venerdì, Maggio 20, 2022
HomeLifestyleCasa e GiardinoUn glossario dalla A alla Z di Interior Design Lingo

Un glossario dalla A alla Z di Interior Design Lingo

Se hai acquistato mobili per il soggiorno, hai tentato una valutazione su una vecchia sedia a dondolo o hai ricercato idee fai-da-te per un comò di seconda mano, ti sei sicuramente imbattuto in parole e frasi che potrebbero non essere familiari. E se stai cercando di entrare nel business dei mobili, sia a tempo pieno che come attività secondaria, una delle prime cose che devi fare è imparare il gergo.

Questo glossario di mobili ha un mix di descrittori ampiamente utilizzati, come il moderno della metà del secolo, e alcuni termini oscuri della storia dell’interior design, come il Kazam! Macchina, per farti sapere. Continua a leggere per familiarizzare con questi termini e presto parlerai come un professionista nei negozi dell’usato, nei negozi di antiquariato e nelle vendite immobiliari.

Un “antico” descrive un pezzo di un’era passata, ovunque da 25 anni fa o più. Amber Von Zwehl, che gestisce un’azienda di mobili chiamata Gingie Makes, ama la sfida di prendersi cura premurosamente di un oggetto d’antiquariato. “Gli oggetti d’antiquariato dovrebbero essere maneggiati per rendere omaggio al produttore, nonché per onorare la storia del pezzo stesso”, afferma.

Il pezzo verticale al centro dello schienale di una sedia, che collega il sedile con il binario superiore. Gli splat si trovano più comunemente sulle sedie da pranzo e possono avere una gamma di stili, tra cui lo splat del violino (a forma di violino) e lo splat traforato (scolpito per presentare disegni decorativi simili a pizzi).

Un metodo di tessitura, tipicamente utilizzato per gli schienali delle sedie in legno. I mobili in canna erano originariamente realizzati con materiale ricavato dalle pelli esterne di un gambo di rattan.

Un olio di lino polimerizzato, fornisce una finitura ideale per legno tinto o naturale perché l’olio indurisce in un rivestimento solido. Funziona come primer o vernice finale.

Un set di mensole a giorno per esporre piccoli oggetti decorativi. A volte questi hanno anche armadi chiusi alla loro base.

Un tipo di intaglio concavo e ornamentale incastonato sulla superficie di un pezzo.

Il processo di applicazione della foglia d’oro o della vernice dorata su mobili e altri decori. Storicamente, questo è stato spesso usato come accento per evidenziare intricate sculture in legno.

Questa è una doppia cassettiera in cui la cassa più stretta si trova sopra la cassa a base larga. Si chiama anche petto a petto. La sua controparte è un lowboy, che è una cassettiera all’altezza del tavolo.

Diversi tipi di legno, metallo o altri materiali inseriti nel pezzo per appoggiarsi a filo con la superficie, formando un motivo decorativo.

Termine generale per unire pezzi di legno insieme per creare mobili durevoli. Giunti come “scatola” o “coda di rondine” possono essere tenuti insieme attraverso tagli di legno ad incastro. La falegnameria intricata indica che il pezzo è realizzato in legno massello.

“Laminato è semplicemente un termine usato per descrivere superfici con strati fissati insieme per formare una superficie dura, piatta o flessibile”, spiega l’esperta di rifinitura Selina Warembourg. “Nel mondo del mobile, la parola può significare una formica o un materiale plastico laminato su legno, finto legno o impiallacciatura di legno”.

Il moderno di metà secolo è un movimento di design americano che è durato all’incirca dagli anni ’40 agli anni ’70 e comprendeva architettura, arti grafiche e prodotti di consumo. “Le linee semplici e pulite e la funzionalità rendono questo stile così amato e senza tempo”, afferma Mark Gresham di Gresham Kavran Furniture.

Un set di tavoli impilabili salvaspazio ideali per ambienti con ingombri ridotti. La rifinitrice di mobili Rosio Fagundes dice che è uno dei suoi pezzi preferiti da ristrutturare, poiché i tavoli possono essere coerenti nel loro design ma non devono corrispondere.

Questo è uno dei tipi di legno più durevoli per la costruzione di mobili grazie alla sua durata e alle sue belle venature.

Un tavolo con un unico supporto al centro, piuttosto che più gambe.

Stai ristrutturando mobili usati? Controlla la qualità del pezzo, o potresti avere più lavoro di quanto ne valga la pena. “Ci sono alcuni tesori molto economici che possono essere trovati gratuitamente sul ciglio della strada”, afferma la flipper professionista Meesha Malcolm. “Guarda come è fatto prima di decidere se lo vuoi davvero.”

Questo descrive l’intaglio ornamentale convesso – l’opposto della scanalatura! Nota che questo a volte è erroneamente identificato come flauto, quindi potresti vedere i due usati in modo intercambiabile.

Un mobile ad altezza tavolo con cassetti o armadi. Sono spesso usati negli ingressi come portaoggetti o nelle sale da pranzo per contenere piatti extra.

Chiamati anche banchi da gossip, questi pezzi vintage sono stati realizzati per i giorni in cui i telefoni erano fermi. Qui puoi riporre un telefono sulla parte del tavolo e utilizzare il sedile collegato come punto di riposo mentre parlavi.

Usa questo termine ogni volta che ti riferisci ai tessuti morbidi e imbottiti che ricoprono parti di sedie, divani e testiere.

Un’impiallacciatura è un sottile pezzo di legno incollato su un pannello piatto. “Anche se la gente pensa che i mobili in impiallacciatura non siano di buona qualità, aumenta la durata del pezzo perché non è soggetto a deformazioni e spaccature”, spiega Gresham.

Originariamente realizzati in rattan, canna o bambù, la maggior parte dei mobili in vimini è ora realizzata con materiali sintetici.

Il marchio di uno strumento coltello portatile e molto affilato utilizzato per eseguire tagli precisi nei progetti fai-da-te.

Simile al modo in cui le ricette misurano gli ingredienti con “tazze”, i tessuti sono sempre misurati in base al cortile o alla suddivisione di un cortile. E un rapido promemoria che ogni iarda equivale a 36 pollici o 3 piedi.

Le striature in questo legno assomigliano alla pelle del suo omonimo animale ed è una scelta popolare per i tavoli della sala da pranzo, i mobili e persino i pannelli per gli interni delle auto.

Jeni Bartiromo

Collaboratore

Jeni Bartiromo è una scrittrice residente a Los Angeles. Crea contenuti digitali per marchi di moda, lifestyle e F&B. Di tanto in tanto viaggia, cucina spesso e legge tutti i giorni.

ARTICOLI CORRELATI

I PIÙ POPOLARI