giovedì, Luglio 7, 2022
HomeLifestyleAnimaliAggressione al conflitto nei cuccioli

Aggressione al conflitto nei cuccioli

Aggressività di conflitto, chiamata anche aggressione da dominanza, può essere un comportamento spaventoso e difficile da gestire per i proprietari di cani. I cuccioli mostrano questa aggressività quando limiti di prova e stabilire classifica di dominanza all’interno della famiglia. Colpiscono naturalmente per vedere chi è responsabile di cibo, dolcetti, territorio o giocattoli. Anche se può essere una sfida, se riesci a capire la causa, ci sono dei passaggi che puoi seguire correggere il comportamento prima che sfugga di mano.

Che cos’è l’aggressione al conflitto?

L’aggressività da conflitto è un tipo comune di comportamento aggressivo riscontrato dai proprietari di cuccioli per la prima volta e potrebbe essere dovuto a un’incomprensione della comunicazione canina. Esistono molti tipi di aggressività del cane, ma l’aggressività conflittuale si verifica in genere quando un cucciolo sta imparando il suo posto nella sua nuova famiglia, tra le persone e altri cani. Il comportamento può manifestarsi come una protezione aggressiva di cibo, giocattoli o un mobile. Questo tipo di aggressività peggiora molto rapidamente se punisci il cucciolo, quindi è necessario adottare strategie diverse.

I sintomi dell’aggressività del conflitto nei cuccioli

I cuccioli e in particolare i cani adolescenti di età inferiore a un anno hanno maggiori probabilità di mostrare aggressività conflittuale. Il 90% dei cani aggressivi ai conflitti sono maschi che sviluppano comportamenti problematici quando raggiungono i 18-36 mesi di età, che corrisponde alla maturità sociale canina. L’aggressività femminile nei conflitti tende spesso a svilupparsi durante l’infanzia.

Sintomi

  • Denti scoperti
  • Ringhiando
  • Orecchie in giù
  • Coda piegata
  • Tremito

I cuccioli che a volte mostrano un’evidente aggressività al conflitto – ringhiando, ringhiando – possono comportarsi in modo molto remissivo in altre situazioni. Ad esempio, possono rannicchiarsi intorno ad altri cani. Ti consigliamo di guardare il linguaggio del corpo del cucciolo per gli indizi. I cuccioli aggressivi al conflitto possono tenere le orecchie e la coda abbassate (segnali di sottomissione) e tremare dopo un incontro. I proprietari possono descriverli come colpevoli o pieni di rimorsi.

Cause di aggressione al conflitto

Sebbene la causa dell’aggressività del conflitto non sia sempre chiara, alcuni fattori scatenanti comuni includono:

  • Ormoni: Il testosterone fa reagire i cani maschi in modo più aggressivo. Durante l’adolescenza, i cuccioli maschi hanno un livello di testosterone molto più alto rispetto a quando raggiungono l’età adulta. Ma anche le femmine possono agire in modo aggressivo, grazie agli squilibri ormonali.
  • Incomprensioni: I comportamentisti ipotizzano che una prima manifestazione istintiva di aggressività conflittuale possa derivare dalla paura o dai disaccordi che si verificano durante il gioco che sfugge al controllo. Può anche verificarsi quando un cane si sente minacciato vicino ai suoi giocattoli o alla ciotola del cibo (da un cane più anziano, per esempio), anche se l’altro cane non significa alcun danno.
  • Aggressività idiopatica: Idiopatica significa che non è possibile identificare una causa per l’aggressività. Questo tipo di aggressività è caratterizzato da un cane che cambia rapidamente temperamento, da felice ad aggressivo. Può mostrare segni di sottomissione ma attacca comunque con un’aggressività eccessiva che non è sincronizzata con la situazione. L’aggressività idiopatica colpisce più spesso i cani giovani (di età inferiore ai tre anni).

Diagnosi dell’aggressività dei conflitti nei cuccioli

Non esiste un processo diagnostico ufficiale per identificare l’aggressività nei conflitti; l’osservazione del comportamento del cucciolo servirà come prova della condizione. Un veterinario del comportamentista del cane può aiutare a confermare la presenza di un comportamento irrazionale aggressivo in un cucciolo.

Fai attenzione alle reazioni aggressive come in determinate situazioni “normali”:

  • Sollevare il cane o trattenerlo, ad esempio per tagliare le unghie
  • Raggiungere il cucciolo vicino a un giocattolo o una ciotola per il cibo
  • Dire a un cucciolo di alzarsi dai mobili
  • Giochi di tiro alla fune o wrestling

Trattamento e prevenzione

Mentre i casi di aggressione del cane possono essere gestiti da professionisti, i pazienti e i proprietari dedicati possono lavorare per correggere comportamenti aggressivi impiegando strategie mirate:

  • Identificare ed evitare i fattori scatenanti per prevenire gli scontri. Se il cane protegge i giocattoli, rimuovili dall’ambiente generale in modo che il cucciolo non abbia nulla da custodire.
  • Non sfidare il cucciolo e non punire.
  • Richiedi al cucciolo di guadagnare ricompense con un buon comportamento. Crea interazioni in base alla tua richiesta (ad es. “Siediti!”) e al pagamento (il cane si siede), che gli fa guadagnare la ricompensa desiderata (trattamento/lode verbale). Il cane non dovrebbe ricevere niente – dolcetti o attenzioni – a meno che non lo guadagni rispondendo positivamente al tuo comando.
  • Usa parole o frasi felici per cambiare l’umore del tuo cucciolo. Ad esempio, se il cane ringhia o assume una postura, parla dolcemente e osserva se il suo umore cambia.
  • Confina un cucciolo problematico in una singola stanza, in una penna per esercizi o in una cassa per controllare meglio i suoi movimenti e l’accesso alle aree di attivazione.
  • La sterilizzazione dei maschi può aiutare.
  • Consulta un comportamentista veterinario prima di far sterilizzare una femmina perché le femmine aggressivi ai conflitti tendono a peggiorare se vengono sterilizzate.

Prognosi per cuccioli con aggressione al conflitto

La migliore prognosi per un cucciolo con aggressività da conflitto arriva con l’attenzione dedicata di un proprietario informato. I cuccioli aggressivi hanno bisogno di qualcosa di più dell’amore e delle carezze, e rispondono anche molto male alla rabbia o alle punizioni frequenti. I proprietari di cani per la prima volta che non sanno come affrontare questa situazione, o non sono disposti a provarci, finiranno probabilmente con un cane infelice che non si comporta mai bene. Spesso, questi cuccioli vengono abbandonati o ricollocati a casa quando i proprietari frustrati si arrendono. In questi casi, i cuccioli possono diventare più aggressivi e diffidenti, aumentando la probabilità che vengano soppressi.

Se sospetti che il tuo animale domestico sia malato, chiama immediatamente il veterinario. Per domande relative alla salute, consulta sempre il tuo veterinario, poiché ha esaminato il tuo animale domestico, conosce la storia della salute dell’animale e può dare i migliori consigli per il tuo animale domestico.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI