Capitalisti nel ventunesimo secolo

0
101

articolo principale

L'aumento del reddito da capitale ha sollevato la possibilità che i ricchi di capitale finanziario possano ora dominare i ranghi dei più alti guadagni d'America invece dei ricchi di capitale umano, ma testare questo è stato difficile a causa dei problemi di dati sulla classificazione del reddito d'impresa di fascia alta. Questo documento analizza i dati fiscali amministrativi non identificati e stima che per il tipico imprenditore principale circa i tre quarti dei profitti trasferiti sono rendimenti per il capitale umano del proprietario piuttosto che capitale finanziario. Il tipico reddito più alto, a quanto pare, è ancora ricco di capitale umano. Il documento mostra anche l'importanza di un'attenta attenzione alla politica fiscale nell'interpretazione della misurazione economica; incentivi fiscali e regole determinano la modalità di rendicontazione del reddito, il che ha importanti implicazioni per i principali parametri di contabilità nazionale.

Supponiamo che ti capiti di incontrare un reddito molto alto. Di solito come fa i suoi soldi? È probabilmente una capitalista umana, in quanto ricava la maggior parte del suo reddito dal suo lavoro o da altro capitale umano? O è probabilmente una capitalista finanziaria, in quanto ricava la maggior parte del suo reddito dal suo portafoglio di azioni e obbligazioni quotate in borsa e altro capitale finanziario passivo? E cosa ci dice la risposta sull'elusione fiscale al vertice della distribuzione del reddito?

Il lavoro pionieristico di Piketty e Saez (2003) e Piketty, Saez e Zucman (2018) ha mostrato che i migliori guadagni portano a casa una quota sostanzialmente maggiore del reddito nazionale oggi rispetto a quella degli anni '80. L'aumento del reddito alla fine del XX secolo ha assunto la forma di salari W-2, inclusi bonus e stock option. Ma nel 21 ° secolo, i redditi massimi sono aumentati sotto forma di reddito d'impresa e altri redditi non salariali come interessi e affitti. Quindi, c'è motivo di sospettare che i ricchi di capitale finanziario – coloro che traggono la maggior parte del loro reddito dal capitale non umano – ora dominano i ranghi dei più alti guadagni d'America invece dei ricchi di capitale umano – gli imprenditori e i salariati che traggono la maggior parte del il loro reddito dal capitale umano.

Tuttavia, identificare la natura del reddito massimo è ostacolato da una domanda sui dati chiave: qual è la natura del reddito che matura per i proprietari-gestori di imprese private?

La maggior parte del reddito al vertice della distribuzione del reddito è reddito d'impresa, non reddito da stipendio o altri redditi da capitale, e la maggior parte di quel reddito d'impresa superiore proviene da imprese private. I dati standard non indicano se il reddito d'impresa privato derivi da capitale finanziario come i dividendi azionari pubblici o se il reddito d'impresa privato derivi invece dal capitale umano del proprietario, definito come tutti i fattori inalienabili incorporati negli imprenditori, tra cui l'offerta di lavoro, le reti, la reputazione e capacità di estrazione degli affitti.

Il nostro documento fa progressi su queste questioni utilizzando dati fiscali amministrativi non identificati per caratterizzare i redditi più alti nel ventunesimo secolo.

Il trattamento fiscale delle imprese private

Per comprendere i dati e i problemi di misurazione, descriviamo innanzitutto come vengono tassate la maggior parte delle imprese private.

Il primo pezzo del puzzle fiscale è che la maggior parte dei redditi delle imprese più importanti proviene da imprese private "pass-through" che non sono tassate a livello di entità. Invece, il reddito passante passa attraverso l'azienda ai proprietari che pagano le imposte sul reddito personale sulla loro quota di reddito dell'azienda.

Ad esempio, confronta i casi di Home Depot (il più grande rivenditore americano di articoli per la casa) e di Menard (il terzo più grande d'America). Home Depot è una società per azioni ed è quindi una società "C" (dal nome del suo sottocapitolo dell'Internal Revenue Code), che deve affrontare l'imposta annuale sul reddito delle società. L'imposta sulle società viene pagata prima che qualsiasi imposta sui dividendi (o sulle plusvalenze) sia pagata dai proprietari dell'azienda sulle distribuzioni agli azionisti dal reddito al netto delle imposte sulle società. Al contrario, Menard's non è quotata in borsa ed è una società "S", che non è soggetta all'imposta sul reddito delle società. Invece, il reddito annuo di Menard's passa proporzionalmente alle dichiarazioni dei redditi personali dei suoi proprietari, e i suoi proprietari devono le imposte sul reddito personale su quel reddito nell'anno in cui viene guadagnato. I dividendi di Menard's non sono mai tassati. Le società di persone sono tassate in modo simile alle società S. La maggior parte del reddito d'impresa imponibile negli Stati Uniti è ora guadagnato da pass-through, la stragrande maggioranza dei quali è il reddito di società S o di società di persone.

Il secondo pezzo del puzzle fiscale è che gli incentivi fiscali e le regole possono indurre i proprietari di passaggio a dichiarare il proprio reddito da capitale umano come reddito d'impresa (cioè profitto) invece che come salario o bonus. Quando i proprietari di società S dichiarano il proprio reddito come reddito d'impresa invece di salari o bonus, in genere godono di una detrazione fiscale di 3,8 punti percentuali. La legislazione fiscale non concede la stessa detrazione fiscale ai titolari di partnership, ma richiede loro di dichiarare in genere il proprio reddito come reddito d'impresa.

Quando si mettono insieme questi due pezzi del puzzle, è facile vedere come il reddito da impresa privata possa rappresentare prevalentemente il reddito da capitale umano piuttosto che il reddito da capitale finanziario. Tuttavia, la misura in cui il reddito delle imprese private rappresenta effettivamente il reddito da capitale umano è una questione empirica.

Fatti di base dai dati fiscali

Analizziamo i dati fiscali amministrativi non identificati che collegano i pass-through ai loro proprietari per 11 milioni di aziende tra il 2001 e il 2014.

I dati rivelano un vasto mondo di imprenditori che prevalgono al vertice della distribuzione del reddito. La maggior parte dei guadagni migliori possiede un'attività di passaggio. Sia in termini di numero assoluto che di dollari guadagnati, i migliori proprietari di pass-through superano di gran lunga i principali dirigenti di società pubbliche.

Quali sono queste aziende? Una tipica azienda di proprietà di qualcuno nello 0,1% più alto della distribuzione del reddito è un'azienda regionale con $ 20 milioni di vendite e 100 dipendenti, come un grande studio legale, un distributore di bevande o un rivenditore di auto.

È più probabile che questi proprietari guadagnino passivamente entrate dalle loro attività come investitori non coinvolti, o invece guadagnino attivamente entrate attraverso il coinvolgimento nelle operazioni aziendali? Semplici statistiche suggeriscono quest'ultimo. Il tipico proprietario di passaggio superiore possiede un unico proprietario di passaggio che ha da uno a tre proprietari e il cui reddito costituisce un'ampia quota del reddito totale del proprietario. Pertanto, il reddito d'impresa passante non è diversificato. Le industrie di passaggio tendono ad essere relativamente ad alta intensità di competenze. Forse la cosa più significativa è che i proprietari di passaggio sono in età lavorativa. La figura 1 mostra che la distribuzione per età dei titolari di passaggio rispecchia la distribuzione per età dei salariati più alti, piuttosto che la distribuzione per età delle persone che guadagnano la maggior parte del loro reddito in modi più chiaramente passivi come i dividendi delle società C o altri redditi da capitale.

Figura 1: I proprietari di pass-through milionari sono in età lavorativa

Note: questa cifra utilizza i nostri dati sui redditi superiori del 2014 per tracciare la quota di unità fiscali con oltre un milione di dollari di reddito fiscale che guadagnano la maggior parte del loro reddito fiscale nel 2014 da stipendi, reddito passante, dividendi di società C o altri redditi da capitale in base all'età (ovvero, l'età del dichiarante fiscale unico o l'età media dei coniugi sposati che presentano la dichiarazione congiunta).

.

Esperimenti naturali

Per verificare e quantificare la quota approssimativa del reddito pass-through superiore che rappresenta il reddito del capitale umano, misureremmo idealmente l'impatto sui profitti delle imprese di costringere in modo casuale alcuni proprietari di pass-through a ritirare il loro capitale umano dalle loro aziende. Fortunatamente, ci sono due esperimenti naturali che approssimano l'ideale sperimentale: l'impatto sul profitto della morte del proprietario e l'impatto sul profitto del pensionamento del proprietario.

La figura 2a mostra le serie temporali dell'impatto sui profitti delle aziende che hanno subito una morte del proprietario prima dei 65 anni, rispetto ad aziende altrimenti simili che non hanno subito una morte del proprietario. Nell'anno della morte del proprietario, i profitti diminuiscono drasticamente e in modo permanente, anche dopo che ci adeguiamo per le riorganizzazioni aziendali dopo la morte del proprietario. La Figura 2b mostra un modello simile dopo il pensionamento del proprietario. Correttamente scalati e mediati, stimiamo che circa i tre quarti dei profitti massimi pass-through siano rendimenti del capitale umano del proprietario per il tipico imprenditore top.

Figura 2a: Morte di un proprietario che guadagna un milione di dollari

Figura 2b: Pensionamento di un proprietario che guadagna un milione di dollari

Note: il riquadro A traccia l'impatto causale stimato della morte di un proprietario sui profitti dell'azienda. Il riquadro B traccia l'impatto causale stimato del pensionamento di un proprietario sui profitti dell'azienda.

.

Numeri di battuta finale

Usiamo la nostra stima di tre quarti per misurare la quota dei lavoratori più ricchi che guadagnano la maggioranza del loro reddito dal reddito del capitale umano, ovvero la quota dei lavoratori più ricchi che sono ricchi di capitale umano. Quando si classifica il reddito pass-through come reddito da capitale finanziario, una minoranza dei redditi più alti è ricca di capitale umano. Ma quando si definisce il reddito da capitale umano come salario più tre quarti del reddito trasferibile, si stima che la maggior parte dei percettori di reddito superiore siano ricchi di capitale umano. Ad esempio, tra i lavoratori di milioni di dollari, il 67% ricava la maggior parte del proprio reddito dal reddito da capitale umano, mentre solo il 35% ricava la maggior parte del proprio reddito dal solo salario.

Quindi, se incontri un milione di dollari per strada, probabilmente guadagna la maggior parte del suo reddito dal suo capitale umano piuttosto che dal suo capitale finanziario.

Come complemento alla nostra analisi trasversale dei redditi più alti, indaghiamo anche sulla loro evoluzione dal 2001. Non troviamo alcun ruolo per una forza lavoro più ampia nello spiegare il reddito imprenditoriale superiore più alto (cioè, reddito d'impresa più i salari guadagnati da qualsiasi attività privata di loro proprietà) . Al contrario, la massima crescita del reddito imprenditoriale può essere spiegata sia dall'aumento della produttività del lavoro sia dall'aumento della quota dei proprietari del valore aggiunto. Pertanto, una spiegazione dell'aumento del massimo reddito imprenditoriale richiede di spiegare sia una torta in crescita che una fetta crescente di proprietario-gestore.

Conclusione

I nostri risultati hanno tre ampie implicazioni.

In primo luogo, troviamo che il tipico reddito più alto è ricco di capitale umano. Questa scoperta aggiunge contesto ai recenti sviluppi nella comprensione dei redditi più alti. Piketty e Saez (2003) scoprono che la disuguaglianza dei redditi massimi negli Stati Uniti era tornata ai livelli dei primi del ventesimo secolo, ma il reddito del passato era stato sostituito dal reddito dei ricchi di capitale umano. Ma Piketty (2014) e Piketty, Saez e Zucman (2018) indicano che i rentiers potrebbero sostituire i lavoratori ricchi nel ventunesimo secolo. I nostri risultati mostrano che, nonostante i lavori recenti mostrino un aumento del reddito da capitale finanziario superiore, il tipico lavoratore più alto è ancora ricco di capitale umano. In particolare, evidenziamo una classe di imprenditori e altri proprietari di imprese private che sono nascosti alla vista del pubblico ma il cui reddito da capitale umano è la chiave per comprendere i redditi più alti in America. Sebbene il capitale umano sia centrale, sottolineiamo che i rendimenti del capitale umano del proprietario e del gestore principale non devono essere socialmente ottimali e possono includere rendimenti alla ricerca di rendite improduttive.

In secondo luogo, il risultato che la crescita della produttività spiega una parte sostanziale della crescita del reddito imprenditoriale si allinea con il lavoro recente che trova un ruolo chiave per i miglioramenti dell'efficienza nell'aumento della redditività delle imprese (Autor et al.2020; De Loecker, Eeckhout e Unger, 2020). Anche la crescente quota di valore aggiunto che va ai proprietari gioca un ruolo importante. Poiché i proprietari nel nostro contesto sembrano anche essere manager e lavoratori chiave, è improbabile che i conflitti di agenzia e la contrattazione a somma zero tra dirigenti e consigli di amministrazione aziendali spieghino la crescente quota di valore aggiunto del proprietario nei nostri dati.

In terzo luogo, i nostri risultati mostrano l'importanza di un'attenta attenzione alla politica fiscale nell'interpretazione della misurazione economica. Gli incentivi fiscali e le regole determinano il modo in cui viene riportato il reddito. Nel nostro contesto, il “reddito d'impresa” riferito alle autorità fiscali è spesso infatti più vicino al reddito da stipendio che al reddito da capitale. Questo risultato ha implicazioni per i conti nazionali. I pass-through sono aumentati costantemente e drammaticamente in prevalenza e importanza quantitativa dopo il Tax Reform Act del 1986 (Cooper et al.2016). Nel lavoro in corso, stiamo riscontrando che l'aumento dei passaggi e la concomitante rietichettatura del reddito da lavoro come reddito d'impresa h).

Questo articolo riassume: Smith, M., Yagan, D., Zidar, O., & Zwick, E. (2019). Capitalisti nel ventunesimo secolo. The Quarterly Journal of Economics, 134 (4), 1675-1745

Matthew Smith è al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, Danny Yagan è alla UC Berkeley, Owen Zidar è alla Princeton University ed Eric Zwick è all'Università di Chicago.