10 cose da sapere prima di partire: Western Cape del Sud Africa

0
41

Dieci morsi di informazioni di sopravvivenza per un viaggio nella Rainbow Nation

Questo paese è complicato. Non che Manhattan sia complicata o che il calcolo sia complicato, ma come lo sono gli umani. Il paese combatte non solo con una popolazione incredibilmente diversificata che rappresenta un mix cacofonico di culture, ma anche con una storia carica di tutte le questioni di tragedia e ingiustizia, redenzione e risentimento. Ogni punto ha un contrappunto, ogni opinione ha il suo opposto che ti aspetta dall'altra parte della strada. Il caso dell'omicidio di Oscar Pistorius è un giusto riflesso di quanto le cose torbide siano ancora lì: a seconda di chi parli, è un caso di violenza contro le donne o un sintomo della paranoia ben armata della ricca élite, o forse solo una semplice tragedia umana. Offri alla gente del posto le tue opinioni forti su ciò che sta realmente accadendo in Sud Africa e probabilmente dimostrerai solo quanto poco sai. E poi, il Sudafrica è molto di più del dramma di Pistorius, o del crimine, o di qualsiasi altra cosa che potresti leggere nei titoli dei giornali. La cosa migliore che abbiamo fatto come visitatori è stata semplicemente provare ad ascoltare, a tutti i livelli, quello che questo incredibile paese stava cercando di dirci.

Socializzare a Bo Kaap. Foto di: Matt Goulding

A Cape Town, apri un negozio nel Bo-Kaap. Sì, la bellezza selvaggia del quartiere – le case dipinte a pastello, i panorami attraverso la conca della città fino a Devil's Peak – ti conquisterà immediatamente. Ma è l'inimitabile senso di comunità che rende questo posto difficile da lasciare, un senso che resiste nonostante l'aumento dei prezzi delle case e l'arrivo improvviso di turisti come noi che cercano di assorbire alcune delle buone vibrazioni. Rimani per più di qualche giorno e presto ti ritroverai a parlare con volti familiari per le strade, a vagare nel negozio all'angolo per prendere le calde koeksisters (le ciambelle calde e zuccherate di Cape Malay), stringendo la mano ai vicini curiosi di sai cosa stai facendo nella loro parte della città. Ci siamo trovati di fronte a un travolgente atto di generosità quando una famiglia locale ha invitato noi e il nostro amico, il giornalista Nastasya Tay, a una festa di quattro ore a base di aragosta al curry e agnello biryani.

Il collettivo culturale multietnico del Capo in pratica. Foto di: Nathan Thornburgh

Non è solo bianco e nero. Comprendere il vocabolario razziale è un primo passo importante nella comprensione del Sudafrica. La ripartizione etnica del paese è simile a questa: nera (circa l'80% della popolazione), bianca (9%), colorata (9%) e asiatica (appena a nord del 2%). Questi termini non esistono solo per scopi demografici; nel bene e nel male, diventano una forma di identificazione molto concreta in un paese con una gerarchia razziale a lungo radicata (e che cambia lentamente).

Il termine che salta fuori, ovviamente, è Colorato. Non canta esattamente per le orecchie americane, poiché era un termine razziale preferito dell'era della segregazione. Ma in Sud Africa, si riferisce a un gruppo etnico completamente diverso, un termine generico per discendenti di popoli nativi dalla pelle più chiara, schiavi importati dalle Indie orientali olandesi (Malesia ma principalmente Indonesia) e persone con sangue misto europeo e africano . Molte persone che abbiamo incontrato che tecnicamente si qualificano come Coloured non si sono identificate con quel termine, utilizzando invece "cosiddetto Coloured", che sembra la soluzione migliore fino a quando non escogitano un nuovo termine, o anche se tutti quei gruppi disparati dovessero essere raggruppati sotto un termine.

The Perfect Flat White al Cafe Olympia. Foto di: Nathan Thornburgh

Rendilo un bianco piatto. È la bevanda preferita dalle teste di caffeina del Sud Africa, e per una buona ragione. È come il figlio dell'amore di un latte macchiato e un latte, un perfetto equilibrio tra un espresso denso e amaro e un tappo di latte stretto di quella che i meticolosi baristi chiamano microfoam. Beve come una giacca di velluto imbevuta di caffè espresso. A Cape Town, posti come Jason's e Deluxe servono un caffè eccezionale, ma prenderemo il nostro dal Department of Coffee di Khayelitsha, un fantastico e improbabile coffeeshop di township dove i bianchi piatti costano 8R, circa la metà di quello che costano nel City Bowl .

Impara asini di nuove parole. Il Sudafrica ha 11 lingue ufficiali, un mix da capogiro di dialetti europei e tribali che abbracciano l'intero spettro delle capacità tonali umane. Contribuiscono anche con un ricco stufato di gergo che permea tutto il Sud Africa, indipendentemente dalla lingua madre. Ecco una rapida introduzione su alcune delle parole più utili:

Ag (a-ch): l'equivalente sudafricano di Homer Simpson d’oh!
Braai: barbecue o grill, sia come sostantivo che come verbo. Jason sta facendo un braai a casa sua. Sì, sta per braai su alcuni adorabili lombi di springbok.
Bra / bru: termini di affetto maschile di base, sulla falsariga di fratello o tizio.
Asini: tanti o tanti
Howzit? Come va, contratto. Il saluto standard in tutto il Sud Africa e il modo più semplice e immediato per dimostrare che stai prestando attenzione. La variazione colorata è Hoeziet (who-zeet)
Solo ora: forse tra cinque minuti, forse tra un paio di giorni. "Finirò proprio ora."
Lekker: Fantastico! Bello! Grande! Tutto quanto sopra, usato con una frequenza sorprendente per descrivere tutto, da un'incredibile partita di rugby a un piano per sprecare e guardare
Robot: semaforo
Stompie: mozzicone di sigaretta
Yebo: Sì in Zulu, ma usato colloquialmente da quasi tutti.
Faccina: non è uno stato d'animo o un'emoticon, ma piuttosto una testa di pecora bollita, un alimento base nella dieta Xhosa. O, come li chiama il collaboratore di R&K Michael Idov, piccoli incubi.

Paga il metro uomini. Sono una forza onnipresente per le strade delle città del Sud Africa, ti aspettano ogni volta che apri o chiudi la portiera della macchina. Alcuni di quei ragazzi sono ufficiali, altri no. In ogni caso, qualche rand farà molto per assicurarti che le tue ruote siano in buone mani mentre sei fuori a bere bianchi piatti, comprare spezie e utilizzare il tuo elenco di gergo sudafricano. Il nostro ragazzo al Bo Kaap, a cui piaceva essere chiamato Car (in realtà abbreviazione di Abubakr, il suo vero nome), non solo puliva e sorvegliava il nostro noleggio, ma è diventato anche una fonte vitale di informazioni durante il nostro tempo nel quartiere. L'economia informale è una parte importante della vita sudafricana; fai quello che puoi per aiutare il caos.

Prendi la via delle spezie. I malesi del Capo hanno creato il loro marchio di cucina unico, con influenze che si estendono da Amsterdam a Nuova Delhi. L'unico tema comune che lega questo mash-up culinario è l'uso aggressivo delle spezie nella maggior parte dei piatti tradizionali. Non tanto calore, ma note calde, dolci e salate di spezie come senape nera, cardamomo e fieno greco, e miscele come garam masala e polveri di curry. Puoi assaggiarli in azione in ristoranti come Noon Gun o Biesmiellah, le graffette Bo Kaap che servono piatti speziati come bobotie e denning vleis. Ma il centro nevralgico del commercio delle spezie è l'Atlas Trading Company, dove la famiglia Ahmed spinge semi, polveri, baccelli e da oltre cinquant'anni. Fermati e prendi il loro famoso masala in foglia, una pungente miscela di 12 spezie che viaggia meglio di qualsiasi souvenir che troverai altrove in città.

Il luminoso Salmon Benedict di Test Kitchen al Neighbourgoods Market. Foto di: Matt Goulding

Brucia i postumi di una sbornia al mercato. Neighbourgoods, che si trova nell'Old Biscuit Mill a Woodstock shabby-chic (con un'altra filiale a Johannesburg), ottiene la ricetta del mercato comunitario giusta: alcuni stand di carne e prodotti freschi di alta qualità, una batteria di bancarelle di cibo preparato eccezionale e una buona dose di baldoria generale che si trova sotto forma di musica dal vivo e dispensari di vino e cocktail. Inizia con un bianco piatto, passa a una sanguinosa Mary con aggiunta di piri piri, e alla fine fatti strada fino alla versione oscenamente deliziosa delle uova alla benedict di Test Kitchen: una frittella di patate croccante condita con salmone affumicato, un uovo in camicia e una coperta dorata di olandese. I postumi di una sbornia non hanno alcuna possibilità contro questo capolavoro del mercato.

Il modo in cui spendi il tuo Rand è importante. Con i massicci scioperi sulle questioni salariali e le condizioni dei lavoratori che hanno paralizzato gran parte dell'economia agricola del Capo Occidentale nell'ultimo anno, spendere Rand nel posto giusto può fare la differenza nella lotta in corso per colmare il divario di ricchezza nel paese. Forse il modo più semplice per farlo è essere intelligenti riguardo al vino che bevi mentre sei in campagna (e, ovviamente, mentre bevi vino sudafricano ovunque). Vini ampiamente disponibili da Thandi, Tukulu e Solms-Delta si adattano tutti al conto delle aziende vinicole possedute o gestite, o almeno con profitto condiviso, da lavoratori neri o cosiddetti di colore, gruppi storicamente tagliati fuori dai profitti del vino di cui godono i produttori bianchi .

Pollo al Braai. Foto di: Nathan Thornburgh

Spiaggia + Braai = Felicità: L'amore dei sudafricani per le fiamme libere rende la cultura della griglia americana decisamente pittoresca e non c'è posto migliore per crogiolarsi nella sua bellezza che su una distesa di sabbia calda. Strandloper, una mecca braai sull'oceano a 90 minuti a est di Città del Capo, è un affare BYO che coinvolge una quantità di cibo empia, qualcosa nel regno di 12 piatti trottati nel corso di tre ore, dal pane grigliato allo sgombro carbonizzato alle code di aragosta bagnata nel burro all'aglio. Porta birre e vino bianco freddo e preparati per abbondanti quantità di sole, musica e creature marine annerite. Alla fine, c'è il caffè che è stato cotto sulla brace finché non sembra un demi glace, che ti servirà per staccare il tuo corpo gonfio dalla spiaggia e trasportarlo, a malincuore, a Cape Town.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui