martedì, Maggio 24, 2022
HomeBenessereSalutePerché CAMMINARE è il Santo Graal dell'esercizio

Perché CAMMINARE è il Santo Graal dell’esercizio

L’editor Anna Magee ha avuto un’esperienza diretta degli incredibili benefici di perdita di peso del camminare, per non parlare del potere che ha di ispirare il pensiero creativo

Circa 10.000 persone al mese su Google i termini “puoi perdere peso camminando”? Bene, sono qui per dirtelo. Sì. Grosso grasso sì. Un milione di volte sì.

Camminare può aiutarti a perdere peso, puoi farlo ovunque, non ti rende troppo sudato per essere passabilmente presentabile a una riunione ed è assolutamente gratuito (tranne forse quando inizi ad essere ossessionato dai nuovi stivali da passeggio alla moda, che in questa stagione probabilmente accadrà).

Camminare per dimagrire: è una cosa

Negli ultimi tre mesi ho camminato dal quartier generale di Healthista a St. John’s Wood, Londra, alla stazione della metropolitana di Oxford Circus ogni notte, il che impiega circa 45 minuti alcune volte a settimana. Sono stato spesso raggiunto dal nostro Direttore Nutrizionale Rick Hay.

Circa tre settimane fa, Rick è entrato al lavoro tenendosi la maglietta in vita e ha detto: ‘Guarda questo! Tutti i miei vestiti sono sciolti intorno alla pancia e non ho cambiato nulla di quello che ho fatto, tranne le nostre passeggiate.’

Rick ha perso peso dall’area in cui aveva provato di tutto per perdere peso prima. Ora è convinto che le nostre umili passeggiate serali gli abbiano ridato gli addominali. Un po’ come Kel di Kath e Kim qui.

Mi alleno con i pesi circa quattro volte a settimana e vado a fare jogging per circa mezz’ora tre volte a settimana, quindi non potevo davvero relazionarmi con la perdita di peso, anche se avevo avuto difficoltà a ingrassare, negli ultimi tre mesi. Mi ha fatto pensare.

Per bruciare i grassi: camminare è il mestiere

Risulta, Rick aveva ragione: camminare con le torce fa più grasso della corsa o dell’allenamento con i pesi.

Secondo il mio FitBit Blaze, che utilizza la tecnologia della frequenza cardiaca per monitorare il mio consumo calorico, di tutti gli allenamenti che faccio, camminare è quello in cui trascorro la maggior parte del tempo nella zona di allenamento per bruciare i grassi: di solito si tratta di circa il 67-74% della frequenza cardiaca massima (MHR).

In effetti, tutte le passeggiate che facevo bruciavano i grassi, al contrario dei miei pesi e degli allenamenti di corsa, che sembravano portarmi nella zona di allenamento cardiovascolare (75-85% della MHR) o addirittura al picco (85%+ MHR). Questo è ottimo per condizionare il cuore e i polmoni e aumentare la resistenza, ma a quanto pare, non così buono per bruciare i grassi. Dai un’occhiata al registro dal mio FitBit:

Se guardi gli ultimi due, camminare è al 100% nella zona di combustione dei grassi, mentre gli altri sono più nelle zone cardio e di picco.

Non credi alla mia scienza Bro? Lo dice anche la ricerca.

Nel 2015, uno studio della London School of Economics ha rilevato che coloro che praticavano una “camminata regolare e veloce” per più di mezz’ora avevano indici di massa corporea (BMI) più bassi e girovita più piccoli rispetto a coloro che facevano altri esercizi come andare al palestra o giocare a calcio o rugby.

I risultati sono stati particolarmente veri per le donne, le persone con più di 50 anni e quelle a basso reddito.

La dott.ssa Grace Lordan, che ha guidato la ricerca, ha affermato: “I risultati forniscono quindi un argomento per una campagna per promuovere la camminata… Data l’epidemia di obesità e il fatto che un’ampia percentuale di persone nel Regno Unito è inattiva, raccomandando alle persone di camminare a passo svelto più spesso è un’opzione di politica economica e facile.’

Sembra che i migliori benefici siano di gestire 35 minuti di camminata continua da qualche parte nella tua giornata e poi ricaricarli con altri frammenti di camminata durante il giorno.

Un esperto di obesità una volta mi ha detto che 10.000 passi al giorno vanno bene per mantenere il peso, ma per perderlo dovresti puntare a circa 15.000 passi al giorno.

Per metterlo in prospettiva, una camminata di 35 minuti – questo cambierà a seconda della tua altezza – per me che ho un metro e ottanta, richiede circa 3800-4000 passi.

Ma questo è solo l’inizio dei benefici del camminare

Nelle parole del dottor Thomas Frieden, direttore dei Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti, camminare è “la cosa più vicina a un farmaco miracoloso”. Questo è ripreso nella ricerca.

Secondo la Harvard Medical School, “camminare può avere un impatto maggiore sul rischio di malattie e su varie condizioni di salute rispetto a qualsiasi altro rimedio prontamente disponibile. Inoltre, è gratuito e praticamente non ha effetti collaterali negativi’.

E se cammini solo per la salute, non devi nemmeno fare così tanto, dicono. “Camminare per 2,5 ore a settimana, sono solo 21 minuti al giorno, può ridurre il rischio di malattie cardiache del 30%. Inoltre, è stato anche dimostrato che camminare riduce il rischio di diabete e cancro, abbassa la pressione sanguigna e il colesterolo e ti mantiene mentalmente attivo.’

Non è una cattiva approvazione per un’attività da fare ovunque, senza attrezzatura che non richiede nemmeno un nuovo kit.

L’effetto cervello OMG l’effetto cervello

HMS continua dicendo:

‘Camminare può anche aiutare il tuo umore. Numerosi studi hanno scoperto che è efficace quanto i farmaci per ridurre la depressione. Può anche aiutare ad alleviare lo stress quotidiano. La tensione inizia ad allentarsi mentre la strada si allunga davanti a te. Aumentano i livelli di endorfine che migliorano l’umore. Molte persone e che camminare aiuta anche a liberare la mente: potresti persino e la soluzione a un problema che ti ha infastidito’.

Poiché Rick ed io camminiamo alla fine della giornata, è invariabilmente la fine di una giornata piena di prove e tribolazioni, scadenze contro le quali, alti intensi e alcuni bassi che è semplicemente la vita in generale a HealthistaHQ (tu impara ad amare gli incubi dei problemi tecnici insieme agli sballi come il burro di noci, il tè e le provviste croccanti vegetariane gratuite – grazie a Pukka, Clipper, Emily’s Crisps, Itsu solo per citarne alcuni…).

Ma mentre sono alla mia scrivania mi sembra di essere in modalità macchina, mentre scrivo come sto ora, con una visione a tunnel per completare la mia lista di cose da fare. Questa macchina raramente lascia che un pensiero creativo interrompa la sua missione di portare a termine le cose, per non parlare di un momento di relax.

Ma durante le nostre passeggiate, Rick ed io sembriamo risolvere non solo i nostri problemi personali spesso complicati, ma anche quelli di Healthista, a volte anche quelli di Palestina e Israele con soluzioni ipotetiche e un numero sorprendente di buone idee che sembrano germogliare dalle nostre passeggiate. Mentre molti sembrano volare via e essere assorbiti dall’atmosfera di London Town, mai visti o sentiti di nuovo, molti diventano realtà.

L’idea per questa stessa colonna, il mio Diario dell’editore, insieme a un nuovo sviluppo nei nostri video che verranno lanciati la prossima settimana e un evento Healthista super emozionante che si terrà il 9 ottobre (ne parleremo più domani) sono state tutte idee emerse dalle nostre passeggiate.

Ovviamente, passiamo molto tempo a dire sciocchezze e questa è la maggior parte del puro divertimento.

Ma a volte i nostri cervelli sembrano prendere vita, come se fossimo sotto una sorta di droga (che secondo HMS probabilmente lo siamo).

‘OMG siamo in fiamme stasera!’ Di solito esclamo dopo un momento particolarmente luminoso mentre spegniamo Marylebone High Street come un tag team alle Olimpiadi dell’escursionismo urbano.

Risulta: anche questa non è scienza di Bro. Non ce lo immaginavamo Camminare ti rende creativo.

Nel 2014, i ricercatori di Stanford hanno scoperto che camminare aumenta l’ispirazione creativa. Hanno esaminato i livelli di creatività delle persone mentre camminavano rispetto a quando erano seduti e hanno scoperto che la produzione creativa di quella persona aumentava in media del 60 percento quando camminava.

Allora, qual è la tua scusa per non farlo?

Contenuti correlati di Healthista:

L’allenamento della camminata a casa

Le migliori scarpe da passeggio che non siano scarpe da ginnastica

La vacanza a piedi dove bere vino e perdere peso

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI