lunedì, Luglio 4, 2022
HomeLifestyleCasa e GiardinoI problemi di compostaggio più comuni risolti

I problemi di compostaggio più comuni risolti

Il compostaggio è fantastico per le tue piante e per il pianeta, ma è un affare disordinato. Se sei un veterano esperto e fai il compostaggio da anni, allora l’odore, la manutenzione e la distribuzione probabilmente non ti infastidiscono più. Ma se sei nuovo al compostaggio e stai lottando per trovare il tuo piede, non preoccuparti. Che il tuo compost sia troppo umido, troppo secco o troppo puzzolente, ci sono soluzioni semplici per risolvere ogni problema, che puoi ottenere modificando il rapporto tra gli ingredienti del tuo compost. Ecco come.

C’è un sacco di manutenzione coinvolti se il tuo compost diventa troppo umido. Non solo l’odore è intenso, ma rischi di invitare i vermi. Anche il tuo bidone del compost si sporcherà e il compost stesso assumerà una sgradevole qualità di fango.

Il problema qui è che hai troppi “verdi” senza abbastanza “marroni” nel tuo compost. I verdi dovrebbero occupare solo un terzo del cestino e includere cose come avanzi di verdure, fondi di caffè e avanzi di cibo. Evita carne, formaggio e grasso, che contribuiranno all’odore. I marroni dovrebbero riempire gli altri due terzi del cestino e includere materiali secchi come foglie secche e carta. Questo aiuta ad assorbire l’umidità delle verdure, soprattutto se le metti a strati tra ogni discarica di avanzi di cibo.

Per ora, aggiungi più “marroni” per aiutare a regolare il bilanciamento; in seguito, assicurati di seguire questo rapporto e sovrapponi gli ingredienti per evitare che il compost si trasformi in poltiglia.

Se non conosci il compostaggio, potresti presumere che un bidone del compost dovrebbe essere puzzolente. Dopotutto, hai degli oggetti in decomposizione all’interno. Tuttavia, un compost adeguato ha un profumo dolce e legnoso, quindi se il tuo contenitore è pungente, hai di nuovo troppe “verdure” nel cestino. Più alto è l’azoto, più puzzolente sarà l’odore. Questo perché fa sì che la pila espelle l’ammoniaca. Per tornare alla normalità, dovrai aggiungere più “marroni” alla pila. Assicurati di mescolare il contenuto della pila una volta alla settimana per rilasciare l’azoto intrappolato, riducendo l’odore.

Stai sviluppando vermi

Se disinfetti costantemente il tuo bidone del compost a causa dei vermi, hai di nuovo troppe verdure nella tua pila che devono essere bilanciate con la materia marrone. I vermi adorano l’azoto, quindi limitarne l’apporto ridurrà il problema. Se non hai foglie secche o paglia a portata di mano, puoi anche sovrapporre carta e cartone tagliuzzati tra la materia verde per creare il rapporto corretto.

Il centro del tuo cumulo di compost dovrebbe essere caldo grazie all’azoto, ma i contenitori per il compost da interni hanno difficoltà a raggiungere quelle temperature calde a causa della mancanza di luce solare e di aerazione. Potrebbe essere necessario simulare queste condizioni per mantenere un mucchio di compost sano. Per introdurre l’ossigeno, assicurati di non sovrapporre dense quantità di materia marrone l’una sull’altra; quello sarà effettivamente soffocare ossigeno. Ruota il compost almeno una volta alla settimana per assicurarti che la materia marrone non si accumuli insieme.

Mentre il compost umido e puzzolente è colpa di troppi “verdi”, il compost freddo è il risultato di troppo poco di essi. Una pila a cui manca abbastanza materia verde creerà una carenza di azoto che impedisce alla pila di riscaldarsi.

Un’altra possibilità: il tuo compost potrebbe essere privo di microbi. Durante il compostaggio all’esterno, questi microbi si fanno strada nel mucchio dallo sporco circostante, ma non è così all’interno. Dai una spinta al tuo compost indoor aggiungendo qualche cucchiaio di terriccio.

Marlen Komar

Collaboratore

Marlen è prima una scrittrice, poi una accaparratrice vintage e una terza ciambella. Se hai la passione di trovare i migliori taco a Chicago o vuoi parlare dei film di Doris Day, allora pensa che un appuntamento pomeridiano con un caffè sia d’obbligo.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI