mercoledì, Ottobre 5, 2022
HomeEconomia e lavoroNuove regole del curriculum che potresti non conoscere

Nuove regole del curriculum che potresti non conoscere

È sempre un ottimo momento per parlare di regole di curriculum che potresti non conoscere…

In precedenza, i lettori hanno discusso se candidarsi o meno a lavori quando non soddisfano tutti i requisiti (vedi anche il nostro post sulla sindrome dell’impostore) e alcuni anni fa Kat ha risposto a un’e-mail di un lettore su modi insoliti per far notare il tuo curriculum.

Ecco sei regole per il curriculum che potresti non aver sentito:

1. Sappi che il limite di “una pagina” non si applica più. A seconda della tua carriera e delle circostanze, va bene se il tuo curriculum va oltre una pagina. Per capire se rendere il tuo curriculum di una, due o anche tre pagine, dai un’occhiata a queste linee guida di Monster. Non importa cosa, però, mantienilo conciso e assicurati al 100% che non ci siano errori di battitura!

{correlato: ecco quanto dovrebbe essere lungo il tuo curriculum}

2. Personalizza il tuo curriculum ad ogni posizione e società; non continuare a inviare a ogni datore di lavoro esattamente lo stesso. Usa le parole e le frasi della descrizione del lavoro in ogni curriculum, soprattutto perché è più probabile che venga letto prima da un computer che da un essere umano.

3. Includi l’URL del tuo profilo LinkedIn e qualsiasi account di social media pertinente e adatto al datore di lavoro. (Dopotutto, la società ti cercherà comunque su Google!) Se hai un sito Web portfolio, includi anche quello. A proposito, se il tuo URL LinkedIn è simile a questo: linkedin.com/in/jane-smith-5cu95802, crea un URL personalizzato per il tuo profilo pubblico (ad es. linkedin.com/in/janesmith) aggiornando le impostazioni del tuo profilo pubblico .

{correlato: le differenze tra LinkedIn e il tuo curriculum}

4. Includi un riepilogo o una “dichiarazione sul marchio personale” piuttosto che un obiettivo, caduto in disgrazia nel corso degli anni. Ecco alcuni esempi dal web:

  • “risoluzione dei problemi aziendali regolarmente assegnata alle iniziative più sfidanti” (fonte)
  • “gestore dei benefici attento ai costi che ha adattato in modo creativo piani alle esigenze dei dipendenti a un costo inferiore alla media del datore di lavoro” (fonte)
  • “direttore delle vendite di annunci online con 12 anni di esperienza nella guida di team di vendita in aziende in fase di avvio, in rapida crescita e consolidate” (fonte)

5. Non lasciare le attività del college nel tuo curriculum per sempre. Gli esperti di carriera raccomandano di rimuoverli da due a cinque anni dopo la laurea. E a meno che tu non sia un neolaureato, non includere il tuo anno di laurea.

Una volta superata la fase di “giovane professionista”, interromperla può proteggerti dalla discriminazione basata sull’età (e dalla discriminazione sulla maternità). (Potresti chiedere: “Beh, non possono dire quanti anni ho guardando le mie posizioni elencate?” ma Alison Green di Ask a Manager consiglia di rimuovere i lavori che hai ricoperto più di 15-20 anni fa.)

6. Salva e invia/carica il tuo curriculum come PDF (piuttosto che un documento Word) in modo che la formattazione appaia esattamente la stessa per il responsabile delle assunzioni come per te.

Suggerimento: non l’ho letteralmente imparato fino ad oggi, quindi alcuni di voi potrebbero non saperlo nemmeno: quando si sceglie “Esporta” in Word e si crea un PDF, la formattazione verrà preservata, inclusi i collegamenti ipertestuali.

(Una nota basata su alcuni commenti: se SAPETE che un bot guarderà il tuo curriculum, carica una semplice versione .txt e una versione PDF per occhi umani, se puoi.)

Quando è stata l’ultima volta che hai aggiornato il tuo curriculum? Quanto tempo è? Quanto lo modifichi per ogni posizione per cui ti candidi? Per quelli di voi che riprendono REVIEW, quali sono i vostri principali takeaway? Hai letto di altre nuove regole per il curriculum?

Psst: ecco alcuni dei nostri ultimi post sulla ricerca di lavoro!

Ulteriori letture:

Immagini aggiornate tramite Stencil. Nella foto originale: Pixabay.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular

Recent Comments