martedì, Maggio 24, 2022
HomeBenessereSaluteRecensione Spa: No.15 Great Pulteney, Bath

Recensione Spa: No.15 Great Pulteney, Bath

Caroline Sylger Jones, fondatrice di Queen of Retreats e giornalista leader nel settore del benessere, esplora spa e ritiri in tutto il mondo. Questa settimana è una spa più vicina a casa a Bath, No.15 Great Pulteney

Questo giocoso hotel con spa è situato in una bellissima strada di eleganti case a schiera georgiane a Bath e dispone di un bar alla moda e di una spa eccentrica in cui rilassarsi. Check-in veloce, cordiale ed efficiente in una casa di bambole di grandi dimensioni (molto più interessante di un ricevimento scrivania) ha dato il tono bene quando un amico e io siamo stati nella suite 46 della Coach House per un lungo weekend.

Separata dall’hotel principale attraverso un cortile dall’ingresso della spa, la nostra sontuosa camera da letto con soggiorno utilizzava un eclettico mix di colori, arte e illuminazione per mantenere le cose interessanti senza essere invadenti. Ci sono 30 camere da letto dal design creativo e personalizzato tra cui scegliere, tutte con articoli da toeletta Banford nel bagno privato e accappatoi bianchi da usare per raggiungere la spa.

Ti godrai le piccole sorprese di design in tutto l’hotel, da lampadari multicolori, scaffali di libri, mini installazioni artistiche e murales sorprendenti (guarda quello di Van Gogh dalla finestra nel gabinetto delle donne) a deliziose collezioni di cimeli, come come teche di vetro di graziosi fermacarte di vetro e borse di perline e scaffali di caleidoscopi tradizionali che inducono nostalgia.

Al Bar 15 abbiamo particolarmente apprezzato i tavoli trasparenti pieni di perline e collane, i mobili per la casa delle bambole e altri tesori artistici, mentre il menu delle bevande è scritto su carte da gioco che puoi mischiare: abbiamo bevuto un mojito e una marguerita perfettamente miscelati. le cose fuori.

Tale giocosità viene trasferita nella Spa 15, nascosta sotto i marciapiedi nel seminterrato, dove segnaletica e installazioni artistiche piacevolmente diverse la fanno risaltare dalle blande spa degli hotel. Gli armadietti rosa hanno portachiavi con nomi come Taxi e Getaway Car, mentre i cartelli sulle porte riportano cose come “Privato (rimani curioso)”.

The Retreat era uno dei nostri spazi preferiti: un salotto super caldo per prima o dopo un trattamento con dipinti a olio di sentieri nei boschi in cui vuoi arrampicarti sulle pareti e un dipinto gigante e vibrante di una ragazza che si alza il vestito fino alle ginocchia e guadare l’acqua. Ci sono copie delle riviste Breathe e Comely qui e varie bevande cattive o salutari da acquistare nel frigorifero.

Abbiamo trascorso molto tempo nella grande vasca idromassaggio in legno di cedro, che ha getti piacevolmente potenti, e nella sauna calda a forma di botte, che profuma deliziosamente di legno. Gli ospiti dell’hotel pagano £ 20 per prenotare una sessione condivisa qui. Entrambi si trovano nella propria area all’interno di volte in pietra a vista, e c’è una panca relax con cuscini in lana rosa e blu e una doccia da usare. Su un piano separato troverai docce con prodotti ila e un piccolo bagno turco rivestito con graziose tessere di mosaico a misura di bambino.

I trattamenti olistici di ila e Natura Bissé spaziano da trattamenti per il viso orientati ai risultati a massaggi profondamente rilassanti e coccole per il corpo. Li hai in una delle quattro sale per trattamenti a tema che prendono il nome dai progetti artistici realizzati dai laureati di Bath Spa – un grande sostegno del talento locale – dalle accattivanti sale di Ceramica, Corallo e Arazzi alla curiosa Sock Room, che ha un ‘ sock diary’ di calzini lavorati a maglia sulle pareti bianche luminose ispirati agli eventi quotidiani della vita personale dell’artista, Akane Ono.

Ho fatto una ila facciale di 30 minuti con Louise, una donna calmante, magra ma fisicamente forte che poi ha continuato a fare un massaggio dei tessuti profondi senza cuciture e liscio usando un olio di ila per 60 minuti. Una bella musica di pianoforte ha suonato per tutto il tempo, e dopo ho dormito profondamente sul divano in The Retreat.

Il cibo in hotel è decente: le nostre cene includevano pasti di pasta cucinati con cura e gustosi al bar a una deliziosa miscela di anatra e un’opzione vegetariana fantasiosa a base di crema di farro, per la quale il sommelier Marcello ci ha aiutato a scegliere una bottiglia di Voignier da gustare nel ristorante dell’hotel occhiali pesanti straordinariamente belli. C’è un menu vegetariano sia per la colazione che per la cena – chiedilo, poiché questo non è stato offerto gratuitamente durante la nostra visita.

Il ristorante nel seminterrato è rivestito da grandi cassettiere in legno con cassetti che ricordano una farmacia, su cui si ergono collezioni di vivaci bottiglie di vetro turchese, verde e marrone. Abbiamo sentito la mancanza di un salotto per gli ospiti con un fuoco scoppiettante caldo all’hotel, soprattutto perché abbiamo visitato in un fine settimana nevoso, ma ci torneremmo comunque. La prossima volta andrò alla Hideout Suite, che ha il suo bagno “esperienza spa” con vasca idromassaggio, elegante salotto, spogliatoio e sistema Sonos dedicato.

Prezzi: da £ 149 per camera per notte in base alla condivisione di due persone con trattamento di B&B. Per prenotare http://no15greatpulteney.co.uk; 01225 807015

Caroline Sylger Jones è un autore e giornalista freelance che viaggia per il mondo alla ricerca di terme, ritiri e vacanze salutari per giornali internazionali, riviste patinate e siti web. È la fondatrice e direttrice del sito di viaggi benessere Queen of Retreats.

Segui su Twitter: @QueenOfRetreats

Segui su Facebook: @QueenOfRetreats

Segui su Instagram: @QueenofRetreats

Per altre idee di viaggio benessere, dai un’occhiata al fantastico sito di Caroline Queen of Retreats, una raccolta curata di ritiri offerti da scrittori fidati e appassionati di benessere su www.queenofretreats.com

Altre spa su Healthista:

Recensione spa: Ammos Hotel, Creta, Grecia

Recensione Spa: The Oitavos Hotel, Cascais, Portogallo

Spa della settimana: recensione del Four Seasons Bali

Recensione spa: Kurhotel Skodsborg, Copenaghen

RECENSIONE: nuova Titanic Spa – il paradiso a Huddersfield

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI