domenica, Novembre 28, 2021
Home Economia e lavoro Divari generazionali sul posto di lavoro

Divari generazionali sul posto di lavoro

Ecco una domanda interessante (e spinosa?): pensi che ci sia un divario millennial/Gen Z in ufficio? Se hai colleghi più giovani che sono “Zoomers” (ugh, quel nome), i loro pensieri sul posto di lavoro e sulla natura del lavoro ti sembrano drasticamente diversi da quelli delle generazioni più anziane? Nell’aggiornamento settimanale delle notizie di venerdì scorso, abbiamo condiviso un articolo del New York Times del 28 ottobre della giornalista Emma Goldberg intitolato “I 37enni hanno paura dei 23enni che lavorano per loro”, e abbiamo pensato che avrebbe per un’interessante discussione (dibattito?) oggi.

Siamo curiosi, lettori: la storia del NYT ti sembra vera? Qual è la tua età/generazione e quali sono i tuoi pensieri? Hai osservato un divario millennial/Gen Z in ufficio? Se sei un millennial o della Generazione X, a volte ti ritrovi a pensare: “Ma è sempre stato fatto così!” su certe norme d’ufficio?

Sicuramente non siamo gli unici a voler parlare di questa storia. A partire dal 2 novembre, l’articolo ha ricevuto 2.879 commenti, il che è piuttosto notevole se lo si confronta con i 2.964 commenti sulla storia “Bad Art Friend” del NYT (5 ottobre). (Se Bad Art Friend non suona un campanello, diciamo solo che ha raggiunto il livello “Cat Person” del discorso online, o abbastanza vicino.)

Non sono sicuro che chiamerei esattamente “clickbait” il titolo “I 37 anni hanno paura”, ma è sicuramente scritto per attirare la tua attenzione, così come il tweet di Goldberg, in cui ha osservato, “La generazione Z è spaventosa! Stanno venendo per il tuo “dalle 9 alle 5”. Odiano i tuoi emoji. Stanno ridendo dei tuoi jeans. E stanno rendendo politiche le cose in ufficio”.

Ecco alcuni estratti dalla storia del NYT, che vanno dal sorprendente o addirittura scioccante (almeno, per molti anziani della Generazione Z) a rafficato e/o ammirevole. (Descriveremmo il terzo come ammirevole!)

[A 30-year-old company founder] ha intervistato un candidato della Generazione Z per una posizione a tempo pieno che ha chiesto se poteva smettere di lavorare per la giornata una volta che avesse portato a termine i compiti che si era prefissata di svolgere. Ha risposto che il suo ruolo doveva essere dalle nove alle cinque.

[A 31-year-old startup CEO] ha dovuto ridere quando un dipendente della Generazione Z ha inviato un messaggio Slack assegnandole un compito da completare. La signora Priego ha interpretato questo come un segnale di benvenuto che il suo staff di 15 persone non la trova intimidatoria, ma un altro membro della dirigenza di livello superiore è rimasto inorridito.

[A 34-year-old startup cofounder] ha ricevuto un messaggio di Slack da uno dei suoi lavoratori più giovani dopo le sparatorie alle terme dell’area di Atlanta a marzo chiedendo cosa potrebbe fare la squadra in solidarietà con gli americani asiatici.

Sì, generalizzare e stereotipare le generazioni può essere improduttivo e persino offensivo. Tuttavia, vale la pena parlare di come molti dipendenti della Generazione Z stiano sfidando lo status quo sul lavoro, inclusa la richiesta (o pretesa) che i datori di lavoro affrontino importanti questioni sociali, e come reagiscono quelli di noi che sono più anziani.

Come giovane Gen Xer che si relaziona fortemente al concetto di Xennial e ha un figlio più giovane della Gen-Z, trovo questo davvero interessante. E sono sicuro che molti di voi lettori hanno avuto la stessa reazione che ho avuto io per molti degli aneddoti nella storia del NYT. Mi sono sentito subito vecchio, un po’ come il nonno Simpson degli anni ’70. Se l’hai fatto anche tu – o non l’hai fatto – per favore commenta e condividi i tuoi pensieri!

Cosa ne pensi dei divari generazionali sul lavoro? (Fax, chiunque…?) Pensi che ci sia una frattura millennial/Gen Z/Gen X sul posto di lavoro? Cosa ne pensi della storia del NYT?

Ulteriori letture

  • I nuovi disgregatori: la generazione Z e il futuro del lavoro [Fast Company]
  • La Generazione Z e i lavoratori millennial stanno guidando l’ultima follia di dimissioni [CNBC]
  • Dalla Generazione Z ai Boss Millennial: Non Tu Mi Fai Lavorare [Gawker] (Sì, è tornato.)
  • Gen Z: 18 statistiche sui nuovi lavoratori di oggi [FairyGodBoss]

Foto d’archivio tramite Stencil.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI