni di personale medico e ospedali o altre strutture in cui il medico dispone di privilegi che possono disporre di politiche pertinenti in merito all'uso inappropriato dei social media. Accade spesso che alcune di queste organizzazioni rispondano più rapidamente a un'accusa di tale comportamento inappropriato rispetto a quanto farebbe l'agenzia statale.

D: Barbara – Qual è il risultato finale quando si tratta di social media e medici?

A: David Harlow, Esq. – Le piattaforme di social media sono importanti portali per la comunicazione avanti e indietro tra paziente e medico e tra medici. I medici devono riconoscere i limiti di tutti i loro strumenti, inclusi questi strumenti di comunicazione. L'utilizzo di questi strumenti può portare a una maggiore attivazione e coinvolgimento dei pazienti, a una migliore comprensione clinica e a una migliore condivisione degli apprendimenti rilevanti per la prevenzione e la cura delle malattie.

Mi piace sempre mettere in guardia le persone che i social media sono uno strumento potente: devi imparare a usarli correttamente o qualcuno si farà male.

Il tuo turno

Ci piacerebbe che condividessi i tuoi pensieri penetranti nella sezione commenti qui sotto. Come ti impegni nei social media? Qual è stata la tua esperienza con Twitter e Facebook?

Connettiti con me | Rimani in contatto

Maggiori informazioni sui social media e sulla salute qui